Gentile Utente, ti informiamo che questo sito fa uso di cookie propri e di altri siti al fine di rendere i propri servizi il più possibile efficienti e semplici da utilizzare.
Se vuoi saperne di più o esprimere le tue preferenze sull'uso dei singoli cookie, clicca qui
Se accedi ad un qualunque elemento sottostante questo banner, acconsenti all'uso dei cookie.
Changes - il magazine del Gruppo Unipol > Il riciclo cambia la manifattura

Il riciclo cambia la manifattura

Sharing

La spinta verso la sostenibilità stimola anche le filiere a progettare nuovi prodotti ideati, disegnati e costruiti per essere riciclati. I vantaggi del re-manufacturing.

​​​​​​​Quando si pensa al riciclo ed al riuso vengono in mente l'abbigliamento e gli elettrodomestici. Eppure, i prodotti della manifattura che possono essere reintrodotti nel mercato senza essere buttati sono sempre di più. C'è infatti una nuova pratica, il remanufacturing (re-manifattura), ad aprire nuove strade per la produzione di strumenti e oggetti che non finiscono così presto la loro vita utile.

Il ri-fare sostenibile come insegna Vitruvio​
Una semplificazione del trattato del famoso architetto romano Vitruvio parla di tre basi fondamentali per l'architettura:

  • la venustas ovvero la bellezza estetica;
  • la firmitas vale a dire la solidità e la robustezza;
  • l'utilitas che sta per utilità nella funzione.

Tra queste, fino ad oggi la produzione industriale ha messo al primo posto l'estetica. E due parole inglesi come design thinking e user experience, che fanno pensare a un pc della Apple o a una app della Silicon Valley, celebrano lo spazio poi conquistato dall'utilità legata alla funzione. Ora l'onda imperiosa della sostenibilità sta portando l'interesse verso la solidità e la robustezza, ma non intese semplicemente come integrità del prodotto, piuttosto come durevolezza nel tempo. Così, tutta una serie settori, specialmente quelli la cui fabbricazione richiede una quota di capitale molto importante – come ad esempio il trasporto ferroviario, il settore navale e quello automobilistico – sta pensando a prodotti che hanno una seconda vita dopo la prima. Treni, aerei, navi, ma anche oggetti di grandi dimensioni sono realizzati per ri-entrare nella catena della produzione, una volta terminato un ciclo sufficiente di vita utile nella loro funzione.

Produrre per il “dopo" come strategia

​Così, un prodotto, prima ancora di essere realizzato, quindi nella fase di ideazione concettuale e poi di progettazione, è pensato per non morire: alcune sue parti sono disegnate, costruite ed assemblate per essere una componente viva anche della sua esistenza successiva. Il prodotto risuscita: una volta usato viene raccolto, pulito, de-costruito, quindi smontato (si parla di de-manufacturing) e le sue parti sono immagazzinate per essere uno scheletro o un frammento del prodotto rinato. Già tempo fa – per esempio per auto ed elettrodomestici – si parlava di prodotti ri-condizionati, ovvero riparati e rimessi in funzione, con una logica quasi da seconda mano. Ora la produzione comincia già con l'idea che qualcosa resterà anche dopo: alcune componenti sono fabbricate per resistere all'interno di più cicli di utilizzo.

Il fenomeno si allarga: impianti industriali dedicati alla ri-manifattura, specialmente per i settori che realizzano automobili, camion, bus, macchine per la movimentazione e l'agricoltura sono ben presenti in Asia, Europa e Nord America. Ci sono poi comparti produttivi specifici dove il re-manufacturing è impiegato in maniera crescente, come il marittimo, quello ferroviario e quello energetico.

Entrare in una dinamica di produzione che “pensa al dopo" porta vantaggi già notevoli se si pensa alla sostenibilità ambientale, e quindi al non inquinamento portato dalla dinamica opposta, quella dell'usa e getta e del relativo smaltimento. Ci sono poi molti vantaggi specifici, tra cui:

  • il pensare a prodotti con una vita utile più lunga;
  • il considerare l'idea di manutenere periodicamente un prodotto per riconsegnarlo al consumatore che ne usufruirà ancora per lungo tempo;
  • la possibilità di riconvertirlo ad altre funzioni dopo quella prevista inizialmente.

Non è ancora stata quantificata con precisione la sostenibilità economica della pratica della re-manifattura, che è solo all'inizio, ma già promette la possibilità di consumare minori quantità di materie prime e di CO2, portando un favore generale alla collettività. È certo che a monte influenzerà l'attività delle aziende nel riorganizzare i processi, ma anche a valle nell'abituare all'acquisto non più del prodotto, bensì del suo utilizzo. Una pratica che è già stata avviata con la sharing economy, e sarà curioso capire quale ulteriori sviluppi avrà​.



 

 

Fase 2: la sharing economy riparte<img alt="" src="/PublishingImages/covid-sharing.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/covid-sharingFase 2: la sharing economy riparteIl distanziamento sociale è un colpo mortale per il settore dell’economia condivisa? Forse no. Ecco i sei settori in cui il modello resiste, ridefinendo la propria missione e cercando di tornare al suo spirito originario.Luca-Politi2020-06-10T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Come funziona la stay at home economy<img alt="coronavirus-sharing-economy" src="/PublishingImages/coronavirus-sharing-economy.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/come-funziona-la-stay-at-home-economyCome funziona la stay at home economyIl distanziamento sociale ha eliminato un pilastro fondamentale al business dell’economia della condivisione: la fiducia. Dovremo abituarci a paradigmi diversi per mobilità, viaggi e lavoro. Claudio-Plazzotta2020-04-29T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Siete pronti all’era biomediatica?<img alt="" src="/PublishingImages/era%20biomediatica.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/siete-pronti-all’era-biomediaticaSiete pronti all’era biomediatica?La condivisione batte il diritto alla privacy: l’io è il contenuto e il disvelamento del sé digitale è la prassi. Changes ne ha parlato con Massimiliano Valerii, direttore generale Censis.Nicola-Di-Turi2020-03-03T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Se l'audiolibro batte l'e-book<img alt="" src="/PublishingImages/audiolibri.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/se-l-audiolibro-batte-l-e-bookSe l'audiolibro batte l'e-bookL’esperienza social dei messaggi parlati ha contagiato il mercato dei racconti che viaggiano su smartphone, sono un momento di condivisione di esperienze con tempi di consumo diversi.Claudio-Plazzotta2020-02-23T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Unipol Changes - Sharinghttps://changes.unipol.it/sharingUnipol Changes - Sharinghttps://changes.unipol.it

 

 

Vita e lavoro racchiusi in uno schermo <img alt="" src="/PublishingImages/videocentrismo.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/videocentrismoVita e lavoro racchiusi in uno schermo In questo 2020 così surreale l’esperienza videocentrica ha subito un’accelerazione senza precedenti. E il video è diventato un riflesso su cui incentrare la nostra vita quotidiana e il lavoro a distanza.Giampaolo-Colletti2020-09-08T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Quanti pensieri nella testa del digital consumer<img alt="" src="/PublishingImages/digital%20consumer%20covid.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/digital-consumer-covidQuanti pensieri nella testa del digital consumerLa tecnologia digitale agisce sempre di più sul nostro modo di pensare e di acquistare. Un fenomeno amplificato dall’epidemia di Coronavirus.Vittorio-Verdone2020-09-09T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Il DNA è già un business<img alt="" src="/PublishingImages/business%20dna.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/business-dnaIl DNA è già un businessUn’analisi del MIT stima che entro il 2021 saranno oltre 100 milioni le persone censite attraverso i geni. Così la scienza aiuta il marketing sulla strada di consumi personalizzati e nuove esperienze di acquisto.Elisa-Venco2020-09-06T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it

SEGUI GRUPPO UNIPOL
TAG CLOUD