Gentile Utente, ti informiamo che questo sito fa uso di cookie propri e di altri siti al fine di rendere i propri servizi il più possibile efficienti e semplici da utilizzare.
Se vuoi saperne di più o esprimere le tue preferenze sull'uso dei singoli cookie, clicca qui
Se accedi ad un qualunque elemento sottostante questo banner, acconsenti all'uso dei cookie.
Changes - il magazine del Gruppo Unipol > PNRR: non c’è ripresa senza formazione

PNRR: non c’è ripresa senza formazione

Close to you

Il Piano di rilancio si sviluppa su assi strategici condivisi a livello europeo: digitalizzazione, transizione ecologica, inclusione sociale. L’azione delle imprese è fondamentale. L’impegno di Unipol in CeoforLife.

Il calcio d'inizio di Ceoforlife Pnrr task force kick-off meeting è stato il 16 giugno. La piattaforma voluta da Giordano fatali mette insieme oltre 100 Ceo delle principali aziende italiane e multinazionali operanti in Italia, per confrontarsi con istituzioni, associazioni, mondo accademico e nuove generazioni e per redigere il documento programmatico che segnerà nei prossimi anni la rotta del Piano Nazionale per la Ripresa e la Resilienza (PNRR). L'obiettivo è rafforzare la credibilità dell'Italia nel mondo e attrarre maggiori investimenti internazionali.
Digitalizzazione, tutela dell'ambiente, mobilità sostenibile, inclusione lavorativa, capitale umano, formazione e orientamento professionale, innovazione al servizio del sistema produttivo e sanitario sono alcuni dei focus tematici su cui 6 gruppi di lavoro andranno a costruire linee di azione e attività da sottoporre e condividere con le istituzioni.

L'impegno del gruppo Unipol è nel gruppo di lavoro 4 dedicato a istruzione e ricerca ma in generale abbiamo un interesse molto forte e diretto nel successo delle diverse azioni che caratterizzano il Piano Nazionale per la Ripresa e la Resilienza.

Vorrei mettere in evidenza almeno tre aspetti:

  • Resilienza
  • Capitale umano
  • Infrastrutture/Piattaforme tecnologiche

 

Mappare il territorio aumenta la resilienza la protezione dei rischi

Il settore assicurativo è uno dei pilastri fondamentali della resilienza del Paese grazie al supporto che fornisce sia ai cittadini che alla Pubblica Amministrazione. Mettiamo i nostri bilanci a disposizione del sistema economico italiano proprio per far fronte alle avversità, ai sinistri che possono accadere. Questo permette a chi è assicurato di ripartire dopo l'evento contribuendo quindi alla resilienza delle famiglie, delle imprese, della PA. Abbiamo bisogno di aumentare il livello di accessibilità alle assicurazioni e per farlo dobbiamo essere in grado di prezzare bene il rischio che copriamo. Per far questo abbiamo bisogno di avere a disposizione informazioni sulle esposizioni dei diversi soggetti che assicuriamo.

Nell'ambito delle azioni relative alla Transizione Ecologica/Tecnologica e delle azioni sul Cambiamento Climatico prefigurate dal PNRR ci sarà sicuramente bisogno di produrre delle mappe dettagliate e complete che individuino le aree più esposte sia dal punto di vista meteorologico che idrogeologico. Il collegamento con i programmi di monitoraggio satellitare della European Space Agency/Copernicus e, grazie al trasferimento da Reading a Bologna, del Centro per le Previsioni Metereologiche a Medio Termine sarà cruciale per mettere a disposizione del Paese tecnologia avanzata ed informazioni dettagliate. Questo consentirà di ordinare gli interventi per assicurare un miglior equilibrio idrogeologico del Paese, ma permetterà anche alle Assicurazioni un intervento di prevenzione e di supporto più preciso ed equo.

Investire sulla ricerca di base e sul capitale umano

La digitalizzazione ha reso possibile e necessaria una innovazione profonda dei processi di produzione e di fornitura di servizi. Questo ha cambiato radicalmente la competitività relativa tra chi ha adottato completamente il nuovo approccio digitale e chi sta ancora cercando di svilupparsi, magari anche innovando, all'interno della modalità precedente.

Le opportunità offerte dagli investimenti del PNRR dovrebbero essere indirizzate a mettere sulla traiettoria digitale larga parte del sistema economico. Nella Missione 4 del PNRR sono previste attività di formazione proprio negli ambiti delle Tecnologie Abilitanti Chiave (Key Enabling Technologies) come la simulazione avanzata, agritech, fintech, mobilità sostenibile medicina di precisione. Per questo sarà necessario predisporre adeguati laboratori, magari a ridosso di Hub dove si fa ricerca di base come i Marconi Labs.  

È importante che si investa in capitale umano. La disponibilità di competenze in grado di comprendere la natura e gestire operativamente processi digitali è la condizione necessaria per avviare il processo. C'è bisogno di formare, in discontinuità con il passato, una classe di tecnici capaci di immaginare e costruire applicazioni digitali end-to end.

La gestione dei dati fa la differenza: investire in infrastrutture e piattaforme tecnologiche

Le Infrastrutture tecnologiche hanno una funzione abilitante sia per il raggiungimento della maggiore Resilienza del Sistema Economico sia per formare e mettere a valore il nuovo Capitale Umano. In particolare l'iniziativa per il Cloud Italiano - Polo Strategico Nazionale (PSN) - recentemente annunciata, se ben strutturata, cioè tenendo conto sia dell'interesse pubblico per una infrastruttura vitale per il paese, sia di quello privato, permetterà di far fare il salto di qualità imposto dalla digitalizzazione al Sistema Economico.

Prefigurare la centralizzazione organizzata dei dati della PA in un ambiente che ne agevoli l'accesso avendo contemporaneamente a disposizione capacità di calcolo distribuibile va proprio nella direzione auspicata. Il PSN è una iniziativa che doterà il paese di una di quelle infrastrutture abilitanti e per questo critiche che non si stavano più implementando in Italia fin dagli anni del boom economico del dopoguerra e per la quale auspichiamo lo stesso effetto propulsivo.​





CeoForLife
Il prossimo​ appuntamento per confrontarsi sullo stato di avanzamento dei lavori dei 6 gruppi della task force a ottobre a Roma durante la 10° Edizione di Tennis Friends (8-10 ottobre 2021).

Le aziende e i soggetti presenti alla CeoForLife Pnrr task force: A2A, Acea Alleanza Assicurazioni, Allianz Partners, Apco worldwide, Birra Peroni, Bosch, Consip, Covisian, eFM, Elis, EY in Italia, d'Amico società di navigazione, Danone, Dxc technology, Giovani Imprenditori Confindustria, Gruppo Iren, Hewlett Packard Enterprise, Henkel, Hearst, Inwit, Istituto italiano di tecnologia, Jones Lang LaSalle, Koelliker, Knorr-bremse rail systems Italia, LeasePlan, Luiss Guido Carli, Lundbeck, Ntt data Italia, Nokia, Radio Rai, Roche, Sanofi, Serapian, Sky TG24, Sace, Scuola Politica, Sogei, Takeda, Tennis and Friends, UnipolSai Assicurazioni.  ​

​​

 

 

Costruire insieme L’Italia che verrà<img alt="" src="/PublishingImages/pmi%20italia%20federici.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/litalia-che-verrà-unipolsaiCostruire insieme L’Italia che verràLe storie delle imprese che hanno mostrato con tenacia e coraggio di superare questa delicata fase di mercato sono raccontate nel progetto targato UnipolSai che guarda al futuro. Ecco come.Alberto-Federici2021-07-12T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Serve un welfare di precisione<img alt="" src="/PublishingImages/pnrr-Ambrosetti.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/pnrr-ambrosettiServe un welfare di precisioneIl PNRR è un’opportunità storica per ripensare il modello italiano. L’analisi del Think tank “Welfare, Italia” del Gruppo Unipol e di The European House-Ambrosetti.Redazione-Changes2021-07-07T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
La funzione generativa del Welfare<img alt="" src="/PublishingImages/welfare-unipol.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/welfare-unipol-tarozziLa funzione generativa del WelfareLa misurazione dell’impatto sociale del welfare aziendale del Gruppo Unipol evidenzia quale sia la misura del benessere individuale e organizzativo.Sabina-Tarozzi2021-06-24T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Leithà-Auticon, collaborazione in nome della diversità<img alt="" src="/PublishingImages/Auticon.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/auticonLeithà-Auticon, collaborazione in nome della diversitàLa solution factory del Gruppo Unipol in ambito Data Science e Computer Science si è avvalsa della collaborazione dei consulenti IT di Auticon Italia, tutte persone nello spettro autistico, con ottimi risultati. Redazione-Changes2021-05-04T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
La reputazione non è solo racconto<img alt="" src="/PublishingImages/unipol-reputation-day-2020.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/unipol-reputation-day-2020La reputazione non è solo raccontoUnipol Reputation Day è diventato un appuntamento per scambiarsi conoscenze utili a supportare le decisioni strategiche aziendali. Nel 2020 si consolida la reputazione del Gruppo grazie a solidità, trasparenza e innovazione. Paola-Rosso2021-02-18T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it

 

 

Il virus nemico del sonno <img alt="" src="/PublishingImages/covid%20sonno.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/covid-sonnoIl virus nemico del sonno Il diffondersi della pandemia ha modificato le abitudini notturne delle persone e ha cambiato il tempo e la qualità del dormire. Le ricadute sulla salute.Roberta-Lazzarini2021-01-26T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Come natura suona<img alt="" src="/PublishingImages/suoni%20natura.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/suoni-naturaCome natura suonaEstrarre vibrazioni dalla natura e dall'ambiente circostante grazie alla tecnologia. Il progetto di Max Casacci che ci porta ad ascoltare la Terra.Carlo-Bordone2021-07-13T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Sostenibilità alimentare: soluzione alla "trappola malthusiana"<img alt="" src="/PublishingImages/ublog%20cibo.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/ublog-ciboSostenibilità alimentare: soluzione alla "trappola malthusiana"Ho 20 anni, vivo in un mondo che considero evoluto, ma uno dei dati che mi sconvolge più spesso è che nel 2021 si possa ancora morire di fame o soffrirne seriamente.Redazione-UBlog2021-07-04T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it

SEGUI GRUPPO UNIPOL
TAG CLOUD