Gentile Utente, ti informiamo che questo sito fa uso di cookie propri e di altri siti al fine di rendere i propri servizi il più possibile efficienti e semplici da utilizzare.
Se vuoi saperne di più o esprimere le tue preferenze sull'uso dei singoli cookie, clicca qui
Se accedi ad un qualunque elemento sottostante questo banner, acconsenti all'uso dei cookie.
Changes - il magazine del Gruppo Unipol > La musica dopo Sanremo

La musica dopo Sanremo

Society 3.0

La pandemia ha impattato duramente sull'industria dei live musicali. I grandi festival, i locali e gli artisti si stanno attrezzando per riportare il pubblico sotto i palchi, tra rigore e un po' di sana follia.

​​“Che succede?". La domanda che esattamente un anno fa si poneva un fintamente spaesato Morgan sul palco sanremese del Teatro Ariston, mentre il suo collega Bugo lo piantava in asso, non solo è diventata tormentone social e fonte di infiniti meme ma ha assunto una involontaria rilevanza profetica. Chi poteva sapere cosa sarebbe successo, su scala planetaria, da lì a poche settimane? Chi può davvero spiegare “che succede" nel 2021, dopo un anno di pandemia, alla musica dal vivo? Più precisamente: che succederà ai festival rock, pop, jazz, di musica classica o elettronica,mentre si naviga ancora a vista nel mare agitato della lotta al Covid-19 e nessuno comprensibilmente osa fare previsioni?

Inevitabile che fosse un comparto come quello dei live musicali, nel cui Dna è inscritto il concetto stesso di “assembramento", a soffrire maggiormente le norme di distanziamento sociale, al pari e forse più (in prospettiva) di cinema, teatri e musei. Un ambito nel quale tutto è congelato da un anno e si teme potrà rimanere ancora a lungo, con le ovvie e disastrose ripercussioni economiche su un indotto che parte dagli artisti e prosegue con organizzatori, maestranze, tecnici, operatori alberghieri e della ristorazione, service e così via. In attesa di certezze a lungo termine che solo il piano vaccinale potrà dare, il mondo della musica sta cercando soluzioni di vario genere: da quelle “scientifiche" a quelle più fantasiose, passando da quelle semplicemente goffe e inadeguate. Partiamo da queste ultime e, nuovamente, dal Festival di Sanremo. Dopo settimane di polemiche, il Comitato Tecnico Scientifico ha posto l'aut-aut: niente pubblico in sala, oppure niente Festival. A nulla sono valse le disquisizioni terminologiche (per cui Sanremo sarebbe da considerare un evento televisivo e non teatrale) e neppure idee surreali come quella di riempire l'Ariston con un pubblico di figuranti, a due a due conviventi.  Come se un virus facesse differenza tra pubblico vero e “finto". Tanto valeva, a questo punto, proporre una platea di cartonati.

Oppure farsi venire un'alzata d'ingegno come quella dei Flaming Lips. Questi ultimi sono una gloriosa, e oggi un po' stagionata, band americana di rock alternativo che ha spesso sperimentato modalità psichedeliche e al limite dell'assurdo di riproduzione e presentazione della propria musica. Ad esempio un concerto per centinaia di auto parcheggiate le cui radio dovevano riprodurre all'unisono lo stesso nastro, oppure un disco che poteva essere riprodotto solo da quattro sistemi stereo contemporaneamente. L'ultima follia del gruppo è stata un concerto nel loro Oklahoma nel quale sia i musicisti che il pubblico erano avvolti da bolle trasparenti. Dentro ognuna di queste potevano stare fino a tre persone – ovviamente “congiunti" –  con uno speaker, una bottiglia d'acqua, un ventilatore a batterie e un segnale luminoso da accendere quando si doveva andare alla toilette (con intervento di inservienti opportunamente mascherinati). Divertente, ma anche parecchio inquietante. Potrebbe davvero essere questo il futuro? Se proprio si vuole vederla come una metafora, in realtà il “bubble concert" dei Flaming Lips rappresenta in modo colorato e giocoso una tendenza sociale che in fondo la pandemia ha solo brutalmente accelerato. Tutti avvolti nella propria “bolla", di relazioni o comunicativa. Vicini eppure separati.

Ma ci sono anche strade meno distopiche, e sicuramente più pratiche da percorrere. Un esempio lo fornisce il Primavera Sound, festival rock che si tiene a Barcellona. Una kermesse che richiama ogni anno a fine maggio tra le cinquanta e le settantamila persone al giorno, con un centinaio di band e musicisti ad alternarsi su più palchi contemporaneamente, e che nel 2020 avrebbe festeggiato la ventesima edizione. Al momento le possibilità che non riesca a celebrarla pure quest'anno sono piuttosto alte, ma nel dubbio l'organizzazione si è mossa autonomamente promuovendo un vero e proprio test a freddo. A metà dicembre 2020 è stato organizzato un trial nella sede del festival, con svariate ore di concerti e dj set, al quale – in collaborazione con un comitato etico e le autorità sanitarie locali – sono intervenute un migliaio di persone selezionate in base a vari criteri (età, stato di salute, dichiarazione di non vivere con persone a rischio). A tutte sono stati fatti sul posto un test antigenico e un tampone, e a metà del pubblico è stato poi concesso di partecipare al live senza nessun obbligo di distanziamento, eccetto quello di indossare una mascherina con fattore di protezione. Libertà totale di avvicinarsi, abbracciarsi, ballare (cantare forse un po' meno). Ai controlli successivi, a distanza di otto giorni, nessuno dei partecipanti è risultato positivo. Non si sa quale reale attendibilità scientifica possa avere questo esperimento, ma quanto meno dal punto di vista statistico è una indicazione interessante. Nel frattempo in alcuni locali inglesi – ad esempio lo storico 100 Club londinese – si sono svolti test simili in situazioni indoor, previa applicazione di un sistema innovativo di riciclo dell'aria. Anche in questo caso i risultati sono stati incoraggianti.

La strada, naturalmente, è ancora lunga e tortuosa. Nonostante questi lampi di ottimismo, l'orizzonte rimane fosco. Come dimostra l'annullamento di Glastonbury, il più antico ed elefantiaco (in termini di artisti e audience) dei festival pop britannici. D'altro canto, tuttavia, c'è anche chi dimostra sprezzo del pericolo e pensiero positivo. Come gli organizzatori del W-festival di Ostenda, in Belgio. Loro a fine agosto ci saranno, hanno dichiarato baldanzosamente. La particolarità della rassegna è che il cartellone è composto esclusiva​mente di vecchie glorie della new wave anni 80: dagli Human League a Midge Ure, da Jimmy Sommerville ai Matt Bianco. In questo caso, probabilmente, si punta sul fatto che per la data di inizio del festival sia i musicisti che il pubblico siano già stati vaccinati per ragioni di età. Anche questa, in fondo, è una strategia.​

 

 

Cosa è cambiato da stay foolish a be curious<img alt="" src="/PublishingImages/foolish%20e%20curious.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/foolish-curiousCosa è cambiato da stay foolish a be curiousDa Steve Jobs a Jeff Bezos: come trovare il proprio spazio, il proprio senso della posizione, così che la mappa di sé diventi mappa della realtà che si vuole cambiare profondamente. Luciano-Canova2021-04-07T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Governare la nuova normalità <img alt="" src="/PublishingImages/nuova%20normalità.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/nuova-normalitàGovernare la nuova normalità Per le aziende è il momento di riprogettare il futuro. Ciò che ne emerge è un “doppio binario” che, in alcuni settori, sul fronte spesa è tornato indietro agli anni 70. Ecco perché.Elisa-Venco2021-04-05T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
A Pasqua si viaggia in digitale <img alt="" src="/PublishingImages/turismo%20virtuale.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/turismo-digitaleA Pasqua si viaggia in digitale Il turismo resta virtuale e per ora si può partire quasi esclusivamente con la mente cliccando sul pc con una grande offerta di contenuti. E dai Big data l’industria pensa di ripartire, profilando i viaggiatori.Roberta-Lazzarini2021-03-30T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
La perseveranza del purpose<img alt="" src="/PublishingImages/purpose.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/purposeLa perseveranza del purposeInvestimenti sui dipendenti, valore per i consumatori, gestione etica delle relazioni con i fornitori e sostegno alle comunità locali dove si opera. Ma niente serve senza una narrazione efficace.Giampaolo-Colletti2021-03-28T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Spid moltiplica l’io digitale<img alt="" src="/PublishingImages/spid.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/spidSpid moltiplica l’io digitaleIl concetto di identità evoca di per sé qualcosa di unico. Ma quando ci si confronta con l’universo digitale, le cosiddette identità digitali di ciascuno sono invece diventate molteplici. Riusciranno a unirsi?Claudio-Plazzotta2021-03-17T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it

 

 

Il virus nemico del sonno <img alt="" src="/PublishingImages/covid%20sonno.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/covid-sonnoIl virus nemico del sonno Il diffondersi della pandemia ha modificato le abitudini notturne delle persone e ha cambiato il tempo e la qualità del dormire. Le ricadute sulla salute.Roberta-Lazzarini2021-01-26T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it
La perseveranza del purpose<img alt="" src="/PublishingImages/purpose.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/purposeLa perseveranza del purposeInvestimenti sui dipendenti, valore per i consumatori, gestione etica delle relazioni con i fornitori e sostegno alle comunità locali dove si opera. Ma niente serve senza una narrazione efficace.Giampaolo-Colletti2021-03-28T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
A Pasqua si viaggia in digitale <img alt="" src="/PublishingImages/turismo%20virtuale.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/turismo-digitaleA Pasqua si viaggia in digitale Il turismo resta virtuale e per ora si può partire quasi esclusivamente con la mente cliccando sul pc con una grande offerta di contenuti. E dai Big data l’industria pensa di ripartire, profilando i viaggiatori.Roberta-Lazzarini2021-03-30T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it

SEGUI GRUPPO UNIPOL
TAG CLOUD