Gentile Utente, ti informiamo che questo sito fa uso di cookie propri e di altri siti al fine di rendere i propri servizi il più possibile efficienti e semplici da utilizzare.
Se vuoi saperne di più o esprimere le tue preferenze sull'uso dei singoli cookie, clicca qui
Se accedi ad un qualunque elemento sottostante questo banner, acconsenti all'uso dei cookie.
Changes - il magazine del Gruppo Unipol > Siamo pronti alla società dei Big Data

Siamo pronti alla società dei Big Data

Society 3.0

L’era digitale ha smesso, da tempo, di essere il nostro prossimo futuro per trasformarsi nel quotidiano presente, ma la consapevolezza su ciò che sta accadendo è molto lontana. Maria Grazia Mattei immagina per Changes nuovi modi di vivere.

​​​​​​​Non è più eretico pensare alle tecnologie come a una realtà dentro cui ci muoviamo, ma cresce il bisogno di costruzione di senso rispetto alle conseguenze, alle potenzialità o agli effetti collaterali che questo nuovo status quo comporta. Da più di 11 anni, con Meet the Media Guru lavoriamo per liberare la cultura digitale dalla facile equazione che la associa al “tecnologismo”. Per disinnescare l’automatismo ci siamo fatti aiutare da decine di ospiti internazionali come Don Norman, Lawrence Lessig, Carlo Ratti​, Lev Manovich, Hiroshi Ishii e molti altri che, dal 2005 ad oggi, hanno scandagliato con noi e la nostra community tendenze e paradigmi emergenti a livello economico, sociale e culturale evidenziando il comune substrato digitale. Lungo il percorso abbiamo ritracciato alcuni “universali” della Digital Age, un possibile set di valori capaci di rispondere alle esigenze emergenti nei prossimi dieci anni, le nostre Future Ways of Living. L’elemento chiave emerso in questo processo di analisi, disseminazione di stimoli e idee e successiva “raccolta” è che una riprogettazione dei nostri sistemi sociali è più che mai necessaria e il decennio 2016-2026 offre lo spazio di innovazione che cerchiamo.
Andiamo verso un futuro dove interoperabilità, trasparenza dell’informazione, accesso globale alla connettività e sistemi di comunicazione avanzati non possono che integrarsi. Grazie al coordinamento garantito dai sistemi tecnologici, i confini giuridici e geografici appaiano sempre meno rilevanti per le nuove generazioni e presto saranno definitivamente superati. Mentre l’accesso alla connettività diventa un vero e proprio diritto umano di base, la sensazione è che cresca a ritmo vertiginoso il disordine digitale. Un effetto collaterale che può essere risolto per mezzo di sistemi e piattaforme avanzate che trasformino lo user in policy maker.  

I Big Data plasmano il contesto sociale e creano nuovi modi di vivere

Tutte queste riflessioni si fondano sui Big Data, moli enormi di dati da raccogliere, analizzare e sintetizzare. Sono queste informazioni a costruire le fondamenta di sistemi complessi potenzialmente accessibili a chiunque in qualunque parte del mondo. Parliamo di sistemi di raccolta e mapping di informazioni che permettano di riplasmare il contesto sociale e la realtà con modalità più democratiche e inclusive. Questo processo (se virtuoso) non può che portare a un miglioramento nell’uso dell’energia e delle risorse così come a un potenziamento della produttività e creatività umane. Le nostre Future Ways of Living hanno come obiettivo quello di espandere il concetto di cittadinanza, coinvolgendo i cittadini nel processo di creazione e gestione dei sistemi su cui si regge la società.
Questo insieme di idee e visioni ha portato alla creazione di “imperativi”, un nuovo set di valori in grado di progettare sistemi che rispondano alle nostre vere esigenze in modo adeguato. I prossimi 10 anni ci chiederanno di essere sempre più aperti, creativi, empatici, flessibili e resilienti (e meno chiusi, rigidi, pessimisti, avari, critici). Di fronte a noi c’è la sfida di una serie di paradigmi da ribaltare, siamo pronti a farlo? 


 

 

Lavoro: quanto conta il purpose personale<img alt="" src="/PublishingImages/purpose%20personale.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/purpose-personaleLavoro: quanto conta il purpose personaleCosa voglio fare davvero da grande? E soprattutto, chi voglio essere? Le domande da farsi per trovare il proprio scopo, esattamente come fa un’azienda.Giulio-Xhaet2021-07-25T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Il sacerdote dei numeri<img alt="" src="/PublishingImages/numeri%20non%20mentono.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/numeri-non-mentonoIl sacerdote dei numeriVaclav Smil è un cavallo di razza della saggistica internazionale e quando esce un suo libro è sempre un evento, al punto che Bill Gates lo ha inserito nel suo pantheon dei grandi intellettuali di riferimento. Ma che ha di speciale Smil?Luciano-Canova2021-07-18T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Privacy e big data: a che punto siamo<img alt="" src="/PublishingImages/big%20data%20privacy.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/dati-sensibili-privacyPrivacy e big data: a che punto siamoL'uso dell'intelligenza artificiale ha suscitato la preoccupazione di molti utenti riguardo all’utilizzo dei propri dati sensibili. Differential Privacy e Federated Learning sono la soluzione proposta a questo problema da aziende come Google ed Apple.Pier-Paolo-Ippolito2021-07-14T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Il vero genio è tanto sudore e tanti errori<img alt="" src="/PublishingImages/idea.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/ideaIl vero genio è tanto sudore e tanti erroriA guardare la storia dell’imprenditoria non si hanno dubbi: è la “perspiration” o sudore a fare la differenza. Partiamo dall’esperienza di Thomas Edison per riflettere su come imparare dagli errori e su come adattarsi al cambiamento continuo. Filippo-Poletti2021-07-11T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
I nuovi confini del lavoro<img alt="" src="/PublishingImages/confini%20lavoro.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/confini-lavoroI nuovi confini del lavoroDallo smart working al near working, il lavoro di prossimità è una delle eredità della pandemia. L’obiettivo è continuare a fidelizzare la forza lavoro, soprattutto i giovani.Nadia-Anzani2021-06-27T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it

 

 

Il virus nemico del sonno <img alt="" src="/PublishingImages/covid%20sonno.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/covid-sonnoIl virus nemico del sonno Il diffondersi della pandemia ha modificato le abitudini notturne delle persone e ha cambiato il tempo e la qualità del dormire. Le ricadute sulla salute.Roberta-Lazzarini2021-01-26T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Come natura suona<img alt="" src="/PublishingImages/suoni%20natura.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/suoni-naturaCome natura suonaEstrarre vibrazioni dalla natura e dall'ambiente circostante grazie alla tecnologia. Il progetto di Max Casacci che ci porta ad ascoltare la Terra.Carlo-Bordone2021-07-13T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Privacy e big data: a che punto siamo<img alt="" src="/PublishingImages/big%20data%20privacy.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/dati-sensibili-privacyPrivacy e big data: a che punto siamoL'uso dell'intelligenza artificiale ha suscitato la preoccupazione di molti utenti riguardo all’utilizzo dei propri dati sensibili. Differential Privacy e Federated Learning sono la soluzione proposta a questo problema da aziende come Google ed Apple.Pier-Paolo-Ippolito2021-07-14T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it

SEGUI GRUPPO UNIPOL
TAG CLOUD