Gentile Utente, ti informiamo che questo sito fa uso di cookie propri e di altri siti al fine di rendere i propri servizi il più possibile efficienti e semplici da utilizzare.
Se vuoi saperne di più o esprimere le tue preferenze sull'uso dei singoli cookie, clicca qui
Se accedi ad un qualunque elemento sottostante questo banner, acconsenti all'uso dei cookie.
Changes - il magazine del Gruppo Unipol > Terremo ancora le mani sul volante

Terremo ancora le mani sul volante

Close to you

La Passenger economy descrive uno scenario dove i guidatori di automobili sono retrocessi a passeggeri perché a trasportarli c’è un sistema di intelligenza artificiale. Ma siamo solo all’inizio.

​I primi tentativi di creare veicoli autonomi (AV) si sono concentrati sulle tecnologie Advanced Driver Assistance Systems (ADAS), tra cui la frenata di emergenza, le telecamere di riserva, il controllo adattativo della velocità di crociera e i sistemi di auto-parcheggio che sono apparsi per la prima volta sui veicoli di lusso. Alla fine i regolatori hanno iniziato a imporre l'inclusione di alcune di queste caratteristiche su ogni veicolo, accelerando la loro penetrazione nel mercato di massa. Dobbiamo segnare come data il 2016 per arrivare alla proliferazione di sistemi ADAS che hanno generato, secondo calcoli di McKinsey, un mercato di circa 15 miliardi di dollari. Il 2016 è ieri. E domani? La tecnologia va veloce, è sicuramente vero, e ci sono innovazioni di cui si parla da così tanto tempo che sembrano già qui. Il self driving è una di queste: smart road, auto a guida autonoma e connessa sono ormai parole di uso comune, anche se non esiste davvero una macchina che ci trasporti tutti i giorni verso il posto di lavoro su strade di ultima generazione. Per averla, serviranno almeno altri 20 anni di sperimentazione e per l'uso diffuso almeno 25.

Non c'è dubbio però che siamo entrati nell'era della tecnologia ADAS che ha portato alla nascita di una nuova economia: la Passenger economy che descrive uno scenario dove i guidatori di automobili sono retrocessi a passeggeri perché a trasportarli c'è un sistema di intelligenza artificiale. Secondo i calcoli di Intel, questa nuova economia può valere fino a 7 mila miliardi di dollari, più del doppio della tanto celebrata sharing economy che sta rivoluzionando la mobilità in maniera concreta. Ma c'è tempo, perché la Passenger economy produrrà questo volume d'affari non prima del 2050 e il percorso, come raccontiamo nel secondo numero di Changes, il magazine semestrale del Gruppo Unipol, che affianca la nostra iniziativa di Blog online, Changes Unipol,  è ancora lungo.

Nel frattempo, è l'uomo con le sue mani sul volante a rimanere al centro della nuova mobilità. E sono le reazioni umane a costruire chilometro su chilometro le intelligenze artificiali che si metteranno al volante domani. Un esempio è il progetto a cui il MIT di Boston sta lavorando e che dovrebbe portare a elaborare un sistema che consenta alle auto a guida autonoma di cambiare corsia nelle autostrade trafficate come fanno le persone. Adesso le auto che montano intelligenza artificiale non lo sanno fare. Ed è proprio la sicurezza che, a mio avviso, deve rimanere al centro di qualsiasi progetto di nuova mobilità che coinvolga le persone e cose se, come ipotizza Mckinsey, nel sogno della guida autonoma che ogni giorno fa un passo in più verso la realtà sarà proprio la merce il primo passeggero dei veicoli autonomi, compresi i droni, che consegneranno circa l'80% di tutti i beni acquistati.

 

 

La reputazione non è solo racconto<img alt="" src="/PublishingImages/unipol-reputation-day-2020.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/unipol-reputation-day-2020La reputazione non è solo raccontoUnipol Reputation Day è diventato un appuntamento per scambiarsi conoscenze utili a supportare le decisioni strategiche aziendali. Nel 2020 si consolida la reputazione del Gruppo grazie a solidità, trasparenza e innovazione. Paola-Rosso2021-02-18T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it
E3CI, un’arma in più contro i rischi climatici <img alt="" src="/PublishingImages/indice%20rischi%20climatici.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/indice-rischi-climaticiE3CI, un’arma in più contro i rischi climatici Il nuovo indice di valutazione dei pericoli legati agli stravolgimenti ambientali è stato sviluppato in collaborazione con Leithà. L’intervista a Renzo Giovanni Avesani, Chief Innovation Officer del Gruppo Unipol e AD di Leithà. Redazione-Changes2021-01-21T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it
#UniSalutePerTe: la polizza va oltre il business<img alt="" src="/PublishingImages/unisaluteperte.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/unisaluteperte#UniSalutePerTe: la polizza va oltre il businessUnipolSai regala ai suoi 10 milioni di clienti una copertura sanitaria di UniSalute per fare fronte alle possibili conseguenze del Covid-19. Redazione-Changes2020-11-29T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it
I consumatori fra rivoluzione digitale e “cigni neri”<img alt="" src="/PublishingImages/consumatori-etica.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/consumatori-eticaI consumatori fra rivoluzione digitale e “cigni neri”L’etica e la responsabilità sociale sono strategiche. Fiducia e reputazione sono diventate condizioni essenziali per decretare il successo o il fallimento di un brand. Il dibattito sui nuovi consumi da Changes magazine a 2020 What’s Next Futureconceptlab.Fernando-Vacarini2020-11-25T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Covid, un acceleratore di cambiamento<img alt="" src="/PublishingImages/covid%20cambiamenti.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/covid-cambiamentiCovid, un acceleratore di cambiamentoLa pandemia sta comportando dei mutamenti profondi fornendo ai ricercatori materia di studio affascinante anche in ambito sociale come evidenziato in una tavola rotonda organizzata da Cubo Unipol in vista de la Notte dei Ricercatori.Roberto-Valguarnera2020-11-25T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it

 

 

Il virus nemico del sonno <img alt="" src="/PublishingImages/covid%20sonno.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/covid-sonnoIl virus nemico del sonno Il diffondersi della pandemia ha modificato le abitudini notturne delle persone e ha cambiato il tempo e la qualità del dormire. Le ricadute sulla salute.Roberta-Lazzarini2021-01-26T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Significati e significanti: le parole cambiano e ci cambiano<img alt="" src="/PublishingImages/parole-virus.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/parole-virusSignificati e significanti: le parole cambiano e ci cambianoA un anno dall’inizio della pandemia, anche le cose che diciamo sono diverse. Tra vecchi e nuovi termini abbiamo dovuto imparare un altro linguaggio, per definire l’incertezza.Diana-De-Caprio2021-02-23T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it
C’è bisogno di una slow-sharing<img alt="" src="/PublishingImages/slow-sharing.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/slow-sharingC’è bisogno di una slow-sharingDopo gli anni della ricerca ossessiva di scalabilità, profitti e quotazioni veloci, l’economia della condivisione si converte a un tempo lento e si concentra su uno schema nuovo ispirato al modello cooperativo.Antonio-Belloni2021-02-24T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it

SEGUI GRUPPO UNIPOL
TAG CLOUD