Gentile Utente, ti informiamo che questo sito fa uso di cookie propri e di altri siti al fine di rendere i propri servizi il più possibile efficienti e semplici da utilizzare.
Se vuoi saperne di più o esprimere le tue preferenze sull'uso dei singoli cookie, clicca qui
Se accedi ad un qualunque elemento sottostante questo banner, acconsenti all'uso dei cookie.
Changes - il magazine del Gruppo Unipol > La rivoluzione dei rifiuti alimentari

La rivoluzione dei rifiuti alimentari

Technology

Dai campi alla tavola, gli italiani continuano a sprecare cibo. Un aiuto arriva dalla ricerca tecnologica e dalle App che possono cambiare le abitudini quotidiane.

​Mettete da parte 4 euro e 91 centesimi a settimana, poi buttateli nel cestino della spazzatura. Se vi sembra un'azione senza senso, sappiate che è quello che le nostre famiglie fanno quotidianamente a causa dello spreco di cibo. Il dato è stato diffuso in occasione della 7^ Giornata Nazionale di Prevenzione dello spreco alimentare dall'Osservatorio Waste Watcher di Last Minute Market. La cifra annua dello spreco in Italia, secondo la ricerca, raggiunge i 6,5 miliardi di Euro e con il dato della filiera produzione/distribuzione si raggiunge una cifra di poco inferiore ai 10 miliardi di euro, per un valore complessivo che sfiora i 12 miliardi ogni anno, lo 0,8% del nostro PIL.

Tuttavia, la ricerca di quest'anno ha regalato anche una preziosissima buona notizia: per la prima volta in 10 anni gli italiani hanno invertito la tendenza e per il 2020 si prevede il 25 per cento in meno di spreco alimentare rispetto l'anno scorso. «La situazione è in miglioramento – ha dichiarato a Changes il professore Andrea Segrè, fondatore di Last Minute Market e della campagna Spreco Zero e coordinatore del Piano Nazionale di Prevenzione dello Spreco Ali­mentare –. La percezione dello spreco delle famiglie italiane, infatti, è in calo del 20% rispetto agli anni scorsi: le campagne di sensibilizzazione evidentemente stanno funzionando».

La tecnologia nella filiera produttiva e distributiva

Nell'indagine Waste Watcher il 26% degli intervistati ha dichiarato di aver "decisamente" aumentato (26%) o semplicemente aumentato (42%) l'attenzione verso il problema dello spreco di cibo. Tra i cibi più sperperati primeggiano frutta, verdura, latte e formaggi. Spesso a essere sprecato è il cibo acquistato in grande quantità per approfittare di offerte speciale (24%). «Molte campagne di marketing (pensiamo al 3x2, NdR) non aiutano a contenere lo spreco – osserva sempre il professore Segrè – Continuiamo a sciupare troppo cibo tra le mura domestiche, anche perché nella filiera si sta lavorando molto per rendere più efficiente e sostenibile sia la distribuzione che la produzione di beni».

Algoritmi di intelligenza artificiale sono infatti sempre più applicati per eseguire previsioni sulla scadenza dei cibi, in modo da razionalizzare le scorte, cercando di stabilire con sempre più precisione gli stock necessari per la vendita, evitando perciò un surplus di acquisti e di cibo invenduto. Secondo la FAO un terzo di tutti i prodotti alimentari a livello mondiale (1,3 miliardi di tonnellate) viene perduto o sprecato ogni anno lungo l'intera catena di approvvigionamento: circa 685 miliardi di euro.

Per contenere il fenomeno, nel settore food & beverage, la cossiddetta logistica 4.0 utilizza sensori ed elabora dati al fine di monitorare gli itinerari percorsi da alimenti e bevande, prevedendo le condizioni con cui i cibi arrivano al destinatario. Nel settore primario, da qualche anno si parla sempre più spesso di agricoltura 4.0, trainata dall'uso della robotica, dell'intelligenza artificiale, dei droni e della data analysis. Secondo l'Osservatorio Smart Agrifood del Politecnico di Milano il mercato italiano dell'agricoltura 4.0 nel 2018 ha registrato un valore fra i 370 e i 430 milioni di euro. Si tratta di un mercato in cui sono presenti oltre 110 aziende fornitrici, tra cui diverse start-up che hanno lanciato oltre 300 soluzioni hi-tech, utilizzate dal 55% delle aziende agricole per ottimizzare la produzione e contenere gli sprechi idrici o di prodotto finale.

La ricerca tecnologica contro lo spreco alimentare

L'Istituto Italiano di Tecnologia di Genova sta studiando un nuovo tipo di materiale: i cristalli fotonici, in grado di cambiare colore in maniera tempestiva nel momento iniziale del processo di contaminazione batterica dell'alimento. I cristalli segnalano il cibo contaminato (per esempio con il noto batterio Escherichia Coli), in modo che il consumatore possa facilmente capire quale cibo buttare e quale conservare ancora nel frigorifero.

Sempre sul deperimento degli alimenti punta la start-up israeliana chiamata Wasteless che ha sviluppato un algoritmo di prezzi dinamici che variano in base alla data di scadenza dell'alimento: in questo modo il consumatore sarà invogliato a comprare il cibo di prossima scadenza, in quanto di minor costo. 

Sul cambiamento delle abitudini del consumatore, infine, insiste tutto il mondo della app economy: Too Good To Go si basa sulla cosiddetta "Magic Box", che gli esercenti mettono a disposizione a poco prezzo e che i consumatori prenotano direttamente dal loro smartphone. Pane, pizza, ma anche frutta, verdura e altri beni, altrimenti invenduti, sono messi da parte e consegnati al cliente, che passa a prenderli direttamente in negozio. «Siamo arrivati in Italia nel 2019 e i risultati ci stanno premiando – ci ha raccontato il country manager Italia di Too Good To Go Eugenio Sapora –. Nella penisola contiamo 750.000 utenti registrati, più di 350.000 Magic Box vendute e oltre tremila negozi coinvolti».

Accanto a Too Good To Go sta crescendo un vero e proprio mondo di app e progetti 2.0, che sfruttano i social per creare community e combattere lo spreco di cibo. È il caso di "Avanzi Popolo", che invita a scambiare il cibo in scadenza con i propri vicini. L'app Bring The Food aiuta, invece, gli esercenti a donare cibo in beneficienza, mentre My Foody, su segnalazione dei supermercati, mette a disposizione degli iscritti i prodotti vicini alla scadenza.

Punto di svolta nel settore in Italia è stata la Legge Gadda del 2016, che ha puntato a liberare da lacci e lacciuoli burocratici gli esercenti, che possono donare o scontare beni a rischio-spreco con più facilità. Tra reale e virtuale, dunque, la strada intrapresa sembrerebbe quella giusta. La partita però è ancora molto lunga e non può prescindere da quella che il Prof. Andrea Segre immagina come "una nuova educazione civica basata sulla lotta allo spreco alimentare". L'impegno non è rinviabile, in gioco c'è molto più di 4,91 euro a settimana.


 

 

Robot umani, troppo umani<img alt="" src="/PublishingImages/computer%20umani.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/computer-umaniRobot umani, troppo umaniAnche le macchine possono avere un cuore. Ne sono convinti gli studiosi dell’Affective Computing che indaga le emozioni umane e le sue manifestazioni per migliorare in senso collaborativo l’interazione uomo-automi.Luca-Politi2021-03-31T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Siamo cacciatori di connessioni <img alt="" src="/PublishingImages/cacciatori%20di%20sapere.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/cacciatori-di-sapereSiamo cacciatori di connessioni Sapersi muovere tra settori, saperi e culture diverse è la skill del momento. Nell’era dell’algoritmo l’iperspecializzazione è un limite, conta essere alfieri del pensiero ibrido, essere “contaminati”.Giulio-Xhaet2021-03-23T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it
L’agricoltura del futuro è in città<img alt="" src="/PublishingImages/agricoltura%20futuro.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/agricoltura-del-futuroL’agricoltura del futuro è in cittàLe aree urbane occupano il 3% della superficie terrestre, ma qui si consuma l’80% delle risorse alimentari del Pianeta. Ecco perché devono diventare luoghi di coltivazione sostenibile: dal vertical farming alle food forest, i modelli più promettenti. Alexis-Paparo2021-03-14T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Gli algoritmi non sono inclusivi<img alt="" src="/PublishingImages/algoritmo%20sessista.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/algoritmo-sessistaGli algoritmi non sono inclusiviLa tecnologia ha delle falle che provocano sessismo e razzismo. Ma siamo in tempo per cambiare rotta. C’è chi sta provando a mutare le cose, come Joy Buolamwini, la poetessa dei codici del MIT.Rosita-Rijtano2021-03-07T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it
È tempo di professional branding<img alt="" src="/PublishingImages/professional%20branding.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/professional-brandingÈ tempo di professional brandingIl tempo della ricreazione in rete è finito: la crisi del mondo del lavoro morde. Quando possiamo lasciare tracce di noi su Internet, facciamolo seminando delle “molliche” professionali. Filippo-Poletti2021-03-03T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it

 

 

Il virus nemico del sonno <img alt="" src="/PublishingImages/covid%20sonno.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/covid-sonnoIl virus nemico del sonno Il diffondersi della pandemia ha modificato le abitudini notturne delle persone e ha cambiato il tempo e la qualità del dormire. Le ricadute sulla salute.Roberta-Lazzarini2021-01-26T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it
La perseveranza del purpose<img alt="" src="/PublishingImages/purpose.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/purposeLa perseveranza del purposeInvestimenti sui dipendenti, valore per i consumatori, gestione etica delle relazioni con i fornitori e sostegno alle comunità locali dove si opera. Ma niente serve senza una narrazione efficace.Giampaolo-Colletti2021-03-28T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
A Pasqua si viaggia in digitale <img alt="" src="/PublishingImages/turismo%20virtuale.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/turismo-digitaleA Pasqua si viaggia in digitale Il turismo resta virtuale e per ora si può partire quasi esclusivamente con la mente cliccando sul pc con una grande offerta di contenuti. E dai Big data l’industria pensa di ripartire, profilando i viaggiatori.Roberta-Lazzarini2021-03-30T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it

SEGUI GRUPPO UNIPOL
TAG CLOUD