Gentile Utente, ti informiamo che questo sito fa uso di cookie propri e di altri siti al fine di rendere i propri servizi il più possibile efficienti e semplici da utilizzare.
Se vuoi saperne di più o esprimere le tue preferenze sull'uso dei singoli cookie, clicca qui
Se accedi ad un qualunque elemento sottostante questo banner, acconsenti all'uso dei cookie.
Changes - il magazine del Gruppo Unipol > Quanto costa combattere i Superbatteri

Quanto costa combattere i Superbatteri

Environment

Sono immuni agli antibiotici e sono diventati un'emergenza mondiale di cui si sta occupando l'Onu. Così la spesa sanitaria potrebbe schizzare a 100mila miliardi di dollari l'anno entro il 2050.

​​​​​​Super resistenti e pericolosissimi. Potrebbe sembrare l’identikit di moderne e ingombranti armi da guerra, invece il riferimento è a qualcosa di microscopico ma di altrettanto mortale: è allarme batterio immune a tutti gli antibiotici. Per l’Onu è questo il nemico numero uno da combattere e, soprattutto, sconfiggere, nei prossimi anni. Secondo le stime elaborate dagli esperti del Palazzo di vetro, nel 2050 i morti provocati da questi temibili e invisibili killer potrebbero arrivare addirittura a 10 milioni e la spesa sanitaria per fronteggiare l’emergenza potrebbe schizzare a livelli stratosferici fino alla cifra monstre di 100mila miliardi di dollari all’anno. Un’emergenza tale che a settembre è stata dedicata una sessione specifica nel corso dell’Assemblea generale per cercare delle soluzioni. Secondo una stima elaborata dal governo britannico che ha messo in piedi una task force ad hoc, già oggi i batteri super resistenti uccidono qualcosa come 700 mila persone ogni anno. Per fare un paragone tutto italiano equivale a dire che in dodici mesi scompare una città di medie dimensioni come Palermo. L’allarme a dire il vero non è nuovo, ma ben poco si sta facendo, come conferma un’inchiesta della Reuters. Negli Usa, per esempio, si mette in evidenza che quindici anni dopo la dichiarazione del governo sulla minaccia dei farmaci resistenti non si sia corso ai ripari tanto che le agenzie governative non sono attualmente in grado di imporre obblighi di segnalazione a un settore sanitario che spesso nasconde il problema. Problema che è ovviamente giuridico - manca cioè la normativa ad hoc - ma anche metodologico: migliaia di morti provocate ogni anno dai batteri resistenti non sono registrate come tali negli ospedali statunitensi. Il motivo? I sanitari non possono contare su indicazioni precise in merito alla compilazione dei moduli. Un vuoto normativo-burocratico sta rischiando, secondo Reuters, di provocare un’emergenza sanitaria di livello globale, visto che le informazioni e i dati relativi ai decessi sono il primo elemento utile per correre ai ripari. Reuters snocciola ancora dei numeri impressionanti: 24 stati americani su 50, compreso il Distretto di Columbia, ovvero l’area della capitale federale Washington, non tracciano regolarmente le morti causate da infezioni resistenti agli antibiotici. Ma quel che è peggio è che a metà del 2016 è stata diffusa la notizia della scoperta sul territorio statunitense di un batterio resistente a tutti gli antibiotici attualmente disponibili. Un nemico invisibile e subdolo che ha velocemente superato i confini Usa raggiungendo gli alti continenti, Europa compresa.


Superbatteri: l'uso scorretto dei farmaci li alimenta

Anche in Italia la situazione è certamente da tenere sotto stretta osservazione: secondo la sorveglianza dell’antibiotico-resistenza dell’Istituto superiore di sanità (Ar-Iss), nel nostro Paese la resistenza agli antibiotici si mantiene purtroppo tra le più elevate nel Vecchio Continente e quasi sempre al di sopra della media europea. Non stanno meglio altri Paesi come la Croazia, la Grecia e la Romania. A cosa è dovuta la resistenza di microorganismi agli antibiotici di prima linea? La spiegazione è darwiniana: non sempre un antibiotico riesce a uccidere tutti i batteri di una colonia e quelli che resistono si riproducono trasmettendo il gene che li rende inattaccabili. Pur essendo un fenomeno naturale, questo è accelerato e aggravato dall’uomo che fa un uso scorretto dei farmaci antibiotici. Uno dei principali fattori che contribuiscono alla resistenza, infatti, è la tendenza a trattare gli animali da allevamento con basse dosi di antibiotici per favorire la crescita ed evitare le malattie negli ambienti sovraffollati degli allevamenti intensivi. Questa pratica è illegale in Ue dal 2006 ma ancora moto diffusa per esempio negli Stati Uniti. Pericoloso anche l’uso di antibiotici per trattare patologie virali. Secondo l’Unione europea, infatti, l’uso di antibiotici per contrastare erroneamente i virus è alla base di un terzo delle assunzione inutili di queste medicine che quindi perdono ancora più efficacia. Non è un caso quindi se la Commissione europea abbia deciso di investire poco più di 2 milioni di euro per mettere a punto dei test sempre più precisi in grado di distinguere fra i diversi tipi di infezione e di limitare l'uso di antibiotici. E la stessa cosa si sta facendo anche negli Usa. Il passo successivo sarà scommettere sulla ricerca per l’individuazione di nuovi antibiotici sempre più potenti. E qui entra in gioco l’Onu che avrà il compito di coordinare gli sforzi mondiali e di indirizzarli vero una soluzione globale al problema nel più breve tempo possibile.


 

 

Nuove armi contro il Covid-19<img alt="" src="/PublishingImages/covid%20punto%20debole.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/covid-tallone-dachilleNuove armi contro il Covid-19Continua la lotta al coronavirus nei laboratori di tutto il mondo. In prima fila anche i ricercatori italiani le cui scoperte aprono scenari inediti nella lotta alla pandemia. Ecco gli studi condotti dal CNR/ISPRO e all’Università di Pavia.Roberto-Valguarnera2020-07-01T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
La sostenibilità riparte dalle tasse<img alt="" src="/PublishingImages/fisco%20e%20sostenibilità.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/fisco-e-sostenibilitàLa sostenibilità riparte dalle tasseLa crisi da Coronavirus ha acceso i riflettori sulle imprese che non hanno un rapporto esemplare con il fisco. Ecco perché.Andrea-Di-Turi2020-06-23T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
La biodiversità salva il clima<img alt="" src="/PublishingImages/biodiversità-clima.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/biodiversita-climaLa biodiversità salva il climaLa nuova strategia europea è una svolta straordinaria ma, come al solito, comunicata senza farne capire l’importanza. Grammenos-Mastrojeni2020-06-14T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Emissioni C02: l’effetto lockdown non basta<img alt="" src="/PublishingImages/coronavirus-Co2.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/covid-co2Emissioni C02: l’effetto lockdown non bastaL'esperienza di Covid-19 conferma la convinzione degli economisti impegnati sul fronte ambientale: l'emergenza climatica non si risolve con le riduzioni casuali. Ecco perché.Elena-Comelli2020-05-31T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Rifiuti: a che punto siamo? <img alt="" src="/PublishingImages/covid-rifiuti.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/covid-rifiutiRifiuti: a che punto siamo? Per contenere l’impatto ambientale e sanitario dell’elevato volume di rifiuti che produciamo serve una gestione rigorosa con strumenti normativi e metodologie che ne regolano tutte le fasi. Ecco come.Roberta-Lazzarini2020-05-27T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it

 

 

Le relazioni al tempo del post Covid<img alt="" src="/PublishingImages/relazioni%20post%20covid.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/comportamenti-post-covidLe relazioni al tempo del post CovidSi ridefiniscono le dinamiche di lavoro e di vita quotidiana, ma mancano le istruzioni per l’uso. Le storie dopo il virus.Giampaolo-Colletti2020-06-28T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
La sostenibilità riparte dalle tasse<img alt="" src="/PublishingImages/fisco%20e%20sostenibilità.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/fisco-e-sostenibilitàLa sostenibilità riparte dalle tasseLa crisi da Coronavirus ha acceso i riflettori sulle imprese che non hanno un rapporto esemplare con il fisco. Ecco perché.Andrea-Di-Turi2020-06-23T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Il digitale fa ancora paura<img alt="" src="/PublishingImages/paure%20digitali.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/paure-digitaliIl digitale fa ancora pauraUn italiano su due crede che le informazioni memorizzate sui propri dispositivi digitali non siano al sicuro. I dati dell’Osservatorio Europeo sulla Sicurezza Demos&Pi-Fondazione Unipolis presentati a Data Vision & Data Value organizzato da Gruppo Unipol.Redazione-Changes2020-06-24T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it

SEGUI GRUPPO UNIPOL
TAG CLOUD