Gentile Utente, ti informiamo che questo sito fa uso di cookie propri e di altri siti al fine di rendere i propri servizi il più possibile efficienti e semplici da utilizzare.
Se vuoi saperne di più o esprimere le tue preferenze sull'uso dei singoli cookie, clicca qui
Se accedi ad un qualunque elemento sottostante questo banner, acconsenti all'uso dei cookie.
Changes - il magazine del Gruppo Unipol > La musica è cambiata

La musica è cambiata

Society 3.0

Il 10 gennaio di 71 anni fa veniva lanciato sul mercato il 45 giri. Da allora tutto è cambiato, con l’esplosione dello streaming e del digitale, che ha stravolto il modo di fare e ascoltare musica.

​Un vinile verde con un singolo country di Eddy Arnold, sette pollici di diametro e cinque minuti di musica per lato. Il 10 gennaio di 71 anni fa l'RCA lanciò sul mercato un disco piccolo e leggero: il 45 giri, come la sua velocità di rotazione al minuto. Un disco di 18 centimetri, perfetta risposta al 33 giri, immesso sul mercato dalla Columbia Records l'anno prima.

A 71 anni da quel 'Texarkana Baby' di Eddy Arnold tutto è cambiato, anche la musica. Dalla puntina sul vinile si è passato al click in streaming. Lello Savonardo, sociologo dell'Università di Napoli, ha studiato le trasformazioni della musica dall'analogico al digitale, scrivendo uno dei testi più consultati in materia Sociologia della Musica, edito da Utet.  «Il vinile come oggetto culturale – osserva Savonardo - ha rappresentato un'estensione dell'identità dell'ascoltatore. Il suo ascolto era rituale e fortemente caratterizzato dal punto di vista culturale e contribuiva alla costruzione di un'identità sociale forte». Conservare la copertina di un vinile nella propria mediateca, nell'era della musica 1.0, equivaleva a un vero e proprio gesto culturale e identitario, raccontava il proprio io, la propria formazione, il valore e la definizione del proprio essere.

Per vedere la musica uscire da case, sale concerto e locali pubblici bisognerà aspettare il 1978, anno di nascita del Walkman, ideato a Akio MoritaMasaru Ibuka e Kozo Ōsone, e prodotto dalla Sony. Il primo modello è di colore blu e argento e ben presto diventerà il compagno di strada di tanti adolescenti degli anni '80. Ma sarebbe impossibile pensare al walkman, senza considerare l'audiocassetta, lanciata sul mercato sin negli anni '60. «Con le cassette registrabili si fa largo il concetto di Mixtape – precisa Savonardo - una sorta di collage di canzoni che dal vinile passano sulle musicassette: una decina di brani che, nel walkman, iniziano a camminare con me, nel mio tempo e nel mio spazio e a indicare momenti del mio quotidiano».

Il tramonto delle cassette arriva negli anni '90, con l'affermazione del CD masterizzabile e soprattutto con lo sviluppo della musica in formato Mp3, apripista dei lettori di musica digitali, di cui l'iPod della Apple del 2001 ha rappresentato il più illustre esemplare.

Con l'MP3 i dati vengono compressi e la musica diventa leggera, liquida, trasportabile da un device ad un altro. Nasce la playlist e la musica ben presto arriva nelle stanze degli ascoltatori in streaming. Napster prima e Spotify poi diventano i protagonisti di una modalità di ascolto musicale. Secondo l'IFPI, organizzazione mondiale dell'industria musicale, l'ascolto di oggi avviene sempre di più attraverso i nuovi device: il 37% degli ascoltatori lo fanno ancora attraverso la radio, ma il 22% usa lo smartphone, il 16% il computer e cresce persino l'utilizzo di smart speaker, dispositivi di intelligenza artificiale, usati dal 5% degli appassionati. È il trionfo dello streaming, usato dal 57% degli ascoltatori di musica, percentuale che raggiunge l'85% tra i più giovani.

«Con il digitale – rivela a Changes Davide d'Atri, AD Soundreef, gestore indipendente dei diritti d'autore riconosciuta dall'Intellectual Property Office del Regno Unito - l'asse si è spostato sempre di più dal possesso all'accesso. Sono mutate le occasioni in cui si ascolta e i canali su cui viene diffusa la musica, inoltre il digitale ha mutato anche le modalità produttive».

Le tecnologie digitali hanno permesso, infatti, il lancio su vasta scala di software di campionamento e montaggio audio che oggi sono alla portata di sempre più persone, permettendo una democratizzazione della produzione musicale. Sempre più persone producono musica, su canali sempre più numerosi e accessibili. Ma questo impone una nuova attenzione al diritto d'autore. In soccorso della sua tutela arrivano, come ci dice sempre Davide D'Atri, le stesse tecnologie digitali. «L'utilizzo della blockchain nell'industria musicale è molto interessante. Come Soundreef stiamo lavorando al processo di notarizzazione blockchain che permette di certificare l'esistenza di un brano con il vantaggio che il processo non è in capo ad un singolo ente ma è distribuito, decentralizzato e immutabile. Trasparenza e sicurezza per le proprie opere sono garantiti».

La rivoluzione digitale che ha investito la musica, ha stravolto anche il ruolo del musicista. La stella tra palco e realtà di cui cantava Ligabue, si è ormai calata nelle piazze social. «Le pop star erano visti come miti inarrivabili – ci dice il Prof. Savonardo - oggi invece il musicista sta diventando un influencer con cui interagire attraverso i social, un amico, sempre più opinion leader e meno star».

Ma se la musica è ormai dematerializzata e digitalizzata, come si spiega il ritorno del vinile certificato da tante ricerche e tante analisi? Con una semplice constatazione: il vinile non sta affatto tornando, al massimo non è completamente morto come ci si aspettava. Al di là di certe enfatiche letture giornalistiche, infatti, il fenomeno dell'acquisto del vinile rimane di nicchia.

Secondo la RIAA (Recording Industry Association of America) nel primo semestre del 2019 le entrate dalle vendite di dischi nel mercato USA sono cresciute del 13% rispetto al 2018 e il trend potrebbe portare il vinile a superare presto il mercato (ormai in decadenza) dei CD.  Guardando all'Italia, il mercato del vinile, secondo la Federazione Industria Musicale Italiana, è cresciuto del 46% nel 2018, eppure i numeri in valore assoluto restano modesti, visto che lo streaming rappresenta ben il 63% del mercato musicale in Italia. Addirittura nel nostro paese il giro d'affari del vinile nel 2018 è stato in calo passando dai 16 milioni di euro del 2017 ai 13 milioni del 2018. Niente febbre del disco, dunque. Si rassegnino i nostalgici, la storia non sta tornando, la musica è davvero cambiata.

 

 

Il virus non esiste<img alt="" src="/PublishingImages/covid%20disinformazione.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/disinformazione-covidIl virus non esisteCome nasce lo scetticismo selettivo che porta a non fidarsi dei canali ufficiali di informazione. Changes ne ha parlato con Fabio Paglieri autore di “La disinformazione felice. Cosa ci insegnano le bufale”.Elisa-Venco2020-06-30T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Le relazioni al tempo del post Covid<img alt="" src="/PublishingImages/relazioni%20post%20covid.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/comportamenti-post-covidLe relazioni al tempo del post CovidSi ridefiniscono le dinamiche di lavoro e di vita quotidiana, ma mancano le istruzioni per l’uso. Le storie dopo il virus.Giampaolo-Colletti2020-06-28T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Lavoro: la rivoluzione degli orari<img alt="" src="/PublishingImages/lavoro%20smart%20orari%20covid.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/lavoro-covid-come-cambiaLavoro: la rivoluzione degli orariIl Covid19 sta accelerando una tendenza in atto: il tempo del lavoro sta perdendo i normali punti di riferimento. Antonio-Belloni2020-06-25T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Ora è tempo di smart mobility<img alt="" src="/PublishingImages/covid%20smart%20mobility.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/covid-smart-mobilityOra è tempo di smart mobilityLe conseguenze della pandemia impongono un ripensamento delle città, della vita e del lavoro delle persone che non può non avere un impatto sui mezzi di trasporto. Per risolvere le criticità servirà affidarsi alle nuove tecnologie.Rosario-Murgida2020-06-17T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Fase 2: la sharing economy riparte<img alt="" src="/PublishingImages/covid-sharing.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/covid-sharingFase 2: la sharing economy riparteIl distanziamento sociale è un colpo mortale per il settore dell’economia condivisa? Forse no. Ecco i sei settori in cui il modello resiste, ridefinendo la propria missione e cercando di tornare al suo spirito originario.Luca-Politi2020-06-10T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it

 

 

Le relazioni al tempo del post Covid<img alt="" src="/PublishingImages/relazioni%20post%20covid.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/comportamenti-post-covidLe relazioni al tempo del post CovidSi ridefiniscono le dinamiche di lavoro e di vita quotidiana, ma mancano le istruzioni per l’uso. Le storie dopo il virus.Giampaolo-Colletti2020-06-28T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
La sostenibilità riparte dalle tasse<img alt="" src="/PublishingImages/fisco%20e%20sostenibilità.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/fisco-e-sostenibilitàLa sostenibilità riparte dalle tasseLa crisi da Coronavirus ha acceso i riflettori sulle imprese che non hanno un rapporto esemplare con il fisco. Ecco perché.Andrea-Di-Turi2020-06-23T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Il digitale fa ancora paura<img alt="" src="/PublishingImages/paure%20digitali.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/paure-digitaliIl digitale fa ancora pauraUn italiano su due crede che le informazioni memorizzate sui propri dispositivi digitali non siano al sicuro. I dati dell’Osservatorio Europeo sulla Sicurezza Demos&Pi-Fondazione Unipolis presentati a Data Vision & Data Value organizzato da Gruppo Unipol.Redazione-Changes2020-06-24T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it

SEGUI GRUPPO UNIPOL
TAG CLOUD