Gentile Utente, ti informiamo che questo sito fa uso di cookie propri e di altri siti al fine di rendere i propri servizi il più possibile efficienti e semplici da utilizzare.
Se vuoi saperne di più o esprimere le tue preferenze sull'uso dei singoli cookie, clicca qui
Se accedi ad un qualunque elemento sottostante questo banner, acconsenti all'uso dei cookie.
Changes - il magazine del Gruppo Unipol > Il futuro passa dal LED

Il futuro passa dal LED

Technology

Dagli studi sul potere battericida al Li-Fi fino al risparmio energetico. Una luce può cambiare le nostre case e le nostre abitudini. Ecco cosa è utile sapere.

​​I LED non sono solamente uno strumento utile ad ottenere efficienza energetica: questa luce potrebbe trasformare il volt​o delle nostre case grazie ad applicazioni ed utilizzi forse inaspettati che, però, possono davvero cambiare la vita di tutti noi.

Cosa è il LED e cosa c'entra con l'efficienza energetica

Se vi chiedessimo cosa è il LED, probabilmente la gran parte di voi penserebbe ad una lampadina, alla luce ad intermittenza dello smartphone che indica la notifica di un messaggio o alla spia che segnala che la tv non è spenta ma in stand-by. LED, per l'esattezza - e questo lo ricordano meno persone - è l'acronimo inglese di Light Emitting Diode che, in italiano, si traduce con diodo ad emissione di luce.

Senza scendere troppo addentro ad argomenti tecnici, questo innovativo dispositivo optoelettrico venne messo a punto negli anni '60 da Nick Holonyak Jr e, nel 2014, gli studi sui LED a luce blu valsero il premio Nobel per la fisica a Isamu Akasaki e Hiroshi Amano dell'Università di Nagoya e a Shūji Nakamura dell'Università della California.

Con l'arrivo dei LED a luce bianca negli anni '90 la tecnologia ha iniziato ad avere una diffusione sempre maggiore anche nei sistemi di illuminazione domestici, divenendo oggi il sistema maggiormente consigliato perché, a parità di performance, garantisce un grande risparmio energetico ed una durata (in termini di ore) enormemente più elevata rispetto alle fonti di luce tradizionali (con una riduzione anche in termini di rifiuti).

Se avete cambiato una lampadina o un lampadario da poco tempo probabilmente la luce che illumina le vostre case ed i vostri uffici viene prodotta da LED.

Inoltre, a differenza di altri tipi di fonti luminose germicide, la luce a LED non ha, di per sé, controindicazioni potendo essere utilizzata in totale sicurezza per le persone e gli animali, a casa, a scuola, sui luoghi di lavoro e all'interno di strutture sanitarie. Non richiede installazioni particolari, avvitandosi come una qualsiasi lampadina ai punti luce preesistenti.

Se i benefici in termini di efficienza energetica sono più conosciuti, sono forse meno note altre applicazioni che potremmo definire quasi sorprendenti e che sono state rese possibili solo grazie all'innovazione e alla ricerca.​

Biovitae: la luce antibatterica e antivirus

Da una rapida occhiata, la lampadina Biovitae sembrerebbe una normale luce eppure, nei suoi raggi luminosi, si cela una sorpresa. Nata da un brevetto italiano, oggi è registrata al Ministero della salute come dispositivo medico per sanificazione e illuminazione. Secondo gli studi effettuati, Biovitae è una valida alleata nella lotta a batteri, funghi, spore e virus e aiuta a sterilizzare gli ambienti in cui viene posizionata. L'utilizzo delle luci come germicida non è una novità (basti pensare agli sterilizzatori UV che si trovano negli studi dentistici o anche nelle barberie), ma ciò che rappresenta una nuova scoperta è la possibilità di avere un dispositivo domestico a LED che riesca a contrastare enti patogeni grazie alla sua funzione microbicida anche se - è fondamentale sottolinearlo - tali sistemi non sostituiscono l'assunzione di farmaci. Secondo studi condotti dal Dipartimento scientifico del Policlinico Militare Celio di Roma a giugno 2021, la Biovitae risulta efficace alleata anche nella lotta al Covid: il dispositivo utilizzato per la sperimentazione in ambienti chiusi ha ucciso il 99,8% del Sars-Cov2. Attualmente la ricerca sta approfondendo anche l'efficacia nella eliminazione di altri virus come per Febbre gialla e Influenza pandemica (H1N1).

Dal wifi al Li-FI: il wireless della luce

L'idea nasce dal team di To Be, giovani ragazzi italiani visionari che hanno cercato di capire come sprigionare, letteralmente, tutte le potenzialità della luce e connettere le persone. Dal loro lavoro nasce il progetto legato al Li-Fi ovverosia ad una tecnologia senza fili che sfrutta la modulazione della luce LED per trasmettere informazioni in modalità wireless.

Come rilevato dagli sviluppatori, l'utilizzo dei LED come trasmettitori di informazioni ha numerose caratteristiche positive: la velocità (in quanto capace di raggiungere i 100 Gbps in laboratorio), la lunghezza della banda (circa 10.000 volte più ampia rispetto allo spettro utilizzato oggi per le comunicazioni radio), la sicurezza (in quanto la luce, essendo delimitata ad uno spazio, è meno soggetta ad attacchi hacker, tema molto attuale) e l'elevata precisione in termini di geo-localizzazione.

L'assenza di onde radio poi evita problemi di interferenze con altri dispositivi e rende la tecnologia “elettrosmog free". Peraltro la possibilità di sfruttare la luce per trasmettere dati diminuisce il dispendio energetico. Sebbene sembri un progetto futuristico, già si manifestano molteplici applicazioni nella conservazione dei beni culturali, nei trasporti, nelle scuole e​ negli uffici e tutti questi utilizzi ci rassicurano su una circostanza: questa tecnologia farà luce sul futuro.

 

 

Il metaverso entra in tv<img alt="" src="/PublishingImages/metaverso-televisione.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/metaverso-televisioneIl metaverso entra in tvLa televisione si trasferisce nell’universo Android, iOS, Apple, Google, Amazon, Meta. E questo avrà impatti fortissimi sia sui contenuti audiovisivi e sull’hardware degli apparecchi. Claudio-Plazzotta2021-11-30T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Nel collo di bottiglia dei chip<img alt="" src="/PublishingImages/crisi-chip.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/crisi-chipNel collo di bottiglia dei chipLa domanda di beni elettronici e di energia pulita è esplosa. Le materie prima mancano. Perché la transizione verso la sostenibilità ha mandato in crisi domanda e offerta.Luca-Politi2021-11-14T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Come può cambiare Internet <img alt="" src="/PublishingImages/internet%20futuro.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/futuro-internetCome può cambiare Internet Cinque strade maestre conducono verso le nuove frontiere della Rete. Dal Quantum alla luce fino al 6G il futuro si sta già scrivendo oggi. Luca-Politi2021-10-26T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Cybersecurity: serve una rivoluzione culturale <img alt="" src="/PublishingImages/cyber-attacchi.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/cybersecurity-attacchiCybersecurity: serve una rivoluzione culturale L’attacco informatico alla Regione Lazio ha evidenziato la vulnerabilità informatica della nostra PA. Così è stata costituita l’Agenzia Unica per la Cybersicurezza. Changes ne ha parlato con Ranieri Razzante.Luca-Politi2021-10-03T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Addio vecchia tv<img alt="" src="/PublishingImages/nuovo%20tv.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/dvbAddio vecchia tvCon il nuovo digitale terrestre milioni di televisori e decoder sono da rottamare. Come farlo correttamente e come usufruire del bonus.Letizia-Palmisano2021-09-19T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it

 

 

Il virus nemico del sonno <img alt="" src="/PublishingImages/covid%20sonno.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/covid-sonnoIl virus nemico del sonno Il diffondersi della pandemia ha modificato le abitudini notturne delle persone e ha cambiato il tempo e la qualità del dormire. Le ricadute sulla salute.Roberta-Lazzarini2021-01-26T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Se il design diventa umanitario<img alt="" src="/PublishingImages/design-umanitario.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/design-umanitarioSe il design diventa umanitarioLa storia di Cédric Fettouche, designer e fondatore della Ong Humanitarian designers, che vuole costruire un ponte fra i due settori anche attraverso un corso di studi ad hoc. Alexis-Paparo2021-11-24T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Largo ai Super User<img alt="" src="/PublishingImages/Super-User-consumi.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/super-user-consumiLargo ai Super UserChi sono, cosa fanno e perché possono essere così utili ai cambiamenti che le aziende stanno affrontando a patto di sapersi mettere in ascolto.Antonio-Belloni2021-11-17T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it

SEGUI GRUPPO UNIPOL
TAG CLOUD