Gentile Utente, ti informiamo che questo sito fa uso di cookie propri e di altri siti al fine di rendere i propri servizi il più possibile efficienti e semplici da utilizzare.
Se vuoi saperne di più o esprimere le tue preferenze sull'uso dei singoli cookie, clicca qui
Se accedi ad un qualunque elemento sottostante questo banner, acconsenti all'uso dei cookie.
Changes - il magazine del Gruppo Unipol > Rischio e cultura assicurativa: come la vedono i giovani

Rischio e cultura assicurativa: come la vedono i giovani

Close to you

Più consapevoli e più preoccupati del futuro, gli italiani tra i 18 e i 24 anni sono positivi nei confronti delle assicurazioni, anche se nel campo dell'educazione c’è ancora tanto da fare. I risultati della ricerca Eumetra Monterosa per Gruppo Unipol.

​​​​​​Un'indagine volta ad individuare gli atteggiamenti degli italiani verso il rischio e le assicurazioni ha permesso di delineare un quadro preciso soprattutto per quanto riguarda la popolazione giovanile, compresa tra i 18 e i 24 anni. La ricerca è stata realizzata da Eumetra Monterosa per Gruppo Unipol in collaborazione con LifeGate che ha definito le domande per un sondaggio d'opinione a livello nazionale.

Ne è emerso che i giovani sono consapevoli dei rischi a cui sono esposti e delle incertezze che il futuro può riservare loro e considerano che sia opportuno ripararsi dagli scherzi del destino. «È interessante notare», ha sottolineato Renato Mannheimer dell'Istituto di Ricerca Eumetra Monterosa, «quanto la parte più giovane della popolazione, pur avendo una disponibilità economica e una cultura assicurativa più limitate, percepisca la necessità di coprire un numero maggiore di rischi e soprattutto sia propensa a scoprire nuove possibilità e modalità di copertura che differiscano da quelle più tradizionali. Sono i giovani il futuro della nostra società e solo ascoltandoli attentamente possiamo prevedere quali possano essere i nuovi ambiti di copertura su cui investire e pianificare le prossime strategie assicurative».

Quanto pesa la percezione del rischio?​

Sono 3 su 4 le persone che ritengono possano verificarsi eventi che provochino danni alle cose o alla loro persona. Segmentando questa popolazione, si nota che i laureati hanno uno sguardo più attento a questi eventi, con una differenza di genere significativa, particolarmente tra i giovani: le ragazze sono più preoccupate per i danni verso la persona, i ragazzi per quelli verso le cose.
«Da anni LifeGate è riferimento in Italia per lo sviluppo sostenibile», ha dichiarato Enea Roveda, Amministratore Delegato di LifeGate, la società che ha definito le domande della ricerca, «creando consapevolezza e diffondendo conoscenza relativamente a questi temi anche attraverso la realizzazione di indagini di settore che mirano ad approfondire gli aspetti determinanti di uno stile di vita attento alle persone e all'ambiente. Uno stile di vita che abbracci a 360 gradi ogni ambito della vita quotidiana: l'alimentazione, la mobilità, l'energia, l'attenzione ai risparmi e anche la percezione del rischio e della sicurezza».

È stata analizzata anche la sensibilità della popolazione riguardo al rischio del verificarsi di eventi catastrofali, a cui la popolazione femminile è più propensa. I giovani, soprattutto nel sud Italia, percepiscono come molto probabile il rischio collegato a difficoltà economiche durante come al termine dell'attività lavorativa. Al Sud è anche molto forte la percezione del rischio collegato a minori coperture del Sistema Sanitario Nazionale.

I giovani ritengono plausibile il fatto di poter subire un sinistro o un incidente e vorrebbero uno strumento per poterne contrastare le conseguenze.

Il 76% della popolazione ritiene che sia importante assumere comportamenti di prevenzione e addirittura nella popolazione giovane questo valore sale all'80%. Tra queste persone sensibili all'idea della prevenzione, è il 65% ad assegnare alle assicurazioni un ruolo molto importante per la copertura dei rischi.​

Cultura assicurativa: perché c'è ancora tanto da fare

Nonostante questa diffusa percezione del rischio, la cultura assicurativa, intesa come padronanza dei termini più tecnici legati al rischio e alle assicurazioni, rimane limitata. Solo il 66% degli intervistati ad esempio, conosce il significato della parola "premio", cifra che sale a 75% nella fascia d'età tra i 35 e i 44 anni, e a 85% per i laureati. "Sinistro" invece è un termine meglio conosciuto, (77% nel totale della popolazione intervistata e 80% tra i giovani). Anche "beneficiario" è un termine ben identificato, mentre quello meno noto è "massimale": solo il 53% degli intervistati sa cosa significa, il 60% tra i giovani, e il 68% tra i laureati. In generale il rapporto conclude che solo il 26% abbia una cultura assicurativa elevata, il 35% ce l'ha buona e il 39% bassa e questo lascia ampi spazi di miglioramento.

I profili relativi alla cultura assicurativa possono essere così suddivisi:

cultura assicurativa.JPG

 

L'importanza del ruolo delle assicurazioni

Sono proprio i giovani e soprattutto quelli con una cultura assicurativa medio-alta, a percepire la necessità che vengano coperti un numero maggiore di rischi, oltre a quelli più tradizionali come gli incidenti automobilistici, l'incendio o il furto. Ma rimangono in molti a ignorare che tali strumenti sono già disponibili.

La sensazione, quindi, è che il giovane sia spaventato dal futuro e voglia correre ai ripari con uno strumento dedicato che viene generalmente identificato con l'assicurazione, ma la scarsa cultura assicurativa impedisce che si avvicini a determinati prodotti esistenti.

Per quanto riguarda le classiche situazioni di furto, incidente, calamità naturali, l'80% della popolazione riconosce che il ruolo delle assicurazioni è fondamentale e che non se ne può fare a meno. Sono gli over 65, tendenzialmente, a non riconoscere questo ruolo, al contrario dei giovani.

Il 55% poi, identifica nelle assicurazioni e nelle mutue il soggetto preposto al risarcimento dei danni in caso di incidenti, furti, danni o calamità naturali. L'idea che sia lo Stato a dover provvedere è al secondo posto, con un risultato del 37% sul totale della popolazione (il 26% per i giovani). La percentuale sale decisamente, al 43%, tra chi ha più di 65 anni e una cultura assicurativa media. I giovani dunque, sembrano non dare per scontato che lo Stato abbia un dovere nei loro confronti in queste situazioni.

Per la pianificazione di rischi della vita invece (dove entrano in gioco piani pensionistici e previdenza complementare), è solo il 66% dei rispondenti a sostenere la necessità delle assicurazioni, mentre il 34% pensa che se ne possa anche fare a meno. ​

Come conclusione, una libera associazione di idee collegate alla parola "assicurazione" rivela che sono termini come sicurezza, premio e polizza ad essere i più rilevanti per la totalità della popolazione analizzata, ma è significativo notare che tra i giovani l'idea di sicurezza è decisamente la più persistente.​

Queste considerazioni fanno della popolazione giovane un terreno fertile per sviluppare una cultura assicurativa più approfondita che le consenta di pianificare al meglio i rischi nella propria vita. ​

 

 

Intelligent economy: quale futuro?<img alt="" src="/PublishingImages/wind%20of%20changes-intelligent.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/wind-of-changes-intelligent-economyIntelligent economy: quale futuro?Servono soluzioni etiche, legali ed economiche. Ne discutono Derrick De Kerckhove, Michela Milano e Fernando Vacarini nel corso di Wind of Changes, la rassegna di CUBO con Media Relations, Corporate Reputation e Digital PR Gruppo Unipol.Redazione-Changes2021-09-21T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Mobilità sostenibile: ora tocca ai giovani<img alt="" src="/PublishingImages/manifesto-ora.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/manifesto-o-r-aMobilità sostenibile: ora tocca ai giovaniIl Manifesto O.R.A. – Open Road Alliance promosso da Fondazione Unipolis e Cittadinanzattiva promuove una nuova cultura dei trasporti green.Redazione-Changes2021-09-14T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Siamo noi, non il lavoro, a dover cambiare<img alt="" src="/PublishingImages/home%20working.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/home-working-changesSiamo noi, non il lavoro, a dover cambiareIl 2021 è stato un anno di cambiamenti e nuove strategie nell’organizzazione del lavoro. Il nuovo numero di Changes Magazine porta la riflessione al Premio Ischia Internazionale di Giornalismo.Fernando-Vacarini2021-09-02T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Costruire insieme L’Italia che verrà<img alt="" src="/PublishingImages/pmi%20italia%20federici.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/litalia-che-verrà-unipolsaiCostruire insieme L’Italia che verràLe storie delle imprese che hanno mostrato con tenacia e coraggio di superare questa delicata fase di mercato sono raccontate nel progetto targato UnipolSai che guarda al futuro. Ecco come.Alberto-Federici2021-07-12T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Serve un welfare di precisione<img alt="" src="/PublishingImages/pnrr-Ambrosetti.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/pnrr-ambrosettiServe un welfare di precisioneIl PNRR è un’opportunità storica per ripensare il modello italiano. L’analisi del Think tank “Welfare, Italia” del Gruppo Unipol e di The European House-Ambrosetti.Redazione-Changes2021-07-07T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it

 

 

Il virus nemico del sonno <img alt="" src="/PublishingImages/covid%20sonno.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/covid-sonnoIl virus nemico del sonno Il diffondersi della pandemia ha modificato le abitudini notturne delle persone e ha cambiato il tempo e la qualità del dormire. Le ricadute sulla salute.Roberta-Lazzarini2021-01-26T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Cybersecurity: serve una rivoluzione culturale <img alt="" src="/PublishingImages/cyber-attacchi.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/cybersecurity-attacchiCybersecurity: serve una rivoluzione culturale L’attacco informatico alla Regione Lazio ha evidenziato la vulnerabilità informatica della nostra PA. Così è stata costituita l’Agenzia Unica per la Cybersicurezza. Changes ne ha parlato con Ranieri Razzante.Luca-Politi2021-10-03T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Come essere phygital<img alt="" src="/PublishingImages/phygital.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/phygitalCome essere phygitalDi persona e in digitale: la fusione tra le due dimensioni è la formula di organizzazione ibrida del lavoro che si sta affermando post pandemia ma non è nata oggi.Monica-Bormetti2021-09-29T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it

SEGUI GRUPPO UNIPOL
TAG CLOUD