Gentile Utente, ti informiamo che questo sito fa uso di cookie propri e di altri siti al fine di rendere i propri servizi il più possibile efficienti e semplici da utilizzare.
Se vuoi saperne di più o esprimere le tue preferenze sull'uso dei singoli cookie, clicca qui
Se accedi ad un qualunque elemento sottostante questo banner, acconsenti all'uso dei cookie.
Changes - il magazine del Gruppo Unipol > Smart working: l'Italia è un'eccellenza

Smart working: l'Italia è un'eccellenza

Society 3.0

La legge sullo smart working, approvata in via definitiva lo scorso 10 maggio dopo un iter di 15 mesi, sta per compiere un anno. L’impianto della norma risulta adeguato perché enuncia principi e non inserisce vincoli troppo stretti.

La legge sul lavoro agile sta per compiere un anno: risale allo scorso 10 maggio l'approvazione finale della legge, che ha segnato la chiusura di un iter approvativo durato circa 15 mesi. L'impianto della legge risulta adeguato perché enuncia principi e non inserisce vincoli troppo stretti. Le nuove norme hanno l'importante ruolo di contribuire a superare gli ostacoli di natura culturale alla diffusione dello smart working come leva per una nuova organizzazione del lavoro e come stimolo alla trasformazione delle relazioni industriali.

La norma enuncia e disciplina alcuni aspetti come il principio di volontarietà e la necessità di un accordo scritto concordato tra datore di lavoro e lavoratore, che espliciti l'esecuzione della prestazione lavorativa al di fuori dei locali aziendali, la durata dell'accordo, il rispetto dei tempi di riposo e del diritto alla disconnessione e le modalità di recesso. Altri elementi rilevanti sono la parità di trattamento economico e normativo, il diritto all'apprendimento permanente e gli aspetti legati alla salute e alla sicurezza; i lavoratori agili sono tutelati in caso di infortuni e malattie professionali per quelle prestazioni che decidono di effettuare all'esterno dei locali aziendali sia quando si trovano in itinere.

L'evoluzione normativa va sicuramente incontro alle esigenze di piccole e medie aziende e pubbliche amministrazioni, settori in cui sono ad oggi poco diffuse iniziative di smart working soprattutto per via di un forte pregiudizio culturale oltre che a timori e perplessità legate all'assenza di un riferimento normativo.

Nel settore pubblico, in particolare, l'approvazione della legge congiuntamente alle iniziative promosse dal Dipartimento Pari opportunità e la direttiva della riforma Madia hanno contribuito a sviluppare maggiore sensibilità e conoscenza sul tema. Non stupisce pertanto che, nell'ultima rilevazione dell'Osservatorio Smart Working del Politecnico di Milano, sono pochi gli enti che dichiarano di non conoscere per nulla il concetto di Smart Working e che quasi la metà del campione (48%) dichiari interesse per una prossima introduzione. Le iniziative presenti sono però molto limitate e spesso in fase sperimentale e vedono il coinvolgimento di una popolazione molto contenuta.

Nelle grandi organizzazioni private, invece, il fatto che le sperimentazioni attivate nel corso degli anni non solo siano rimaste attive, ma siano sempre più diffuse e pervasive all'interno delle imprese è un evidente segno che, al di là di un effetto moda, queste portino benefici concreti alle aziende e alle persone. Oltre la metà delle grandi imprese coinvolte nella rilevazione dell'Osservatorio si è già mosso o si sta muovendo in questo senso: la maggior parte delle organizzazioni ha già dato il via a iniziative strutturate di smart working (36%), altre hanno adottato questa modalità gestendola in modo informale (7%), oppure hanno intenzione di introdurre lo Smart Working entro i prossimi 12 mesi (9%).

Al di là della normativa vigente, è importante ricordare che lo smart working rappresenta una grande opportunità di contribuire a ripensare il lavoro del futuro, per avere imprese e pubbliche amministrazioni più produttive e intelligenti, lavoratori più motivati e capaci di sviluppare i propri talenti e le proprie passioni e una società più giusta, sostenibile e inclusiva.

In futuro si dovrà lavorare affinché la progressiva estensione dello smart working coinvolga nuove attività e nuovi profili professionali ad oggi esclusi. Con la crescente diffusione di nuove tecnologie digitali e l'evoluzione delle professionalità che avverrà grazie all'Industria 4.0, il bacino di potenziali smart worker diventerà sempre più ampio, andando ad includere mestieri che ad oggi paiono ancora molto distanti da questo nuovo approccio, come ad esempio gli operai o i manutentori. Affinché ciò sia possibile la tecnologia non basta, bisognerà porre una grande attenzione alla formazione e allo sviluppo di competenze, considerando che i comportamenti digitali sono una condizione essenziale di cittadinanza e di inclusione nel mondo del lavoro. Il sistema educativo deve occuparsi di tutti quei lavoratori che hanno bisogno di acquisire una serie di competenze, di abitudini, di strumenti di collaborazione che permetteranno loro di essere inclusi e di potere essere parte di questo fenomeno di innovazione e trasformazione.  

 

 

Consumi: lo scenario oltre il Covid<img alt="" src="/PublishingImages/consumi-covid-sociale.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/consumi-scenario-oltre-covidConsumi: lo scenario oltre il CovidIl virus ci ha riportato al vissuto intenso degli a-priori kantiani: il tempo e lo spazio. Ha ridisegnato la giusta distanza ma anche il giusto ritmo. Conseguenze e strategie. Francesco-Morace2020-09-13T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Il DNA è già un business<img alt="" src="/PublishingImages/business%20dna.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/business-dnaIl DNA è già un businessUn’analisi del MIT stima che entro il 2021 saranno oltre 100 milioni le persone censite attraverso i geni. Così la scienza aiuta il marketing sulla strada di consumi personalizzati e nuove esperienze di acquisto.Elisa-Venco2020-09-06T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
L’era della fiducia sospesa<img alt="" src="/PublishingImages/fiducia%20sospesa.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/era-fiducia-sospesaL’era della fiducia sospesaLo sviluppo economico post virus va verso una società della sfiducia oppure verso modelli più collaborativi e solidaristici? Per ora avanza l’economia sospesa che si basa sulla relazione tra brand e consumatore.Luca-Politi2020-08-26T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Estate italiana: in vacanza con il virus<img alt="" src="/PublishingImages/covid%20vacanze.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/vacanze-covidEstate italiana: in vacanza con il virusAl mare o in montagna si afferma una nuova sostenibilità legata alla responsabilità sociale degli operatori turistici. Il viaggio è cambiato.Roberta-Lazzarini2020-08-05T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Mobilità: diesel contro monopattino <img alt="" src="/PublishingImages/diesel%20monopattino.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/evoluzione-centri-urbaniMobilità: diesel contro monopattino Le città possono essere il centro dello sviluppo armonico di un paese o il motore che lo porta fuori giri. Il cuore di un sistema circolatorio di energia, nel complesso efficiente, o cittadelle fortificate di ricchi pensionati.Antonio-Belloni2020-08-04T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it

 

 

Quanti pensieri nella testa del digital consumer<img alt="" src="/PublishingImages/digital%20consumer%20covid.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/digital-consumer-covidQuanti pensieri nella testa del digital consumerLa tecnologia digitale agisce sempre di più sul nostro modo di pensare e di acquistare. Un fenomeno amplificato dall’epidemia di Coronavirus.Vittorio-Verdone2020-09-09T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Vita e lavoro racchiusi in uno schermo <img alt="" src="/PublishingImages/videocentrismo.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/videocentrismoVita e lavoro racchiusi in uno schermo In questo 2020 così surreale l’esperienza videocentrica ha subito un’accelerazione senza precedenti. E il video è diventato un riflesso su cui incentrare la nostra vita quotidiana e il lavoro a distanza.Giampaolo-Colletti2020-09-08T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Il DNA è già un business<img alt="" src="/PublishingImages/business%20dna.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/business-dnaIl DNA è già un businessUn’analisi del MIT stima che entro il 2021 saranno oltre 100 milioni le persone censite attraverso i geni. Così la scienza aiuta il marketing sulla strada di consumi personalizzati e nuove esperienze di acquisto.Elisa-Venco2020-09-06T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it

SEGUI GRUPPO UNIPOL
TAG CLOUD