Gentile Utente, ti informiamo che questo sito fa uso di cookie propri e di altri siti al fine di rendere i propri servizi il più possibile efficienti e semplici da utilizzare.
Se vuoi saperne di più o esprimere le tue preferenze sull'uso dei singoli cookie, clicca qui
Se accedi ad un qualunque elemento sottostante questo banner, acconsenti all'uso dei cookie.
Changes - il magazine del Gruppo Unipol > Pezzi di ricambio high-tech

Pezzi di ricambio high-tech

Well Being

Ricercatori italiani hanno sperimentato un nuovo materiale biocompatibile che stimolato dalla luce è in grado di riprodurre le proprietà meccaniche del cuore.

​Il corpo umano è una macchina perfetta, frutto dell'evoluzione di milioni di anni. Ogni organo svolge una funzione specifica e contribuisce al benessere complessivo dell'intero sistema in un mirabile equilibrio. Questo equilibrio, però, è costantemente messo a repentaglio dalle malattie e dal naturale deterioramento legato alla vecchiaia per cui ogni parte del nostro organismo, con il passare del tempo, inizia a funzionare sempre peggio, come accade per qualsiasi componente sottoposto a usura.

Proprio per questo motivo negli ultimi anni si sta cercando il modo di cambiare in tutto o in parte questi "pezzi", grazie ai passi avanti compiuti dalla scienza e dalla tecnologia e sfruttando in particolare le scoperte in campo interdisciplinare nell'ambito della medicina, della fisica, della biotecnologia, della scienza dei materiali. Un filone di ricerca in cui l'Italia eccelle. È di qualche settimana fa la notizia che i laboratori dell'Istituto Nazionale di Ottica del Consiglio nazionale delle ricerche (Ino-Cnr), dell'Università di Firenze (Unifi) e il Laboratorio europeo di spettroscopia non lineare (Lens), hanno sperimentato dei materiali innovativi capaci di contrarsi una volta stimolati con la luce. In gergo si chiamano LCE, elastomeri liquido cristallini, che combinano le proprietà della gomma con quelle dei cristalli liquidi.

«Il nostro team – spiega il fisico del Ino-Cnr, Leonardo Sacconi - formato da Cecilia Ferrantini di Unifi, medico e da Camilla Parmeggiani del Lens, chimica, ha sviluppato un materiale biocompatibile di cristalli liquidi elastomerici in grado di contrarsi sotto stimolazione luminosa. Gli LCE in teoria potrebbero essere attivati con uno stimolo termico ma si è optato per la luce perché più facilmente implementabili all'interno del materiale mediante l'utilizzo di micro-LED».

«La ricerca è estremamente importante nel contesto di numerose patologie cardiache, sia genetiche che acquisite», aggiunge Cecilia Ferrantini di Unifi. «Ad esempio, dopo un infarto massivo o in presenza di una cardiomiopatia, il tessuto cardiaco viene irreversibilmente danneggiato e il cuore riduce la sua funzione di pompa. Attualmente, in casi gravi, le alternative chirurgiche a disposizione sono estremamente limitate e invasive, con il trapianto cardiaco come unica soluzione a lungo termine. Abbiamo dimostrato come questi materiali, lavorando in sostituzione o accoppiati al muscolo danneggiato, potrebbero essere impiegati in futuro per assistere efficacemente la funzione contrattile di un cuore malato».

La scienza non è ancora in grado di realizzare un intero cuore artificiale, organo altamente complesso per la sua struttura ma i ricercatori ripongono un'enorme fiducia nei confronti di queste invenzioni che promettono di rappresentare un valido ausilio per un organo "acciaccato" dal tempo o da una malattia. «Questi materiali - spiega Camilla Parmeggiani del Lens e Unifi - sono stati caratterizzati meccanicamente come se fossero dei muscoli, con l'obbiettivo di identificare quelli con le proprietà più simili a quelle del nostro cuore». Le potenziali applicazioni di questi tessuti biocompatibili non si limitano esclusivamente all'ambito cardiaco: «Questa invenzione – continua Sacconi - può essere utilizzata anche per assistere la funzione dei muscoli scheletrici ma anche di quelli lisci come l'intestino, in generale in ogni ambito in cui è richiesta la necessità di ripristinare una contrazione compromessa. Si pensi per esempio alla distrofia o alle malattie neurodegenerative».

Intanto la scoperta di questo team ha ottenuto un primo prestigioso riconoscimento con la pubblicazione sulla rivista statunitense Circulation Research, pubblicazione molto nota fra cardiologi Usa. «Attualmente - spiega Sacconi - siamo gli unici ad applicare direttamente gli LCE alla rigenerazione della funzionalità contrattile. Adesso, però, entreremo in una nuova fase in cui sono necessari ulteriori sviluppi tecnologici. Per questo motivo abbiamo provveduto a tessere una fitta rete di collaborazioni: siamo in contatto con un gruppo di ricercatori olandesi della TuDelft, l'università tecnica di Delft, con cui puntiamo a creare una matrice di microled per l'illuminazione oltre che con un team di esperti di fisiologia della Scuola Sant'Anna di Pisa. Alcune ditte, inoltre, si sono offerte di aiutarci a sviluppare l'elettronica di controllo».  

 

 

Virus: l’immunità non basta, ma aiuta<img alt="" src="/PublishingImages/covid%20immunità.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/immunità-covidVirus: l’immunità non basta, ma aiutaPerché anche con l’arrivo del vaccino dovremo convivere con il Covid-19 per il resto della nostra vita. Changes ne ha parlato con il virologo Yonatan Grad.Elena-Comelli2020-09-15T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Malati di deforestazione<img alt="" src="/PublishingImages/deforestazione%20zoonosi.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/virus-deforestazioneMalati di deforestazioneDistruggere l’ecosistema aumenta la zoonosi. Ormai il 75% delle malattie umane deriva da animali e il 60% delle malattie emergenti sono state trasmesse da animali selvatici e provoca ogni anno circa un miliardo di casi e milioni di morti.Elena-Comelli2020-08-18T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Nuove armi contro il Covid-19<img alt="" src="/PublishingImages/covid%20punto%20debole.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/covid-tallone-dachilleNuove armi contro il Covid-19Continua la lotta al coronavirus nei laboratori di tutto il mondo. In prima fila anche i ricercatori italiani le cui scoperte aprono scenari inediti nella lotta alla pandemia. Ecco gli studi condotti dal CNR/ISPRO e all’Università di Pavia.Roberto-Valguarnera2020-07-01T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Se la vita dopo il lockdown fa paura <img alt="" src="/PublishingImages/coronavirus%20sindromi%20lockdown.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/coronavirus-sindromi-lockdownSe la vita dopo il lockdown fa paura La riapertura della libera circolazione in Italia fa emergere insicurezze e criticità. La vita ricomincia ma restano le sindromi da virus. Ecco perché.Elisa-Venco2020-06-16T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Nuove geografie per il vino<img alt="" src="/PublishingImages/vino-clima-ambiente.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/nuove-geografie-per-il-vinoNuove geografie per il vinoL’aumento delle temperature medie potrebbe avere come conseguenza lo spostamento a Nord delle principali aree vitivinicole mondiali. Come cambia il mercato.Roberto-Valguarnera2020-04-26T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it

 

 

Quanti pensieri nella testa del digital consumer<img alt="" src="/PublishingImages/digital%20consumer%20covid.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/digital-consumer-covidQuanti pensieri nella testa del digital consumerLa tecnologia digitale agisce sempre di più sul nostro modo di pensare e di acquistare. Un fenomeno amplificato dall’epidemia di Coronavirus.Vittorio-Verdone2020-09-09T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Vita e lavoro racchiusi in uno schermo <img alt="" src="/PublishingImages/videocentrismo.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/videocentrismoVita e lavoro racchiusi in uno schermo In questo 2020 così surreale l’esperienza videocentrica ha subito un’accelerazione senza precedenti. E il video è diventato un riflesso su cui incentrare la nostra vita quotidiana e il lavoro a distanza.Giampaolo-Colletti2020-09-08T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Il DNA è già un business<img alt="" src="/PublishingImages/business%20dna.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/business-dnaIl DNA è già un businessUn’analisi del MIT stima che entro il 2021 saranno oltre 100 milioni le persone censite attraverso i geni. Così la scienza aiuta il marketing sulla strada di consumi personalizzati e nuove esperienze di acquisto.Elisa-Venco2020-09-06T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it

SEGUI GRUPPO UNIPOL
TAG CLOUD