Gentile Utente, ti informiamo che questo sito fa uso di cookie propri e di altri siti al fine di rendere i propri servizi il più possibile efficienti e semplici da utilizzare.
Se vuoi saperne di più o esprimere le tue preferenze sull'uso dei singoli cookie, clicca qui
Se accedi ad un qualunque elemento sottostante questo banner, acconsenti all'uso dei cookie.
Changes - il magazine del Gruppo Unipol > Teenager che rifiutano i social

Teenager che rifiutano i social

Society 3.0

L’uso e l’abuso di una vita sempre connessa causa dipendenza. Ma cresce il partito di chi pensa si stia meglio senza un like su Facebook o una notifica su Instagram.

​«Ero con un gruppo di amici e stavamo facendo shopping», ha raccontato una 17enne al quotidiano britannico. «Una mia amica aveva da poco aperto Instagram e continuava a controllare la quantità di like ricevuti a un post: 40, 42. Non ho potuto fare a meno di pensare: 'tutto questo è ridicolo'». Per altri, invece, è stato un processo graduale, causato da quella che viene chiamano la zombificazione degli amici: «Tutti si estraniavano dalle conversazioni, come se si fosse perso il piacere nel parlarsi faccia a faccia. Sembrava quasi che volessero il tuo numero di telefono per continuare a chiacchierare via chat», racconta la 18enne Isabelle. «Non avevo nessuna voglia di essere risucchiato da tutto questo».

In diverse occasioni, infine, il momento di illuminazione anti-social è giunto dopo aver vissuto o assistito a brutti episodi di cyberbullismo; o semplicemente rendendosi conto di quanto tempo andava perduto a scrollare per ore, senza alcuna attenzione, i post degli amici su Instagram, Facebook o Snapchat. Quale che sia la ragione, una cosa è certa: gli adolescenti della Generazione Z sembrano aver conquistato una certa consapevolezza riguardo la dipendenza da social network e da smartphone.

Lo dimostrano anche numerosi studi: secondo una ricerca condotta nel 2017 in Gran Bretagna, il 63% dei ragazzi in età scolastica preferirebbe che i social network non fossero mai stati inventati. Un altro studio, condotto dalla società Ampere Analysis su 9mila utenti di internet, ha scoperto che i ragazzi tra i 18 e i 24 anni stanno significativamente cambiando la loro attitudine nei confronti dei social: nel 2016, il 66% riteneva questi strumenti "importanti per la mia vita"; nel 2018 la percentuale è scesa al 57%.

In effetti, secondo le ricerche della società di marketing Hill Holliday, circa la metà degli appartenenti alla Generazione Z ha segnalato di aver riflettuto sull'opportunità di abbandonare almeno una delle piattaforme a cui è iscritto (e non pochi l'hanno fatto). La sensazione è che questo trend abbia appena iniziato a disvelarsi e che, nei prossimi anni, la tendenza verrà confermata.

Le insidie di Instagram

Fin qui, i numeri e qualche esempio personale. Da un punto di vista più strutturale, il caso di Instagram è probabilmente quello che meglio di qualunque altro racconta le insidie che si nascondono dietro un abuso dei social. «A livello superficiale, Instagram può apparire come un luogo molto piacevole», ha spiegato la ricercatrice Niamh McDade, autrice di uno studio della britannica Royal Society for Public Health. «Ma quel modo di scrollare senza sosta, privo di qualunque vera interazione, non può avere nessun impatto positivo sulla nostra salute mentale e benessere complessivo».

Non solo: il fatto stesso che su Instagram sembrino tutti sempre in viaggio, circondati da amici durante feste esclusive o a prendere il sole su spiagge esotiche rischia di aumentare il senso di inadeguatezza di chi, invece, è banalmente sul proprio divano con in mano lo smartphone. Un senso di inadeguatezza provocato anche dalla quantità di fisici maschili e femminili perfetti che circolano sulla piattaforma e dall'esibizione consumistica: «Qualcuno magari osserva un feed pieno di macchine sportive e avverte un senso di ansia e depressione per la sua impossibilità di permettersi quegli oggetti del desiderio», prosegue McDade.

Da un certo punto di vista, stare su Instagram è come guardare la televisione senza riuscire a distinguere la pubblicità – con il suo corollario di famiglie perfette, uomini e donne di successo e viaggi fantastici – dalla realtà. Un po' perché sul social network di proprietà di Facebook il confine tra i post promozionali pubblicati dai vari influencer e tutto il resto è effettivamente molto sfumato; un po' perché tutti noi pubblichiamo solo gli aspetti più positivi e fotografabili della nostra vita, anche per prenderci la rivincita proprio su quel senso di inadeguatezza che proviamo osservando le vite degli altri sulla piattaforma.

In questo modo, però, Instagram si trasforma in un concorso di popolarità quantificabile con estrema precisione, attraverso indicatori come il numero di followers o i like ricevuti. Che questo possa avere un impatto negativo sul benessere dei più giovani è tutt'altro che sorprendente. Ed è per questo che non ci si dovrebbe stupire che proprio loro, i più giovani, siano anche i primi a ribellarsi.

 

 

Il virus non esiste<img alt="" src="/PublishingImages/covid%20disinformazione.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/disinformazione-covidIl virus non esisteCome nasce lo scetticismo selettivo che porta a non fidarsi dei canali ufficiali di informazione. Changes ne ha parlato con Fabio Paglieri autore di “La disinformazione felice. Cosa ci insegnano le bufale”.Elisa-Venco2020-06-30T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Le relazioni al tempo del post Covid<img alt="" src="/PublishingImages/relazioni%20post%20covid.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/comportamenti-post-covidLe relazioni al tempo del post CovidSi ridefiniscono le dinamiche di lavoro e di vita quotidiana, ma mancano le istruzioni per l’uso. Le storie dopo il virus.Giampaolo-Colletti2020-06-28T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Lavoro: la rivoluzione degli orari<img alt="" src="/PublishingImages/lavoro%20smart%20orari%20covid.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/lavoro-covid-come-cambiaLavoro: la rivoluzione degli orariIl Covid19 sta accelerando una tendenza in atto: il tempo del lavoro sta perdendo i normali punti di riferimento. Antonio-Belloni2020-06-25T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Ora è tempo di smart mobility<img alt="" src="/PublishingImages/covid%20smart%20mobility.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/covid-smart-mobilityOra è tempo di smart mobilityLe conseguenze della pandemia impongono un ripensamento delle città, della vita e del lavoro delle persone che non può non avere un impatto sui mezzi di trasporto. Per risolvere le criticità servirà affidarsi alle nuove tecnologie.Rosario-Murgida2020-06-17T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Marketing: comunicare adesso è più facile<img alt="" src="/PublishingImages/marketing-coronavirus.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/marketing-coronavirusMarketing: comunicare adesso è più facileLo tsunami sanitario che ha travolto il mondo in questa prima metà del 2020 ha anche riscritto le regole della comunicazione commerciale. Si esce quindi dalla fase emergenziale con alcune lezioni da tenere bene a mente. Claudio-Plazzotta2020-06-07T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it

 

 

Le relazioni al tempo del post Covid<img alt="" src="/PublishingImages/relazioni%20post%20covid.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/comportamenti-post-covidLe relazioni al tempo del post CovidSi ridefiniscono le dinamiche di lavoro e di vita quotidiana, ma mancano le istruzioni per l’uso. Le storie dopo il virus.Giampaolo-Colletti2020-06-28T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
La sostenibilità riparte dalle tasse<img alt="" src="/PublishingImages/fisco%20e%20sostenibilità.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/fisco-e-sostenibilitàLa sostenibilità riparte dalle tasseLa crisi da Coronavirus ha acceso i riflettori sulle imprese che non hanno un rapporto esemplare con il fisco. Ecco perché.Andrea-Di-Turi2020-06-23T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Il digitale fa ancora paura<img alt="" src="/PublishingImages/paure%20digitali.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/paure-digitaliIl digitale fa ancora pauraUn italiano su due crede che le informazioni memorizzate sui propri dispositivi digitali non siano al sicuro. I dati dell’Osservatorio Europeo sulla Sicurezza Demos&Pi-Fondazione Unipolis presentati a Data Vision & Data Value organizzato da Gruppo Unipol.Redazione-Changes2020-06-24T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it

SEGUI GRUPPO UNIPOL
TAG CLOUD