Gentile Utente, ti informiamo che questo sito fa uso di cookie propri e di altri siti al fine di rendere i propri servizi il più possibile efficienti e semplici da utilizzare.
Se vuoi saperne di più o esprimere le tue preferenze sull'uso dei singoli cookie, clicca qui
Se accedi ad un qualunque elemento sottostante questo banner, acconsenti all'uso dei cookie.
Changes - il magazine del Gruppo Unipol > Siamo pronti alla società dei Big Data

Siamo pronti alla società dei Big Data

Society 3.0

L’era digitale ha smesso, da tempo, di essere il nostro prossimo futuro per trasformarsi nel quotidiano presente, ma la consapevolezza su ciò che sta accadendo è molto lontana. Maria Grazia Mattei immagina per Changes nuovi modi di vivere.

​​​​​​​Non è più eretico pensare alle tecnologie come a una realtà dentro cui ci muoviamo, ma cresce il bisogno di costruzione di senso rispetto alle conseguenze, alle potenzialità o agli effetti collaterali che questo nuovo status quo comporta. Da più di 11 anni, con Meet the Media Guru lavoriamo per liberare la cultura digitale dalla facile equazione che la associa al “tecnologismo”. Per disinnescare l’automatismo ci siamo fatti aiutare da decine di ospiti internazionali come Don Norman, Lawrence Lessig, Carlo Ratti​, Lev Manovich, Hiroshi Ishii e molti altri che, dal 2005 ad oggi, hanno scandagliato con noi e la nostra community tendenze e paradigmi emergenti a livello economico, sociale e culturale evidenziando il comune substrato digitale. Lungo il percorso abbiamo ritracciato alcuni “universali” della Digital Age, un possibile set di valori capaci di rispondere alle esigenze emergenti nei prossimi dieci anni, le nostre Future Ways of Living. L’elemento chiave emerso in questo processo di analisi, disseminazione di stimoli e idee e successiva “raccolta” è che una riprogettazione dei nostri sistemi sociali è più che mai necessaria e il decennio 2016-2026 offre lo spazio di innovazione che cerchiamo.
Andiamo verso un futuro dove interoperabilità, trasparenza dell’informazione, accesso globale alla connettività e sistemi di comunicazione avanzati non possono che integrarsi. Grazie al coordinamento garantito dai sistemi tecnologici, i confini giuridici e geografici appaiano sempre meno rilevanti per le nuove generazioni e presto saranno definitivamente superati. Mentre l’accesso alla connettività diventa un vero e proprio diritto umano di base, la sensazione è che cresca a ritmo vertiginoso il disordine digitale. Un effetto collaterale che può essere risolto per mezzo di sistemi e piattaforme avanzate che trasformino lo user in policy maker.  

I Big Data plasmano il contesto sociale e creano nuovi modi di vivere

Tutte queste riflessioni si fondano sui Big Data, moli enormi di dati da raccogliere, analizzare e sintetizzare. Sono queste informazioni a costruire le fondamenta di sistemi complessi potenzialmente accessibili a chiunque in qualunque parte del mondo. Parliamo di sistemi di raccolta e mapping di informazioni che permettano di riplasmare il contesto sociale e la realtà con modalità più democratiche e inclusive. Questo processo (se virtuoso) non può che portare a un miglioramento nell’uso dell’energia e delle risorse così come a un potenziamento della produttività e creatività umane. Le nostre Future Ways of Living hanno come obiettivo quello di espandere il concetto di cittadinanza, coinvolgendo i cittadini nel processo di creazione e gestione dei sistemi su cui si regge la società.
Questo insieme di idee e visioni ha portato alla creazione di “imperativi”, un nuovo set di valori in grado di progettare sistemi che rispondano alle nostre vere esigenze in modo adeguato. I prossimi 10 anni ci chiederanno di essere sempre più aperti, creativi, empatici, flessibili e resilienti (e meno chiusi, rigidi, pessimisti, avari, critici). Di fronte a noi c’è la sfida di una serie di paradigmi da ribaltare, siamo pronti a farlo? 


 

 

Il virus non esiste<img alt="" src="/PublishingImages/covid%20disinformazione.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/disinformazione-covidIl virus non esisteCome nasce lo scetticismo selettivo che porta a non fidarsi dei canali ufficiali di informazione. Changes ne ha parlato con Fabio Paglieri autore di “La disinformazione felice. Cosa ci insegnano le bufale”.Elisa-Venco2020-06-30T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Le relazioni al tempo del post Covid<img alt="" src="/PublishingImages/relazioni%20post%20covid.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/comportamenti-post-covidLe relazioni al tempo del post CovidSi ridefiniscono le dinamiche di lavoro e di vita quotidiana, ma mancano le istruzioni per l’uso. Le storie dopo il virus.Giampaolo-Colletti2020-06-28T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Lavoro: la rivoluzione degli orari<img alt="" src="/PublishingImages/lavoro%20smart%20orari%20covid.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/lavoro-covid-come-cambiaLavoro: la rivoluzione degli orariIl Covid19 sta accelerando una tendenza in atto: il tempo del lavoro sta perdendo i normali punti di riferimento. Antonio-Belloni2020-06-25T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Ora è tempo di smart mobility<img alt="" src="/PublishingImages/covid%20smart%20mobility.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/covid-smart-mobilityOra è tempo di smart mobilityLe conseguenze della pandemia impongono un ripensamento delle città, della vita e del lavoro delle persone che non può non avere un impatto sui mezzi di trasporto. Per risolvere le criticità servirà affidarsi alle nuove tecnologie.Rosario-Murgida2020-06-17T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Marketing: comunicare adesso è più facile<img alt="" src="/PublishingImages/marketing-coronavirus.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/marketing-coronavirusMarketing: comunicare adesso è più facileLo tsunami sanitario che ha travolto il mondo in questa prima metà del 2020 ha anche riscritto le regole della comunicazione commerciale. Si esce quindi dalla fase emergenziale con alcune lezioni da tenere bene a mente. Claudio-Plazzotta2020-06-07T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it

 

 

Ora è tempo di smart mobility<img alt="" src="/PublishingImages/covid%20smart%20mobility.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/covid-smart-mobilityOra è tempo di smart mobilityLe conseguenze della pandemia impongono un ripensamento delle città, della vita e del lavoro delle persone che non può non avere un impatto sui mezzi di trasporto. Per risolvere le criticità servirà affidarsi alle nuove tecnologie.Rosario-Murgida2020-06-17T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Serve un welfare di comunità<img alt="" src="/PublishingImages/welfare%20webinar%20cimbri.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/welfare-cimbriServe un welfare di comunitàAlleanza tra pubblico, privato e no profit per creare un sistema incisivo. Carlo Cimbri, CEO Gruppo Unipol, e Giuseppe Guzzetti, già Presidente Fondazione Cariplo ne parlano a un incontro del Think Tank “Welfare Italia” e The European House–Ambrosetti.Redazione-Changes2020-06-18T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Il digitale fa ancora paura<img alt="" src="/PublishingImages/paure%20digitali.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/paure-digitaliIl digitale fa ancora pauraUn italiano su due crede che le informazioni memorizzate sui propri dispositivi digitali non siano al sicuro. I dati dell’Osservatorio Europeo sulla Sicurezza Demos&Pi-Fondazione Unipolis presentati a Data Vision & Data Value organizzato da Gruppo Unipol.Redazione-Changes2020-06-24T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it

SEGUI GRUPPO UNIPOL
TAG CLOUD