Gentile Utente, ti informiamo che questo sito fa uso di cookie propri e di altri siti al fine di rendere i propri servizi il più possibile efficienti e semplici da utilizzare.
Se vuoi saperne di più o esprimere le tue preferenze sull'uso dei singoli cookie, clicca qui
Se accedi ad un qualunque elemento sottostante questo banner, acconsenti all'uso dei cookie.
Changes - il magazine del Gruppo Unipol > Mindset e previsioni

Mindset e previsioni

Society 3.0

Misurare l’accuratezza di una stima futura e raccogliere informazioni su quanto siamo bravi è il primo passo per capire qualcosa. Ma nessuno è allenato a ragionare in termini probabilistici.

​Immaginate di avere pianificato un weekend al mare, in questo inizio bizzoso di estate. Prima di mettere nella borsa-frigo il cocomero, consultate le previsioni meteo: pioggia al 70%. Disfate la valigia e vi accomodate sul divano, recuperando l'ultima stagione della vostra serie tv preferita. Quando, la mattina di sabato, andate alla finestra per godervi il fortunale che si è scatenato sulla vostra città, un Sole splendente vi sorprende e maledite con tutta l'anima il sito delle previsioni, assolutamente farlocche.

Se vi ritrovate in questo mini episodio, siete come quasi tutti gli esseri umani che popolano il pianeta: poco allenati, quindi, a ragionare in termini probabilistici e non particolarmente avvezzi all'arte di predire il futuro.

Sì, perché quelle previsioni del tempo non sono sbagliate. Se c'è il 70% di probabilità che piova, vuol dire che nel 30% dei casi (quasi 1 su 3, per intenderci) non pioverà.

Il fatto è che i primi uomini, all'inizio di una tortuosa evoluzione, erano programmati per prendere decisioni rapide, abbastanza istintive, la cui complessità si riduceva a pochi input:

  • Sì (agisci)
  • No (stai fermo)
  • Forse (in allerta)

 La probabilità è venuta molto dopo e, in un certo senso, il nostro cervello non si è ancora adattato ad accoglierla come elemento imprescindibile del mindset di chi deve fare una scelta.

L'arte e la scienza di fare previsioni è anche il titolo di un bellissimo libro di Philip Tetlock, professore a metà strada tra le scienze politiche, quelle comportamentali e la psicologia all'Università della Pennsylvania, che parte proprio da questo spunto per poi investigare a fondo l'abilità umana di guardare nel futuro.

Al di fuori della freschezza con cui il libro è scritto, Tetlock è molto rigoroso nello stabilire immediatamente le regole del gioco: per parlare di stime e di previsioni riguardo al futuro, servono tonnellate di dati e un'indagine attenta dell'evidenza empirica.

E qui, se vogliamo, c'è un po' la prima sorpresa: siamo così presi dalla nostra frenesia di vedere confermate le idee che ci piacciono o di cedere al fascino di un'ipotesi di destino dal dimenticare, quando poi il futuro diventa presente, di verificare se le nostre previsioni, o quelle di celebratissimi guru, si sono dimostrate esatte.

Misurare l'accuratezza di una previsione e, in ultima analisi, raccogliere informazioni su quanto siamo bravi, è il primo passo per capirci qualcosa. Lo scienziato, dice Tetlock, non si chiede "Perché?" ma "Come?" e per questo il professore coordina un imponente progetto, The Good Judgment Project che, da anni, ha proprio lo scopo di studiare quanto le persone (migliaia di persone) sono brave a fare previsioni sul futuro e a raccogliere evidenze.

La modalità è quella del torneo di previsioni, in cui gruppi di forecasters (quelli che scommettono sul futuro, insomma) sono chiamati a rispondere a una batteria di domande sui temi più disparati: geopolitica, economia, sport.

Tetlock, negli anni, è riuscito a sfatare alcuni miti e a trovare diverse regolarità, molto utili per chiunque volesse avvicinarsi all'arte di fare previsioni. Innanzitutto, c'è una piccola minoranza di persone, un 2% circa, che sistematicamente fa previsioni migliori degli altri e, per questo, è insignito del titolo di superforecasters. Di chi si tratta? Sorprenderà, ma spero che sia anche letto come un segno di speranza, sapere che i superforecasters sono persone tutto sommato normali.

Non bisogna essere geni, insomma, per fare previsioni migliori sul futuro, ma ci sono determinate caratteristiche che aiutano. Innanzitutto, fare previsioni è un'abilità che si può allenare, non un talento innato. Tra gli insights della ricerca di Tetlock, alcuni sono di puro buon senso: per essere dei superforecasters, è necessario avere una notevole apertura mentale. Bella scoperta, direte voi!

E allora vi dico bravi: vuol dire che avete appena fatto una previsione corretta. Il fatto è che, vincendo il bias di conferma, chi è predisposto a prendere in considerazione ipotesi diverse dalla propria, è più probabile che sia anche in grado di raccogliere un maggior numero di informazioni, di riconoscere un errore, di cambiare idea se è il caso…

In una parola, di non ancorare la realtà alla propria visione del mondo ma, piuttosto, di aggiustare quest'ultima in funzione del dato. Un superforecaster è in modalità di beta permanente: raccoglie stimoli e dati e, di volta in volta, rivede le proprie previsioni incrementandone marginalmente l'efficacia. Di fatto, è ciò che avviene con i meteorologi che, lentamente, arricchiscono il proprio modello climatico e rendono le previsioni del tempo leggermente migliori. Di nuovo, non giuste al 100 per cento: prima si accetta l'impossibilità della certezza e più velocemente si diventerà buoni investigatori di futuro.

Non sorprendentemente, quanto più la previsione si allontana dal presente e quanto meno essa è precisa: Tetlock mette anche un numero, perché dopo 5 anni sarebbe meglio affidarsi, per le stime, a uno scimpanzè che tira freccette per ottenere lo stesso livello di accuratezza.

Studiare scientificamente il modo in cui le persone simulano un evento incerto richiede molti sforzi, tanta fatica e molteplici tentativi: non è un caso che la grinta sia considerata un tratto della personalità essenziale per chi prova a guardare nel futuro con qualche speranza di vederci qualcosa.

Il lavoro di Tetlock è davvero imponente e, esattamente come per chi fa previsioni, si aggiusta piano piano nel tempo e grazie alla mole di dati crescente: esso rappresenta uno strumento essenziale per istituzioni, governi, imprese o semplici cittadini che desiderino imparare a ragionare sul futuro in modo più accurato.

È matematico.

O almeno forse.

 

 

Lavoro: quanto conta il purpose personale<img alt="" src="/PublishingImages/purpose%20personale.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/purpose-personaleLavoro: quanto conta il purpose personaleCosa voglio fare davvero da grande? E soprattutto, chi voglio essere? Le domande da farsi per trovare il proprio scopo, esattamente come fa un’azienda.Giulio-Xhaet2021-07-25T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Il sacerdote dei numeri<img alt="" src="/PublishingImages/numeri%20non%20mentono.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/numeri-non-mentonoIl sacerdote dei numeriVaclav Smil è un cavallo di razza della saggistica internazionale e quando esce un suo libro è sempre un evento, al punto che Bill Gates lo ha inserito nel suo pantheon dei grandi intellettuali di riferimento. Ma che ha di speciale Smil?Luciano-Canova2021-07-18T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Il vero genio è tanto sudore e tanti errori<img alt="" src="/PublishingImages/idea.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/ideaIl vero genio è tanto sudore e tanti erroriA guardare la storia dell’imprenditoria non si hanno dubbi: è la “perspiration” o sudore a fare la differenza. Partiamo dall’esperienza di Thomas Edison per riflettere su come imparare dagli errori e su come adattarsi al cambiamento continuo. Filippo-Poletti2021-07-11T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
I nuovi confini del lavoro<img alt="" src="/PublishingImages/confini%20lavoro.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/confini-lavoroI nuovi confini del lavoroDallo smart working al near working, il lavoro di prossimità è una delle eredità della pandemia. L’obiettivo è continuare a fidelizzare la forza lavoro, soprattutto i giovani.Nadia-Anzani2021-06-27T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
La citta diventa uno spazio ibrido<img alt="" src="/PublishingImages/città%20ibride.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/città-ibrideLa citta diventa uno spazio ibridoLa formula giusta è un misto tra online e offline dove vita sociale e lavorativa procedono insieme. E tutto è a portata di passeggiata.Giampaolo-Colletti2021-06-20T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it

 

 

Il virus nemico del sonno <img alt="" src="/PublishingImages/covid%20sonno.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/covid-sonnoIl virus nemico del sonno Il diffondersi della pandemia ha modificato le abitudini notturne delle persone e ha cambiato il tempo e la qualità del dormire. Le ricadute sulla salute.Roberta-Lazzarini2021-01-26T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Come natura suona<img alt="" src="/PublishingImages/suoni%20natura.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/suoni-naturaCome natura suonaEstrarre vibrazioni dalla natura e dall'ambiente circostante grazie alla tecnologia. Il progetto di Max Casacci che ci porta ad ascoltare la Terra.Carlo-Bordone2021-07-13T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Privacy e big data: a che punto siamo<img alt="" src="/PublishingImages/big%20data%20privacy.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/dati-sensibili-privacyPrivacy e big data: a che punto siamoL'uso dell'intelligenza artificiale ha suscitato la preoccupazione di molti utenti riguardo all’utilizzo dei propri dati sensibili. Differential Privacy e Federated Learning sono la soluzione proposta a questo problema da aziende come Google ed Apple.Pier-Paolo-Ippolito2021-07-14T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it

SEGUI GRUPPO UNIPOL
TAG CLOUD