Gentile Utente, ti informiamo che questo sito fa uso di cookie propri e di altri siti al fine di rendere i propri servizi il più possibile efficienti e semplici da utilizzare.
Se vuoi saperne di più o esprimere le tue preferenze sull'uso dei singoli cookie, clicca qui
Se accedi ad un qualunque elemento sottostante questo banner, acconsenti all'uso dei cookie.
Changes - il magazine del Gruppo Unipol > Society 3.0 > Fallisco dunque sono

 Fallisco dunque sono

Society 3.0

 La cultura dell’errore si fa strada anche in azienda, ma in Italia è ancora un tabù. Eppure si può trasformare l’insuccesso in un punto di forza.

​«Nella mia carriera ho sbagliato più di 9.000 tiri. Ho perso quasi 300 partite. Ventisei volte, mi hanno dato la fiducia per fare il tiro vincente dell'ultimo secondo e ho sbagliato. Ho fallito più e più e più volte nella mia vita. È per questo che ho avuto successo». A parlare è l'ex cestista Usa Michael Jordan oggi principale azionista e presidente della squadra di pallacanestro degli Charlotte Hornets. 

Da un po' di tempo a questa parte la cultura dell'errore, la rivalutazione del fallimento, si sta facendo sempre più strada, specie nei Paesi anglosassoni. A muovere i primi passi in questa direzione è stata nel 2010  Melanie L. Stefan, docente della Scuola di Scienze Biomediche dell'Università di Edimburgo, che in un suo articolo pubblicato  sulla rivista Nature, esortava i lettori ad accompagnare il classico C.V. con uno dei propri fallimenti professionali.
Sei anni dopo a cogliere la provocazione è stato Johannes Haushofer, assistente docente di Psicologia alla Princeton University, che nel 2016 riprese l'idea lanciata dalla Stefan e decise di creare un documento a parte inserendo insuccessi scolastici e professionali (come articoli rifiutati, fondi per la ricerca non concessi e borse di studio non assegnategli), accompagnandolo al suo cv ufficiale. Obiettivo? Dimostrare come accanto a evidenti successi ci siano stati anche tanti sforzi andati a vuoto. Dopo di lui anche Bradley Voytek, PhD all'università di San Diego, decise di inserire all'interno del cv i suoi fallimenti, lì in bella mostra nero su bianco al fianco dei suoi successi, a disegnare un normale e umano percorso professionale. 

In Italia il fallimento è ancora un tabù

Ma diciamolo: in Italia non è ancora arrivato il tempo di mettere in evidenza i propri passi falsi professionali. Anzi, addirittura da noi la parola "fallimento", quando si parla di lavoro, è vissuta come un tabù, tanto che molti utilizzano erroneamente il termine "errore" come sinonimo, perché più soft. Quando in realtà sono due cose completamente diverse, «l'errore è lo strumento che porta al risultato del fallimento», afferma Domenico Piano, Head Hunter partner di Arpa consulting e Amministratore delegato di Op Solution, società specializzata in Outplacement, per il quale gli insuccessi fanno parte della vita di tutti noi sia privata sia professionale. 

Ma si sa, «l'Italia non è come gli Usa, dove è opinione comune che se una persona non ha avuto almeno un fallimento nella sua vita è incompleta. Da questo punto di vista la cultura americana è molto diversa dalla nostra. Noi non siamo ancora pronti per presentare a un recruiter il cv dei nostri fallimenti», dice l'esperto. Questo non significa però che dobbiamo nasconderli o fare finta che sia sempre andato tutto liscio. «Come head hunter non credo alle persone che vengono da me e parlano solo dei loro successi, qualche inciampo nel nostro cv l'abbiamo tutti, anche perché in un mercato del lavoro estremamente dinamico come quello attuale, gli insuccessi possono manifestarsi frequentemente e non sempre dipendono dal nostro operato», confida Piano.

Vietato nascondere gli insuccessi

Per questo è sempre meglio, in fase di colloquio, parlare anche delle proprie sconfitte, in modo chiaro, senza nascondere nulla. «Magari evidenziando come sono riuscito a emergere dal fallimento, come ho reagito e soprattutto cosa ho imparato da quella determinata situazione», consiglia Sergio Borra, fondatore e Amministratore delegato della società di formazione manageriale Dale Carnegie Italia.  Oppure, come ha fatto, Sara Rywe, consulente di Management, raccontare al recruiter o scrivere sul nostro cv, quali sono le competenze che ci mancano spiegando brevemente ciò che abbiamo fatto e quali sono state le spinte emotive nel cercare di raggiungere determinati obiettivi (come colloqui di lavoro e premi) prima di fallire, evidenziando le condizioni che avremmo dovuto soddisfare per avere successo.

Considera il fallimento come un livido non come un tatuaggio 

Dunque, vietato ignorare gli insuccessi. Impariamo invece ad analizzarli, interiorizzarli per trasformarli in punti di forza che solidificano e arricchiscono la nostra persona e la nostra professionalità. Vanno vissuti come occasioni di crescita e per farlo non bisogna subirli, ma viverli in maniera proattiva. 

L'esercizio non è dei più immediati, è vero, ma con la determinazione si può fare.
«Dopotutto il fallimento non esiste, se esiste il feedback», spiega Borra. «Ci sono cose che accadono, alcune sono positive e altre negative». E già questo approccio rappresenta un primo passo verso l'accettazione e la rielaborazione dell'insuccesso. «Un'altra cosa che dobbiamo aver chiara è il motivo del fallimento», continua il manager. «Lavorando come coach ho notato che coloro che hanno avuto carriere di successo sono persone che, nonostante risultati negativi, hanno sempre avuto presente i loro obiettivi e il significato di quello che volevano ottenere. Questo li ha aiutati a rielaborare il fallimento perché lo scopo finale ha fatto emergere in loro le risorse a cui attingere quando la situazione diventava impegnativa».
Non bisogna avere paura di avere paura, affrontare le proprie insicurezze è importante perché contribuisce ad aumentare la nostra autostima e quindi a essere più resilienti alle difficoltà.
«Mi piace sempre dire che tra il dire e il fare c'è di mezzo il coraggio», conclude Borra «che comprende la capacità di accettare attivamente i propri fallimenti, il che significa capire cosa si è imparato davvero da questo». Tu sei pronto a farlo?

 

 

Il brand fa rumore<img alt="" src="/society/PublishingImages/sonic%20brand.jpg" style="BORDER:0px solid;" />http://changes.unipol.it/society/Pagine/sonic-brand.aspxIl brand fa rumoreLa saturazione visiva, tra immagini, cartelli, video, porta le aziende a sviluppare canali sensoriali che consentano un livello maggiore di attenzione». Così esplode il sonic branding.GP0|#2ff1322d-0fe7-46e4-98d7-1a40e87f4c00;L0|#02ff1322d-0fe7-46e4-98d7-1a40e87f4c00|Society 3.0;GTSet|#e62eaae4-ff72-4b5a-a2d7-8fca6c2e6a45Elisa Venco2020-02-25T23:00:00Zhttp://changes.unipol.it
Siamo nell’era conversazionale <img alt="" src="/society/PublishingImages/era%20conversazionale.jpg" style="BORDER:0px solid;" />http://changes.unipol.it/society/Pagine/era-conversazionale.aspxSiamo nell’era conversazionale Il futuro della comunicazione? Altro che bot e machine learning. Lo “spirito aloha” aiuterà i brand anche nel rapporto con i clienti.GP0|#2ff1322d-0fe7-46e4-98d7-1a40e87f4c00;L0|#02ff1322d-0fe7-46e4-98d7-1a40e87f4c00|Society 3.0;GTSet|#e62eaae4-ff72-4b5a-a2d7-8fca6c2e6a45Giampaolo Colletti2020-02-19T23:00:00Zhttp://changes.unipol.it
La reputazione è di tutti<img alt="" src="/society/PublishingImages/reputazione%20aziende%20e%20digitale.jpg" style="BORDER:0px solid;" />http://changes.unipol.it/society/Pagine/la-reputazione-di-tutti.aspxLa reputazione è di tuttiIn una democrazia digitale le aziende diventano persone soggette al giudizio delle comunità a cui si rivolgono. Changes ne ha parlato con Daniele Chieffi, giornalista esperto di innovazione e docente universitario. GP0|#2ff1322d-0fe7-46e4-98d7-1a40e87f4c00;L0|#02ff1322d-0fe7-46e4-98d7-1a40e87f4c00|Society 3.0;GTSet|#e62eaae4-ff72-4b5a-a2d7-8fca6c2e6a45Roberta Caffaratti2020-02-18T23:00:00Zhttp://changes.unipol.it
L'uomo è buono o cattivo? <img alt="" src="/society/PublishingImages/buoni%20e%20cattivi.jpg" style="BORDER:0px solid;" />http://changes.unipol.it/society/Pagine/buoni-e-cattivi.aspxL'uomo è buono o cattivo? La domanda è un paradosso antico che divide il mondo in due. Richard Wrangham, dell'università di Harvard, ha pubblicato un saggio utile a far luce sull'evoluzione umana.GP0|#2ff1322d-0fe7-46e4-98d7-1a40e87f4c00;L0|#02ff1322d-0fe7-46e4-98d7-1a40e87f4c00|Society 3.0;GTSet|#e62eaae4-ff72-4b5a-a2d7-8fca6c2e6a45Luciano Canova2020-02-02T23:00:00Zhttp://changes.unipol.it
Le fake news? Sono uno spot<img alt="" src="/society/PublishingImages/inganni%20linguistici.jpg" style="BORDER:0px solid;" />http://changes.unipol.it/society/Pagine/fake-news.aspxLe fake news? Sono uno spotLe suggestioni del linguaggio pubblicitario sono diventate di uso quotidiano sui social media. Così le parole aiutano a fabbricare notizie false. Changes ne ha parlato con il linguista Edoardo Lombardi Vallauri.GP0|#2ff1322d-0fe7-46e4-98d7-1a40e87f4c00;L0|#02ff1322d-0fe7-46e4-98d7-1a40e87f4c00|Society 3.0;GTSet|#e62eaae4-ff72-4b5a-a2d7-8fca6c2e6a45Elisa Venco2020-01-22T23:00:00Zhttp://changes.unipol.it

 

 

Anziani, primo welfare d’Italia <img alt="" src="/society/PublishingImages/anziani%20welfare.jpg" style="BORDER:0px solid;" />http://changes.unipol.it/society/Pagine/anziani-welfare.aspxAnziani, primo welfare d’Italia Mantenere attivi gli over 65 è la priorità dell’Unione europea. Politiche sociali e iniziative come il cohousing e l’educazione intergenerazionale sono una buona risposta. Per migliorare la salute.GP0|#2ff1322d-0fe7-46e4-98d7-1a40e87f4c00;L0|#02ff1322d-0fe7-46e4-98d7-1a40e87f4c00|Society 3.0;GTSet|#e62eaae4-ff72-4b5a-a2d7-8fca6c2e6a45Nadia Anzani2017-10-22T22:00:00Zhttp://changes.unipol.it
Sorridi, sei al lavoro<img alt="" src="/society/PublishingImages/manager%20della%20felicità.jpg" style="BORDER:0px solid;" />http://changes.unipol.it/society/Pagine/aziende-manager-felicita.aspxSorridi, sei al lavoroI dipendenti felici producono di più e sono più creativi. Ad imparare la lezione per prime sono state le aziende americane come Google. E oggi sono sempre più numerose quelle che hanno al loro interno un manager della felicità. Cosa accade in Italia.GP0|#2ff1322d-0fe7-46e4-98d7-1a40e87f4c00;L0|#02ff1322d-0fe7-46e4-98d7-1a40e87f4c00|Society 3.0;GTSet|#e62eaae4-ff72-4b5a-a2d7-8fca6c2e6a45Nadia Anzani2017-05-01T22:00:00Zhttp://changes.unipol.it
Aziende: sfida re-generation<img alt="" src="/society/PublishingImages/formazione%20aziende.jpg" style="BORDER:0px solid;" />http://changes.unipol.it/society/Pagine/aziende-personale-sfida-regeneration-.aspxAziende: sfida re-generationNel 2034 gli over 50 nelle aziende italiane saranno 23 milioni. Le imprese si preparano all'invecchiamento della popolazione aziendale con politiche di active ageing e formazione.GP0|#884101ce-54ef-454e-bee5-326bcd6381da;L0|#0884101ce-54ef-454e-bee5-326bcd6381da|Close to you;GTSet|#e62eaae4-ff72-4b5a-a2d7-8fca6c2e6a45Nadia Anzani2017-03-13T23:00:00Zhttp://changes.unipol.it

SEGUI GRUPPO UNIPOL
TAG CLOUD