Gentile Utente, ti informiamo che questo sito fa uso di cookie propri e di altri siti al fine di rendere i propri servizi il più possibile efficienti e semplici da utilizzare.
Se vuoi saperne di più o esprimere le tue preferenze sull'uso dei singoli cookie, clicca qui
Se accedi ad un qualunque elemento sottostante questo banner, acconsenti all'uso dei cookie.
Changes - il magazine del Gruppo Unipol > La molecola inganna tumore

La molecola inganna tumore

Well Being

È a base di rame il composto che colpisce alcuni tipi di cancro in modo mirato. A scoprirlo, dopo un’attività di ricerca lunga più di dieci anni, un team di scienziati italiani.

​​Un vero e proprio cavallo di Troia che porta fin nel cuore del campo nemico, senza destare sospetti, le truppe necessarie a sbaragliare il contendente. La molecola smart a base di rame realizzata dai ricercatori dell'Università di Padova del Dipartimento di Scienze del Farmaco e dell'Icmate-Cnr di Padova, in collaborazione con gli studiosi dell'Università di Camerino, funziona esattamente come la geniale invenzione di Ulisse che consentì ai greci di espugnare la potente città asiatica.

«Abbiamo creato una molecola davvero furba – ci spiegano le professoresse Valentina Gandin e Cristina Marzano dell'Ateneo patavino – in grado di veicolare il rame all'interno della cellula tumorale, particolarmente avida di questo metallo. Una volta internalizzata, la molecola è capace di scatenare tutta una serie di eventi che portano alla distruzione delle cellule cancerose senza intaccare quella sane, mettendo in atto un'azione antitumorale selettiva».

Sono stati gli stessi ricercatori veneti a "scomodare" il mitico episodio cantato nell'Iliade per spiegare il funzionamento di questa scoperta: «Le cellule tumorali -  dicono a Changes Francesco Tisato e Marina Porchia dell'Icmate-Cnr (Istituto di chimica della materia condensata e di tecnologie per l'energia) - hanno la caratteristica di proliferare in maniera abnorme rispetto a quelle sane: per svilupparsi così velocemente devono, però, vascolarizzarsi di più. Questo processo, chiamato angiogenesi, è favorito proprio dalla presenza di rame. Da qui l'idea: questa molecola ci consente di introdurre una grande quantità di metallo che le cellule malate incamerano rimanendo alla fine intossicate. L'aspetto positivo è rappresentato dal fatto che le cellule sane non risultano danneggiate in alcun modo, perché la loro fisiologia usa il rame trattenendolo soltanto in caso di reale bisogno e scartandolo in tutte le altre ipotesi».

Gli scienziati sono partiti da una valutazione dell'efficacia del composto in vitro per poi passare a un modello animale. Un percorso lungo oltre dieci anni che ha dato i suoi frutti, tanto è vero che Sapir, la grande multinazionale del farmaco statunitense, ha preso in licenza il brevetto e punta adesso a passare alla fase di sperimentazione sull'uomo.  L'obiettivo è quello di arrivare a commercializzare un farmaco particolarmente efficace nei confronti di numerosi tumori solidi, almeno questa è la speranza. Un successo per la ricerca universitaria made in Italy, reso possibile anche dal lavoro di Unismart, la società dell'Università di Padova che si occupa proprio della valorizzazione delle scoperte realizzate nei 32 dipartimenti dell'Ateneo veneto e che ha curato la gestione del brevetto.

Gli studi sull'efficacia di molecole a base di metalli risale agli anni Settanta quando si iniziò a concentrarsi sul cisplatino, filone ancora in voga per il successo che questi composti hanno dimostrato di avere a livello terapeutico. «Non è un caso – continuano Gandin e Marzano – se stiamo continuando a lavorare al loro sviluppo con l'idea, però, di creare antitumorali e antimicrobici con funzioni multi-target, in grado cioè di agire su bersagli multipli e di superare la resistenza da parte delle cellule tumorali ai chemioterapici».

Quel che è certo è che la molecola smart si distingue dalle altre a base di metalli proprio per la scarsa tossicità che si dovrebbe tradurre – questo l'auspicio dei ricercatori - in ridotti effetti collaterali quando si arriverà finalmente alla realizzazione di un farmaco per l'uomo. Intanto fanno ben sperare i risultati ottenuti in laboratorio sulle cavie animali. «Abbiamo utilizzato diversi protocolli in fase sperimentale – sottolineano Tisato e Porchia – ma la regressione della massa tumorale è stata sempre compresa fra il 70 e il 90%: un risultato davvero positivo. Inoltre, non sono stati osservati né perdita di peso né altri evidenti segnali di prostrazione negli animali sottoposti al trattamento».

 

 

Ossessione benessere<img alt="" src="/PublishingImages/ossesione%20benessere.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/ossessione-benessereOssessione benessere Il vocabolario definisce lo stare bene come una condizione di buona salute, forze fisiche e morali. Oggi, con due lockdown alle spalle, questa accezione è ancora valida? Nadia-Anzani2021-03-02T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it
La Circular economy sale a bordo delle auto<img alt="" src="/PublishingImages/automotive%20e%20circular%20economy.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/automotive-circular-economyLa Circular economy sale a bordo delle autoL’industria dell’automotive è da sempre capofila di innovazione, anche dei processi produttivi. Oggi la sfida è di realizzare un’industria a bassissimo impatto ambientale.Roberto-Valguarnera2021-02-10T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Il virus nemico del sonno <img alt="" src="/PublishingImages/covid%20sonno.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/covid-sonnoIl virus nemico del sonno Il diffondersi della pandemia ha modificato le abitudini notturne delle persone e ha cambiato il tempo e la qualità del dormire. Le ricadute sulla salute.Roberta-Lazzarini2021-01-26T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Covid, lo sharing si fa “mini”<img alt="" src="/PublishingImages/micromobility.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/micromobilitàCovid, lo sharing si fa “mini”Con la pandemia anche la mobilità sta cambiando volto e i servizi in condivisione puntano sempre più su veicoli piccoli e sostenibili.Roberto-Valguarnera2021-01-19T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it
L’auto elettrica carica le batterie<img alt="" src="/PublishingImages/nodi%20elettrici.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/nodi-elettriciL’auto elettrica carica le batterieLe vetture alla “spina” sono ancora una nicchia: tanti nodi rimangono da sciogliere e intanto si studiano nuove soluzioni per abbattere le emissioni di CO2.Roberto-Valguarnera2021-01-06T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it

 

 

Il virus nemico del sonno <img alt="" src="/PublishingImages/covid%20sonno.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/covid-sonnoIl virus nemico del sonno Il diffondersi della pandemia ha modificato le abitudini notturne delle persone e ha cambiato il tempo e la qualità del dormire. Le ricadute sulla salute.Roberta-Lazzarini2021-01-26T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Significati e significanti: le parole cambiano e ci cambiano<img alt="" src="/PublishingImages/parole-virus.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/parole-virusSignificati e significanti: le parole cambiano e ci cambianoA un anno dall’inizio della pandemia, anche le cose che diciamo sono diverse. Tra vecchi e nuovi termini abbiamo dovuto imparare un altro linguaggio, per definire l’incertezza.Diana-De-Caprio2021-02-23T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it
C’è bisogno di una slow-sharing<img alt="" src="/PublishingImages/slow-sharing.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/slow-sharingC’è bisogno di una slow-sharingDopo gli anni della ricerca ossessiva di scalabilità, profitti e quotazioni veloci, l’economia della condivisione si converte a un tempo lento e si concentra su uno schema nuovo ispirato al modello cooperativo.Antonio-Belloni2021-02-24T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it

SEGUI GRUPPO UNIPOL
TAG CLOUD