Gentile Utente, ti informiamo che questo sito fa uso di cookie propri e di altri siti al fine di rendere i propri servizi il più possibile efficienti e semplici da utilizzare.
Se vuoi saperne di più o esprimere le tue preferenze sull'uso dei singoli cookie, clicca qui
Se accedi ad un qualunque elemento sottostante questo banner, acconsenti all'uso dei cookie.
Changes - il magazine del Gruppo Unipol > Piacere Claire

Piacere Claire

Technology

Come funziona e dove vuole arrivare il Consorzio europeo per l’intelligenza artificiale che riunisce mille scienziati per giocare la partita mondiale con Stai Uniti e Cina.

​​​Mille scienziati europei, insieme, per giocare una partita che ha assunto, ormai, le dimensioni di una sfida geopolitica sullo scacchiere internazionale. Qualche mese fa la fondazione del CLAIRE, consorzio europeo per l'intelligenza artificiale, è stata salutata dalla comunità internazionale alla stregua della costituzione, nel 1953, del CERN di Ginevra. Nato su iniziativa di 12 Paesi europei, per riunire i laboratori europei d'eccellenza nello studio della fisica, il CERN diretto oggi dall'italiana Fabiola Gianotti si è reso artefice, tra le altre cose, dell'invenzione di Internet nel 1989.

Mezzo secolo più tardi gli esperti d'intelligenza artificiale del Vecchio Continente hanno deciso di riunire le eccellenze europee sull'AI, per giocare la partita mondiale con Stati Uniti e Cina. I colossi BATX basati in Cina (Baidu, Alibaba, Tencent, Xiaomi) e GAFAM con sede negli Stati Uniti (Google, Apple, Facebook, Amazon, Microsoft), rappresentano una posizione dominante nello sviluppo di applicazioni di intelligenza artificiale. «Nonostante i notevoli investimenti promessi dalla comunità europea nel settore, non possiamo certamente pensare di competere finanziariamente con altre realtà come la Cina, dove gli investimenti hanno ordini di grandezza ben superiori ai nostri», spiega a Changes Magazine Michela Milano, docente ordinario al Dipartimento Computer Science and Engineering dell'Università di Bologna e vicepresidente della European Association for Artificial Intelligence (EurAI).

«Dobbiamo evitare la dipendenza da tecnologia, prodotti e valori americani e cinesi. L'Europa potrà giocare un ruolo fondamentale nel dettare la linea etica e nello stabilire quali valori seguire per lo sviluppo dell'intelligenza artificiale», ragiona la prof.ssa dell'ateneo bolognese. Appare questa la ragione sociale, e fondativa, del progetto CLAIRE (Confederation of Laboratories for Artificial Intelligence Research in Europe). Il tentativo è quello di riproporre l'uomo al centro, come primo fruitore e attore delle tecnologie di intelligenza artificiale. Algoritmi e sistemi che apparentemente sembrano prestare il fianco ad una visione distopica, in cui le macchine assumeranno il controllo dell'umanità. «Per contrastare questa visione servono sistemi che rispettino criteri di etica, trasparenza e responsabilità. Sistemi che siano fiduciari e comprensibili. L'aspetto distintivo dell'iniziativa CLAIRE riguarda la centralità dei valori europei», ragiona Michela Milano, già membro del consiglio dell'Associazione Italiana Intelligenza Artificiale (AI*IA).

E se il consumatore ormai utilizza quotidianamente, più o meno consapevolmente, applicazioni basate sull'intelligenza artificiale come gli assistenti virtuali per smartphone, restano spesso in chiaroscuro i benefici che il cittadino potrebbe trarre da un'Europa capofila nella ricerca sull'AI. «Pensiamo alla cura e al supporto agli anziani e ai diversamente abili, oppure all'istruzione attraverso sistemi di apprendimento online, in grado di interagire con gli studenti e rispondere alle domande. L'intelligenza artificiale ha le potenzialità per portare benefici sostanziali non solo in ambito economico, ma anche sociale ed ambientale. Ma è fondamentale che queste applicazioni sempre più avanzate pongano al centro sempre l'uomo che le progetta e le utilizza», spiega la docente dell'ateneo bolognese.

Pur apprezzandone l'utilità, però, continuiamo ad avvertire l'intelligenza artificiale come una minaccia incombente. Qual è la via per superare questo apparente paradosso, trasformando anche in realtà l'auspicio che tali tecniche impattino positivamente sulla società? «È certamente vero che molte mansioni possono ora essere automatizzate grazie alla robotica e all'intelligenza artificiale. Ma a mio parere gli esseri umani resteranno nella forza lavoro e avranno un ruolo centrale per una ragione ben precisa: i benefici di produttività si verificheranno solo quando gli uomini collaboreranno con le macchine. La sfida resta concentrarsi sull'educazione e sullo sviluppo di nuove abilità, per far sì che la nostra società sia pronta alle sfide del futuro».

 

 

Robot umani, troppo umani<img alt="" src="/PublishingImages/computer%20umani.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/computer-umaniRobot umani, troppo umaniAnche le macchine possono avere un cuore. Ne sono convinti gli studiosi dell’Affective Computing che indaga le emozioni umane e le sue manifestazioni per migliorare in senso collaborativo l’interazione uomo-automi.Luca-Politi2021-03-31T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Siamo cacciatori di connessioni <img alt="" src="/PublishingImages/cacciatori%20di%20sapere.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/cacciatori-di-sapereSiamo cacciatori di connessioni Sapersi muovere tra settori, saperi e culture diverse è la skill del momento. Nell’era dell’algoritmo l’iperspecializzazione è un limite, conta essere alfieri del pensiero ibrido, essere “contaminati”.Giulio-Xhaet2021-03-23T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Fatica da pandemia<img alt="" src="/PublishingImages/fatica%20da%20pandemia.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/fatica-da-pandemiaFatica da pandemiaSfinimento, malinconia, frustrazione. C’è un virus nel virus. Una sindrome latente, che serpeggia sottotraccia e che per l’Oms potrebbe mutare in insofferenza. Un male antico descritto bene dagli autori greci e romani.Nicola-Di-Turi2021-03-21T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it
L’agricoltura del futuro è in città<img alt="" src="/PublishingImages/agricoltura%20futuro.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/agricoltura-del-futuroL’agricoltura del futuro è in cittàLe aree urbane occupano il 3% della superficie terrestre, ma qui si consuma l’80% delle risorse alimentari del Pianeta. Ecco perché devono diventare luoghi di coltivazione sostenibile: dal vertical farming alle food forest, i modelli più promettenti. Alexis-Paparo2021-03-14T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Gli algoritmi non sono inclusivi<img alt="" src="/PublishingImages/algoritmo%20sessista.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/algoritmo-sessistaGli algoritmi non sono inclusiviLa tecnologia ha delle falle che provocano sessismo e razzismo. Ma siamo in tempo per cambiare rotta. C’è chi sta provando a mutare le cose, come Joy Buolamwini, la poetessa dei codici del MIT.Rosita-Rijtano2021-03-07T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it

 

 

Il virus nemico del sonno <img alt="" src="/PublishingImages/covid%20sonno.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/covid-sonnoIl virus nemico del sonno Il diffondersi della pandemia ha modificato le abitudini notturne delle persone e ha cambiato il tempo e la qualità del dormire. Le ricadute sulla salute.Roberta-Lazzarini2021-01-26T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it
La perseveranza del purpose<img alt="" src="/PublishingImages/purpose.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/purposeLa perseveranza del purposeInvestimenti sui dipendenti, valore per i consumatori, gestione etica delle relazioni con i fornitori e sostegno alle comunità locali dove si opera. Ma niente serve senza una narrazione efficace.Giampaolo-Colletti2021-03-28T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
A Pasqua si viaggia in digitale <img alt="" src="/PublishingImages/turismo%20virtuale.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/turismo-digitaleA Pasqua si viaggia in digitale Il turismo resta virtuale e per ora si può partire quasi esclusivamente con la mente cliccando sul pc con una grande offerta di contenuti. E dai Big data l’industria pensa di ripartire, profilando i viaggiatori.Roberta-Lazzarini2021-03-30T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it

SEGUI GRUPPO UNIPOL
TAG CLOUD