Gentile Utente, ti informiamo che questo sito fa uso di cookie propri e di altri siti al fine di rendere i propri servizi il più possibile efficienti e semplici da utilizzare.
Se vuoi saperne di più o esprimere le tue preferenze sull'uso dei singoli cookie, clicca qui
Se accedi ad un qualunque elemento sottostante questo banner, acconsenti all'uso dei cookie.
Changes - il magazine del Gruppo Unipol > Senza api la nostra dieta è a rischio

Senza api la nostra dieta è a rischio

Environment

Da questi insetti dipende l’impollinazione di 71 delle 100 più importanti piante alimentari utilizzate dall’uomo. Ecco perché la loro riduzione preoccupa scienziati e agricoltori.

«Se l'ape scomparisse dalla faccia della terra, all'uomo non resterebbero che quattro anni di vita». Questa previsione catastrofica è di solito attribuita ad Albert Einstein ma non sono pochi a pensarla allo stesso modo. Non è un caso, infatti, se già nel 2016 il governo degli Usa abbia deciso di inserire proprio questi insetti nella lista della fauna meritevole di una tutela speciale.

Per quale motivo un animale così piccolo, all'apparenza insignificante, risulta tanto prezioso per l'umanità? In primo luogo perché le api rientrano nella categoria degli impollinatori che hanno il gravoso compito di trasportare il granulo di polline da un fiore alla cellula uovo di un fiore di un'altra pianta della stessa specie garantendo la fecondazione. L'impollinazione da parte degli insetti è fondamentale per mantenere inalterata la biodiversità vegetale dell'ecosistema del quale fanno parte non solo le piante spontanee ma anche quelle coltivate, centrali per la nostra alimentazione. Da qui l'allarme lanciato diverso tempo fa anche dalla Fao, l'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura: nel mondo delle 100 colture più importanti per la sopravvivenza dell'essere umano, 71 sono impollinate dalle api. Soltanto in Europa sono ben 4mila le varietà agricole che dipendono dalle api con in prima fila zucchini, mele, fragole e mandorle.

«Secondo alcuni studi parte della responsabilità della moria delle api è di alcuni pesticidi neonicotinoidi tanto che l'Unione europea sta pensando a una stretta», spiega il noto entomologo Enzo Moretto, direttore e fondatore di "Butterfly Arc" e della stazione bacologica "Esapolis" di Padova. Una recente ricerca condotto dall'Università di Berna, in Svizzera, ha messo in evidenza che queste sostanze potrebbero funzionare come una sorta di "contraccettivo" per i fuchi, i maschi delle api, causando una forte flessione della fertilità, fino al 39%, e spopolando quindi le arnie.

«I pesticidi non rappresentano l'unico effetto negativo dell'agricoltura intensiva basato sulla monocoltura. Il bene più prezioso che rischiamo di perdere – continua Moretto – è quello della biodiversità la cui riduzione ha effetti molto negativi sulle api che di solito devono disporre di diversi tipi di polline e nettare per la loro sopravvivenza. Inoltre vorrei ricordare che l'insetto di cui stiamo parlando, la comune ape domestica, l'apis mellifera, è ormai il prodotto di una lunga selezione guidata dall'uomo ed essendo indebolita risulta incapace di affrontare con successo le sfide che si trova di fronte. Per questo motivo si sta cercando di selezionare api più resistenti e per certi aspetti meno docili: si è notato infatti che la maggiore aggressività garantisce il successo non solo in termini di difesa dell'alveare dagli attacchi dei parassiti, ma anche in quello della raccolta di nettare e di polline».

Api deboli perché meno selvatiche

Questo piccolo insetto, quindi, è sottoposto a una pressione "letale" da parte non solo dei pesticidi, ma anche di una certa apicoltura che per aumentare la produzione di miele è intervenuta in maniera invasiva sul suo Dna. Ne è convinto anche Paolo Fontana, entomologo di fama mondiale, coordinatore del gruppo apicoltura della Fondazione Mach di San Michele all'Adige, vicino Trento, che sottolinea come prima dell'avvento dell'acaro Varroa, responsabile della distruzione di un numero elevatissimo di colonie, in ogni albero cavo, in ogni fessura della roccia ci fosse un alveare. «Queste api 'selvatiche' si incrociavano con quelle degli apicoltori, erroneamente considerate 'domestiche', in un'area di 10-15 chilometri, garantendo una variabilità genetica che consentiva una migliore risposta alle sfide ambientali. Purtroppo gli alveari selvatici sono scomparsi quasi dappertutto. Come se non bastasse l'uomo ha imparato ad allevare le api regine moltiplicando, anche per migliaia di volte, le caratteristiche che rispondevano maggiormente alle loro esigenze con il risultato, però, di impoverire il patrimonio genetico delle colonie. Gli alveari sono quindi sempre più spesso incapaci di affrontare adeguatamente gli assalti dei parassiti, dei pesticidi e negli ultimi anni anche dei cambiamenti climatici. Si pensi agli inverni miti seguiti da gelate repentine: queste anomalie sconvolgono i ritmi vitali delle api che possono essere indotte a riprodursi in periodi sbagliati, quando la disponibilità di risorse alimentari è scarsissima».

L'ape mellifera è una risorsa inestimabile che popolava originariamente quasi tutta l'Europa, l'Africa, il Madagascar, gran parte della Penisola arabica, l'Asia minore e una piccola zona di quella centrale. A livello locale, però, questo insetto si è adattato fino a sviluppare delle sottospecie: quindi, per esempio, le api che si trovano in Sicilia sono differenti da quelle del resto dell'Italia dove si sono sviluppate abituandosi a piante e a un clima molto diversi. «Il problema è che gli apicoltori – continua Fontana – hanno introdotto per ragioni commerciali api provenienti da altre regioni europee, con gravi ripercussioni sugli equilibri interni degli alveari: questi insetti, infatti, presentano modalità di comunicazione complesse e strategie etologiche differenti da sottospecie a sottospecie. Per esempio le api del Sud Italia o delle zone aride registrano due picchi di popolazione, uno in primavera e uno in autunno, quelle che vivono in aree più fredde, uno solo, in estate. Ogni sottospecie presenta quindi un elevato livello di adattamento al proprio habitat ecco perché diventa fondamentale non interferire ma piuttosto difendere le popolazioni locali partendo dall'assunto che l'ape è anche garante della conservazione degli specifici ecosistemi delle singole aree».

Cambiamenti climatici, impoverimento genetico, pesticidi: ecco il motivo per cui le api sono assediate e il loro numero diminuisce a un ritmo piuttosto elevato. «Difficile quantificare l'emergenza ma abbiamo registrato annate – spiega l'entomologo - in cui si è stimata una perdita di alveari anche del 40%. Oggi l'apicoltura considera una moria del 10% come funzionale. Ma il vero problema è che le nostre api hanno sempre maggiori difficoltà a trovare il loro cibo più prezioso, il polline da cui ricavano i lipidi, gli aminoacidi e le proteine, a causa della carenza di fiori, sempre meno presenti nei nostri ambienti».

Per questo motivo l'impegno di scienziati e apicoltori è sempre più indirizzato verso la valorizzazione delle specie locali di api attraverso la reintroduzione ma anche per mezzo di campagne di informazione a vantaggio dei produttori di miele: «La sostenibilità – conclude Fontana - è il modo più idoneo per fare reddito: quello che produciamo al di fuori dei concetti di rispetto dell'ambiente è un guadagno apparente che poi ci costerà moltissimo nel medio-lungo periodo in termini di ricadute ambientali, alimentari e sociali. È necessario un profondo cambio di mentalità ma alla fine saremo tutti ad averne un vantaggio». 

 

 

Il business del climate litigation<img alt="" src="/PublishingImages/climate%20litigation.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/climate-litigationIl business del climate litigationC’è una crescita esponenziale nel mondo per le cause e i contenziosi giuridici provocati dalla crisi climatica. Sul banco degli imputati anche gli Stati. Difendere il Pianeta diventa un affare legale.Andrea-Di-Turi2020-07-29T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
La decrescita felice è un’illusione<img alt="" src="/PublishingImages/coronavirus%20decrescita%20felice.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/covid-decrescita-feliceLa decrescita felice è un’illusioneNell’economia post virus tutta da costruire abbiamo l’occasione di dare vita a un ciclo costruttivo e risuonante fra benessere umano e del pianeta.Grammenos-Mastrojeni2020-07-22T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Ripartire da aree verdi e paesaggio <img alt="" src="/PublishingImages/tutela%20paesaggio.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/tutela-paesaggioRipartire da aree verdi e paesaggio Ogni abitante italiano ha in “carico” oltre 380 m2 di superfici occupate da cemento, asfalto o altri materiali artificiali, un valore che cresce di quasi 2 m2 ogni anno. La pandemia ha esasperato le criticità.Roberta-Lazzarini2020-07-15T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Una finanza più «biodiversa» al servizio del pianeta<img alt="" src="/PublishingImages/finanza%20biodiversa.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/finanza-biodiversaUna finanza più «biodiversa» al servizio del pianetaCosa si sta facendo per liberare e investire risorse nel contrasto alla perdita della variabilità degli organismi viventi. Un tema non solo ambientale ma sociale, economico, finanziario.Andrea-Di-Turi2020-07-08T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Nuove armi contro il Covid-19<img alt="" src="/PublishingImages/covid%20punto%20debole.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/covid-tallone-dachilleNuove armi contro il Covid-19Continua la lotta al coronavirus nei laboratori di tutto il mondo. In prima fila anche i ricercatori italiani le cui scoperte aprono scenari inediti nella lotta alla pandemia. Ecco gli studi condotti dal CNR/ISPRO e all’Università di Pavia.Roberto-Valguarnera2020-07-01T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it

 

 

Quanti pensieri nella testa del digital consumer<img alt="" src="/PublishingImages/digital%20consumer%20covid.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/digital-consumer-covidQuanti pensieri nella testa del digital consumerLa tecnologia digitale agisce sempre di più sul nostro modo di pensare e di acquistare. Un fenomeno amplificato dall’epidemia di Coronavirus.Vittorio-Verdone2020-09-09T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Vita e lavoro racchiusi in uno schermo <img alt="" src="/PublishingImages/videocentrismo.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/videocentrismoVita e lavoro racchiusi in uno schermo In questo 2020 così surreale l’esperienza videocentrica ha subito un’accelerazione senza precedenti. E il video è diventato un riflesso su cui incentrare la nostra vita quotidiana e il lavoro a distanza.Giampaolo-Colletti2020-09-08T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Il DNA è già un business<img alt="" src="/PublishingImages/business%20dna.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/business-dnaIl DNA è già un businessUn’analisi del MIT stima che entro il 2021 saranno oltre 100 milioni le persone censite attraverso i geni. Così la scienza aiuta il marketing sulla strada di consumi personalizzati e nuove esperienze di acquisto.Elisa-Venco2020-09-06T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it

SEGUI GRUPPO UNIPOL
TAG CLOUD