Gentile Utente, ti informiamo che questo sito fa uso di cookie propri e di altri siti al fine di rendere i propri servizi il più possibile efficienti e semplici da utilizzare.
Se vuoi saperne di più o esprimere le tue preferenze sull'uso dei singoli cookie, clicca qui
Se accedi ad un qualunque elemento sottostante questo banner, acconsenti all'uso dei cookie.
Changes - il magazine del Gruppo Unipol > Significati e significanti: le parole cambiano e ci cambiano

Significati e significanti: le parole cambiano e ci cambiano

Society 3.0

A un anno dall’inizio della pandemia, anche le cose che diciamo sono diverse. Tra vecchi e nuovi termini abbiamo dovuto imparare un altro linguaggio, per definire l’incertezza.

Pochi giorni fa il virus, almeno in Italia, ha festeggiato il suo primo compleanno. Siamo ormai a febbraio 2021. Aspettavamo tutti che il 2020 diventasse un brutto ricordo per lasciarci tutto alle spalle. E invece. Vorrei poter dire che del virus ormai non c'è più traccia, che è un ricordo ormai lontano, ma non è così.

Se ne continua a parlare e sono tante le parole che usiamo per farlo.

Da una parte ci sono le nuove parole che abbiamo dovuto imparare, molte delle quali davvero sconosciute ai molti. Una su tutte ne fa da padrone: Lockdown

Lockdown nasce dall'unione di due termini inglesi, "lock" e"down", in inglese, si scrive di filato, senza interruzioni. In italiano i termini più adatti per tradurlo sono "isolamento", "blocco". Nel caso in cui venga usato come un verbo ("to lockdown") il modo più appropriato per tradurlo nella nostra lingua è "blindare", "bloccare

Lockdown. Un termine che entra di prepotenza nelle nostre vite perché ci rinchiude nelle nostre case.

Ma dall'altra ci sono le “tante parole usuali" che hanno preso in sé tanti nuovi significati, come se avessero inglobato le nostre ansie.

Facciamo qualche esempio.

Iniziamo con la parola “misurare". La prima cosa che mi è venuta in mente è il concetto studiato a scuola in filosofia con Protagora, il più celebre dei sofisti, che affermava:

«L'uomo è misura di tutte le cose
Delle cose in quanto sono
Delle cose che non sono
In quanto non sono».

In poche parole l'uomo era al centro di ogni “misurazione" e le cose erano intese come oggetti percepiti, realtà generali e valori.
E oggi? La rivoluzione va oltre il significato stesso della parola, ma impatta proprio sul concetto stesso. L'uomo non è più la misura. Sono cambiati i parametri, sono cambiate le cose da misurare. E le cose “sono", “esistono" indipendentemente da come le vede l'uomo.
Oggi infatti “misuriamo" senza avere certezze. Misuriamo il virus, che esiste indipendentemente dalla ns percezione. Ne misuriamo la letalità, la contagiosità, la letalità. Più in generale ne misuriamo gli effetti. Ma le misurazioni non hanno dati certi.
Noi non abbiamo più misura di cose certe. Noi misuriamo le ipotesi.

Contingentare: è un verbo transitivo che usato in economia, significa regolare con provvedimenti di contingentamento. Ad esempio contingentare le “importazioni"
Nell'estensione del suo significato indica: “sottoporre a limitazione". Ad esempio: limitare le immatricolazioni".

E ora? Contingentare per noi ha significato e significa tanto altro: contingentare gli ingressi.

Al supermercato, nei negozi, ai bar.  Contingentare significa fare la fila, sempre e comunque. Sempre e dovunque.

  • Contingentare significa ancora impattare sulle nostre libertà.
  • Contingentare gli spostamenti dalla nostra abitazione, nel nostro comune, tra le varie regioni.
  • Contingentare per non creare assembramenti, per limitare i contatti.
  • Contingentare i rapporti umani, le relazioni, gli abbracci, i sorrisi.
  • Contingentare, ovvero limitare le nostre azioni.

Varianti.  Fino ad oggi quando sentivo parlare di varianti pensavo soprattutto ad un ambito squisitamente linguistico. Un termine, un vocabolo poteva avere una variante regionale, una variante morfologica o semplicemente una variante grafica. Quindi cambiamenti, ma non sostanziali, cambiamenti intesi come “modifiche limitate" agli specifici utilizzi, a specifici contesti.

Oggi? Sentiamo parlare di variante inglese, brasiliana, sudafricana…perfino napoletana. Ma ahimè la regionalizzazione o la nazionalizzazione poco hanno a che fare con la linguistica, ma purtroppo sono solo i paesi di provenienza delle mutazioni (cambiamenti) di questo benedetto virus.

«Se vogliamo che tutto rimanga come è, bisogna che tutto cambi». È la famosa frase che Giuseppe Tomasi di Lampedusa fa pronunciare al suo Tancredi ne Il Gattopardo. Quanti di noi effettivamente vorrebbero che tutto tornasse come prima? Eppure forse tutti sappiamo che non è più possibile. In questo caso le varianti sono variazioni definitive e indietro non si torna.

Il minimo comune denominatore di tutte le limitazioni che in qualche modo caratterizzano ognuna delle parole di cui sopra è ancora un'altra parola: paura

La paura è atavica. È dentro di noi da sempre. Il filosofo Umberto Galimberti così la definisce: «Emozione primaria di difesa, provocata da una situazione di pericolo che può essere reale, anticipata dalla previsione, evocata dal ricordo o prodotta dalla fantasia».

In sintesi abbiamo paura quando ci sentiamo in pericolo. Quindi il presupposto resa “invariato" ma le paure cambiano perché cambiano i pericoli stessi, perché cambia l'ambiente che ci circonda, perché cambiano le nostre consapevolezze. Sono nate nuove sindromi come quella ormai tristemente famosa della capanna o del prigioniero, ovvero la paura di lasciare la propria abitazione dopo tanti mesi di lockdown.

  • La paura dei numeri: perché continuano i bollettini dei morti, degli ospedali e dei contagiati.
  • La paura del tempo perduto, del tempo non vissuto e che non torna più.
  • La paura di aver perso affetti e persone: il virus ha portato via “tante vite" ma anche “tanta vita.
  • La paura del futuro, del semplice cosa farò domani o meglio cosa potrò fare domani.

Certo c'è una speranza in più: il vaccino, anzi i vaccini. Vorrei poter davvero credere che vedremo presto la luce fuori dal tunnel. Dovremmo poi ancora rimboccarci le maniche e raccogliere i mille pezzi di una realtà che si è sgretolata e che ormai fa fatica ad esistere se non nei nostri ricordi. Nulla sarà come prima. Si parla ormai di “nuova normalità".  Diciamo che anche prima parlare di cosa fosse davvero normale e cosa non lo fosse non era poi così scontato. È un bene forse? Chi lo sa. Come diceva il Manzoni nella sua poesia del 5 maggio: ​Ai posteri l'ardua sentenza.

 

 

Cosa è cambiato da stay foolish a be curious<img alt="" src="/PublishingImages/foolish%20e%20curious.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/foolish-curiousCosa è cambiato da stay foolish a be curiousDa Steve Jobs a Jeff Bezos: come trovare il proprio spazio, il proprio senso della posizione, così che la mappa di sé diventi mappa della realtà che si vuole cambiare profondamente. Luciano-Canova2021-04-07T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Governare la nuova normalità <img alt="" src="/PublishingImages/nuova%20normalità.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/nuova-normalitàGovernare la nuova normalità Per le aziende è il momento di riprogettare il futuro. Ciò che ne emerge è un “doppio binario” che, in alcuni settori, sul fronte spesa è tornato indietro agli anni 70. Ecco perché.Elisa-Venco2021-04-05T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
A Pasqua si viaggia in digitale <img alt="" src="/PublishingImages/turismo%20virtuale.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/turismo-digitaleA Pasqua si viaggia in digitale Il turismo resta virtuale e per ora si può partire quasi esclusivamente con la mente cliccando sul pc con una grande offerta di contenuti. E dai Big data l’industria pensa di ripartire, profilando i viaggiatori.Roberta-Lazzarini2021-03-30T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
La perseveranza del purpose<img alt="" src="/PublishingImages/purpose.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/purposeLa perseveranza del purposeInvestimenti sui dipendenti, valore per i consumatori, gestione etica delle relazioni con i fornitori e sostegno alle comunità locali dove si opera. Ma niente serve senza una narrazione efficace.Giampaolo-Colletti2021-03-28T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Spid moltiplica l’io digitale<img alt="" src="/PublishingImages/spid.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/spidSpid moltiplica l’io digitaleIl concetto di identità evoca di per sé qualcosa di unico. Ma quando ci si confronta con l’universo digitale, le cosiddette identità digitali di ciascuno sono invece diventate molteplici. Riusciranno a unirsi?Claudio-Plazzotta2021-03-17T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it

 

 

Il virus nemico del sonno <img alt="" src="/PublishingImages/covid%20sonno.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/covid-sonnoIl virus nemico del sonno Il diffondersi della pandemia ha modificato le abitudini notturne delle persone e ha cambiato il tempo e la qualità del dormire. Le ricadute sulla salute.Roberta-Lazzarini2021-01-26T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it
La perseveranza del purpose<img alt="" src="/PublishingImages/purpose.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/purposeLa perseveranza del purposeInvestimenti sui dipendenti, valore per i consumatori, gestione etica delle relazioni con i fornitori e sostegno alle comunità locali dove si opera. Ma niente serve senza una narrazione efficace.Giampaolo-Colletti2021-03-28T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
A Pasqua si viaggia in digitale <img alt="" src="/PublishingImages/turismo%20virtuale.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/turismo-digitaleA Pasqua si viaggia in digitale Il turismo resta virtuale e per ora si può partire quasi esclusivamente con la mente cliccando sul pc con una grande offerta di contenuti. E dai Big data l’industria pensa di ripartire, profilando i viaggiatori.Roberta-Lazzarini2021-03-30T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it

SEGUI GRUPPO UNIPOL
TAG CLOUD