Gentile Utente, ti informiamo che questo sito fa uso di cookie propri e di altri siti al fine di rendere i propri servizi il più possibile efficienti e semplici da utilizzare.
Se vuoi saperne di più o esprimere le tue preferenze sull'uso dei singoli cookie, clicca qui
Se accedi ad un qualunque elemento sottostante questo banner, acconsenti all'uso dei cookie.
Changes - il magazine del Gruppo Unipol > Covid, lo sharing si fa “mini”

Covid, lo sharing si fa “mini”

Sharing

Con la pandemia anche la mobilità sta cambiando volto e i servizi in condivisione puntano sempre più su veicoli piccoli e sostenibili.

​​Piccolo è bello. Il Covid-19 sta cambiando volto ai servizi di mobilità in condivisione che adesso puntano sui veicoli elettrici e di ridotte dimensioni. La pandemia, infatti, oltre a rivoluzionare il nostro modo di comunicare, mangiare, lavorare, ha avuto un forte impatto anche sul modo in cui ci muoviamo. Come spesso accade, però, la crisi, oltre a infliggere duri colpi a business che fino a un momento prima godevano di ottima salute, apre contemporaneamente nuove e inedite opportunità di cambiamento e di rilancio. L'esempio più lampante proviene dalla Cina: secondo una ricerca Deloitte, nel Paese asiatico si sta registrando un vero e proprio boom della micro-mobilità condivisa (monopattini, biciclette, scooter elettrici, segway). Un dato su tutti: il bike sharing è incrementato del 150%.

Un'onda lunga, quella del boom della micromobilità, che a quanto pare sta raggiungendo velocemente anche l'Europa. La quarta edizione del Rapporto nazionale sulla sharing mobility, realizzato dall'Osservatorio nazionale della sharing mobility, promosso da Ministero dell'Ambiente, Ministero dei Trasporti e Fondazione per lo sviluppo sostenibile, ha messo in evidenza che anche in Italia i numeri parlano di una buona presenza dei servizi di mobilità condivisa micro. Il monopattino-sharing, in particolare, ultimo a sbarcare in Italia a fine 2019, assieme al bikesharing, risultano i servizi di micromobilità più in crescita nel periodo post lockdown: tra dicembre 2019 e settembre 2020 i monopattini in condivisione sono passati da 4.900 a 27.150 mentre i servizi attivi sono più che triplicati passando da 12 a 38 in questo stesso periodo.

Le limitazioni legate all'uso dei mezzi pubblici per ragioni di sicurezza sanitaria avrebbero dovuto spingere in alto l'uso del car sharing e invece il timore di usare un veicolo non perfettamente igienizzato, unito alla riduzione delle esigenze di spostamento a causa della diffusione a macchia d'olio dello smart working, ha inferto un durissimo colpo al settore, rilevato già diversi mesi fa, in piena prima ondata, da alcune ricerche. Fra i primi a metterlo in evidenza la società di consulenza aziendale che si occupa di ricerche di mercato e analisi strategiche Frost & Sullivan, che ha previsto per il 2020 un calo del 25% del mercato del car sharing.

Ecco perché l'universo della micromobilità sta trovando nuovi spazi: in tutto esistono 86 servizi di questo tipo e una città capoluogo su tre ne ha attivo almeno uno entro i confini del suo territorio. In cima alla classifica si piazzano le grandi metropoli con Milano (14 servizi di micromobilità in sharing), Roma (11) e Torino (7).

Un altro aspetto da sottolineare riguarda il fatto che la micromobilità è intrinsecamente verde perché i veicoli su cui si basa sono ecosostenibili: biciclette in primo luogo ovviamente ma anche gli scooter che sono ormai per la maggior parte elettrici e poi i monopattini che si muovono alimentati da una batteria. La loro diffusione sta avendo anche un altro effetto, quello di spingere le amministrazioni dei grandi centri urbani a ripensare in tempi record la viabilità proprio per renderla più adatta a questi veicoli promuovendo quella che oramai da più parti è definita “mobilità dolce".

Secondo il
Deloitte Mobility City Index 2020, Roma prevede l'inaugurazione di nuove ciclabili che dovrebbero portare l'estensione totale entro il 2020 a 150 km. Anche a Milano, oltre alla realizzazione delle piste ciclabili, ovvero corsie separate dalla sede stradale utilizzata dal traffico a motore, si stanno predisponendo anche chilometri di corsie ciclabili (un semplice spazio ricav​ato per le biciclette sul lato destro della carreggiata di una strada urbana, delimitato da segnaletica pitturata). Inoltre per incrementare la sicurezza a tutto vantaggio degli utenti di ​biciclette e monopattini, particolarmente esposti a incidenti, stanno spuntando come funghi anche le case avanzate: si tratta di aree riservato ai ciclisti, in posizione avanzata e quindi più sicura, in coincidenza di incroci regolati dai semafori. Tutte innovazioni che molto lentamente ma inesorabilmente stanno erodendo lo spazio prima riservato ai mezzi privati a motore a combustione interna.

 

 

C’è bisogno di una slow-sharing<img alt="" src="/PublishingImages/slow-sharing.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/slow-sharingC’è bisogno di una slow-sharingDopo gli anni della ricerca ossessiva di scalabilità, profitti e quotazioni veloci, l’economia della condivisione si converte a un tempo lento e si concentra su uno schema nuovo ispirato al modello cooperativo.Antonio-Belloni2021-02-24T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Il regalo è sostenibile<img alt="" src="/PublishingImages/natale-sostenibile.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/natale-sostenibileIl regalo è sostenibileCome individuare i marchi ecologici da mettere sotto l’albero di Natale. Guida all’acquisto consapevole che tiene conto dei principi di sostenibilità ambientale.Roberta-Lazzarini2020-12-15T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it
La vita è on demand <img alt="" src="/PublishingImages/dieta%20mediatica.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/dieta-mediatica-covidLa vita è on demand Tra smart working, consumo di intrattenimenti online, social media la vita sociale è ridotta al minimo e tutto diventa condivisione e fruizione digitale a richiesta. Un segnale per i pubblicitari.Claudio-Plazzotta2020-10-25T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Il riciclo cambia la manifattura <img alt="" src="/PublishingImages/rimanifattura.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/rimanifatturaIl riciclo cambia la manifattura La spinta verso la sostenibilità stimola anche le filiere a progettare nuovi prodotti ideati, disegnati e costruiti per essere riciclati. I vantaggi del re-manufacturing.Antonio-Belloni2020-08-30T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Fase 2: la sharing economy riparte<img alt="" src="/PublishingImages/covid-sharing.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/covid-sharingFase 2: la sharing economy riparteIl distanziamento sociale è un colpo mortale per il settore dell’economia condivisa? Forse no. Ecco i sei settori in cui il modello resiste, ridefinendo la propria missione e cercando di tornare al suo spirito originario.Luca-Politi2020-06-10T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it

 

 

Il virus nemico del sonno <img alt="" src="/PublishingImages/covid%20sonno.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/covid-sonnoIl virus nemico del sonno Il diffondersi della pandemia ha modificato le abitudini notturne delle persone e ha cambiato il tempo e la qualità del dormire. Le ricadute sulla salute.Roberta-Lazzarini2021-01-26T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it
La piattaforma ci salverà?<img alt="" src="/PublishingImages/platform%20economy.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/platform-economyLa piattaforma ci salverà?La Platform Economy è un modello di business basato sui dati e sull’incrocio tra domanda e offerta in un campo digitale. Le prospettive sono rosee, nonostante la crisi. Ma i problemi di sostenibilità ed equità sono irrisolti.Luca-Politi2021-02-17T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Significati e significanti: le parole cambiano e ci cambiano<img alt="" src="/PublishingImages/parole-virus.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/parole-virusSignificati e significanti: le parole cambiano e ci cambianoA un anno dall’inizio della pandemia, anche le cose che diciamo sono diverse. Tra vecchi e nuovi termini abbiamo dovuto imparare un altro linguaggio, per definire l’incertezza.Diana-De-Caprio2021-02-23T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it

SEGUI GRUPPO UNIPOL
TAG CLOUD