Gentile Utente, ti informiamo che questo sito fa uso di cookie propri e di altri siti al fine di rendere i propri servizi il più possibile efficienti e semplici da utilizzare.
Se vuoi saperne di più o esprimere le tue preferenze sull'uso dei singoli cookie, clicca qui
Se accedi ad un qualunque elemento sottostante questo banner, acconsenti all'uso dei cookie.
Changes - il magazine del Gruppo Unipol > Mindfulness: la resilienza entra in azienda

Mindfulness: la resilienza entra in azienda

Well Being

Il cambiamento sul posto di lavoro va gestito con l’obiettivo di migliorare il benessere delle persone. In questo modo si abbatte lo stress. Usando testa e corpo.

​​​​​​​​​​​​​​​​Da qualche tempo nel vocabolario degli economisti ha fatto il suo ingresso il termine resilienza che, secondo la definizione comune, è la capacità di resistere agli urti senza spezzarsi. Per Mario Draghi, presidente della Banca centrale europea (BCE), la resilienza fa ormai parte della politica monetaria europea, che cerca da anni di domare la crisi e segnare il percorso verso la ripresa, e consente di fare lo slalom tra gli choc che si profilano all’orizzonte ad un ritmo sempre più intenso e irregolare, sfuggendo spesso a ogni previsione. Essere resilienti, per gli psicologi significa essere in grado di superare traumi e dolori più rapidamente e come spiega bene Andrew Zolli, sociologo e futurologo americano, nel suo saggio Resilienza. La scienza di adattarsi ai cambiamenti (Rizzoli, 2014) aiuta ad abbracciare il cambiamento, senza subirlo. Essere resilienti sul posto di lavoro aiuta a migliorare il clima e abbatte lo stress, ma non si nasce così e per raggiungere la consapevolezza delle proprie forze ed essere capaci di fronteggiare situazioni negative e stress occorre un esercizio costante. Per prime lo hanno capito le aziende che devono fare i conti con il quadro dipinto dall’Unione Europea: secondo dati 2015, è stressato in media il 22% dei lavoratori europei e l’Italia si posiziona a un livello più alto della media con il 27%. Ma non solo. Dopo il mal di schiena, il motivo principale per cui oggi in Italia si resta a casa dal lavoro e si produce di meno è lo stress. Lo certifica l’Organizzazione internazionale del lavoro (ILO), agenzia dell’Onu, secondo cui in Europa nel 2015 il 50% dei dipendenti resta a casa per stress (erano il 28% nel 2007) e per il 33% dei capi è il principale problema da risolvere in ufficio.

Apple e Microsoft hanno portato in azienda la mindfulness

È il segnale che il cambiamento​ sul posto di lavoro va gestito con l’obiettivo di migliorare il benessere delle persone. Perché non si tratta solo di lavorare per guadagnare, ma anche di stare bene per poter lavorare meglio. Una strada possibile e sempre più battuta dalle aziende è quella di introdurre percorsi emozionali come benefit. Tra i più innovativi c’è la mindfulness, una particolare forma di meditazione, di cui Jon Kabat-Zinn, biologo e scrittore statunitense, fondatore della Stress Reduction Clinic e del Center for Mindfulness in Medicine, Health Care and Society presso la University of Massachusetts Medical School, è stato un pioniere. Secondo il suo approccio, si deve prestare attenzione al momento presente, senza pregiudizi, per raggiungere la piena consapevolezza del sé. Per arrivare al risultato bastano pochi esercizi pratici da fare durante il giorno: per esempio una camminata, il controllo del respiro, l’analisi di comportamenti istintivi che fanno reagire sempre allo stesso modo di fronte a situazioni critiche. Il metodo ha conquistato Apple, Microsoft, Nike e Procter & Gamble e in Italia Ubs, e Telecom hanno già avviato il protocollo sui loro dipendenti. Punti di riferimento in Italia sono l’Istituto Italiano di Mindfulness fondato a Vicenza da Fabrizio Didonna, che associa i centri più qualificati ad applicare il metodo e fa cultura sul tema attraverso workshop e segnalazioni sempre aggiornate, come anche l'Associazione Italiana per la Mindfulness.



Tra i primi a introdurre in azienda il percorso di Kabat-Zinn c’è Randstad, l’agenzia per il lavoro specializzata nella ricerca e selezione del personale. «Da circa due anni​ stiamo portando questo metodo nei programmi aziendali»​,​ ha detto Federica Muzzi, Team Manager Training Department di Randstad HR Solutions. «La richiesta​ delle imprese è quella di inserire nel proprio staff, persone resilienti che sappiano gestire lo stress e la mindfulness aiuta a raggiungere il risultato»​​. Ma come funziona davvero? «In primo luogo​ andiamo a lavorare sulla concentrazione», ha sottolineato Muzzi che porta come esempio una classica riunione di lavoro: a un certo punto si inserisce il pilota automatico, non si ascolta più cosa dicono gli altri, ci si collega allo smartphone e in definitiva cala la concentrazione. Il team di Randstad è composto da coach e psicologi e punta molto anche sul work-life balance, ovvero sull’equili​brio che si può raggiungere tra vita privata e lavorativa sulla strada della resilienza. «Benessere​ e sviluppo delle competenze chiave delle persone sono due cardini del protocollo che è fatto anche di esercizi da fare a casa, tra cui la tenuta di un diario delle sensazioni che si provano durante il percorso»​,​ ha detto Muzzi. La maggior parte dei ​compiti è fatta per prendere consapevolezza del proprio corpo. Molti degli esercizi formulati secondo i principi della filosofia di Jon Kabat-Zinn si trovano nel manuale Mente calma, cuore aperto (Sperling & Kupfer, 2016) scritto da Carolina Traverso, psicologa e insegnante di mindfulness, che adotta un approccio semplice e molto pratico per imparare a lasciare andare ciò che non fa stare bene. Stress per primo.​​​

 

 

Virus: l’immunità non basta, ma aiuta<img alt="" src="/PublishingImages/covid%20immunità.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/immunità-covidVirus: l’immunità non basta, ma aiutaPerché anche con l’arrivo del vaccino dovremo convivere con il Covid-19 per il resto della nostra vita. Changes ne ha parlato con il virologo Yonatan Grad.Elena-Comelli2020-09-15T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Malati di deforestazione<img alt="" src="/PublishingImages/deforestazione%20zoonosi.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/virus-deforestazioneMalati di deforestazioneDistruggere l’ecosistema aumenta la zoonosi. Ormai il 75% delle malattie umane deriva da animali e il 60% delle malattie emergenti sono state trasmesse da animali selvatici e provoca ogni anno circa un miliardo di casi e milioni di morti.Elena-Comelli2020-08-18T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Nuove armi contro il Covid-19<img alt="" src="/PublishingImages/covid%20punto%20debole.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/covid-tallone-dachilleNuove armi contro il Covid-19Continua la lotta al coronavirus nei laboratori di tutto il mondo. In prima fila anche i ricercatori italiani le cui scoperte aprono scenari inediti nella lotta alla pandemia. Ecco gli studi condotti dal CNR/ISPRO e all’Università di Pavia.Roberto-Valguarnera2020-07-01T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Se la vita dopo il lockdown fa paura <img alt="" src="/PublishingImages/coronavirus%20sindromi%20lockdown.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/coronavirus-sindromi-lockdownSe la vita dopo il lockdown fa paura La riapertura della libera circolazione in Italia fa emergere insicurezze e criticità. La vita ricomincia ma restano le sindromi da virus. Ecco perché.Elisa-Venco2020-06-16T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Tutti a lezione di resilienza<img alt="Resilienza, COVID-19" src="/PublishingImages/resilienza.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/tutti-a-lezione-di-resilienzaTutti a lezione di resilienzaCovid 19 ha cambiato il nostro modo di pensare, i nostri valori, le nostre priorità. E abbiamo dovuto modificare in modo veloce e incisivo le nostre abitudini. Con quali conseguenze?Roberta-Lazzarini2020-04-22T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it

 

 

Quanti pensieri nella testa del digital consumer<img alt="" src="/PublishingImages/digital%20consumer%20covid.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/digital-consumer-covidQuanti pensieri nella testa del digital consumerLa tecnologia digitale agisce sempre di più sul nostro modo di pensare e di acquistare. Un fenomeno amplificato dall’epidemia di Coronavirus.Vittorio-Verdone2020-09-09T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Vita e lavoro racchiusi in uno schermo <img alt="" src="/PublishingImages/videocentrismo.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/videocentrismoVita e lavoro racchiusi in uno schermo In questo 2020 così surreale l’esperienza videocentrica ha subito un’accelerazione senza precedenti. E il video è diventato un riflesso su cui incentrare la nostra vita quotidiana e il lavoro a distanza.Giampaolo-Colletti2020-09-08T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Il DNA è già un business<img alt="" src="/PublishingImages/business%20dna.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/business-dnaIl DNA è già un businessUn’analisi del MIT stima che entro il 2021 saranno oltre 100 milioni le persone censite attraverso i geni. Così la scienza aiuta il marketing sulla strada di consumi personalizzati e nuove esperienze di acquisto.Elisa-Venco2020-09-06T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it

SEGUI GRUPPO UNIPOL
TAG CLOUD