Gentile Utente, ti informiamo che questo sito fa uso di cookie propri e di altri siti al fine di rendere i propri servizi il più possibile efficienti e semplici da utilizzare.
Se vuoi saperne di più o esprimere le tue preferenze sull'uso dei singoli cookie, clicca qui
Se accedi ad un qualunque elemento sottostante questo banner, acconsenti all'uso dei cookie.
Changes - il magazine del Gruppo Unipol > La nuova mobilità esce dall’auto

La nuova mobilità esce dall’auto

Sharing

Le macchine del futuro aprono possibilità di crescita anche per operatori non automobilistici. Il monitor Deloitte evidenzia l’evoluzione con un occhio attento ai gruppi assicurativi.

​Il settore automobilistico sta affrontando un cambiamento dirompente che ha spinto molti a descrivere i prossimi anni in toni drammatici. Armageddon, deserto dei profitti, tempesta perfetta, macelleria sociale sono solo alcune delle espressioni usate con più frequenza per indicare le ripercussioni di quella che è a tutti gli effetti una vera e propria rivoluzione, probabilmente analoga a quella che alla fine dell''800 ha portato l'auto a combustione a sostituire il cavallo come mezzo principale per il trasporto di merci e persone. La grande differenza sta nei tempi: decenni e decenni oltre un secolo fa e ora pochi anni. Le conseguenze si stanno manifestando con virulenza. Lo dimostrano gli sviluppi emersi negli ultimi mesi in Germania, la patria del diesel e la maggior nazione automobilistica d'Europa se non del mondo: dallo scorso settembre è aumentata la frequenza degli annunci di tagli e profonde ristrutturazioni all'interno dei grandi costruttori e ancor di più tra i loro fornitori. Nei prossimi anni saranno "espulse" almeno 50 mila persone, tra dirigenti, impiegati, quadri e operai.

Eppure, non si parla solo di tagli ma anche di investimenti di portata miliardaria e quando questo avviene si conferma quanto da sempre si dice: ogni rivoluzione riserva sempre grandi opportunità. Del resto, questa testata ne ha già indicato i contorni nell'articolo "Auto: da industria a terziario". Se si parla solo di auto elettrica gli effetti saranno devastanti e su questo non ci sono ormai dubbi. Se, però, si amplia il discorso al concetto di auto del futuro, che non è solo elettrica, ma anche connessa, autonoma e condivisa, allora le prospettive cambiano del tutto. In sostanza e in estrema sintesi negli anni a venire si assisterà a un trasferimento di competenze e mansioni in ambiti completamente diversi e fino a qualche anno fa non legati strettamente all'attuale concetto di automobile: informatica, robotica e intelligenza artificiale sono solo alcuni dei campi che stanno sempre più invadendo il campo dell'automobile.

Un'ulteriore dimostrazione di quanto vaste siano le implicazioni della transizione verso il futuro emerge dall'ultimo Monitor di Deloitte, dove si mette ancor più in chiaro quanto trasversali possano esserne l'impatto e le opportunità. L'incipit dice tutto o quasi: «La nuova mobilità è un fenomeno industriale concreto e sempre più strategico per diversi settori industriali, sia per quelli storicamente connessi al mondo dell'auto sia per altri non tipicamente legati alla mobilità. Le innovazioni tecnologiche e i cambiamenti del comportamento dei clienti stanno, infatti, delineando una forte trasformazione e sono sempre di più gli operatori che, a vario titolo, stanno investendo per avere un ruolo in questo nuovo ecosistema».

In pratica non solo emergono nuove realtà, come le migliaia di startup attive nelle soluzioni di intelligenza artificiale per la guida autonoma. Anche operatori dal core-business lontano dall'auto o solo collegato indirettamente, come gli energetici o i finanziari, hanno iniziato a sviluppare soluzioni specifiche lungo l'intera catena del valore della nuova mobilità. L'esempio citato dalla Deloitte è emblematico: il settore assicurativo, storicamente posizionato solo nei punti della filiera collegati ai servizi finanziari (polizze), è ora sempre più attivo nel proporre nuove soluzioni e servizi. Non a caso il Gruppo Unipol ha fatto il suo ingresso nella e-mobility tramite l'acquisto di Car Server, lanciando il noleggio a lungo termine integrato con servizi incluse le coperture assicurative, avviando l'offerta di servizi innovativi e sfruttando nuove tecnologie come la blockchain o la telemetria. Insomma, un ampio spettro di soluzioni innovative per cogliere le opportunità di crescita dettate dalla rivoluzione tecnologica in atto nel comparto automobilistico. Del resto per la Deloitte la nuova mobilità offre, in generale, la possibilità di migliorare il livello dei servizi e le relazioni con i clienti e, soprattutto, accedere a nuove fonti di ricavo e alle potenzialità di mercati in forte crescita. 

Basti pensare al fenomeno del car-sharing e alle sue evoluzioni. La mobilità condivisa, oggi per lo più sotto la forma del 'flusso libero', ha imboccato un trend di crescita continua in Italia. Negli ultimi 4 anni, secondo i dati del Monitor Deloitte, il numero degli iscritti è aumentato di circa sei volte, la flotta è più che raddoppiata e l'utilizzo medio è raddoppiato. Certo si tratta di un fenomeno soprattutto urbano (interessa solo il 3% della popolazione totale, ma nella sola Milano gli iscritti sono il 55% dei residenti) ma già vicino a diventare redditizio e a rappresentare il simbolo del nuovo concetto di utilizzo dell'automobile con il passaggio dalla proprietà diretta alla condivisione. E ancora si devono manifestare tutte le potenzialità di una forma "ibrida" come il Noleggio a Lungo Termine, che dalle flotte si sta spostando sempre di più sui privati aprendo opportunità di sviluppo ancor più ampie. È in questa logica che va letto l'acquisto di Car Server da parte di Unipol.  

D'altronde basta vedere le risultanze di un sondaggio condotto dalla Deloitte da cui emerge come 3 italiani su 4 siano disponibili ad acquistare servizi di mobilità da operatori tradizionalmente non legati al settore e 4 italiani su 5 non escludano che questi operatori siano in grado di offrire servizi di mobilità adeguati: "questo dato è particolarmente vero quando si parla di aziende riconosciute che operano in settori industriali tradizionali quali Energia (75%), Assicurazioni (74%), Technology (74%) e Banche (58%)". Dunque, già oggi, emergono ulteriori potenzialità da esplorare al punto che gli autori del Monitor mettono in chiaro come la nuova mobilità sia un fenomeno tutto da esplorare per una miriade di settori, non solo quello automobilistico o quelli storicamente legati ad esso. «La nuova mobilità, oltre ad avere un potenziale significativo in termini di miglioramento della qualità della vita e di sviluppo della sostenibilità ambientale, è un trend industriale concreto e sempre più strategico per i diversi settori; la sua piena diffusione, pertanto, non risulta più essere un tema di 'se', piuttosto di 'quando'». Questa è la conclusione del Monitor Deloitte ma sembra più l'incipit di un futuro ancora tutto scrivere. 

 

 

Ora è tempo di smart mobility<img alt="" src="/PublishingImages/covid%20smart%20mobility.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/covid-smart-mobilityOra è tempo di smart mobilityLe conseguenze della pandemia impongono un ripensamento delle città, della vita e del lavoro delle persone che non può non avere un impatto sui mezzi di trasporto. Per risolvere le criticità servirà affidarsi alle nuove tecnologie.Rosario-Murgida2020-06-17T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Fase 2: la sharing economy riparte<img alt="" src="/PublishingImages/covid-sharing.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/covid-sharingFase 2: la sharing economy riparteIl distanziamento sociale è un colpo mortale per il settore dell’economia condivisa? Forse no. Ecco i sei settori in cui il modello resiste, ridefinendo la propria missione e cercando di tornare al suo spirito originario.Luca-Politi2020-06-10T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Come funziona la stay at home economy<img alt="coronavirus-sharing-economy" src="/PublishingImages/coronavirus-sharing-economy.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/come-funziona-la-stay-at-home-economyCome funziona la stay at home economyIl distanziamento sociale ha eliminato un pilastro fondamentale al business dell’economia della condivisione: la fiducia. Dovremo abituarci a paradigmi diversi per mobilità, viaggi e lavoro. Claudio-Plazzotta2020-04-29T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Auto: il virus è quasi un Ko<img alt="" src="/PublishingImages/coronavirus%20automotive.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/auto-il-virus-è-quasi-un-koAuto: il virus è quasi un KoIl "cigno nero" dell'epidemia sta manifestando tutte le sue conseguenze su un settore già messo a dura prova da altri fattori. Decine e decine di fabbriche chiuse e centinaia di migliaia di lavoratori a casa sono solo il primo prezzo da pagare.Rosario-Murgida2020-04-19T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Un volo elettrico<img alt="" src="/PublishingImages/aereo%20elettrico.jpg" width="925" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/un-volo-elettricoUn volo elettricoDopo l'auto è la volta del trasporto aereo abbracciare una rivoluzione tecnologica a favore dell'ambiente ma gli ostacoli da superare sono ancora molti.Rosario-Murgida2020-04-07T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it

 

 

La decrescita felice è un’illusione<img alt="" src="/PublishingImages/coronavirus%20decrescita%20felice.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/covid-decrescita-feliceLa decrescita felice è un’illusioneNell’economia post virus tutta da costruire abbiamo l’occasione di dare vita a un ciclo costruttivo e risuonante fra benessere umano e del pianeta.Grammenos-Mastrojeni2020-07-22T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Virus: caso o cigno nero? <img alt="" src="/PublishingImages/cigno%20nero.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/cigno-neroVirus: caso o cigno nero? Perché gli esseri umani sono portati a trovare correlazioni tra fenomeni che non sono poi supportati statisticamente da un legame robusto.Luciano-Canova2020-07-26T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Investimenti ESG: la spinta del virus<img alt="" src="/PublishingImages/investimenti%20esg.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/investimenti-esgInvestimenti ESG: la spinta del virusIl Gruppo Unipol integra i principi di sostenibilità nelle proprie scelte di investimento, come leva fondamentale per contribuire al raggiungimento degli obiettivi dell’Agenda ONU 2030. I risultati nel bilancio integrato e consolidato 2019.Redazione-Changes2020-07-20T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it

SEGUI GRUPPO UNIPOL
TAG CLOUD