Gentile Utente, ti informiamo che questo sito fa uso di cookie propri e di altri siti al fine di rendere i propri servizi il più possibile efficienti e semplici da utilizzare.
Se vuoi saperne di più o esprimere le tue preferenze sull'uso dei singoli cookie, clicca qui
Se accedi ad un qualunque elemento sottostante questo banner, acconsenti all'uso dei cookie.
Changes - il magazine del Gruppo Unipol > La felicità è una scienza

La felicità è una scienza

Society 3.0

Le neuroscienze, grazie al principio di neuroplasticità del cervello, ci dicono che il benessere nelle organizzazioni è possibile. Ma va progettato, costruito e allenato ogni giorno. Con costanza e coerenza.

​​​​​La società cambia, bisogna cambiare. Così le aziende e in generale le organizzazioni pubbliche e private che vogliono sopravvivere su piazze in continua evoluzione non devono limitarsi a fare piani economici, approntare strategie di sviluppo di lungo periodo e cercare di prevenire i cambiamenti del mercato, ma devono tenere conto anche di come evolvono le persone, le loro esigenze, la loro cultura e mettere in atto un mutamento organizzativo serio in grado di rispondere al meglio al loro modo di essere. Già perché i giovani di oggi, e più ancora quelli che nei prossimi anni arriveranno sul mercato del lavoro, non sono stati educati alla cultura del "prima il dovere  e poi il piacere" «e proprio per questo dobbiamo essere in grado di costruire contesti dove far fiorire le persone se l'obiettivo è quello di preservare l'esistenza della propria organizzazione», afferma convinta Daniela di Ciaccio, sociologa, che con la filosofa Veruscka Gennari, ha da poco scritto il libro La Scienza delle organizzazioni positive. Far fiorire le persone e ottenere risultati che superano le aspettative, edito da Franco Angeli. «Questo è un momento storico di passaggio troppo importante per essere trascurato», avverte ancora di Ciaccio. Del resto il tema della felicità in azienda non è una semplice moda di management, ma una vera scienza che andrebbe studiata, capita ed applicata quotidianamente.   

La cultura della pressione non premia

«Il modello culturale del "prima dovere e poi piacere" si basa, infatti, sullo sforzo ponendoci obiettivi sempre più sfidanti», continua di Ciaccio. «Una cultura della pressione che può funzionare nel breve periodo ma su tempi prolungati provoca effetti drammatici perché ogni volta che il nostro cervello va in tensione produciamo a livello fisiologico una serie di sostanze chimiche, tra cui il cortisolo, che generano effetti negativi nel corpo umano compromettendo la produttività delle persone». Del resto, Emma Seppala e Kim Cameron nella loro pubblicazione Proof that positive work culture are more productive, uscita sull'Harvard Business Review, fin dal 2015 avevano snocciolato dati interessanti sugli effetti negativi della cultura della pressione, come il fatto che le aziende con bassi livelli di engagement registrano cali di fatturato del 32,7% e il 37% in più di assenteismo, oltre al 60% in più di commettere errori. Senza dimenticare il fatto che ancora oggi il 65% dei lavoratori non si sente apprezzato sul lavoro.

Le organizzazioni felici producono di più e meglio

Tutto ciò nonostante le neuroscienze, la fisica quantistica, ma anche la biologia molecolare e l'economia, con dati e numeri alla mano, abbiano ampiamente dimostrato come la cultura della positività possa farci raggiungere risultati che superano le aspettative in qualsiasi contesto: dalla produttività ai profitti nel lavoro, dalla creatività a un migliore apprendimento nelle scuole. «Le nostre emozioni e le nostre azioni sono il risultato di quello che accade all'interno del nostro organismo: funzioniamo meglio se produciamo ormoni positivi come endorfine, dopamina, serotonina», afferma di Ciaccio. E le case history di aziende, non solo Usa ma anche molte italiane illuminate, che si sono messe in gioco e hanno adottato questo tipo di organizzazione lo confermano. «Le società positive sono quelle in cui si respira entusiasmo, passione per quello che si fa, dove si costruiscono relazioni sane basate sulla fiducia fra colleghi, dove i leader sanno essere un esempio professionale ma anche umano e dove la domanda "tu cosa faresti?" nasce davvero dalla voglia di conoscere e ascoltare il pensiero dell'altro», interviene Gennari che con di Ciaccio ha fondato 2bhappy , un hub metodologico che divulga informazioni e cultura sulla felicità in azienda oltre a formare professionisti come coach, Hr manager e accompagnare le organizzazioni nei processi di cambiamento. «In questi contesti le persone si sentono realizzate perché hanno la possibilità di imparare, crescere, esprimere davvero quello che sono». 

La strada del cambiamento

La base di partenza è ribaltare la logica dell'egoismo e della competitività sostituendola con quella della cooperazione e del rispetto reciproco. Il processo è tutt'altro che banale e breve. Richiede tempo e soprattutto costanza. «È un percorso lungo che coinvolge diversi livelli aziendali, a cominciare dal Top management, perché sono i dirigenti i più importanti influencer all'interno dell'impresa, quelli che hanno la possibilità di fare massa critica. Solo con la loro 'trasformazione' si può ridisegnare davvero la società e in tempi rapidi. Ciò significa sposare in toto la cultura della positività che va applicata in modo coerente in tutti i comparti aziendali, altrimenti rischia di diventare un boomerang», spiega Gennari. Già perché non ha senso, per esempio, «inserire corsi di yoga in ufficio, distribuire frutta fresca o consentire di portare il proprio animale al lavoro se poi si continua a sovraccaricare le persone di lavoro tanto da non avere il tempo di staccare per fare yoga, o peggio se i loro capi disincentivano queste iniziative», sottolinea Gennari. «E allo stesso modo non ha senso investire soldi in politiche di responsabilità sociale a sostegno della salvaguardia della foresta amazzonica se l'azienda poi fa ampio uso di contratti precari. Piuttosto che scrivere sulla carta dei valori che il rispetto delle persone e il lavoro di gruppo sono fondamentali, se l'aggressività è diffusa ed è lo stile riconosciuto per emergere e fare carriera». Insomma la felicità in azienda non va confusa con il welfare aziendale, è qualcosa che va molto al di là. Una scienza che va studiata e applicata giorno dopo giorno nella propria organizzazione. Con metodo e coerenza.

 

 

Il virus non esiste<img alt="" src="/PublishingImages/covid%20disinformazione.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/disinformazione-covidIl virus non esisteCome nasce lo scetticismo selettivo che porta a non fidarsi dei canali ufficiali di informazione. Changes ne ha parlato con Fabio Paglieri autore di “La disinformazione felice. Cosa ci insegnano le bufale”.Elisa-Venco2020-06-30T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Le relazioni al tempo del post Covid<img alt="" src="/PublishingImages/relazioni%20post%20covid.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/comportamenti-post-covidLe relazioni al tempo del post CovidSi ridefiniscono le dinamiche di lavoro e di vita quotidiana, ma mancano le istruzioni per l’uso. Le storie dopo il virus.Giampaolo-Colletti2020-06-28T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Lavoro: la rivoluzione degli orari<img alt="" src="/PublishingImages/lavoro%20smart%20orari%20covid.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/lavoro-covid-come-cambiaLavoro: la rivoluzione degli orariIl Covid19 sta accelerando una tendenza in atto: il tempo del lavoro sta perdendo i normali punti di riferimento. Antonio-Belloni2020-06-25T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Ora è tempo di smart mobility<img alt="" src="/PublishingImages/covid%20smart%20mobility.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/covid-smart-mobilityOra è tempo di smart mobilityLe conseguenze della pandemia impongono un ripensamento delle città, della vita e del lavoro delle persone che non può non avere un impatto sui mezzi di trasporto. Per risolvere le criticità servirà affidarsi alle nuove tecnologie.Rosario-Murgida2020-06-17T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Marketing: comunicare adesso è più facile<img alt="" src="/PublishingImages/marketing-coronavirus.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/marketing-coronavirusMarketing: comunicare adesso è più facileLo tsunami sanitario che ha travolto il mondo in questa prima metà del 2020 ha anche riscritto le regole della comunicazione commerciale. Si esce quindi dalla fase emergenziale con alcune lezioni da tenere bene a mente. Claudio-Plazzotta2020-06-07T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it

 

 

Ora è tempo di smart mobility<img alt="" src="/PublishingImages/covid%20smart%20mobility.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/covid-smart-mobilityOra è tempo di smart mobilityLe conseguenze della pandemia impongono un ripensamento delle città, della vita e del lavoro delle persone che non può non avere un impatto sui mezzi di trasporto. Per risolvere le criticità servirà affidarsi alle nuove tecnologie.Rosario-Murgida2020-06-17T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Serve un welfare di comunità<img alt="" src="/PublishingImages/welfare%20webinar%20cimbri.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/welfare-cimbriServe un welfare di comunitàAlleanza tra pubblico, privato e no profit per creare un sistema incisivo. Carlo Cimbri, CEO Gruppo Unipol, e Giuseppe Guzzetti, già Presidente Fondazione Cariplo ne parlano a un incontro del Think Tank “Welfare Italia” e The European House–Ambrosetti.Redazione-Changes2020-06-18T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Il digitale fa ancora paura<img alt="" src="/PublishingImages/paure%20digitali.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/paure-digitaliIl digitale fa ancora pauraUn italiano su due crede che le informazioni memorizzate sui propri dispositivi digitali non siano al sicuro. I dati dell’Osservatorio Europeo sulla Sicurezza Demos&Pi-Fondazione Unipolis presentati a Data Vision & Data Value organizzato da Gruppo Unipol.Redazione-Changes2020-06-24T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it

SEGUI GRUPPO UNIPOL
TAG CLOUD