Gentile Utente, ti informiamo che questo sito fa uso di cookie propri e di altri siti al fine di rendere i propri servizi il più possibile efficienti e semplici da utilizzare.
Se vuoi saperne di più o esprimere le tue preferenze sull'uso dei singoli cookie, clicca qui
Se accedi ad un qualunque elemento sottostante questo banner, acconsenti all'uso dei cookie.
Changes - il magazine del Gruppo Unipol > Un medico digitale in famiglia

Un medico digitale in famiglia

Well Being

La Giornata Internazionale degli Anziani dell’Onu ha come tema l’uguaglianza tra le persone di diversa età. Un obiettivo anche in campo medico, dove l’invecchiamento della popolazione pone sfide delicate.

Marisa ha compiuto ieri 82 anni e oggi è un po' preoccupata. Troppi dolci e qualche bicchiere di troppo per la sua festa in famiglia, cose che con il suo diabete non può certo permettersi e questo pomeriggio dovrà sostenere una visita medica importante. Chissà cosa le dirà il medico via webcam! Attraverso una app del suo smartphone, dalla poltrona della sua casa in campagna, infatti, Marisa si collegherà in video con lo studio del dottore giù in città e con lui analizzerà i dati dei device digitali, ascoltando poi con trepidazione il suo parere. 

Marisa è uno dei 14 milioni di italiani over 65, figlia di un paese sempre più longevo in cui secondo l'Istat nel 2040 il 39,4 % sarà anziano. Il belpaese si scopre ogni anno con qualche ruga in più, tanto da non poter più sottovalutare l'obiettivo della Giornata Internazionale delle Persone Anziane dell'ONU di quest'anno: quello dell'uguaglianza tra le persone di diversa età.

Lungo lo stivale si vive sempre più a lungo, ma il prezzo di tutto questo è salato. Secondo il Ministero dell'Economia, infatti, nel 2017 sono stati spesi in sanità 114,1 miliardi di Euro, con un disavanzo in crescita a 1,1 miliardi. Nello stesso anno le famiglie hanno speso in sanità oltre 30 miliardi. Tanto, forse troppo. E se sempre più italiani facessero come la signora Marisa adottando la telemedicina?

Le esperienze italiane nel campo della telemedicina

La telemedicina (e-health in inglese) prevede l'uso delle tecnologie per diagnosi e terapie mediche a distanza. Già nel 2012 uno studio dell'Ente di Assistenza e Previdenza dei medici (E.N.P.A.M.) stimava in 3 miliardi di euro il risparmio annuo ottenuto grazie a sensori, app, dispositivi medici digitali, dati in cloud, visite in web cam e telenursing.

La lucana MedEA è una giovane startup, premiata nel 2016 allo SMAU di Milano e la sua storia è quella di un'idea, nata da un "cervello" di ritorno nel nostro sud. "Mi occupavo di ecografia cardiovascolare in Inghilterra – ha raccontato a Changes Vincenzo Telesca, amministratore delegato di MedEA – Lì avevo notato come spesso il luogo fisico dell'ospedale o della stanza del medico rappresentasse un limite, giacché il dato, grazie alla rete, è ormai trasferibile. Ho deciso, quindi, di tornare nella mia Potenza, per sviluppare strumentazioni telemediche in un territorio periferico come quello lucano lontano dai grandi centri sanitari".  

MedEA è anche attiva nella sperimentazione della rete 5G attraverso lo sviluppo del tele-consulto e delle tele-visite a distanza e con TIM sta applicando alla telemedicina la realtà aumentata, utilizzando visori con cui degli operatori visitano i pazienti con la supervisione di un medico in remoto.

«L'obiettivo è quello di creare una clinica digitale – ha sottolineato Telesca – attiva nella cardiologia, nell'oculistica, nella pneumologia e nello studio del sonno. In dermatologia, con l'utilizzo dell'intelligenza artificiale, identifichiamo nei e cisti e li confrontiamo in tempo reale con un database di oltre 30 mila immagini, indicando poi percentuali di possibili patologie».

 «Tutti i nostri sistemi – puntualizza sempre il fondatore di MedEA - sono facilmente utilizzabili dai pazienti anche anziani, ma non sono auto-interpretabili: i dati sono inviati ad uno specialista in centrale che poi li analizza e tramuta in una diagnosi».

In Europa, inoltre, il 90% degli over 65 vive a casa e il 30% di loro è solo. Per questo la tecnologia digitale ha messo al servizio delle famiglie (spesso lontane) strumentazioni per il loro controllo a distanza. Alcuni device, per esempio, dialogano con la strumentazione in dotazione all'anziano e contattano numeri di emergenza, monitorano l'ambiente domestico oppure segnalano l'alterazione dei ritmi di alimentazione, dell'igiene personale o del rapporto sonno-veglia dell'anziano monitorato.

L'analisi dei Big Data alla base della prevenzione

Dall'analisi dei big data può arrivare un grande apporto allo studio delle malattie croniche, che riguardano 8 anziani italiani su 10. Una grande mole di dati, prodotti dall'utilizzo di strumentazioni digitali, supportano la prevenzione e la diagnosi di patologie cardiovascolari, tumori, diabete o malattie osteoarticolari. 

L'Osservatorio italiano ARNO di Cineca, Consorzio del MIUR e delle Università Italiane è stato selezionato dalla Commissione Europea come uno dei 20 esempi di uso di Big Data in sanità.

«Arno è un Osservatorio di Big Data per la tracciabilità dei pazienti nei percorsi assistenziali e il monitoraggio delle terapie per le prestazioni sanitarie integrate», ha dichiarato a Changes David Vannozzi, direttore generale di Cineca.

Il database storico di ARNO supera i 2,5 Tera Bytes di dati, con oltre 2,6 miliardi di ricette memorizzate. «L'utilizzo di una piattaforma per i Big Data aumenta l'efficacia e la qualità dei percorsi di cura – sottolinea sempre David Vannozzi – Monitorando l'intera popolazione e il singolo individuo, con interventi personalizzati miglioriamo la prevenzione delle malattie a livello territoriale, identificando precocemente i fattori di rischio».

Migliore prevenzione e minori costi diretti a carico del Sistema Sanitario Nazionale. Ma i benefici della telemedicina comprendono anche i cosiddetti costi indiretti, che impattano sulla qualità della vita del paziente anziano. La medicina digitale garantisce, infatti, un monitoraggio a distanza del paziente che, come succedeva con la nostra signora Marisa, riceve video-consulti senza spostarsi da casa, evitando così trasferimenti lunghi, costosi e disagianti. Cure meno care e più agevoli, un passo in avanti per una sanità davvero per tutti.

Monitor Salute: il servizio di monitoraggio delle patologie croniche di UniSalute

L'assistenza domiciliare è una delle risposte più efficaci ai bisogni assistenziali delle persone anziane con malattie croniche (quali ipertensione, diabete, BPCO cronica) e in generale di tutti i pazienti in condizioni di fragilità per i quali l'allontanamento dall'abituale contesto di vita può aggravare la condizione e destabilizzare l'equilibrio sia fisico sia psicologico. In questo ambito le tecnologie della sanità digitale (e-Health) possono risultare una grande risorsa: la grande diffusione dei dispositivi mobile ed il crescente sviluppo di sensori indossabili rappresentano dei fattori di grandi potenzialità per supportare l'implementazione di nuovi modelli di assistenza focalizzati sulla prevenzione e sulla qualità della vita e su l'empowerment dei cittadini/pazienti.

Per questo UniSalute, Compagnia del Gruppo Unipol e prima assicurazione sanitaria per numero di clienti gestiti, ha messo a punto un nuovo servizio per garantire il monitoraggio al domicilio di alcune patologie croniche: Monitor Salute.

Monitor Salute garantisce il monitoraggio a domicilio di: diabete, ipertensione e BCPO (Broncopneumopatia Cronica Ostruttiva) attraverso appositi devices che rilevano i parametri e li trasmettono in tempo reale alla Centrale Operativa di UniSalute dove medici e infermieri specializzati li monitorano costantemente.

Il servizio è disponibile per gli assicurati UniSalute: dopo aver compilato un questionario online, chi presenta queste patologie croniche riceve gratuitamente a domicilio gli apparecchi per monitorare in modo semplice e continuativo il proprio stato di salute. Il team UniSalute interviene con rapidità laddove si presentino degli alert clinici e contatta periodicamente il paziente per offrire suggerimenti e raccomandazioni sul proprio stato di salute informando il medico curante.

Gli assistiti vengono supportati nell'aderenza ad un piano di monitoraggio che prevede:

  • per gli ipertesi la rilevazione della pressione 2 volte alla settimana;

  • per i clienti affetti da BPCO cronica la rilevazione della saturazione 3 volte alla settimana;

  • per i clienti diabetici il piano è modulato a seconda delle condizioni e delle prescrizioni del loro curante (specialista diabetologo).

In particolare, il servizio prevede:

  • l'invio di notifiche periodiche sullo smartphone per ricordare al cliente di effettuare le rilevazioni nei giorni e negli orari programmati;

  • un contatto da parte del personale sanitario della Centrale operativa in caso di valori alterati;

  • un contatto da parte del personale della Centrale operativa nel caso in cui non pervengano le misure previste nella settimana;

  • un contatto periodico per interventi di educazione sanitaria volti alla modifica degli stili di vita e al riconoscimento precoce dei sintomi di aggravamento

Qualora vengano rilevati valori alterati, medici e infermieri prendono visione dei valori e contattano il cliente per chiedere come sta, far ripetere la misura e fornire alcuni consigli. Nel caso in cui persistano valori alterati nel tempo, il cliente viene inviato a rivolgersi al suo medico curante o al suo specialista di riferimento. Non sono previste prescrizioni farmacologiche telefoniche.

Il servizio Monitor Salute di UniSalute si propone di:

  • aiutare il paziente ad assumere un corretto stile di vita in funzione delle sue caratteristiche e del suo stato di salute;

  • seguire un piano di monitoraggio delle sue condizioni di salute tramite l'utilizzo in autonomia di semplici dispositivi medici direttamente a casa propria, come ad esempio un misuratore di pressione arteriosa e di peso corporeo;

  • aiutare il paziente a seguire il percorso di cura che il suo Medico curante/specialista ha già formulato;

  • contare sulla disponibilità e supporto dei nostri professionisti che monitoreranno il suo stato di salute, lo contatteranno in caso di esigenze circa il suo piano di monitoraggio e piano di cura e saranno a sua disposizione in caso di necessità.

In questi anni UniSalute oltre 10.000 pazienti sono stati sottoposti alla valutazione di ingaggio e la Compagnia ha potuto intervenire su diversi casi di assistiti che richiedevano una presa in carico particolarmente urgente, indirizzandoli alle strutture di emergenza competenti. In generale si è notato che il vantaggio per il paziente è quello del miglioramento nella gestione della patologia grazie ad una maggiore aderenza al proprio piano di cura e ad una migliore consapevolezza del proprio stato di salute.

I principali benefici del servizio Monitor Salute si possono così riassumere:

  • per il SSN un utilizzo più efficiente delle risorse sanitarie (minori accessi al pronto soccorso, diminuzione delle degenze in ospedale, utilizzo dei cosumabili etc.) ed un supporto concreto ad una gestione integrata tra Ospedale e Territorio;

  • per il medico un innovativo supporto nella gestione quotidiana del proprio lavoro unito a migliori risultati clinici misurabili nel tempo;

  • per il paziente un miglioramento nella gestione della patologia grazie ad una maggiore aderenza al proprio piano di cura e ad una migliore consapevolezza del proprio stato di salute.

 

 

La musica che suona dopo il Covid<img alt="" src="/PublishingImages/covid%20estate%20musica.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/musica-post-covidLa musica che suona dopo il CovidIl virus ha accelerato il percorso digitale e imposto modi inediti di proporre la musica dal vivo con esperimenti riusciti che potrebbero rappresentare una nuova era del consumo musicale.Luca-Politi2020-08-02T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Nuove armi contro il Covid-19<img alt="" src="/PublishingImages/covid%20punto%20debole.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/covid-tallone-dachilleNuove armi contro il Covid-19Continua la lotta al coronavirus nei laboratori di tutto il mondo. In prima fila anche i ricercatori italiani le cui scoperte aprono scenari inediti nella lotta alla pandemia. Ecco gli studi condotti dal CNR/ISPRO e all’Università di Pavia.Roberto-Valguarnera2020-07-01T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Se la vita dopo il lockdown fa paura <img alt="" src="/PublishingImages/coronavirus%20sindromi%20lockdown.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/coronavirus-sindromi-lockdownSe la vita dopo il lockdown fa paura La riapertura della libera circolazione in Italia fa emergere insicurezze e criticità. La vita ricomincia ma restano le sindromi da virus. Ecco perché.Elisa-Venco2020-06-16T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Fase 2: la sharing economy riparte<img alt="" src="/PublishingImages/covid-sharing.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/covid-sharingFase 2: la sharing economy riparteIl distanziamento sociale è un colpo mortale per il settore dell’economia condivisa? Forse no. Ecco i sei settori in cui il modello resiste, ridefinendo la propria missione e cercando di tornare al suo spirito originario.Luca-Politi2020-06-10T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
La fine del turismo di massa<img alt="" src="/PublishingImages/coronavirus-turismo.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/coronavirus-turismoLa fine del turismo di massaCome viaggeremo dopo il lockdown? Quali saranno i comportamenti che guideranno il consumatore in un settore che vale il 13% del PIL? Il settore proverà a ripartire, sfruttando nuove tendenze che cambieranno il nostro modo di viaggiare.Luca-Politi2020-05-28T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it

 

 

La decrescita felice è un’illusione<img alt="" src="/PublishingImages/coronavirus%20decrescita%20felice.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/covid-decrescita-feliceLa decrescita felice è un’illusioneNell’economia post virus tutta da costruire abbiamo l’occasione di dare vita a un ciclo costruttivo e risuonante fra benessere umano e del pianeta.Grammenos-Mastrojeni2020-07-22T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Virus: caso o cigno nero? <img alt="" src="/PublishingImages/cigno%20nero.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/cigno-neroVirus: caso o cigno nero? Perché gli esseri umani sono portati a trovare correlazioni tra fenomeni che non sono poi supportati statisticamente da un legame robusto.Luciano-Canova2020-07-26T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Investimenti ESG: la spinta del virus<img alt="" src="/PublishingImages/investimenti%20esg.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/investimenti-esgInvestimenti ESG: la spinta del virusIl Gruppo Unipol integra i principi di sostenibilità nelle proprie scelte di investimento, come leva fondamentale per contribuire al raggiungimento degli obiettivi dell’Agenda ONU 2030. I risultati nel bilancio integrato e consolidato 2019.Redazione-Changes2020-07-20T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it

SEGUI GRUPPO UNIPOL
TAG CLOUD