Gentile Utente, ti informiamo che questo sito fa uso di cookie propri e di altri siti al fine di rendere i propri servizi il più possibile efficienti e semplici da utilizzare.
Se vuoi saperne di più o esprimere le tue preferenze sull'uso dei singoli cookie, clicca qui
Se accedi ad un qualunque elemento sottostante questo banner, acconsenti all'uso dei cookie.
Changes - il magazine del Gruppo Unipol > Society 3.0 > Mindset e previsioni

 Mindset e previsioni

Society 3.0

 Misurare l’accuratezza di una stima futura e raccogliere informazioni su quanto siamo bravi è il primo passo per capire qualcosa. Ma nessuno è allenato a ragionare in termini probabilistici.

​Immaginate di avere pianificato un weekend al mare, in questo inizio bizzoso di estate. Prima di mettere nella borsa-frigo il cocomero, consultate le previsioni meteo: pioggia al 70%. Disfate la valigia e vi accomodate sul divano, recuperando l'ultima stagione della vostra serie tv preferita. Quando, la mattina di sabato, andate alla finestra per godervi il fortunale che si è scatenato sulla vostra città, un Sole splendente vi sorprende e maledite con tutta l'anima il sito delle previsioni, assolutamente farlocche.

Se vi ritrovate in questo mini episodio, siete come quasi tutti gli esseri umani che popolano il pianeta: poco allenati, quindi, a ragionare in termini probabilistici e non particolarmente avvezzi all'arte di predire il futuro.

Sì, perché quelle previsioni del tempo non sono sbagliate. Se c'è il 70% di probabilità che piova, vuol dire che nel 30% dei casi (quasi 1 su 3, per intenderci) non pioverà.

Il fatto è che i primi uomini, all'inizio di una tortuosa evoluzione, erano programmati per prendere decisioni rapide, abbastanza istintive, la cui complessità si riduceva a pochi input:

  • Sì (agisci)
  • No (stai fermo)
  • Forse (in allerta)

 La probabilità è venuta molto dopo e, in un certo senso, il nostro cervello non si è ancora adattato ad accoglierla come elemento imprescindibile del mindset di chi deve fare una scelta.

L'arte e la scienza di fare previsioni è anche il titolo di un bellissimo libro di Philip Tetlock, professore a metà strada tra le scienze politiche, quelle comportamentali e la psicologia all'Università della Pennsylvania, che parte proprio da questo spunto per poi investigare a fondo l'abilità umana di guardare nel futuro.

Al di fuori della freschezza con cui il libro è scritto, Tetlock è molto rigoroso nello stabilire immediatamente le regole del gioco: per parlare di stime e di previsioni riguardo al futuro, servono tonnellate di dati e un'indagine attenta dell'evidenza empirica.

E qui, se vogliamo, c'è un po' la prima sorpresa: siamo così presi dalla nostra frenesia di vedere confermate le idee che ci piacciono o di cedere al fascino di un'ipotesi di destino dal dimenticare, quando poi il futuro diventa presente, di verificare se le nostre previsioni, o quelle di celebratissimi guru, si sono dimostrate esatte.

Misurare l'accuratezza di una previsione e, in ultima analisi, raccogliere informazioni su quanto siamo bravi, è il primo passo per capirci qualcosa. Lo scienziato, dice Tetlock, non si chiede "Perché?" ma "Come?" e per questo il professore coordina un imponente progetto, The Good Judgment Project che, da anni, ha proprio lo scopo di studiare quanto le persone (migliaia di persone) sono brave a fare previsioni sul futuro e a raccogliere evidenze.

La modalità è quella del torneo di previsioni, in cui gruppi di forecasters (quelli che scommettono sul futuro, insomma) sono chiamati a rispondere a una batteria di domande sui temi più disparati: geopolitica, economia, sport.

Tetlock, negli anni, è riuscito a sfatare alcuni miti e a trovare diverse regolarità, molto utili per chiunque volesse avvicinarsi all'arte di fare previsioni. Innanzitutto, c'è una piccola minoranza di persone, un 2% circa, che sistematicamente fa previsioni migliori degli altri e, per questo, è insignito del titolo di superforecasters. Di chi si tratta? Sorprenderà, ma spero che sia anche letto come un segno di speranza, sapere che i superforecasters sono persone tutto sommato normali.

Non bisogna essere geni, insomma, per fare previsioni migliori sul futuro, ma ci sono determinate caratteristiche che aiutano. Innanzitutto, fare previsioni è un'abilità che si può allenare, non un talento innato. Tra gli insights della ricerca di Tetlock, alcuni sono di puro buon senso: per essere dei superforecasters, è necessario avere una notevole apertura mentale. Bella scoperta, direte voi!

E allora vi dico bravi: vuol dire che avete appena fatto una previsione corretta. Il fatto è che, vincendo il bias di conferma, chi è predisposto a prendere in considerazione ipotesi diverse dalla propria, è più probabile che sia anche in grado di raccogliere un maggior numero di informazioni, di riconoscere un errore, di cambiare idea se è il caso…

In una parola, di non ancorare la realtà alla propria visione del mondo ma, piuttosto, di aggiustare quest'ultima in funzione del dato. Un superforecaster è in modalità di beta permanente: raccoglie stimoli e dati e, di volta in volta, rivede le proprie previsioni incrementandone marginalmente l'efficacia. Di fatto, è ciò che avviene con i meteorologi che, lentamente, arricchiscono il proprio modello climatico e rendono le previsioni del tempo leggermente migliori. Di nuovo, non giuste al 100 per cento: prima si accetta l'impossibilità della certezza e più velocemente si diventerà buoni investigatori di futuro.

Non sorprendentemente, quanto più la previsione si allontana dal presente e quanto meno essa è precisa: Tetlock mette anche un numero, perché dopo 5 anni sarebbe meglio affidarsi, per le stime, a uno scimpanzè che tira freccette per ottenere lo stesso livello di accuratezza.

Studiare scientificamente il modo in cui le persone simulano un evento incerto richiede molti sforzi, tanta fatica e molteplici tentativi: non è un caso che la grinta sia considerata un tratto della personalità essenziale per chi prova a guardare nel futuro con qualche speranza di vederci qualcosa.

Il lavoro di Tetlock è davvero imponente e, esattamente come per chi fa previsioni, si aggiusta piano piano nel tempo e grazie alla mole di dati crescente: esso rappresenta uno strumento essenziale per istituzioni, governi, imprese o semplici cittadini che desiderino imparare a ragionare sul futuro in modo più accurato.

È matematico.

O almeno forse.

 

 

Brand green a caccia di coerenza <img alt="" src="/society/PublishingImages/ecogreen.jpg" style="BORDER:0px solid;" />http://changes.unipol.it/society/Pagine/brand-green.aspxBrand green a caccia di coerenza Cambiare vita e lavoro nel segno della sostenibilità. Per farlo ci vuole tanta forza, passione, costanza, coerenza. Le storie di chi non si è sottratto a questa sfida e ha iniziato a pedalare. GP0|#2ff1322d-0fe7-46e4-98d7-1a40e87f4c00;L0|#02ff1322d-0fe7-46e4-98d7-1a40e87f4c00|Society 3.0;GTSet|#e62eaae4-ff72-4b5a-a2d7-8fca6c2e6a45Giampaolo Colletti2019-11-13T23:00:00Zhttp://changes.unipol.it
Quando il pubblico abbraccia il privato<img alt="" src="/society/PublishingImages/SOCIETY%20-%20pubblico%20privato.jpg" style="BORDER:0px solid;" />http://changes.unipol.it/society/Pagine/pubblico-privato.aspxQuando il pubblico abbraccia il privatoL’era della post – sussidiarietà ci fa prendere cura delle cose vicine fisicamente oppure emotivamente, perché tocca anche noi, la nostra famiglia, o le nostre passioni. GP0|#2ff1322d-0fe7-46e4-98d7-1a40e87f4c00;L0|#02ff1322d-0fe7-46e4-98d7-1a40e87f4c00|Society 3.0;GTSet|#e62eaae4-ff72-4b5a-a2d7-8fca6c2e6a45Antonio Belloni2019-10-29T23:00:00Zhttp://changes.unipol.it
Consumer centric: il peso dei servizi<img alt="" src="/society/PublishingImages/consumi-scelte.jpg" style="BORDER:0px solid;" />http://changes.unipol.it/society/Pagine/consumi-relazionali.aspxConsumer centric: il peso dei serviziSolo alcune emozioni positive fanno aumentare la probabilità di acquisto, la fedeltà e le raccomandazioni positive. Ecco perché.GP0|#2ff1322d-0fe7-46e4-98d7-1a40e87f4c00;L0|#02ff1322d-0fe7-46e4-98d7-1a40e87f4c00|Society 3.0;GTSet|#e62eaae4-ff72-4b5a-a2d7-8fca6c2e6a45Alessandro Donetti2019-10-23T22:00:00Zhttp://changes.unipol.it
Italia: troppo lavoro e poco PIL<img alt="" src="/society/PublishingImages/SOCIETY%20-%20pil%20e%20lavoro.jpg" style="BORDER:0px solid;" />http://changes.unipol.it/society/Pagine/lavoro-pil.aspxItalia: troppo lavoro e poco PILLe statistiche di Eurostat e dell'Ocse che misurano il tempo passato al lavoro e i risultati prodotti rivelano il paradosso italiano. Changes ne ha parlato con Luciano Floridi.GP0|#2ff1322d-0fe7-46e4-98d7-1a40e87f4c00;L0|#02ff1322d-0fe7-46e4-98d7-1a40e87f4c00|Society 3.0;GTSet|#e62eaae4-ff72-4b5a-a2d7-8fca6c2e6a45Nadia Anzani2019-10-16T22:00:00Zhttp://changes.unipol.it
Teenager che rifiutano i social<img alt="" src="/society/PublishingImages/SOCIETY-%20social.jpg" style="BORDER:0px solid;" />http://changes.unipol.it/society/Pagine/rifiuto-social.aspxTeenager che rifiutano i socialL’uso e l’abuso di una vita sempre connessa causa dipendenza. Ma cresce il partito di chi pensa si stia meglio senza un like su Facebook o una notifica su Instagram.GP0|#2ff1322d-0fe7-46e4-98d7-1a40e87f4c00;L0|#02ff1322d-0fe7-46e4-98d7-1a40e87f4c00|Society 3.0;GTSet|#e62eaae4-ff72-4b5a-a2d7-8fca6c2e6a45Andrea Daniele Signorelli2019-10-13T22:00:00Zhttp://changes.unipol.it

 

 

Anziani, primo welfare d’Italia <img alt="" src="/society/PublishingImages/anziani%20welfare.jpg" style="BORDER:0px solid;" />http://changes.unipol.it/society/Pagine/anziani-welfare.aspxAnziani, primo welfare d’Italia Mantenere attivi gli over 65 è la priorità dell’Unione europea. Politiche sociali e iniziative come il cohousing e l’educazione intergenerazionale sono una buona risposta. Per migliorare la salute.GP0|#2ff1322d-0fe7-46e4-98d7-1a40e87f4c00;L0|#02ff1322d-0fe7-46e4-98d7-1a40e87f4c00|Society 3.0;GTSet|#e62eaae4-ff72-4b5a-a2d7-8fca6c2e6a45Nadia Anzani2017-10-22T22:00:00Zhttp://changes.unipol.it
Sorridi, sei al lavoro<img alt="" src="/society/PublishingImages/manager%20della%20felicità.jpg" style="BORDER:0px solid;" />http://changes.unipol.it/society/Pagine/aziende-manager-felicita.aspxSorridi, sei al lavoroI dipendenti felici producono di più e sono più creativi. Ad imparare la lezione per prime sono state le aziende americane come Google. E oggi sono sempre più numerose quelle che hanno al loro interno un manager della felicità. Cosa accade in Italia.GP0|#2ff1322d-0fe7-46e4-98d7-1a40e87f4c00;L0|#02ff1322d-0fe7-46e4-98d7-1a40e87f4c00|Society 3.0;GTSet|#e62eaae4-ff72-4b5a-a2d7-8fca6c2e6a45Nadia Anzani2017-05-01T22:00:00Zhttp://changes.unipol.it
Aziende: sfida re-generation<img alt="" src="/society/PublishingImages/formazione%20aziende.jpg" style="BORDER:0px solid;" />http://changes.unipol.it/society/Pagine/aziende-personale-sfida-regeneration-.aspxAziende: sfida re-generationNel 2034 gli over 50 nelle aziende italiane saranno 23 milioni. Le imprese si preparano all'invecchiamento della popolazione aziendale con politiche di active ageing e formazione.GP0|#884101ce-54ef-454e-bee5-326bcd6381da;L0|#0884101ce-54ef-454e-bee5-326bcd6381da|Close to you;GTSet|#e62eaae4-ff72-4b5a-a2d7-8fca6c2e6a45Nadia Anzani2017-03-13T23:00:00Zhttp://changes.unipol.it

SEGUI GRUPPO UNIPOL
TAG CLOUD