Changes - il magazine del Gruppo Unipol > Net neutrality: da sola non basta

Net neutrality: da sola non basta

Technology

L’accesso e il servizio internet uguali per tutti come qualità e disponibilità è sempre in discussione. Ed è una garanzia fondamentale, ma servono misure per evitare che il potere si concentri nelle mani di pochi.

​​​Se ogni operatore fosse libero semplicemente di dare preferenza ai propri partner, l'innovazione sarebbe enormemente ridotta. Ci sarebbe un filtro e non avremmo più una rete che dà a tutti la possibilità di innovare, ma garantirebbe un modello di business e di crescita soltanto a chi ha un accordo con i provider.

La neutralità della rete è un concetto che va difeso. Senza avremmo qualcosa che assomiglia molto di più al sistema di broadcasting, alla televisione, soprattutto quella via cavo. Senza, avremmo che la diffusione dei contenuti che hanno un accordo commerciale con il provider sono favoriti. È quello che per esempio sta avvenendo negli Stati Uniti, dove i grandi nomi inseguono integrazioni verticali, come dimostrano le acquisizioni di broadcaster come Nbc Universal o Time Warner, per dare preferenza ai loro contenuti e degradare quelli dei competitor.

La neutralità della rete è un principio fondamentale per garantire che internet resti quello che è sempre stato: cioè un ambiente aperto all'innovazione, decentralizzato dove è l'utente che da un lato definisce l'evoluzione della rete e dall'altro creare nuovi servizi. Pensiamo soltanto a chi adesso rientra nella classifica dei maggiori miliardari al mondo: venticinque anni fa erano soltanto studenti che creavano piattaforme e applicazioni e hanno avuto queste possibilità perché internet era relativamente neutra. Infatti potevano tranquillamente, e in maniera non discriminatoria, condividere la loro applicazione, avere molto successo e, di conseguenza, continuare a fornire il servizio senza dover sottostare a nessun contratto specifico con gli operatori. 

La mancanza di neutralità significa che l'operatore, l'internet service provider che ti dà accesso a internet, può - se vuole - bloccare o diminuire la qualità di certi servizi. Con il risultato che non vivremmo più in un ambiente aperto all'innovazione, ma in un ambito nel quale è l'operatore che definisce che cosa si guarda, quale tipo di contenuto e di notizie si ricevono, quale tipo di servizio più utilizzare. Né più né meno di quello che avviene nella rete telefonica.

Per capire i risvolti economici e sociali, quando si parla di utente, poi non bisogna guardare soltanto ai diritti di chi riceve un servizio. Ma dobbiamo riferirci anche alle start up. Tra i maggiori sostenitori della neutralità, non a caso, ci sono loro: quelle di oggi chiedono di avere le stesse possibilità di chi vent'anni fa le ha precedute. Aziende che hanno potuto espandersi perché non c'erano restrizioni e discriminazioni. Per questo, ci sono già almeno 50 Paesi in tutto il mondo che hanno definito la neutralità come un principio a livello legislativo.

La neutralità, come detto, è soprattutto un principio che prescrive il trattamento non discriminatorio nel trattamento di traffico da parte dell'operatore, dei provider di accesso a internet. Di conseguenza i principali attori di questo mercato, le piattaforme stesse, sono influenzate dall'assenza o dalla presenza di neutralità. Se c'è, c'è una competizione vera, altrimenti saranno privilegiati soltanto quei soggetti che hanno la capacità economica per fare business e imporre accordi ai competitor. 

Detto questo, la neutralità da sola non basta. Ci devono essere tutta una serie di altre misure che devono essere prese per limitare il potere dominante delle piattaforme: competizione, regolamentazione sia sulle posizioni dominanti sia su come i dati possono essere utilizzati. Perché anche in presenza di neutralità, che cosa succede quando tutti i dati vengono catturati da giganti come Facebook o Google e l'utente non può sapere come queste informazioni vengono utilizzate? Si perderebbe quel sacrosanto diritto alla portabilità, riconosciuto per esempio, dalla nuove norme europee. Paradossalmente scaricare i nostri dati in un formato interoperabile e portarli da una piattaforma a un'altra, è l'unica strada che ti consente di garantirsi una reale concorrenza di mercato e di superare i rischi di concentrazioni.​

 

 

Guida autonoma: tra sogno e realtà<img alt="" src="/PublishingImages/futuro%20guida%20autonoma.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/guida-autonomaGuida autonoma: tra sogno e realtàVetture che guidano da sole: è veramente imminente il loro ingresso sul mercato? Potremo utilizzarle presto? Gianfranco-Burzio2022-01-19T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it
NFT: una rivoluzione appena iniziata<img alt="" src="/PublishingImages/nft.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/nftNFT: una rivoluzione appena iniziataIl mercato dei Non-fungible Token nel 2021 è esploso e sempre più oggetti digitali sono certificati e venduti tramite questa modalità. Ma come funzionano e quali sono le loro applicazioni future nel “mondo reale”? Luca-Politi2021-12-27T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it
La tecnologia non è neutra <img alt="" src="/PublishingImages/tecnologia%20non%20è%20neutra.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/tecnologia-neutraLa tecnologia non è neutra Le tecnologie intellettuali come l’orologio e la macchina così come quelle digitali hanno un’influenza diretta sul nostro pensiero.Monica-Bormetti2021-12-08T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Il metaverso entra in tv<img alt="" src="/PublishingImages/metaverso-televisione.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/metaverso-televisioneIl metaverso entra in tvLa televisione si trasferisce nell’universo Android, iOS, Apple, Google, Amazon, Meta. E questo avrà impatti fortissimi sia sui contenuti audiovisivi e sull’hardware degli apparecchi. Claudio-Plazzotta2021-11-30T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Nel collo di bottiglia dei chip<img alt="" src="/PublishingImages/crisi-chip.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/crisi-chipNel collo di bottiglia dei chipLa domanda di beni elettronici e di energia pulita è esplosa. Le materie prima mancano. Perché la transizione verso la sostenibilità ha mandato in crisi domanda e offerta.Luca-Politi2021-11-14T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it

 

 

Il virus nemico del sonno <img alt="" src="/PublishingImages/covid%20sonno.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/covid-sonnoIl virus nemico del sonno Il diffondersi della pandemia ha modificato le abitudini notturne delle persone e ha cambiato il tempo e la qualità del dormire. Le ricadute sulla salute.Roberta-Lazzarini2021-01-26T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Clima 2022: serve un’alleanza per la transizione<img alt="" src="/PublishingImages/transizione%20sostenibile.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/transizione-sostenibileClima 2022: serve un’alleanza per la transizioneEcologica o sostenibile? La strada per il cambiamento e la salvaguardia del Pianeta è aperta. Ma la partita va giocata tutti insieme.Grammenos-Mastrojeni2022-01-11T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it
C’è una second life per le batterie<img alt="" src="/PublishingImages/seconda%20vita%20batterie.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/seconda-vita-batterieC’è una second life per le batterieIl deperimento della “benzina sostenibile” delle auto elettriche è lento. Dopo una decina d'anni la densità energetica cala ma possono essere impiegate per altri usi.Elena-Comelli2022-01-12T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it

SEGUI GRUPPO UNIPOL
TAG CLOUD