Gentile Utente, ti informiamo che questo sito fa uso di cookie propri e di altri siti al fine di rendere i propri servizi il più possibile efficienti e semplici da utilizzare.
Se vuoi saperne di più o esprimere le tue preferenze sull'uso dei singoli cookie, clicca qui
Se accedi ad un qualunque elemento sottostante questo banner, acconsenti all'uso dei cookie.
Changes - il magazine del Gruppo Unipol > Le pandemie non salvano il clima

Le pandemie non salvano il clima

Environment

Rallentare e basta non è stato sufficiente a migliorare l’ambiente. La via della cooperazione verso un’economia sostenibile è l’unica strada.

​​​​​​Un certo ambientalismo indignato spesso paragona l'umanità a un “virus" che dà la febbre al pianeta, con la implicita conclusione che quanto più gli umani si fanno da parte e smettono di fare, tanto meglio sarebbe per tutti e per la Terra. Logicamente allora – ma invertendo i ruoli – il virus vero che ci ha colpiti è stato considerato invece un anticorpo della biosfera che “finalmente" ci avrebbe costretti a rallentare la nostra corsa verso la distruzione. Quante immagini satellitari di cieli puliti, quanti racconti di pesci tornati e uccelli risorti durante i mesi del lockdown!

Però, purtroppo, le cose non sono così semplici. Avendo colpito soprattutto i gruppi più fragili, acuito l'ingiustizia ai danni di chi non può pensar​e al domani, la pandemia ha scatenato la frenesia del recupero economico a tutti i costi; e ciò malgrado la visione ufficiale – quella del Green Deal europeo, ad esempio – che già sa quanto sia diversa la realtà: la Terra non si salva con un'economia che rallenta, ma facendola correre in modo diverso.

Due rapporti ONU degli ultimi giorni assieme danno un quadro realistico della sfida. Anzitutto, a metè settembre è uscita una raccolta dei principali dati recenti sul clima, ove emerge che le concentrazioni di gas serra sono a livelli record nonostante un calo temporaneo causato dal blocco COVID-19. Il rapporto intitolato United in Science 2020 riunisce gli ultimi dati accertati da Organizzazione Metereologica Mondiale (WMO), Global Carbon Project (GCP), Commissione oceanografica intergovernativa (UNESCO-IOC), Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC), UN Environment Program (UNEP) e servizio metereologico britannico (UK Met Office). Ogni organizzazione ha contribuito con un capitolo. Un gran bel ventaglio di credibilità per evidenziare gli impatti negativi e irreversibili dei cambiamenti climatici su oceani e mari, ecosistemi ed economie, risorse idriche, benessere e salute umana. Soprattutto, il rapporto esamina anche come il COVID-19 abbia ostacolato il monitoraggio globale dei cambiamenti climatici e rileva che, nonostante un calo temporaneo, le emissioni globali sono sulla buona strada per tornare ai livelli pre-pandemici.

Qualche tendenza incoraggiante non manca - la crescita delle emissioni è rallentata all'1% all'anno negli anni 2010, rispetto alla crescita annuale del 3% negli anni 2000 - ma malgrado il lockdown il calo delle emissioni annuali che si è verificato all'inizio degli anni 2010 è successivamente aumentato.

Quasi contemporaneamente è uscito il Rapporto Plasmare le tendenze del nostro tempo, lanciato il 16 settembre dalla rete di economisti delle Nazioni Unite per l'evento di alto livello previsto per il 75° anniversario dell'ONU: gli autori delineano dei megatrend globali, sottolineando che l'ONU "può aiutare a mobilitare il supporto globale necessario per i singoli paesi, in particolare quelli con meno risorse". E il megatrend più mega di tutti riguarda purtroppo il clima. Vi si esaminano i "veri e propri fallimenti nella politica" che hanno provocato il cambiamento climatico, il degrado ambientale e le disuguaglianze" e non è un caso. Finalmente si è capito che il pianeta non è messo in pericolo dallo sviluppo bensì dallo sviluppo ingiusto e che “il cambiamento climatico e il degrado ambientale non hanno lati positivi e devono essere invertiti. Allo stesso modo, l'impatto complessivo delle disuguaglianze persistenti e crescenti è negativo". È chiaro, rallentare non serve. Serve cooperare per un'economia più giusta


 

 

Energia e terra: matrimonio possibile<img alt="" src="/PublishingImages/consumo%20energia%20covid.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/covid-consumo-energiaEnergia e terra: matrimonio possibileL’impatto della pandemia sul sistema energetico è epocale e dà una spinta decisiva alle rinnovabili. Ecco perché.Elena-Comelli2020-10-20T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Finanza sostenibile: perché l'engagement è aumentato<img alt="" src="/PublishingImages/engagement%20sostenibilità.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/engagement-finanza-sostenibileFinanza sostenibile: perché l'engagement è aumentatoIl dialogo con le imprese accelera e non è più l'unico terreno su cui gli investitori sostenibili si attivano. Ora conta il confronto con Stati, Authority, Enti regolatori.Andrea-Di-Turi2020-10-19T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Rinnovabili: far bene all’ambiente aiuta l’economia<img alt="" src="/PublishingImages/rinnovabili%20mediterraneo.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/rinnovabili-mediterraneoRinnovabili: far bene all’ambiente aiuta l’economiaUna trasformazione energetica sostenibile può creare oltre 40 milioni di posti di lavoro entro il 2050. E può risolvere i conflitti nel Mediterraneo.Grammenos-Mastrojeni2020-09-22T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Il business del climate litigation<img alt="" src="/PublishingImages/climate%20litigation.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/climate-litigationIl business del climate litigationC’è una crescita esponenziale nel mondo per le cause e i contenziosi giuridici provocati dalla crisi climatica. Sul banco degli imputati anche gli Stati. Difendere il Pianeta diventa un affare legale.Andrea-Di-Turi2020-07-29T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
La decrescita felice è un’illusione<img alt="" src="/PublishingImages/coronavirus%20decrescita%20felice.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/covid-decrescita-feliceLa decrescita felice è un’illusioneNell’economia post virus tutta da costruire abbiamo l’occasione di dare vita a un ciclo costruttivo e risuonante fra benessere umano e del pianeta.Grammenos-Mastrojeni2020-07-22T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it

 

 

Finanza sostenibile: perché l'engagement è aumentato<img alt="" src="/PublishingImages/engagement%20sostenibilità.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/engagement-finanza-sostenibileFinanza sostenibile: perché l'engagement è aumentatoIl dialogo con le imprese accelera e non è più l'unico terreno su cui gli investitori sostenibili si attivano. Ora conta il confronto con Stati, Authority, Enti regolatori.Andrea-Di-Turi2020-10-19T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Comprare l’auto non è di moda<img alt="" src="/PublishingImages/noleggio%20lungo%20termine.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/noleggio-lungo-termineComprare l’auto non è di modaAnche in Italia la proprietà dell’automobile perde terreno a vantaggio di altre formule come il noleggio a lungo termine ma anche di inedite soluzioni ibride. Vediamo quali.Roberto-Valguarnera2020-10-14T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Dentro il Big Data<img alt="" src="/PublishingImages/big%20data.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/big-dataDentro il Big DataReti neurali, machine learning, deep learning sono parte della cosiddetta Intelligent economy. Changes ne ha parlato con Marco Della Vedova.Nicola-Di-Turi2020-10-18T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it

SEGUI GRUPPO UNIPOL
TAG CLOUD