Gentile Utente, ti informiamo che questo sito fa uso di cookie propri e di altri siti al fine di rendere i propri servizi il più possibile efficienti e semplici da utilizzare.
Se vuoi saperne di più o esprimere le tue preferenze sull'uso dei singoli cookie, clicca qui
Se accedi ad un qualunque elemento sottostante questo banner, acconsenti all'uso dei cookie.
Changes - il magazine del Gruppo Unipol > La tutela dell’ambiente è una questione di diritto

La tutela dell’ambiente è una questione di diritto

Environment

Crescono i rischi per la salute e per l’ecosistema. Changes ne ha parlato con Angelo Merlin, docente di Diritto penale dell’ambiente e vicepresidente di Assoreca, per capire se all’aumento della consapevolezza corrisponda un adeguamento normativo.

​​​​L'informazione e la comunicazione ambientale oggi rappresentano strumenti importanti di conoscenza e partecipazione. Aumentare la consapevolezza sui rischi legati al nostro ambiente significa anche poter contribuire a sollecitare i tempi nella predisposizione di un adeguato sistema di tutela capace di fronteggiare le criticità ambientali e le emergenze.  Oggi l'ambiente è percepito maggiormente come un valore importante anche perché sempre più persone sono consapevoli che il mantenimento della salute e l'implementazione del benessere, passano attraverso la salubrità dell'habitat in cui si vive. A conferma di ciò, l'indagine statistica della Commissione europea realizzata nel 2017 sulle percezioni dei cittadini nei confronti del proprio ambiente. I dati registrano che è aumentata la presa di coscienza della gravità dei rischi derivanti da uno sviluppo tecnologico e scientifico indiscriminato e senza regole. Ma allora viene da chiedersi se l'aumento di questa conoscenza procede in parallelo con l'adeguamento normativo. Esiste oggi una risposta adeguata e proporzionata alla gravità di un danno arrecato all'ambiente? La risposta non è affatto semplice vista la complessità dell'argomento.

Potrebbe essere utile la ricostruzione "storica" di questo processo, di questa presa di coscienza. Partiamo dal significato delle parole. Conoscere il significato di inquinamento e quello di ambiente non è scontato. Secondo il dizionario della lingua italiana si intende: per ambiente: "Complesso delle condizioni esterne all'organismo e in cui si svolge la vita vegetale e animale.";  per inquinamento: "Contaminazione, corruzione, guasto. Introduzione nell'ambiente naturale di sostanze chimiche o biologiche, o di fattori fisici, in grado di provocare disturbi o danni all'ambiente stesso". Le disposizioni di legge che disciplinano la materia ambientale sono tante ma, non sempre si tratta di norme coordinate tra di loro. Nel 1986 fu istituito il Ministero dell'Ambiente e per la prima volta, venne introdotto il concetto di danno ambientale. La disposizione precisava che era considerato danno ambientale "qualunque fatto doloso o colposo, in violazione di disposizioni di legge o di provvedimenti adottati in base a legge che comprometta l'ambiente, ad esso arrecando danno, obbliga l'autore del fatto al risarcimento nei confronti dello Stato".

​Chi inquina paga

In quegli anni, grazie anche agli effetti prodotti da una certa mentalità ecologista, iniziava ad aumentare la consapevolezza degli effetti di un potenziale danno ambientale. Questo veniva inteso come danno che oltrepassa «largamente i tempi di oggi e di domani» e che coinvolge le generazioni future. L'Unione Europea nel 2004 istituì con una sua direttiva (2004/35/U) un quadro giuridico per la responsabilità ambientale basato sul principio «chi inquina paga». Prevenzione e riparazione del danno ambientale diventarono quindi concetti molto importanti. Tuttavia l'eccessivo tecnicismo con il quale la normativa comunitaria "irruppe" nel panorama giuridico italiano, ha condotto a decisioni giudiziarie non sempre lineari e concordanti. Il decreto legislativo 152/06, meglio conosciuto come Testo unico Ambientale (composto da ben 318 articoli e 45 allegati) che negli anni ha subito decine e decine di modifiche, contiene una specifica Parte (la Sesta composta da ben 22 articoli e 5 Allegati) che definisce, concordemente agli indirizzi comunitari, un nuovo concetto di danno e le conseguenti azioni di prevenzione e ripristino. Alla richiesta di nuovi strumenti contro le offese di danno all'ambiente meritevoli di presidio penale, il legislatore ha – recentemente - risposto con l'approvazione della Legge 22 maggio 2015, n.68. Le nuove fattispecie criminose hanno trovato collocazione nel Libro secondo del codice penale, in uno specifico Titolo VI-bis, denominato "Dei delitti contro l'ambiente". E questa collocazione costituisce un forte messaggio circa la riqualificazione dei beni giuridici in questi settori e la ferma stigmatizzazione delle relative condotte illecite. Non solo: assume importanza in quanto il legislatore assume il pregiudizio all'ambiente anche come presupposto fattuale e giuridico di condotte offensive del bene salute.  Ma, nonostante questi importanti strumenti normativi, la strada per tutelare efficacemente l'ambiente è ancora lunga.  Tanti i problemi aperti: reale controllo delle attività inquinanti, interpretazioni normative – da parte della giurisprudenza – che consentano certezze applicative corrette da parte delle imprese e riduzione dei tempi della giustizia. È sulla formazione che si gioca la partita più importante.  Per capirne di più, ne parliamo con Angelo Merlin, avvocato penalista e docente universitario di diritto penale dell'ambiente nonché attuale vicepresidente di Assoreca.  «La conoscenza specialistica in questo settore è elemento determinante per raggiungere una vera 'sostenibilità' delle imprese in campo ambientale. Formazione che deve, necessariamente, essere multidisciplinare».

La tutela ambientale si impara in aula

Esistono in Italia eccellenti scuole universitarie di alta formazione come la Challenge School di Ca' Foscari (Venezia) che al tema ambientale dedica diversi Master e numerosi corsi innovativi. Importante promuovere la conoscenza dell'assicurabilità del danno ambientale.  Le esperienze maturate nei diversi Stati della comunità europea hanno messo in luce la necessità che le aziende abbiano una effettiva copertura per gli obblighi finanziari nel caso in cui siano responsabili per danni ambientali. «In assenza di una idonea polizza assicurativa - spiega Merlin - molto spesso le aziende non sono in grado di sostenere i costi del risanamento ambientale che, quindi, vengono pagati dalla fiscalità generale in violazione del principio 'chi inquina paga'. Per questo nel 2017 è stata avanzata dal Parlamento europeo una proposta di modifica alla direttiva comunitaria in materia di danno ambientale con la richiesta di introduzione dell'assicurazione obbligatoria sulla responsabilità ambientale».

La strada è aperta quindi. Parola chiave: conoscenza, informazione per una corretta prevenzione anche perché il "dovere di sapere" e quindi di acquisire informazioni sui rischi è un obbligo imposto dall'art. 301 del d.lgs. 152/06 ed è di pertinenza delle imprese. «Questo è un dovere – rileva Merlin che va costantemente implementato nel contesto del più generale dovere degli enti di auto-organizzarsi efficacemente sul terreno della prevenzione del rischio-reato». Anche se il nostro sistema è alquanto lontano dal modello statunitense delle agenzie di regolamentazione, esistono comunque le norme citate che impongono l'adozione di strumenti di controllo sui rischi ambientali alternativi rispetto a quelli che sfociano, quando l'evento oramai si è prodotto, nelle imputazioni penali. «È, a mio avviso, oramai ineludibile l'esigenza di rafforzare, in un'ottica di lettura sistematica della normativa ambientale, l'applicazione di misure preventive - conclude Merlin -, senza inseguire criminalizzazioni di dubbia efficacia, per una reale tutela dell'ambiente che è veramente la nostra 'casa comune' per utilizzare le parole contenute nelle recente Enciclica papale».

 

 

Estate italiana: in vacanza con il virus<img alt="" src="/PublishingImages/covid%20vacanze.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/vacanze-covidEstate italiana: in vacanza con il virusAl mare o in montagna si afferma una nuova sostenibilità legata alla responsabilità sociale degli operatori turistici. Il viaggio è cambiato.Roberta-Lazzarini2020-08-05T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Il business del climate litigation<img alt="" src="/PublishingImages/climate%20litigation.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/climate-litigationIl business del climate litigationC’è una crescita esponenziale nel mondo per le cause e i contenziosi giuridici provocati dalla crisi climatica. Sul banco degli imputati anche gli Stati. Difendere il Pianeta diventa un affare legale.Andrea-Di-Turi2020-07-29T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
La decrescita felice è un’illusione<img alt="" src="/PublishingImages/coronavirus%20decrescita%20felice.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/covid-decrescita-feliceLa decrescita felice è un’illusioneNell’economia post virus tutta da costruire abbiamo l’occasione di dare vita a un ciclo costruttivo e risuonante fra benessere umano e del pianeta.Grammenos-Mastrojeni2020-07-22T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Ripartire da aree verdi e paesaggio <img alt="" src="/PublishingImages/tutela%20paesaggio.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/tutela-paesaggioRipartire da aree verdi e paesaggio Ogni abitante italiano ha in “carico” oltre 380 m2 di superfici occupate da cemento, asfalto o altri materiali artificiali, un valore che cresce di quasi 2 m2 ogni anno. La pandemia ha esasperato le criticità.Roberta-Lazzarini2020-07-15T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Una finanza più «biodiversa» al servizio del pianeta<img alt="" src="/PublishingImages/finanza%20biodiversa.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/finanza-biodiversaUna finanza più «biodiversa» al servizio del pianetaCosa si sta facendo per liberare e investire risorse nel contrasto alla perdita della variabilità degli organismi viventi. Un tema non solo ambientale ma sociale, economico, finanziario.Andrea-Di-Turi2020-07-08T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it

 

 

Quanti pensieri nella testa del digital consumer<img alt="" src="/PublishingImages/digital%20consumer%20covid.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/digital-consumer-covidQuanti pensieri nella testa del digital consumerLa tecnologia digitale agisce sempre di più sul nostro modo di pensare e di acquistare. Un fenomeno amplificato dall’epidemia di Coronavirus.Vittorio-Verdone2020-09-09T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Vita e lavoro racchiusi in uno schermo <img alt="" src="/PublishingImages/videocentrismo.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/videocentrismoVita e lavoro racchiusi in uno schermo In questo 2020 così surreale l’esperienza videocentrica ha subito un’accelerazione senza precedenti. E il video è diventato un riflesso su cui incentrare la nostra vita quotidiana e il lavoro a distanza.Giampaolo-Colletti2020-09-08T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Il DNA è già un business<img alt="" src="/PublishingImages/business%20dna.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/business-dnaIl DNA è già un businessUn’analisi del MIT stima che entro il 2021 saranno oltre 100 milioni le persone censite attraverso i geni. Così la scienza aiuta il marketing sulla strada di consumi personalizzati e nuove esperienze di acquisto.Elisa-Venco2020-09-06T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it

SEGUI GRUPPO UNIPOL
TAG CLOUD