Gentile Utente, ti informiamo che questo sito fa uso di cookie propri e di altri siti al fine di rendere i propri servizi il più possibile efficienti e semplici da utilizzare.
Se vuoi saperne di più o esprimere le tue preferenze sull'uso dei singoli cookie, clicca qui
Se accedi ad un qualunque elemento sottostante questo banner, acconsenti all'uso dei cookie.
Changes - il magazine del Gruppo Unipol > Insieme ma soli

Insieme ma soli

Well Being

Il distanziamento sociale ha creato situazioni di forte isolamento e difficoltà nel creare nuovi legami significativi. Il digitale era e per molti ancora è l’unica via ma ci fa stare bene?

​Per conoscere nuove persone, ai tempi della pandemia, l'unico modo era attraverso delle App di dating e di social network. Questo da una parte ha i suoi vantaggi, dall'altra ha dei contro. Tra un attimo li vediamo, prima però analizziamo la capacità umana di instaurare rapporti significativi.

Tutti i numeri dei rapporti sociali tra esseri umani

La socialità che caratterizza noi umani è anche stata descritta numericamente, proprio per dare una dimensione al fenomeno. Robin Dunbar, docente di Antropologia dell'evoluzione all'Università di Oxford, ha studiato il numero di relazioni sociali che riusciamo ad avere.

Ecco qui i numeri che caratterizzano i nostri rapporti:

  • 1.500 è il numero massimo di facce a cui associamo un nome
  • 500 sono i conoscenti, persone con cui prenderemmo un drink dopo il lavoro
  • 150 è il numero di relazioni sociali stabili che riusciamo ad avere
  • 50 è il numero di quelli che contattiamo almeno una volta ogni sei mesi
  • 15 sono gli amici-parenti che sentiamo almeno una volta al mese
  • 5 sono le persone a cui siamo emotivamente più vicini


Questi numeri hanno caratterizzato la nostra specie ben prima dell'avvento dei social media. Oggi però sono sicuramente influenzati dalle interazioni digitali che mettiamo in atto da Tinder a Facebook, da Tik Tok a Instagram. In questo panorama nel 2012 la sociologia Sherry Turkle ha scritto un testo illuminante Insieme ma soli. Perché ci aspettiamo sempre di più dalla tecnologia in cui esamina come oggi siamo iperconnessi grazie alle piattaforme digitali ma rischiamo di sentirci profondamente soli per la difficoltà nel creare legami significativi.

Cosa ci toglie Tinder

​Partiamo dal mettere in evidenza il lato negativo delle App di dating. Il consumismo informativo in cui siamo immersi ci dà l'impressione che ci possa essere sempre qualcosa di meglio, anche dopo l'ennesimo swipe a sinistra. Siamo nell'epoca di Amazon: tutto subito e come lo vogliamo. Nei rapporti umani questa infallibilità non esiste, anzi le relazioni sono fatte, anche, di delusione, frustrazione, incomprensione e attese. La scomodità che ciò può generare è l'opposto dell'immediatezza con cui le nostre esperienze online prendono forma.
Quindi il rischio è abituarsi alla facilità del mondo digitale e ricercarla nelle relazioni non riuscendo talvolta a sopportare quella frustrazione che invece permette ai rapporti interpersonali di crescere e trasformarsi. Se alla prima delusione vado sull'infinito catalogo online per cercare l'anima perfetta, non mi do l'occasione di far maturare un rapporto anche attraverso quella delusione.

Cosa ci dà Tinder​

C'è anche un altro lato della medaglia però. Infatti come tutte le situazioni complesse, anche le nostre dinamiche relazionali su Tinder non possono essere classificate come giuste o sbagliate in modo semplicistico.
Ci sono varie ricerche, tra cui una della pubblicata nel settembre 2017 su Arxiv, che dimostrano come la vastissima scelta del mondo online offra maggiori possibilità di incontrare il partner che abbiamo sempre sognato. Mentre nel mondo fisico siamo ostacolati da una marea di limitazioni. Pensate alle coppie che si creano nel mondo analogico: si tratta di persone che vivono nello stesso luogo o lavorano insieme o frequentano qualche attività comune e in più negli stessi orari. Insomma si tratta di una cerchia limitata di persone proprio per questioni logistiche. Online invece possiamo incontrare persone anche geograficamente più distanti da noi ma con cui scopriamo di avere molto in comune. Per questo, come la ricerca della Cornell University dimostra, le coppie nate online, sembrano effettivamente durare più a lungo.
 
La combinazione ideale potrebbe essere conoscere una persona online ma con quella lentezza che caratterizza il mondo analogico, dandosi il tempo e l'opportunità di costruire un rapporto significativo che rientri prima nei 150 e infine nei 5 identificati da Dunbar.


 

 

Addio PIL comanda il benessere<img alt="" src="/PublishingImages/economia-benessere.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/pil-e-benessereAddio PIL comanda il benesserePrima la pandemia ha messo in discussione la crescita ad ogni costo. Ora la transizione ecologica impone nuove regole.Andrea-Di-Turi2021-11-15T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Cosa mangiare lo dice la genetica<img alt="" src="/PublishingImages/cibo%20dna.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/cibo-e-dnaCosa mangiare lo dice la geneticaLe nostre preferenze alimentari sono influenzate dai geni che regolano la percezione di odori e sapori. Come i gusti a tavola impattano sulla nostra salute.Elisa-Venco2021-10-19T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Quando scade davvero un prodotto alimentare<img alt="" src="/PublishingImages/scadenza%20alimenti.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/scadenza-alimentiQuando scade davvero un prodotto alimentareIn questi anni la sensibilizzazione quando si parla di spreco di cibo è andata crescendo così come le iniziative per ridurlo. Ma c’è ancora tanto da imparare.Letizia-Palmisano2021-08-25T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Pet Therapy: addio all’ansia<img alt="" src="/PublishingImages/pet%20therapy.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/pet-therapyPet Therapy: addio all’ansiaIl numero di animali domestici adottati è cresciuto durante l’epidemia da Covid-19. Perché prendersi cura di un cane o di un gatto aumenta il benessere psico-fisico.Roberta-Lazzarini2021-07-28T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Il drone che salva la vita<img alt="" src="/PublishingImages/droni%20salute.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/droni-saluteIl drone che salva la vitaLe difficoltà della campagna vaccinale di massa hanno messo in evidenza i problemi della logistica sanitaria. La storia di Tom Plummer che ha avuto un’idea che arriva dal cielo.Elisa-Venco2021-07-20T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it

 

 

Il virus nemico del sonno <img alt="" src="/PublishingImages/covid%20sonno.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/covid-sonnoIl virus nemico del sonno Il diffondersi della pandemia ha modificato le abitudini notturne delle persone e ha cambiato il tempo e la qualità del dormire. Le ricadute sulla salute.Roberta-Lazzarini2021-01-26T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Se il design diventa umanitario<img alt="" src="/PublishingImages/design-umanitario.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/design-umanitarioSe il design diventa umanitarioLa storia di Cédric Fettouche, designer e fondatore della Ong Humanitarian designers, che vuole costruire un ponte fra i due settori anche attraverso un corso di studi ad hoc. Alexis-Paparo2021-11-24T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Largo ai Super User<img alt="" src="/PublishingImages/Super-User-consumi.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/super-user-consumiLargo ai Super UserChi sono, cosa fanno e perché possono essere così utili ai cambiamenti che le aziende stanno affrontando a patto di sapersi mettere in ascolto.Antonio-Belloni2021-11-17T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it

SEGUI GRUPPO UNIPOL
TAG CLOUD