Gentile Utente, ti informiamo che questo sito fa uso di cookie propri e di altri siti al fine di rendere i propri servizi il più possibile efficienti e semplici da utilizzare.
Se vuoi saperne di più o esprimere le tue preferenze sull'uso dei singoli cookie, clicca qui
Se accedi ad un qualunque elemento sottostante questo banner, acconsenti all'uso dei cookie.
Changes - il magazine del Gruppo Unipol > Society 3.0 > Pensare generativo

 Pensare generativo

Society 3.0

 Per le nuove generazioni, ovvero per il futuro della nostra società, ragionare in questo modo è del tutto naturale, spontaneo e accettato. È evidente nella diffusione di nuove pratiche sociali e nelle sfere di consumo, produzione e comunicazione.

​​​​​​La generatività sociale è un nuovo modo di pensare e di agire personale e collettivo che racconta la possibilità di un tipo di azione socialmente orientata, creativa, connettiva, produttiva e responsabile. Un'azione capace di impattare positivamente sulle forme del produrre, dell'innovare, dell'abitare, del prendersi cura, dell'organizzare, dell'investire, immettendovi nuova vita.

La generatività sociale è un modo specifico di collocarsi nel tempo, nella consapevolezza che questo ci precede e che continua dopo di noi. Mentre ci porta un'eredità da custodire, esso ci chiede di lasciare un nostro originalissimo segno per chi verrà dopo.

Agire generativamente si traduce in un "mettere al mondo" e "prendersi cura" di quanto generato, affinché questo possa crescere e fiorire, per arrivare, poi, a un "lasciarlo andare", così che, una volta capacitato, esso si senta "autorizzato" ad un nuovo fare creativo e produttivo. Lasciar andare significa rendere libero/i altro/altri di immaginare strade nuove. Tale dinamica, se letta in chiave sociale, può essere la base di una stagione di sviluppo capace di costruire un nuovo equilibrio tra un'economia sostenibile e una società contributiva.

Questo tipo di approccio permette di conciliare il proprio desiderio con quello degli altri; promuove realizzazione personale e, insieme, sviluppo sociale, attraverso percorsi di capacitazione (cioè non in modo assistenziale) di altro e altri; mettendo altri in grado di migliorare se stessi e le proprie capacità all'interno della cornice di un nuovo legame sociale; valorizzando l'azione individuale attraverso quella della comunità, e viceversa.

Non c'è dubbio che la crisi del 2008 abbia accelerato importanti movimenti di ricerca verso una nuova relazione tra economia e società. Si avverte sempre più diffusamente l'urgenza di superare vecchi paradigmi non più sostenibili dal punto di vista socio-economico e sempre meno legittimabili in termini culturali ed etici. Posti di fronte all'onda lunga della crisi che ha messo a soqquadro un modo di agire e di pensare che veniva dato ormai per scontato e assimilato, si sente oggi da più parti la necessità di ripensare un modo nuovo di fare economia, di fare impresa e, in senso più ampio, di fare comunità, dopo il percorso di atomizzazione portato avanti dagli anni '80 fino allo scoppio della crisi.

Attraverso la generatività sociale è possibile intraprendere questo tipo di mutamento e mettere in moto un cambio di paradigma che può immetterci su una nuova e promettente strada in grado di traghettarci oltre la crisi.

Questo processo non è lontano nel tempo. Non è da attendere. È già qui. È evidente nella diffusione di nuove pratiche sociali nelle sfere di consumo, produzione e comunicazione orientate in senso collaborativo (si pensi alla sfera della sharing economy). Esse confermano l'affermarsi di nuove sensibilità e obiettivi sociali che sollecitano, tra le altre cose, a ripensare la stessa idea di impresa e il suo ruolo sociale.

Per le nuove generazioni, ovvero per il futuro della nostra società, pensare in questo modo è del tutto naturale, spontaneo e accettato. In questo senso non possiamo perdere tempo. Occorre andare incontro a una domanda che rimane latente ma che chiede di essere interpretata e orientata.

 

 

Il brand fa rumore<img alt="" src="/society/PublishingImages/sonic%20brand.jpg" style="BORDER:0px solid;" />http://changes.unipol.it/society/Pagine/sonic-brand.aspxIl brand fa rumoreLa saturazione visiva, tra immagini, cartelli, video, porta le aziende a sviluppare canali sensoriali che consentano un livello maggiore di attenzione». Così esplode il sonic branding.GP0|#2ff1322d-0fe7-46e4-98d7-1a40e87f4c00;L0|#02ff1322d-0fe7-46e4-98d7-1a40e87f4c00|Society 3.0;GTSet|#e62eaae4-ff72-4b5a-a2d7-8fca6c2e6a45Elisa Venco2020-02-25T23:00:00Zhttp://changes.unipol.it
Siamo nell’era conversazionale <img alt="" src="/society/PublishingImages/era%20conversazionale.jpg" style="BORDER:0px solid;" />http://changes.unipol.it/society/Pagine/era-conversazionale.aspxSiamo nell’era conversazionale Il futuro della comunicazione? Altro che bot e machine learning. Lo “spirito aloha” aiuterà i brand anche nel rapporto con i clienti.GP0|#2ff1322d-0fe7-46e4-98d7-1a40e87f4c00;L0|#02ff1322d-0fe7-46e4-98d7-1a40e87f4c00|Society 3.0;GTSet|#e62eaae4-ff72-4b5a-a2d7-8fca6c2e6a45Giampaolo Colletti2020-02-19T23:00:00Zhttp://changes.unipol.it
La reputazione è di tutti<img alt="" src="/society/PublishingImages/reputazione%20aziende%20e%20digitale.jpg" style="BORDER:0px solid;" />http://changes.unipol.it/society/Pagine/la-reputazione-di-tutti.aspxLa reputazione è di tuttiIn una democrazia digitale le aziende diventano persone soggette al giudizio delle comunità a cui si rivolgono. Changes ne ha parlato con Daniele Chieffi, giornalista esperto di innovazione e docente universitario. GP0|#2ff1322d-0fe7-46e4-98d7-1a40e87f4c00;L0|#02ff1322d-0fe7-46e4-98d7-1a40e87f4c00|Society 3.0;GTSet|#e62eaae4-ff72-4b5a-a2d7-8fca6c2e6a45Roberta Caffaratti2020-02-18T23:00:00Zhttp://changes.unipol.it
Fallisco dunque sono<img alt="" src="/society/PublishingImages/fallimento.jpg" style="BORDER:0px solid;" />http://changes.unipol.it/society/Pagine/fallimento.aspxFallisco dunque sonoLa cultura dell’errore si fa strada anche in azienda, ma in Italia è ancora un tabù. Eppure si può trasformare l’insuccesso in un punto di forza.GP0|#2ff1322d-0fe7-46e4-98d7-1a40e87f4c00;L0|#02ff1322d-0fe7-46e4-98d7-1a40e87f4c00|Society 3.0;GTSet|#e62eaae4-ff72-4b5a-a2d7-8fca6c2e6a45Nadia Anzani2020-02-09T23:00:00Zhttp://changes.unipol.it
L'uomo è buono o cattivo? <img alt="" src="/society/PublishingImages/buoni%20e%20cattivi.jpg" style="BORDER:0px solid;" />http://changes.unipol.it/society/Pagine/buoni-e-cattivi.aspxL'uomo è buono o cattivo? La domanda è un paradosso antico che divide il mondo in due. Richard Wrangham, dell'università di Harvard, ha pubblicato un saggio utile a far luce sull'evoluzione umana.GP0|#2ff1322d-0fe7-46e4-98d7-1a40e87f4c00;L0|#02ff1322d-0fe7-46e4-98d7-1a40e87f4c00|Society 3.0;GTSet|#e62eaae4-ff72-4b5a-a2d7-8fca6c2e6a45Luciano Canova2020-02-02T23:00:00Zhttp://changes.unipol.it

 

 

Anziani, primo welfare d’Italia <img alt="" src="/society/PublishingImages/anziani%20welfare.jpg" style="BORDER:0px solid;" />http://changes.unipol.it/society/Pagine/anziani-welfare.aspxAnziani, primo welfare d’Italia Mantenere attivi gli over 65 è la priorità dell’Unione europea. Politiche sociali e iniziative come il cohousing e l’educazione intergenerazionale sono una buona risposta. Per migliorare la salute.GP0|#2ff1322d-0fe7-46e4-98d7-1a40e87f4c00;L0|#02ff1322d-0fe7-46e4-98d7-1a40e87f4c00|Society 3.0;GTSet|#e62eaae4-ff72-4b5a-a2d7-8fca6c2e6a45Nadia Anzani2017-10-22T22:00:00Zhttp://changes.unipol.it
Sorridi, sei al lavoro<img alt="" src="/society/PublishingImages/manager%20della%20felicità.jpg" style="BORDER:0px solid;" />http://changes.unipol.it/society/Pagine/aziende-manager-felicita.aspxSorridi, sei al lavoroI dipendenti felici producono di più e sono più creativi. Ad imparare la lezione per prime sono state le aziende americane come Google. E oggi sono sempre più numerose quelle che hanno al loro interno un manager della felicità. Cosa accade in Italia.GP0|#2ff1322d-0fe7-46e4-98d7-1a40e87f4c00;L0|#02ff1322d-0fe7-46e4-98d7-1a40e87f4c00|Society 3.0;GTSet|#e62eaae4-ff72-4b5a-a2d7-8fca6c2e6a45Nadia Anzani2017-05-01T22:00:00Zhttp://changes.unipol.it
Aziende: sfida re-generation<img alt="" src="/society/PublishingImages/formazione%20aziende.jpg" style="BORDER:0px solid;" />http://changes.unipol.it/society/Pagine/aziende-personale-sfida-regeneration-.aspxAziende: sfida re-generationNel 2034 gli over 50 nelle aziende italiane saranno 23 milioni. Le imprese si preparano all'invecchiamento della popolazione aziendale con politiche di active ageing e formazione.GP0|#884101ce-54ef-454e-bee5-326bcd6381da;L0|#0884101ce-54ef-454e-bee5-326bcd6381da|Close to you;GTSet|#e62eaae4-ff72-4b5a-a2d7-8fca6c2e6a45Nadia Anzani2017-03-13T23:00:00Zhttp://changes.unipol.it

SEGUI GRUPPO UNIPOL
TAG CLOUD