Gentile Utente, ti informiamo che questo sito fa uso di cookie propri e di altri siti al fine di rendere i propri servizi il più possibile efficienti e semplici da utilizzare.
Se vuoi saperne di più o esprimere le tue preferenze sull'uso dei singoli cookie, clicca qui
Se accedi ad un qualunque elemento sottostante questo banner, acconsenti all'uso dei cookie.
Changes - il magazine del Gruppo Unipol > Il sacerdote dei numeri

Il sacerdote dei numeri

Society 3.0

Vaclav Smil è un cavallo di razza della saggistica internazionale e quando esce un suo libro è sempre un evento, al punto che Bill Gates lo ha inserito nel suo pantheon dei grandi intellettuali di riferimento. Ma che ha di speciale Smil?

​Lo definirei un implacabile sacerdote dei numeri. Vaclav Smil è uno studioso che, per lo più, nel corso della sua lunga carriera si è dedicato al tema affascinante e complesso dell'energia, pubblicando diversi testi che sono pietre miliari in questo ambito. Il suo approccio è sempre rigoroso e quantitativo: cercare un apparato di numeri e di fonti riconosciute a sostegno delle sue tesi.

È normale, dunque, prestare attenzione al libro appena uscito per Einaudi, I numeri non mentono (Brevi storie per capire il mondo), un saggio destinato al grande pubblico in cui, in modo trasversale, questa poetica del dato rigoroso emerge in tutta evidenza.

Dicevo di Smil che è il sacerdote implacabile dei numeri.  Attraverso una serie di storie raggruppate attorno ad alcuni macro temi, lo scienziato canta la sua serenata in omaggio all'evidenza empirica e critica l'informazione facilona e poco approfondita, quella che non si interroga sulle fonti e sull'interpretazione del dato.

Persone, paesi, macchine e dispositivi, elettricità e combustibili, trasporti, cibo e ambiente: ciascuna sezione contiene storie e gustosi aneddoti ma, soprattutto, contiene i numeri che ci aiutano a comprendere il mondo. Sono storie, volendo muovere un appunto al saggio, a volte troppo scollegate le une dalle altre ma il filo rosso, tra le pagine che si susseguono, è uno e uno soltanto: l'ancora solida dell'evidenza.

Ne emerge così un prezioso e direi benvenuto bagno di realtà: qualcuno potrà trovare la voce di Smil pessimista, ma io preferisco apprezzarne la competenza nel parlare di ciò che si sa. Di fronte alla grave crisi ambientale in cui siamo immersi, Smil snocciola i numeri della transizione energetica e soprattutto della sua difficoltà, argomentando di come i grandi cambiamenti dell'umanità siano tipicamente lenti o, per lo meno, più lenti di quanto ci si possa aspettare.

È molto salutare il continuo riferimento di Smil alla mitologia pre-scientifica dell'innovazione tecnologica: numeri alla mano, lo scienziato ceco-canadese risolve l'equivoco cui tutti noi, chi più chi meno, tende a dare credito.

Rapiti dalla matematica della legge di Moore e dalla velocità con cui la rivoluzione digitale ha trasformato le nostre vite, dimentichiamo che il progresso dei dispositivi mobili è solo una piccolissima parte dello sviluppo tecnico. Generare energia e distribuirla, produrre cibo o materiali di costruzione sono sfide altrettanto importanti e in cui il tasso di innovazione, pur importante, è molto più lento e il cambiamento richiede (o per lo meno così è stato fino ad ora) decenni.

Smil è quasi il cantore di un mondo analogico e dei favolosi anni '80 del diciannovesimo secolo, il decennio d'oro del progresso tecnico in cui contemporaneamente iniziò l'era dell'energia elettrica e del motore a combustione. A distanza di un secolo e mezzo, sono due invenzioni che ancora costituiscono parte integrante delle nostre vite quotidiane, con il correlato di prodotti e servizi che si basano su queste tecnologie.

Il bagno di realtà è necessario perché spesso ci lasciamo andare al fascino pericoloso di parole usate senza competenza: intelligenza artificiale, trasformazione digitale, innovazione, rischiano di diventare miraggi se si dimentica il al nocciolo della questione tecnica e del modo in cui la stessa può e deve essere studiata. Smil è paziente e per questo dedica pagine amorevoli (uso proprio questo aggettivo) per spiegarci come funziona un motore diesel, come si produce l'acciaio o quanto è difficile aumentare la potenza di una pala eolica.

Il lettore uscirà soddisfatto da questo viaggio limpido e complesso nel mondo della tecnica, auspicabilm​ente con la speranza che l'avanzamento della conoscenza scientifica possa rendere la vita degli esseri umani sempre più prospera e felice, senza però perdere la consapevolezza che non ci sono scorciatoie semplificate sulla via del progresso, che rimane una strada fatta di studio, fatica e innovazioni fallimentari.

 

 

Lavoro: quanto conta il purpose personale<img alt="" src="/PublishingImages/purpose%20personale.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/purpose-personaleLavoro: quanto conta il purpose personaleCosa voglio fare davvero da grande? E soprattutto, chi voglio essere? Le domande da farsi per trovare il proprio scopo, esattamente come fa un’azienda.Giulio-Xhaet2021-07-25T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Il vero genio è tanto sudore e tanti errori<img alt="" src="/PublishingImages/idea.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/ideaIl vero genio è tanto sudore e tanti erroriA guardare la storia dell’imprenditoria non si hanno dubbi: è la “perspiration” o sudore a fare la differenza. Partiamo dall’esperienza di Thomas Edison per riflettere su come imparare dagli errori e su come adattarsi al cambiamento continuo. Filippo-Poletti2021-07-11T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
I nuovi confini del lavoro<img alt="" src="/PublishingImages/confini%20lavoro.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/confini-lavoroI nuovi confini del lavoroDallo smart working al near working, il lavoro di prossimità è una delle eredità della pandemia. L’obiettivo è continuare a fidelizzare la forza lavoro, soprattutto i giovani.Nadia-Anzani2021-06-27T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
La citta diventa uno spazio ibrido<img alt="" src="/PublishingImages/città%20ibride.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/città-ibrideLa citta diventa uno spazio ibridoLa formula giusta è un misto tra online e offline dove vita sociale e lavorativa procedono insieme. E tutto è a portata di passeggiata.Giampaolo-Colletti2021-06-20T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Nomadland e nomadi digitali: esistenze parallele<img alt="" src="/PublishingImages/nomadi%20digitali.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/nomadi-digitali-(2)Nomadland e nomadi digitali: esistenze paralleleLa tecnologia cambia il lavoro e l’atmosfera che passa dalla rassegnazione del film vincitore del premio Oscar all’innovazione precaria dei giovani pionieri delle nuove occupazioni.Elisa-Toma2021-06-15T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it

 

 

Il virus nemico del sonno <img alt="" src="/PublishingImages/covid%20sonno.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/covid-sonnoIl virus nemico del sonno Il diffondersi della pandemia ha modificato le abitudini notturne delle persone e ha cambiato il tempo e la qualità del dormire. Le ricadute sulla salute.Roberta-Lazzarini2021-01-26T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Come natura suona<img alt="" src="/PublishingImages/suoni%20natura.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/suoni-naturaCome natura suonaEstrarre vibrazioni dalla natura e dall'ambiente circostante grazie alla tecnologia. Il progetto di Max Casacci che ci porta ad ascoltare la Terra.Carlo-Bordone2021-07-13T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Sostenibilità alimentare: soluzione alla "trappola malthusiana"<img alt="" src="/PublishingImages/ublog%20cibo.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/ublog-ciboSostenibilità alimentare: soluzione alla "trappola malthusiana"Ho 20 anni, vivo in un mondo che considero evoluto, ma uno dei dati che mi sconvolge più spesso è che nel 2021 si possa ancora morire di fame o soffrirne seriamente.Redazione-UBlog2021-07-04T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it

SEGUI GRUPPO UNIPOL
TAG CLOUD