Gentile Utente, ti informiamo che questo sito fa uso di cookie propri e di altri siti al fine di rendere i propri servizi il più possibile efficienti e semplici da utilizzare.
Se vuoi saperne di più o esprimere le tue preferenze sull'uso dei singoli cookie, clicca qui
Se accedi ad un qualunque elemento sottostante questo banner, acconsenti all'uso dei cookie.
Changes - il magazine del Gruppo Unipol > La violenza sulle donne: problema culturale

La violenza sulle donne: problema culturale

Close to you

In Italia si registra un femminicidio ogni tre giorni. La prevenzione, fin dalla più tenera età, è imprescindibile e passa attraverso una corretta formazione. Changes ne ha parlato con Monica D’Ascenzo.

​​Un bollettino di guerra con migliaia di vittime segnate per sempre nel corpo e nell'anima. Sono 6 milioni 788 mila, secondo gli ultimi dati disponibili forniti dall'Istat, le donne italiane di età compresa fra i 17 e 70 anni che hanno subito una qualche forma di violenza. Stiamo parlando di quasi una donna su tre. Sono invece 4 milioni e 400 mila quelle che hanno ammesso di aver vissuto una relazione nella quale il filo conduttore era la prevaricazione psicologica da parte del partner. Se si guarda poi alle statistiche relative ai "caduti", ovvero di chi ha perso la vita soltanto per il fatto di aver dato la propria fiducia e il proprio affetto alla persona sbagliata, si scopre che in Italia, secondo Eures, le donne uccise ogni anno sono in media 115, ovvero una ogni tre giorni. Questi numeri rappresentano lo specchio di un'emergenza sociale che soltanto da qualche anno a questa parte inizia a essere presa in seria considerazione dall'opinione pubblica e soprattutto dalla politica.

Il fenomeno della violenza sulle donne non può essere trattato e analizzato esclusivamente come un semplice "reato contro la persona" visto e considerato che affonda profondamene le proprie radici in una sorta di subcultura "farcita" di pregiudizi molto diffusi e in particolare sull'errata convinzione che la donna debba sempre e comunque occupare un ruolo, nel lavoro o in famiglia, subalterno. Un retaggio tanto radicato in alcune persone che spesso è molto difficile, sia per gli uomini sia spesso per le donne, rendersi conto di stare esercitando o subendo una qualsiasi forma di violenza e di violazione di diritti che dovrebbero ormai essere considerati universali. Per questo motivo nella settimana fra il 19 e il 23 novembre 2018, in vista del 25 novembre, Giornata contro la violenza sulle donne, a tutti i dipendenti Unipol e Camst è stato distribuito il quaderno Exit-Uscite di sicurezza dalla violenza  realizzato in collaborazione con D.i.Re. Exit, corredato dalle illustrazioni di Stefania Spanò: una sorta di vademecum che raccoglie appunti e consigli utili per la prevenzione e il contrasto dei maltrattementi ai danni del genere femminile.

Il femminicidio, oltre che un'emergenza sociale, ha un costo, dal punto di vista puramente economico, elevatissimo. Ce lo ricorda la giornalista del Sole 24 Ore, Monica D'Ascenzo, ideatrice e responsabile del blog Alley Oop-L'altra metà del Sole, dedicato alla diversity. «Ovviamente sono abituata ad affrontare questo tema nell'ambito del mio lavoro adottando il punto di vista tipico del giornalista finanziario, partendo in primo luogo dai numeri. Un approccio che ci ha consentito di realizzare per il  25 novembre dell'anno scorso l'e-book Ho detto no. Ricordo una cifra davvero impressionante: secondo l'analisi di Eige, l'Istituto europeo per l'uguaglianza di genere, il costo annuo in Italia delle violenze sulle donne è quantificabile in 26,5 miliardi di euro, quasi quanto una finanziaria».

«L'e-book, che ha avuto il patrocinio del dipartimento per le Pari opportunità presso la presidenza del Consiglio con la prefazione dell'allora ministro Maria Elena Boschi – continua la giornalista - non contiene solo numeri ma anche alcune storie. Dall'analisi del fenomeno ormai strutturale e delle sue manifestazioni, il lavoro delle autrici passa ad esaminare le azioni necessarie da mettere in atto per sanare il problema. Una componente fondamentale nella strategia della lotta alla violenza femminile è senz'altro la formazione, perché da madre posso dire che la prevenzione inizia dalla scuola materna e passa anche attraverso una corretta stesura dei libri di testo che dovrebbero essere redatti in modo da evitare pregiudizi di genere. Nell'ambito scolastico, poi, un ruolo chiave è quello dei docenti che devono essere sensibilizzati e formati. Qualcosa si è mosso con l'introduzione dell'educazione di genere nelle scuole, ma siamo solo all'inizio di un percorso ancora lungo».

E infine come non ricordare il ruolo della stampa e dei mezzi di comunicazione di massa che hanno il dovere di trattare questi argomenti usando un linguaggio adeguato. «Anche in questo caso – conclude D'Ascenzo – sarebbe necessario lavorare sulla formazione. Spesso si leggono espressioni come "raptus" o "omicidio passionale" riferendosi a un femminicidio maturato nell'ambito di una relazione da lungo tempo improntata sulla violenza e la prevaricazione. Esistono dei codici verbali adeguati e bisognerebbe che chi si occupa di scrivere argomenti li conoscesse e soprattutto li adoperasse con l'obiettivo di evitare in primo luogo qualsiasi allusione a una corresponsabilità della vittima».​

 

 

Web reputation: governare le crisi<img alt="" src="/PublishingImages/Web-reputation-changes-unipol.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/web-reputation-governare-le-crisiWeb reputation: governare le crisiL’incontro a CUBO Unipol tra Daniele Chieffi, Direttore Comunicazione e PR Dipartimento per l’Innovazione Tecnologica e la Digitalizzazione Presidenza del Consiglio e Fernando Vacarini, Responsabile Media Relations Gruppo Unipol e Direttore Changes.Redazione-Changes2020-09-16T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Quanti pensieri nella testa del digital consumer<img alt="" src="/PublishingImages/digital%20consumer%20covid.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/digital-consumer-covidQuanti pensieri nella testa del digital consumerLa tecnologia digitale agisce sempre di più sul nostro modo di pensare e di acquistare. Un fenomeno amplificato dall’epidemia di Coronavirus.Vittorio-Verdone2020-09-09T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Perché investire sui caregiver <img alt="" src="/PublishingImages/caregiver.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/caregiver-noiunipolPerché investire sui caregiver Tre milioni di italiani si prendono cura di un familiare adulto malato, disabile o non autosufficiente e salgono a 12 milioni se si considerano i minori. L’impegno del Gruppo Unipol. Sabina-Tarozzi2020-09-03T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Governare il cambiamento con i dati<img alt="" src="/PublishingImages/governance%20esg.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/governance-esgGovernare il cambiamento con i datiLa gestione dei rischi e delle opportunità connessi agli aspetti ESG coinvolge tutto il Gruppo Unipol integrando le diverse funzioni. I risultati nel bilancio integrato e consolidato 2019.Redazione-Changes2020-07-27T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Investimenti ESG: la spinta del virus<img alt="" src="/PublishingImages/investimenti%20esg.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/investimenti-esgInvestimenti ESG: la spinta del virusIl Gruppo Unipol integra i principi di sostenibilità nelle proprie scelte di investimento, come leva fondamentale per contribuire al raggiungimento degli obiettivi dell’Agenda ONU 2030. I risultati nel bilancio integrato e consolidato 2019.Redazione-Changes2020-07-20T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it

 

 

Quanti pensieri nella testa del digital consumer<img alt="" src="/PublishingImages/digital%20consumer%20covid.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/digital-consumer-covidQuanti pensieri nella testa del digital consumerLa tecnologia digitale agisce sempre di più sul nostro modo di pensare e di acquistare. Un fenomeno amplificato dall’epidemia di Coronavirus.Vittorio-Verdone2020-09-09T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Vita e lavoro racchiusi in uno schermo <img alt="" src="/PublishingImages/videocentrismo.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/videocentrismoVita e lavoro racchiusi in uno schermo In questo 2020 così surreale l’esperienza videocentrica ha subito un’accelerazione senza precedenti. E il video è diventato un riflesso su cui incentrare la nostra vita quotidiana e il lavoro a distanza.Giampaolo-Colletti2020-09-08T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Il DNA è già un business<img alt="" src="/PublishingImages/business%20dna.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/business-dnaIl DNA è già un businessUn’analisi del MIT stima che entro il 2021 saranno oltre 100 milioni le persone censite attraverso i geni. Così la scienza aiuta il marketing sulla strada di consumi personalizzati e nuove esperienze di acquisto.Elisa-Venco2020-09-06T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it

SEGUI GRUPPO UNIPOL
TAG CLOUD