Gentile Utente, ti informiamo che questo sito fa uso di cookie propri e di altri siti al fine di rendere i propri servizi il più possibile efficienti e semplici da utilizzare.
Se vuoi saperne di più o esprimere le tue preferenze sull'uso dei singoli cookie, clicca qui
Se accedi ad un qualunque elemento sottostante questo banner, acconsenti all'uso dei cookie.
Changes - il magazine del Gruppo Unipol > Technology > I Big data battono il traffico

 I Big data battono il traffico

Technology

 Le città italiane si riorganizzano puntando sui City Analytics. L’obiettivo è una mobilità più intelligente e “a misura di dato”.

​Nel 2018 i romani hanno trascorso nel traffico in media 254 ore, 10 giorni e mezzo incolonnato lungo la tangenziale, sul Grande Raccordo Anulare oppure sulle vie consolari. Peggio della Città Eterna nel mondo c'è solo Bogotá, in Colombia, i cui automobilisti nel 2018 sono stati bloccati in strada per ben 272 ore. 

I numeri sono emersi dal Global Traffic Scorecard, una ricerca condotta dalla società INRIX, secondo cui le nostre città sono sempre più congestionate e caotiche in un contesto che rischia, peraltro, di peggiorare, visti i ritmi di urbanizzazione che, secondo le Nazioni Unite, porterà il 70% della popolazione mondiale nel 2050 a vivere nelle città. Uno scenario che impone una visione di lungo termine alla politica, che può contare però su un alleato prezioso: i dati e i cosiddetti City Analytics, senza cui non esisterebbe il concetto stesso di Smart City.

I dati nelle Smart City italiane         

La città intelligente ripensa la sua organizzazione anche grazie al cosiddetto Big Data Management, in cui informazioni, dati, numeri e statistiche sono studiati e analizzati, diventando un fondamento solido per le decisioni delle amministrazioni pubbliche.

«Nelle nostre città sempre più piede sta prendendo l'infomobilità», ha dichiarato a Changes Paolo Testa, Direttore Ufficio Studi ANCI, l'Associazione dei Comuni Italiani. «Tutto si basa sulla tecnologia GPS che invia informazioni in tempo reale sul posizionamento, sul percorso e sui tempi di percorrenza dei mezzi pubblici».

Applicazioni come Google Maps o Moovit stanno, infatti, diventando i nostri più fedeli compagni di viaggio, ma la mobilità urbana sta conoscendo anche un'altra grande rivoluzione: quella offerta dallo sharing. «La condivisione dei veicoli (auto, moto, bicicletta) può portare ad un afflusso inferiore di mezzi nelle nostre città e il suo utilizzo si basa proprio sulla tecnologia GPS, sui pagamenti elettronici via smartphone e sulla condivisione non solo dell'utilizzo del mezzo ma anche dell'esperienza» ha sottolineato Testa.

Secondo ANIASA di Confindustria, nel 2018 gli iscritti in Italia ai servizi di sharing hanno sfiorato quota 1,8 milioni, con un aumento rispetto all'anno prima anche dei chilometri percorsi. Un fenomeno rilevante in un'Italia che sulla gestione della mobilità conosce ancora divari importanti. «Il dualismo non è solo Nord-Sud. Nel nostro Mezzogiorno ci sono importanti realtà come Bari o Cagliari che stanno lavorando molto sulla mobilità» ha aggiunto Testa. «Le grandi scommesse per il futuro sono la gestione delle periferie e lo sviluppo tecnologico del trasporto su ferro dei treni, come avvenuto a Firenze con il lancio della nuova Tramvia. Periferie e treni incidono notevolmente sulla mobilità casa-lavoro. È questo il tema principale della qualità della vita nelle aree urbane».

La tecnologia, dunque, può poco senza quegli investimenti infrastrutturali che puntino ad ammodernare le flotte dei mezzi di trasporto pubblici, a costruire nuove e più connesse strade e a perseguire quelle migliorie strutturali necessarie ad abilitare l'innovazione digitale e l'impiego efficace dell'analisi dei dati.

I Big Data nello studio della città

Torniamo proprio all'uso dei dati nella progettazione urbana. Negli ultimi anni diversi progetti hanno puntato ad affiancare le PA nello studio dei Big Data. TIM e Olivetti, per esempio, hanno lanciato City Forecast, una piattaforma Cloud che elabora dati in chiave storica e predittiva. «Le città sono ormai diventate delle vere e proprie reti di sensori, che attraverso "mappe di calore" rilasciano informazioni sul popolamento di una certa area o sui flussi pendolari e turistici», ha raccontato a Changes Giuseppe Sola, Responsabile Sales Digital Services Olivetti. «I dati ci dicono se una zona è frequentata più da uomini o da donne, da anziani o da giovani, da italiani o stranieri. Possiamo addirittura comprendere i principali argomenti d'interesse in una zona della città rilevabili dai social, app e web, o quali ricerche si compiono più spesso online».

Una cascata di circa 57 miliardi di informazioni giornaliere che arrivano dai nostri smartphone, ma anche dalle Black Box delle assicurazioni, dalle telecamere di sicurezza, dai semafori, dagli indici di spesa, dalla sensoristica dei bus e addirittura dagli strumenti di controllo dell'inquinamento cittadino. In particolare, il tempo che si passa in automobile ogni giorno è notevole: gli italiani trascorrono 1 ora e 25 minuti al giorno in macchina a una velocità media di 29,5 km/h percorrendo 41 km ogni giorno secondo i dati dell'Osservatorio UnipolSai sulle abitudini al volante degli italiani nel 2018. Dallo studio realizzato in seguito all'analisi  dei dati di circa 4 milioni di automobilisti assicurati UnipolSai che installano la scatola nera Unibox sulla propria autovettura, emerge anche che gli italiani utilizzano l'auto per 286 giorni l'anno percorrendo complessivamente 11.885 km.

Ma in questo profluvio di dati e informazioni, che fine fa il diritto alla nostra privacy? Questi dati, infatti, raccontano molto di ciascuno di noi e delle nostre abitudini. «Si tratta di dati aggregati e soprattutto anonimi, che non sono riconducibili ad una specifica identità e riguardano un numero vastissimo di informazioni, raccolte nel pieno rispetto della normativa vigente» ha sottolineato Sola di Olivetti.
In Italia sono tanti gli esempi di concreta applicazione della data analysis. La linea 2 della Metropolitana di Torino ha costruito il suo tracciato proprio studiando i dati dei flussi dei pendolari.  Ad inizio ottobre, inoltre, Ravenna ha lanciato il progetto DARE, che punta a impiegare i dati per investire sulla riorganizzazione urbana, sulla qualità della vita dei cittadini, sulla gestione del traffico, sulla qualità dell'aria e sull'analisi dell'inquinamento ambientale.
Ma c'è di più: durante i grandi eventi (fiere, concerti, e così via) le amministrazioni possono utilizzare i dati per prendere decisioni real time sulla gestione della viabilità. Un esempio ci arriva ancora dall'esperienza di TIM e Olivetti: durante il concerto di Vasco Rossi al Modena Park, per esempio, i dati hanno mostrato come l'80% del pubblico era presente sugli spalti già alcune ore prima e questo ha aiutato le forze dell'ordine a riorganizzare in tempo reale la viabilità attorno all'evento. 


 

 

La matematica che racconta il Virus<img alt="" src="/technology/PublishingImages/matematica%20virus.jpg" style="BORDER:0px solid;" />http://changes.unipol.it/technology/Pagine/matematica-coronavirus.aspxLa matematica che racconta il VirusDalla Cina all’Italia le tecnologie più avanzate stanno supportando equipe di studiosi nello studio dei dati dell’epidemia che sta sconvolgendo il mondo. La big data analysis sta cercando di studiare così l’andamento del virus.GP0|#0cc31cd1-1f25-4af6-853d-a6e3166be9ab;L0|#00cc31cd1-1f25-4af6-853d-a6e3166be9ab|Technology;GTSet|#e62eaae4-ff72-4b5a-a2d7-8fca6c2e6a45Luca Politi2020-03-25T23:00:00Zhttp://changes.unipol.it
L’intelligenza artificiale aiuta il climate change<img alt="" src="/technology/PublishingImages/meteo%20e%20AI.jpg" style="BORDER:0px solid;" />http://changes.unipol.it/technology/Pagine/meteo-intelligenza-artificiale.aspxL’intelligenza artificiale aiuta il climate changeSi celebra oggi la Giornata Mondiale della Meteorologia, una scienza alla base dello studio dei cambiamenti climatici. Delle sue evoluzioni Changes ha parlato con Luca Mercalli e Bernardo Gozzini del CNR.GP0|#0cc31cd1-1f25-4af6-853d-a6e3166be9ab;L0|#00cc31cd1-1f25-4af6-853d-a6e3166be9ab|Technology;GTSet|#e62eaae4-ff72-4b5a-a2d7-8fca6c2e6a45Luca Politi2020-03-22T23:00:00Zhttp://changes.unipol.it
La rivoluzione dei rifiuti alimentari<img alt="" src="/technology/PublishingImages/app%20spreco%20cibo.jpg" style="BORDER:0px solid;" />http://changes.unipol.it/technology/Pagine/app-spreco-cibo.aspxLa rivoluzione dei rifiuti alimentariDai campi alla tavola, gli italiani continuano a sprecare cibo. Un aiuto arriva dalla ricerca tecnologica e dalle App che possono cambiare le abitudini quotidiane.GP0|#0cc31cd1-1f25-4af6-853d-a6e3166be9ab;L0|#00cc31cd1-1f25-4af6-853d-a6e3166be9ab|Technology;GTSet|#e62eaae4-ff72-4b5a-a2d7-8fca6c2e6a45Luca Politi2020-03-10T23:00:00Zhttp://changes.unipol.it
Fuga dalle Fake News<img alt="" src="/technology/PublishingImages/fuga%20dalle%20fake%20news.jpg" style="BORDER:0px solid;" />http://changes.unipol.it/technology/Pagine/fuga-fake-news.aspxFuga dalle Fake NewsA difesa della corretta informazione scende in campo anche la tecnologia e con la blockchain ora è già possibile certificare gli autori dei contenuti.GP0|#0cc31cd1-1f25-4af6-853d-a6e3166be9ab;L0|#00cc31cd1-1f25-4af6-853d-a6e3166be9ab|Technology;GTSet|#e62eaae4-ff72-4b5a-a2d7-8fca6c2e6a45Luca Politi2020-02-26T23:00:00Zhttp://changes.unipol.it
I robotaxi sono un'utopia<img alt="" src="/technology/PublishingImages/robotaxi.jpg" style="BORDER:0px solid;" />http://changes.unipol.it/technology/Pagine/robotaxi.aspxI robotaxi sono un'utopiaLe auto senza conducente non diventeranno una realtà di tutti i giorni nonostante il 5G. Pesano numerosi ostacoli, soprattutto normativi.GP0|#0cc31cd1-1f25-4af6-853d-a6e3166be9ab;L0|#00cc31cd1-1f25-4af6-853d-a6e3166be9ab|Technology;GTSet|#e62eaae4-ff72-4b5a-a2d7-8fca6c2e6a45Rosario Murgida2020-02-11T23:00:00Zhttp://changes.unipol.it

 

 

Dimenticate lo smartphone<img alt="" src="/technology/PublishingImages/addio%20smartphone.jpg" style="BORDER:0px solid;" />http://changes.unipol.it/technology/Pagine/addio-smartphone.aspxDimenticate lo smartphonePresto l’Internet delle Cose distribuirà le tecnologie necessarie in ciascun oggetto. E il dispositivo che ha cambiato le nostre vite potrebbe trasformarsi in un oggetto tra tanti.GP0|#0cc31cd1-1f25-4af6-853d-a6e3166be9ab;L0|#00cc31cd1-1f25-4af6-853d-a6e3166be9ab|Technology;GTSet|#e62eaae4-ff72-4b5a-a2d7-8fca6c2e6a45Nicola Di Turi2017-10-25T22:00:00Zhttp://changes.unipol.it
Guerre vocali<img alt="" src="/technology/PublishingImages/assistenti%20vocali.jpg" style="BORDER:0px solid;" />http://changes.unipol.it/technology/Pagine/assistenti-vocali-device.aspxGuerre vocaliNel 2013 la Mit Techology Review preconizzava l'imminente avvento dell'era dell'Ubiquitous Listening, l'ascolto universale. Adesso il mercato sta esplodendo e cambia il modo di vivere delle persone.GP0|#0cc31cd1-1f25-4af6-853d-a6e3166be9ab;L0|#00cc31cd1-1f25-4af6-853d-a6e3166be9ab|Technology;GTSet|#e62eaae4-ff72-4b5a-a2d7-8fca6c2e6a45Elisa Venco2017-06-26T22:00:00Zhttp://changes.unipol.it
Mobilità green, sfida ancora aperta<img alt="" src="/technology/PublishingImages/auto%20elettriche.jpg" style="BORDER:0px solid;" />http://changes.unipol.it/technology/Pagine/auto-elettriche.aspxMobilità green, sfida ancora apertaI grandi costruttori stanno scommettendo sui modelli a impatto zero, sempre più richiesti, ma rimangono ancora molti ostacoli alla loro diffusione di massa. Scienziati e tecnici sono al lavoro per superarli. GP0|#0cc31cd1-1f25-4af6-853d-a6e3166be9ab;L0|#00cc31cd1-1f25-4af6-853d-a6e3166be9ab|Technology;GTSet|#e62eaae4-ff72-4b5a-a2d7-8fca6c2e6a45Roberto Valguarnera2017-07-12T22:00:00Zhttp://changes.unipol.it

SEGUI GRUPPO UNIPOL
TAG CLOUD