Gentile Utente, ti informiamo che questo sito fa uso di cookie propri e di altri siti al fine di rendere i propri servizi il più possibile efficienti e semplici da utilizzare.
Se vuoi saperne di più o esprimere le tue preferenze sull'uso dei singoli cookie, clicca qui
Se accedi ad un qualunque elemento sottostante questo banner, acconsenti all'uso dei cookie.
Changes - il magazine del Gruppo Unipol > Parliamo e-taliano

Parliamo e-taliano

Society 3.0

La fake news grammaticale della legittimazione di verbi intransitivi con un complemento oggetto ha riaperto il dibattito sulla lingua di Dante che muta con la tecnologia. Changes ne ha parlato con Vera Gheno.

​​​​Con il suo post da titolo "Siedi il bambino! No, fallo sedere!" l'accademico della Crusca Vittorio Coletti ha suscitato una ridda di polemiche. Nessuno si sarebbe mai azzardato a pensare, infatti che si legittimasse l'uso di un verbo intransitivo come "scendere" con un complemento oggetto. È in realtà non è stato così: al contrario, Coletti ne ha ammesso l'uso solo nel linguaggio parlato, in cui «questa costruzione ha una sua efficacia e sinteticità espressiva che può indurre a sorvolare sui suoi limiti grammaticali».

Ma questa deviazione dalla norma è solo una delle tante che l'italiano ha subito negli ultimi anni: mutazioni ancora più rilevanti per il fatto di comparire in quella peculiare variazione del linguaggio scritto che è la lingua dei social. Prendiamo, per esempio, il punto fermo: secondo Ben Crair, editorialista del periodico Usa The New Republic, qualora digitato alla fine di un sms o di un'email esprime aggressività, fastidio e distacco. Non solo: secondo uno studio pubblicato nel 2015 sulla rivista accademica Computers in Human Behaviour, un messaggio concluso da un punto viene percepito come falso più frequentemente di uno "aperto". Al contrario, il punto esclamativo, tradizionalmente usato per esprimere enfasi e stupore, si sta trasformando in qualcosa che serve per esprimere sincerità e calore. Mentre inserire un punto e virgola nelle e-mail e sui social network è ritenuto artefatto, poco spontaneo e fuori luogo: una forma di posa, insomma, al punto che il commediografo americano Sam Greenspan, nel suo manuale su come rimorchiare una donna, 11 Point Guide to Hooking Up, raccomanda di non usarlo perché è come «truccarsi prima di andare in palestra».

Sono solo alcune delle indicazioni del fatto che i social hanno inciso anche sull'italiano, trasformandolo in un e-taliano, come lo ha battezzato il linguista Giuseppe Antonelli: una neolingua in cui la punteggiatura diversa, i segni grafici, le emoticon, oltre a logiche di rapidità ed economia, rispondono all'esigenza di trasmettere la vitalità della lingua orale a quella scritta. «Una parte di queste caratteristiche nasce decenni fa per questioni tecniche, ossia per cercare di superare i limiti imposti dai mezzi. Per esempio, il fatto che la connessione fosse a tempo e a consumo, e quindi ogni singola lettera risparmiata poteva avere un senso» spiega Vera Gheno, sociolinguista che dal 2000 collabora con l'Accademia della Crusca e nel 2017 ha pubblicato Italiano e italiani dei social network (Cesati). «Ecco il motivo per cui censiamo da almeno vent'anni le tachigrafie (come cmq per comunque, nn per non), gli acronimi sia inglesi (ASAP per as soon as possible) sia italiani (MOF per "maschio o femmina?"), i troncamenti (aspe per aspetta), l'uso di lettere e numeri in sostituzione di parole o sillabe con la stessa pronuncia (come C6? per 'ci sei?')».
Molte altre mutazioni linguistiche, invece, riprendono semplicemente quelle del cosiddetto italiano neostandard, una forma espressiva che corrisponde al parlato quotidiano, e che rappresenta una semplificazione rispetto all'italiano studiato a scuola (permettendo alcune trasgressioni alla norma classica, come l'uso del presente al posto del futuro: "domani vado"). Infine, ci sono altri cambiamenti, come, per l'appunto, la riorganizzazione dell'uso delle interpunzioni, che sono legate alla rapidità della comunicazione. «Ecco allora che quando il punto a fine di una frase non è più obbligatorio (ora basta premere 'enter')» di conseguenza il suo inserimento assume un nuovo significato di perentorietà e di aggressività" chiarisce Gheno.

L'esigenza di una comunicazione più immediata ha messo in evidenza anche la progressiva scomparsa del registro formale in favore di un "tono unico" del discorso. «In pratica, si tende a parlare 'sempre uguale', sia che ci si stia rivolgendo all'ortolano sia al proprio professore» riassume Gheno. Che tuttavia sostiene come questa tendenza all'appiattimento probabilmente sia stata solo diffusa, non provocata, dai social. «Certamente oggi chat ed email hanno reso visibile un tipo di comunicazione che prima era difficile incontrare per iscritto: quello di chi in precedenza non aveva quasi mai accesso al dibattito pubblico, quello dei semicolti. Ma il problema di un 'monoregistro' linguistico è ben noto agli studiosi da decenni». A questo punto, però, in questo processo di generale appiattimento e semplificazione, viene da chiedersi se rispettare le regole grammaticali abbia ancora un senso. Non rischiamo, paradossalmente, di sembrare "fuori moda"? «Le regole - controbatte Gheno - hanno il senso di rendere più chiara ed efficace la nostra comunicazione. Per di più, ci sono molti errori che sono socialmente stigmatizzati, cioè fanno passare chi li commette per uno zoticone, un bifolco, un maleducato, un po' come presentarsi a un appuntamento galante con i denti non lavati o le unghie sporche».

Basta pensare alle reazioni per il tweet di Roberto Saviano con "qual è", scritto con l'apostrofo, o gli sbeffeggi a Briatore, che aveva rivolto a un amico un "bravo, ai buon gusto". Tuttavia, è anche vero che alcune norme possono cambiare nel tempo, e negli ultimi anni, anche a causa della rete, la loro solidità è scemata ancora più velocemente. «Perché la norma linguistica non è un'astrazione immutabile, bensì, stando alla definizione fornita da Claudio Giovanardi, un insieme di regole, che riguardano tutti i livelli della lingua, accettate da una comunità di parlanti e scriventi in un determinato periodo e contesto storico-culturale». Quindi, se va rispettata, non va comunque applicata in maniera automatica, andando in giro con il ditino alzato a dire 'si dice così, non cosà!'. Occorre essere elastici. E soprattutto, cercare di comunicare non tanto astrattamente 'bene', quanto al meglio delle proprie competenze e delle proprie possibilità». 

 

 

Il virus non esiste<img alt="" src="/PublishingImages/covid%20disinformazione.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/disinformazione-covidIl virus non esisteCome nasce lo scetticismo selettivo che porta a non fidarsi dei canali ufficiali di informazione. Changes ne ha parlato con Fabio Paglieri autore di “La disinformazione felice. Cosa ci insegnano le bufale”.Elisa-Venco2020-06-30T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Le relazioni al tempo del post Covid<img alt="" src="/PublishingImages/relazioni%20post%20covid.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/comportamenti-post-covidLe relazioni al tempo del post CovidSi ridefiniscono le dinamiche di lavoro e di vita quotidiana, ma mancano le istruzioni per l’uso. Le storie dopo il virus.Giampaolo-Colletti2020-06-28T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Lavoro: la rivoluzione degli orari<img alt="" src="/PublishingImages/lavoro%20smart%20orari%20covid.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/lavoro-covid-come-cambiaLavoro: la rivoluzione degli orariIl Covid19 sta accelerando una tendenza in atto: il tempo del lavoro sta perdendo i normali punti di riferimento. Antonio-Belloni2020-06-25T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Ora è tempo di smart mobility<img alt="" src="/PublishingImages/covid%20smart%20mobility.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/covid-smart-mobilityOra è tempo di smart mobilityLe conseguenze della pandemia impongono un ripensamento delle città, della vita e del lavoro delle persone che non può non avere un impatto sui mezzi di trasporto. Per risolvere le criticità servirà affidarsi alle nuove tecnologie.Rosario-Murgida2020-06-17T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Se la vita dopo il lockdown fa paura <img alt="" src="/PublishingImages/coronavirus%20sindromi%20lockdown.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/coronavirus-sindromi-lockdownSe la vita dopo il lockdown fa paura La riapertura della libera circolazione in Italia fa emergere insicurezze e criticità. La vita ricomincia ma restano le sindromi da virus. Ecco perché.Elisa-Venco2020-06-16T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it

 

 

Nuove armi contro il Covid-19<img alt="" src="/PublishingImages/covid%20punto%20debole.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/covid-tallone-dachilleNuove armi contro il Covid-19Continua la lotta al coronavirus nei laboratori di tutto il mondo. In prima fila anche i ricercatori italiani le cui scoperte aprono scenari inediti nella lotta alla pandemia. Ecco gli studi condotti dal CNR/ISPRO e all’Università di Pavia.Roberto-Valguarnera2020-07-01T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
La sostenibilità riparte dalle tasse<img alt="" src="/PublishingImages/fisco%20e%20sostenibilità.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/fisco-e-sostenibilitàLa sostenibilità riparte dalle tasseLa crisi da Coronavirus ha acceso i riflettori sulle imprese che non hanno un rapporto esemplare con il fisco. Ecco perché.Andrea-Di-Turi2020-06-23T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Le relazioni al tempo del post Covid<img alt="" src="/PublishingImages/relazioni%20post%20covid.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/comportamenti-post-covidLe relazioni al tempo del post CovidSi ridefiniscono le dinamiche di lavoro e di vita quotidiana, ma mancano le istruzioni per l’uso. Le storie dopo il virus.Giampaolo-Colletti2020-06-28T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it

SEGUI GRUPPO UNIPOL
TAG CLOUD