Gentile Utente, ti informiamo che questo sito fa uso di cookie propri e di altri siti al fine di rendere i propri servizi il più possibile efficienti e semplici da utilizzare.
Se vuoi saperne di più o esprimere le tue preferenze sull'uso dei singoli cookie, clicca qui
Se accedi ad un qualunque elemento sottostante questo banner, acconsenti all'uso dei cookie.
Changes - il magazine del Gruppo Unipol > Pensare generativo

Pensare generativo

Society 3.0

Per le nuove generazioni, ovvero per il futuro della nostra società, ragionare in questo modo è del tutto naturale, spontaneo e accettato. È evidente nella diffusione di nuove pratiche sociali e nelle sfere di consumo, produzione e comunicazione.

​​​​​​La generatività sociale è un nuovo modo di pensare e di agire personale e collettivo che racconta la possibilità di un tipo di azione socialmente orientata, creativa, connettiva, produttiva e responsabile. Un'azione capace di impattare positivamente sulle forme del produrre, dell'innovare, dell'abitare, del prendersi cura, dell'organizzare, dell'investire, immettendovi nuova vita.

La generatività sociale è un modo specifico di collocarsi nel tempo, nella consapevolezza che questo ci precede e che continua dopo di noi. Mentre ci porta un'eredità da custodire, esso ci chiede di lasciare un nostro originalissimo segno per chi verrà dopo.

Agire generativamente si traduce in un "mettere al mondo" e "prendersi cura" di quanto generato, affinché questo possa crescere e fiorire, per arrivare, poi, a un "lasciarlo andare", così che, una volta capacitato, esso si senta "autorizzato" ad un nuovo fare creativo e produttivo. Lasciar andare significa rendere libero/i altro/altri di immaginare strade nuove. Tale dinamica, se letta in chiave sociale, può essere la base di una stagione di sviluppo capace di costruire un nuovo equilibrio tra un'economia sostenibile e una società contributiva.

Questo tipo di approccio permette di conciliare il proprio desiderio con quello degli altri; promuove realizzazione personale e, insieme, sviluppo sociale, attraverso percorsi di capacitazione (cioè non in modo assistenziale) di altro e altri; mettendo altri in grado di migliorare se stessi e le proprie capacità all'interno della cornice di un nuovo legame sociale; valorizzando l'azione individuale attraverso quella della comunità, e viceversa.

Non c'è dubbio che la crisi del 2008 abbia accelerato importanti movimenti di ricerca verso una nuova relazione tra economia e società. Si avverte sempre più diffusamente l'urgenza di superare vecchi paradigmi non più sostenibili dal punto di vista socio-economico e sempre meno legittimabili in termini culturali ed etici. Posti di fronte all'onda lunga della crisi che ha messo a soqquadro un modo di agire e di pensare che veniva dato ormai per scontato e assimilato, si sente oggi da più parti la necessità di ripensare un modo nuovo di fare economia, di fare impresa e, in senso più ampio, di fare comunità, dopo il percorso di atomizzazione portato avanti dagli anni '80 fino allo scoppio della crisi.

Attraverso la generatività sociale è possibile intraprendere questo tipo di mutamento e mettere in moto un cambio di paradigma che può immetterci su una nuova e promettente strada in grado di traghettarci oltre la crisi.

Questo processo non è lontano nel tempo. Non è da attendere. È già qui. È evidente nella diffusione di nuove pratiche sociali nelle sfere di consumo, produzione e comunicazione orientate in senso collaborativo (si pensi alla sfera della sharing economy). Esse confermano l'affermarsi di nuove sensibilità e obiettivi sociali che sollecitano, tra le altre cose, a ripensare la stessa idea di impresa e il suo ruolo sociale.

Per le nuove generazioni, ovvero per il futuro della nostra società, pensare in questo modo è del tutto naturale, spontaneo e accettato. In questo senso non possiamo perdere tempo. Occorre andare incontro a una domanda che rimane latente ma che chiede di essere interpretata e orientata.

 

 

Il virus non esiste<img alt="" src="/PublishingImages/covid%20disinformazione.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/disinformazione-covidIl virus non esisteCome nasce lo scetticismo selettivo che porta a non fidarsi dei canali ufficiali di informazione. Changes ne ha parlato con Fabio Paglieri autore di “La disinformazione felice. Cosa ci insegnano le bufale”.Elisa-Venco2020-06-30T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Le relazioni al tempo del post Covid<img alt="" src="/PublishingImages/relazioni%20post%20covid.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/comportamenti-post-covidLe relazioni al tempo del post CovidSi ridefiniscono le dinamiche di lavoro e di vita quotidiana, ma mancano le istruzioni per l’uso. Le storie dopo il virus.Giampaolo-Colletti2020-06-28T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Lavoro: la rivoluzione degli orari<img alt="" src="/PublishingImages/lavoro%20smart%20orari%20covid.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/lavoro-covid-come-cambiaLavoro: la rivoluzione degli orariIl Covid19 sta accelerando una tendenza in atto: il tempo del lavoro sta perdendo i normali punti di riferimento. Antonio-Belloni2020-06-25T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Ora è tempo di smart mobility<img alt="" src="/PublishingImages/covid%20smart%20mobility.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/covid-smart-mobilityOra è tempo di smart mobilityLe conseguenze della pandemia impongono un ripensamento delle città, della vita e del lavoro delle persone che non può non avere un impatto sui mezzi di trasporto. Per risolvere le criticità servirà affidarsi alle nuove tecnologie.Rosario-Murgida2020-06-17T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Marketing: comunicare adesso è più facile<img alt="" src="/PublishingImages/marketing-coronavirus.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/marketing-coronavirusMarketing: comunicare adesso è più facileLo tsunami sanitario che ha travolto il mondo in questa prima metà del 2020 ha anche riscritto le regole della comunicazione commerciale. Si esce quindi dalla fase emergenziale con alcune lezioni da tenere bene a mente. Claudio-Plazzotta2020-06-07T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it

 

 

Le relazioni al tempo del post Covid<img alt="" src="/PublishingImages/relazioni%20post%20covid.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/comportamenti-post-covidLe relazioni al tempo del post CovidSi ridefiniscono le dinamiche di lavoro e di vita quotidiana, ma mancano le istruzioni per l’uso. Le storie dopo il virus.Giampaolo-Colletti2020-06-28T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
La sostenibilità riparte dalle tasse<img alt="" src="/PublishingImages/fisco%20e%20sostenibilità.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/fisco-e-sostenibilitàLa sostenibilità riparte dalle tasseLa crisi da Coronavirus ha acceso i riflettori sulle imprese che non hanno un rapporto esemplare con il fisco. Ecco perché.Andrea-Di-Turi2020-06-23T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Il digitale fa ancora paura<img alt="" src="/PublishingImages/paure%20digitali.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/paure-digitaliIl digitale fa ancora pauraUn italiano su due crede che le informazioni memorizzate sui propri dispositivi digitali non siano al sicuro. I dati dell’Osservatorio Europeo sulla Sicurezza Demos&Pi-Fondazione Unipolis presentati a Data Vision & Data Value organizzato da Gruppo Unipol.Redazione-Changes2020-06-24T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it

SEGUI GRUPPO UNIPOL
TAG CLOUD