Gentile Utente, ti informiamo che questo sito fa uso di cookie propri e di altri siti al fine di rendere i propri servizi il più possibile efficienti e semplici da utilizzare.
Se vuoi saperne di più o esprimere le tue preferenze sull'uso dei singoli cookie, clicca qui
Se accedi ad un qualunque elemento sottostante questo banner, acconsenti all'uso dei cookie.
Changes - il magazine del Gruppo Unipol > Quanto vale l’economia del riciclo

Quanto vale l’economia del riciclo

Sharing

Il mercato dell’usato ha uno spazio sempre più grande. Cresce in settori prevedibili, come l’automobile e l’abbigliamento, e in fasce di età impreviste, come i giovani. E segnala che oggi cambiano i consumi, e domani produzione e manutenzione.

​La definizione inglese è "second hand economy" che tradotto in italiano è il mercato degli oggetti di "seconda mano" ma oggi ha assunto diverse accezioni. La second hand economy sta vivendo una vera e propria esplosione e, solo in Italia, il mercato è cresciuto di ben 5 miliardi di euro in pochi anni, passando dal giro d'affari di 18 miliardi di euro annui del 2013, ai 23 del 2018. Parliamo dell'Italia, ma anche grandi Paesi occidentali come gli Stati Uniti, la Gran Bretagna e la Francia ne sono travolti. La sua crescita non sembra improvvisa e neppure inattesa, perché in parte gode anche della spinta di una sostenibilità ambientale sempre più di moda, che porta a consumare in modo più attento all'ambiente, quindi a non buttare tutto. E, in parte, il fenomeno è stato influenzato dalla diffusione della sharing economy che spinge alla condivisione di oggetti nuovi e vecchi.

Quali sono i settori che guidano il boom

La crisi ha sicuramente dato una ragione in più per non buttare nulla e tentare di rimettere tutto sul mercato: libri, abbigliamento, scarpe, automobili, elettrodomestici, accessori, arredamento ed anche intrattenimento; c'è di tutto, anche il tradizionale mercatino del vintage (piccolo), ma oggi stanno dando ottimi risultati soprattutto l'automobile e l'abbigliamento. Due settori che fanno gola ai big player della tecnologia, impegnati a costruire piattaforme ideali per l'incontro di domanda ed offerta di usato. I consumatori della seconda mano, infatti, hanno bisogno di incontrarsi, non solo alla classica bancarella domenicale, e la Platform economy è perfetta per ottimizzare le asimmetrie informative, quel caso in cui venditore e acquirente non riescono ad incrociare le proprie intenzioni.
Dalla parte degli automezzi la motivazione arriva dalla crisi di vendite del nuovo nei mercati occidentali (visibile nelle case automobilistiche, ed anche negli autosaloni), ed in parte anche dall'abitudine di consumo di giovani sempre più lontani dall'idea di acquisto dell'auto e ormai educati, tramite app, all'affitto temporaneo.
Sul versante abbigliamento c'è ancora più spazio. A fare scuola era stato il brand sportivo Patagonia, resosi disponibile subito alla riparazione dei propri capi danneggiati dopo l'uso; una dichiarazione d'intenti con valore doppio: siamo disponibili a riparare e siamo convinti che il nostro prodotto duri molto.

Ora sono i brand tradizionali a riacquistare e rivendere i propri capi, cercando così di realizzare altri ricavi, e allo stesso tempo "governare" un mercato sotterraneo che prima sfuggiva di mano e probabilmente danneggiava l'immagine portando i loro prodotti usati al livello di brand minori. L'abbigliamento usato apre poi un secondo fronte: il lusso, che rientra in circolo invece che restare nell'armadio; accompagnato da una crescente sensibilità dei produttori verso la realizzazione di materiali con basso impatto ambientale.

Dal consumo alla produzione e alla manutenzione  

Ma non è la sostenibilità l'unico impulso che parte dai consumatori e arriva direttamente in azienda. I produttori hanno infatti capito che il venditore o l'acquirente di seconda mano spesso sono già stati loro clienti: hanno lasciato da loro una traccia su gusti d'acquisto, colori, materiali, abitudini di utilizzo, magari età e tempi di consumo.
Analizzano questa prima impronta e si attrezzano, consapevoli che la ri-vendita sia la punta di una lunga coda che è cominciata proprio da loro, e ora fa rima con riuso, riciclo, ma anche riparabilità. Proprio questa ultima tendenza è la deriva interessante dell'usato, tanto che molti store di elettrodomestici ormai "si salvano" grazie ai ricavi realizzati con i reparti manutenzione (dai pc ai telefoni), ora debitamente potenziati.

Ma cosa faranno le imprese di fronte a queste nuove abitudini di consumo? Dovranno forse ripensare le proprie linee produttive per progettare la durevolezza, dopo anni di prodotti ad obsolescenza programmata e low cost che muore a fine stagione? Non lo sappiamo ancora, ma siamo certi che questo adattamento, per consegnare al mercato un prodotto il cui ciclo di vita è molto più lungo di prima, richieda adattamenti complicati e sforzi ingenti in termini di investimenti, che non tutti possono permettersi. Tutto il resto – il vecchio, sporco, non a norma, in-sostenibile ed inquinante – che fine farà? Tranquilli. C'è spazio anche per questo. Ma altrove. Basti ricordare che uno dei mercati più grandi al mondo di auto usate è l'Africa. O l'Est Europa. Il mondo è così grande che ci sono normative adatte a tutti. Anche a chi va bene un diesel Euro3.

 

 

C’è bisogno di una slow-sharing<img alt="" src="/PublishingImages/slow-sharing.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/slow-sharingC’è bisogno di una slow-sharingDopo gli anni della ricerca ossessiva di scalabilità, profitti e quotazioni veloci, l’economia della condivisione si converte a un tempo lento e si concentra su uno schema nuovo ispirato al modello cooperativo.Antonio-Belloni2021-02-24T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Produttivi a distanza<img alt="" src="/PublishingImages/produttivi%20a%20distanza.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/produttivi-a-distanzaProduttivi a distanzaIl virus incide sulle nostre performance lavorative. Conservare l’equilibrio tra tempi e spazi e tenere stretta la creatività che nasce fuori dai nostri contatti abituali è la vera sfida.Antonio-Belloni2021-02-03T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Covid, lo sharing si fa “mini”<img alt="" src="/PublishingImages/micromobility.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/micromobilitàCovid, lo sharing si fa “mini”Con la pandemia anche la mobilità sta cambiando volto e i servizi in condivisione puntano sempre più su veicoli piccoli e sostenibili.Roberto-Valguarnera2021-01-19T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Office economy: gestire lo spazio <img alt="" src="/PublishingImages/office-economy.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/office-economyOffice economy: gestire lo spazio L’ufficio è al centro della scena. Il suo svuotamento mette in crisi l’economia che ci gira intorno, e la sua riorganizzazione interna sarà decisiva per tornare a viverlo. Ma con quali regole e spazi?Antonio-Belloni2021-01-04T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Il regalo è sostenibile<img alt="" src="/PublishingImages/natale-sostenibile.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/natale-sostenibileIl regalo è sostenibileCome individuare i marchi ecologici da mettere sotto l’albero di Natale. Guida all’acquisto consapevole che tiene conto dei principi di sostenibilità ambientale.Roberta-Lazzarini2020-12-15T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it

 

 

Il virus nemico del sonno <img alt="" src="/PublishingImages/covid%20sonno.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/covid-sonnoIl virus nemico del sonno Il diffondersi della pandemia ha modificato le abitudini notturne delle persone e ha cambiato il tempo e la qualità del dormire. Le ricadute sulla salute.Roberta-Lazzarini2021-01-26T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it
La perseveranza del purpose<img alt="" src="/PublishingImages/purpose.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/purposeLa perseveranza del purposeInvestimenti sui dipendenti, valore per i consumatori, gestione etica delle relazioni con i fornitori e sostegno alle comunità locali dove si opera. Ma niente serve senza una narrazione efficace.Giampaolo-Colletti2021-03-28T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
A Pasqua si viaggia in digitale <img alt="" src="/PublishingImages/turismo%20virtuale.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/turismo-digitaleA Pasqua si viaggia in digitale Il turismo resta virtuale e per ora si può partire quasi esclusivamente con la mente cliccando sul pc con una grande offerta di contenuti. E dai Big data l’industria pensa di ripartire, profilando i viaggiatori.Roberta-Lazzarini2021-03-30T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it

SEGUI GRUPPO UNIPOL
TAG CLOUD