Gentile Utente, ti informiamo che questo sito fa uso di cookie propri e di altri siti al fine di rendere i propri servizi il più possibile efficienti e semplici da utilizzare.
Se vuoi saperne di più o esprimere le tue preferenze sull'uso dei singoli cookie, clicca qui
Se accedi ad un qualunque elemento sottostante questo banner, acconsenti all'uso dei cookie.
Changes - il magazine del Gruppo Unipol > Magazine & Eventi > Brand Journalism: l’impresa come media company è già realtà #ijf18

Brand Journalism: l’impresa come media company è già realtà #ijf18

Magazine & Eventi

​​​​​​​​​​​​​​Brand Journalism: l’impresa come media company è già realtà #ijf18​​​​​​​​​Perugia, 13/​04/2018Giornalismo e aziende sono ormai due soggetti che operano sullo stesso fronte e dove è sempre più difficile definirne le differenze.​Come agisce un'organizzazione che vuole essere una media company pur non operando in ambito editoriale? Quali sono i vantaggi che ne trae all'interno e verso suoi interlocutori di riferimento? Quale tipo di relazione e collaborazione può imbastire con i media tradizionali? A queste domande ha risposto il Panel organizzato dal gruppo Unipol dal titolo "Brand Journalism. L'impresa come media company è già realtà" che si è tenuto all'interno della XII edizione dell'International Journalism Festival di Perugia.

All'incontro moderato da Carlo Fornaro, Ceo Osservatorio Brand Reporter Lab, l'osservatorio italiano di ricerca su brand journalism e digital information sostenuto dal Gruppo Unipol, hanno partecipato: Massimo Gaggi, editorialista del Corriere della Sera negli Stati Uniti; Fernando Vacarini, Responsabile Media Relations Gruppo Unipol e Direttore responsabile Changes, il sistema editoriale del Gruppo Unipol che comprende un Blog e una magazine; Tomas Kellner, editor in chief di GE Reports l'hub di notizie digitali del gruppo GE e della newsletter di GE Brief; e Diomira Cennamo, direttrice scientifica di Brand Reporter Lab.​



 

 

SEGUI GRUPPO UNIPOL
TAG CLOUD