Gentile Utente, ti informiamo che questo sito fa uso di cookie propri e di altri siti al fine di rendere i propri servizi il più possibile efficienti e semplici da utilizzare.
Se vuoi saperne di più o esprimere le tue preferenze sull'uso dei singoli cookie, clicca qui
Se accedi ad un qualunque elemento sottostante questo banner, acconsenti all'uso dei cookie.
Changes - il magazine del Gruppo Unipol > Machine, Platform e Crowd: dominare il digitale

Machine, Platform e Crowd: dominare il digitale

Technology

Sono tre elementi che hanno rivoluzionato il business model delle imprese. Al di là delle parole si deve capire bene il loro significato e l’impatto sull’economia.

​​Ci sono parole o espressioni che, puntualmente, diventano di moda, finendo sulla bocca di tutti a rappresentare una sorta di spirito del tempo. Tra di esse, senz'altro, occupa un posto di tutto rispetto digital transformation, mantra ormai abitudinario nel lessico aziendale, con i business alla ricerca di un modo di evolvere per far fronte alla disruption, il cambiamento radicale provocato dall'inarrestabile progresso tecnologico.

Al di là delle parole e dell'uso delle stesse, si tratta però di capire bene il loro significato. Quali sono, dunque, le caratteristiche essenziali dell'economia digitale? Cosa caratterizza i processi digitali rispetto al modo tradizionale di fare business?

Per rispondere a questa domanda, due economisti dell'MIT, Andrew Mc Afee e Erik Brynjolfsson, hanno costruito una cornice teorica che punta a raccogliere i frutti del futuro piantando principalmente 3 semi:

  1. Machine
  2. Platform
  3. ​Crowd

Macchina. Piattaforma. Folla. Sono questi tre gli ingredienti necessari al mix esplosivo in grado di far crescere un'azienda in un mondo sempre più digitale. Vediamo di descriverli brevemente, uno per uno.

Macchina

Senza evocare termini che ci proiettino nel mondo fantascientifico di Asimov, la macchina si fonda su due elementi essenziali della civiltà digitale: dati e algoritmi. Da un lato, la datizzazione consiste nella trasformazione sempre più capillare di azioni, decisioni, movimenti in data point quantificabili. Ogni oggetto pulsa letteralmente di sensori che trasmettono e trasformano in dato un immenso patrimonio informativo fino a oggi inutilizzato. E tutto ciò che diventa dato viene a sua volta utilizzato per alimentare le macchine, che imparano a risolvere problemi e a pensare autonomamente, con tutta la cautela del caso nell'associare il verbo 'pensare' a un robot. È qui, in nuce, il grande dibattito che concerne l'automazione e l'intelligenza artificiale: le macchine sono sempre più in grado di svolgere compiti prima appannaggio dei soli esseri umani. E la potenza di calcolo dei computer è sempre più in grado di sostenere questa immensa elaborazione in grado di scomporre ogni decisione del consumatore o ogni movimento di una macchina in sequenze replicabili di istruzioni (gli algoritmi). Questo è il mondo in cui siamo immersi e in sé il futuro è da guardarsi con il segno +: la macchina è uno strumento progettato per migliorare il contesto in cui lavoriamo e prendiamo decisioni.

Platform

Il secondo elemento chiave di un'economia digitale è la piattaforma. In questo caso non c'è niente di più semplice che utilizzare esempi arcinoti.La società più grande al mondo che offre servizi di trasporto non possiede una macchina (UBER). La società al mondo che offre più servizi di alloggio non possiede una casa (Airbnb). La società al mondo che diffonde più contenuti online non ne produce uno (Facebook). La piattaforma è uno spazio, digitale appunto, un'infrastruttura che garantisce la tanto agognata scalabilità del business. In un'economia di servizi e sempre più dematerializzata, rappresenta un punto chiave della trasformazione del modo di produzione che stiamo vivendo.

Crowd

L'ultimo, ma non meno importante, elemento a supporto di un ecosistema digitale è la crowd, vale a dire la folla. Una comunità di utenti che spontaneamente si mette insieme e produce gestalticamente un risultato complessivo superiore alla somma delle singole parti.

Il crowdfunding funziona proprio così: strumento complementare alle modalità tradizionali di raccolta di credito e fondi, con un moto di aggregazione dal basso in cui i singoli elementi di una folla, appunto, decidono liberamente di donare piccole quantità di denaro per raggiungere la somma necessaria alla realizzazione di un progetto, che si tratti di un film come di un prodotto da immettere sul mercato.

La folla sfrutta banalmente i meccanismi di diffusione delle economie di rete: è il motivo per cui Facebook diventa un social network dominante. Se tutti i miei amici usano Facebook, gioco forza è più probabile che lo utilizzi anche io per poter accedere alla medesima comunità. Nel momento, tuttavia, in cui faccio questa scelta, rendo marginalmente meno probabile che possa costituirsi altrove un credibile competitor.

In che modo machine, platform e crowd cambiano e stanno cambiando l'economia digitale?Fondamentalmente perché, come nel binomio fantastico di Rodari, questi tre pilastri portano con sé un contraltare altrettanto importante. Per quanto concerne le macchine, per esempio, il dibattito terrorizzato dai rischi dell'automazione e della disoccupazione tecnologica ci impedisce, a volte, di pensare al lato positivo parimenti centrale: come evidenziare la peculiarità e l'unicità delle attività umane nella generazione di valore? La piattaforma, d'altro canto, trova il suo contraltare nei prodotti e servizi che, non dimentichiamolo, sono ancora elemento portante di un sistema economico in salute e capace di generare valore aggiunto. La folla, infine, porta con sé il pensiero immediato all'expertise, al know how: le competenze che si distinguono e creano un'identità specifica.

La sfida, nel futuro che è già presente, consiste proprio nel bilanciare virtuosamente i tre pilastri dell'economia digitale con questi contrappesi. Solo così digital transformation non sarà soltanto un'espressione trendy in bocca al guru di turno, ma acquisterà un senso e un vero valore per i business e per l'economia nel suo complesso.

 

 

È tempo di professional branding<img alt="" src="/PublishingImages/professional%20branding.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/professional-brandingÈ tempo di professional brandingIl tempo della ricreazione in rete è finito: la crisi del mondo del lavoro morde. Quando possiamo lasciare tracce di noi su Internet, facciamolo seminando delle “molliche” professionali. Filippo-Poletti2021-03-03T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Privacy: le stanze senza muri di Clubhouse <img alt="" src="/PublishingImages/TECHNOLOGY%20Clubhouse.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/clubhouse-privacyPrivacy: le stanze senza muri di Clubhouse È il social del momento. Si basa sulla voce e ha già attirato l’attenzione di esperti e appassionati, ma non solo. Da Roma ad Amburgo, a Clubhouse guardano con interesse e crescente preoccupazione anche i Garanti della Privacy. Ecco perché.Luca-Politi2021-02-23T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it
La piattaforma ci salverà?<img alt="" src="/PublishingImages/platform%20economy.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/platform-economyLa piattaforma ci salverà?La Platform Economy è un modello di business basato sui dati e sull’incrocio tra domanda e offerta in un campo digitale. Le prospettive sono rosee, nonostante la crisi. Ma i problemi di sostenibilità ed equità sono irrisolti.Luca-Politi2021-02-17T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Motivazione e dove trovarla<img alt="" src="/PublishingImages/goal.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/goal-gradient-effectMotivazione e dove trovarlaAvete iniziato l’anno un po' stancamente e cercate nuove motivazioni? Il goal gradient effect è la soluzione per un download della voglia di fare senza intoppi. Anche in tempo di pandemia.Luciano-Canova2021-02-08T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Cortocircuito social<img alt="" src="/PublishingImages/social%20violante.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/cortocircuito-social-violanteCortocircuito socialTwitter blocca Trump, TikTok e Instagram solo ora si preoccupano dei minori. C’è un vuoto normativo in rete e una catena che rischia di promuovere l’estremismo. Changes ne ha parlato con Luciano Violante. Nicola-Di-Turi2021-02-07T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it

 

 

Il virus nemico del sonno <img alt="" src="/PublishingImages/covid%20sonno.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/covid-sonnoIl virus nemico del sonno Il diffondersi della pandemia ha modificato le abitudini notturne delle persone e ha cambiato il tempo e la qualità del dormire. Le ricadute sulla salute.Roberta-Lazzarini2021-01-26T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Significati e significanti: le parole cambiano e ci cambiano<img alt="" src="/PublishingImages/parole-virus.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/parole-virusSignificati e significanti: le parole cambiano e ci cambianoA un anno dall’inizio della pandemia, anche le cose che diciamo sono diverse. Tra vecchi e nuovi termini abbiamo dovuto imparare un altro linguaggio, per definire l’incertezza.Diana-De-Caprio2021-02-23T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it
C’è bisogno di una slow-sharing<img alt="" src="/PublishingImages/slow-sharing.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/slow-sharingC’è bisogno di una slow-sharingDopo gli anni della ricerca ossessiva di scalabilità, profitti e quotazioni veloci, l’economia della condivisione si converte a un tempo lento e si concentra su uno schema nuovo ispirato al modello cooperativo.Antonio-Belloni2021-02-24T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it

SEGUI GRUPPO UNIPOL
TAG CLOUD