Gentile Utente, ti informiamo che questo sito fa uso di cookie propri e di altri siti al fine di rendere i propri servizi il più possibile efficienti e semplici da utilizzare.
Se vuoi saperne di più o esprimere le tue preferenze sull'uso dei singoli cookie, clicca qui
Se accedi ad un qualunque elemento sottostante questo banner, acconsenti all'uso dei cookie.
Changes - il magazine del Gruppo Unipol > Il ritorno delle comunità

Il ritorno delle comunità

Technology

Le onde della marea digitale hanno portato nuove connessioni che per tutti sono state virtuali e individuali. Ma ora la vecchia dimensione fisica è riemersa. Cosa farne?

​Le banche e le assicurazioni tornano ad investire sulla (centralità) della persona ed il rapporto diretto con il cliente. I partiti cercano nuove-vecchie modalità di tornare "sul territorio" e parlare con la gente. I centri commerciali scoprono la possibilità di offrire punti di aggregazione fisica. Da dove viene la voglia di ritorno alla comunità, al contatto fisico? Quanto durerà e a cosa porterà? La dimensione comunitaria non è scomparsa. Ma è stata ridimensionata e ha sofferto sotto i colpi recenti della spinta tecnologica.

La voglia di aggregazione è stata sballottata dalle onde dei mercati (ricordiamo "La solitudine del cittadino globale" di Zigmunt Bauman?), e tutte le forme sociali di contatto fisico sono state messe alla prova. Ha vinto l'individuo. Solo. La famiglia ne porta le cicatrici, con figli e giovani spesso alienati a una vita social e non più comunitaria.
I partiti vedono lontanissimi i tempi dei circoli con migliaia di iscritti che si incontravano, mobilitavano e traducevano un'idea comune in un'azione altrettanto comune. Ha vinto Twitter. Le grandi aziende, che accompagnavano i dipendenti alla gita al mare, o a cui mettevano disposizione le colonie per le vacanze, Escono confuse da anni di crisi e fusioni che ne hanno debilitato le strutture e cambiato i rapporti con la propria comunità di riferimento, anche territoriale.
I terremoti che hanno scosso le mura di tutte le forme di comunità più o meno grandi, sono la globalizzazione e il web. Ma se la prima sembra un fenomeno che abbiamo subito, il web si è trovato invece la porta spalancata: bisogna ammettere che l'abbiamo accolto con il desiderio, anzi con l'illusione che forse ci liberasse proprio da alcune forme di comunità, magari solo quelle che consideravamo oppressive.

Ma oggi, un passo per volta, è proprio il web a restituirci parole nuove, così stranamente somiglianti, nei significati, a quelle vecchie che abbiamo abbandonato. Social e community sono alcune di queste. E non possono certo rinnegare la loro eredità.
Prendiamo i centri commerciali, accusati di essere (non) luoghi privi di ogni relazione tra individui e dimensione comunitaria. Ora fanno nascere neologismi come "social hub", un tentativo di descrivere l'aggregazione e la socializzazione dei clienti che ci vanno per incontrarsi e anche fuggire l'isolamento, non più solo per fare acquisti.
Guardiamo le "social street", gruppi nati sui social network per incrociare la comunicazione tra cittadini che abitano vicini nelle grandi città, ma raramente si incontravano o si salutavano: oggi ci troviamo un tentativo di riportare a terra ed aggregare piccoli interessi di comunità. Ciò che era freddo, distante, immateriale, commerciale, professionale, sta maldestramente tentando di ristabilire i punti di riferimento della comunità.

La voglia di incontro fisico, relazioni aggregate da un interesse comune importante, che sia la parrocchia, l'asilo, la banca, la politica, non è un segnale debole, ma l'embrione di un segnale forte. I connotati materiali, stabili e continuativi che abbiamo anche volontariamente rifiutato e cancellato, stanno tornando. Li stiamo richiamando, anche se abbiamo perso gli strumenti per ristabilirli. Sorgono così nuove micro-forme di comunità deboli, ancora disordinate e spesso solamente locali, intorno all'ambiente (anche una semplice area cani o una piccola roggia da salvare dall'inquinamento), a un interesse magari sportivo, o al recupero della sicurezza notturna di un quartiere. In questo lento percorso di ritorno, forse di reflusso della forma comunitaria, i luoghi sono di nuovo il contesto per eccellenza. Sono il paese, la via, il parco giochi, l'edicola che chiude, l'ospedale che sposta il punto nascite. Non è un caso se diventa di massimo interesse il libro dell'economista indiano Raghuram Rajan, "Il terzo pilastro. La comunità dimenticata tra Stato e mercati".

La comunità è oggi la prima forma sociale che si propone come ricucitura delle aree di sottosviluppo dei Paesi avanzati, in cui si cercano soluzioni per far uscire la ricchezza dai luoghi in cui è creata per portarla verso le periferie. Cosa c'è di nuovo? Le banche, le grandi multinazionali, le grandi istituzioni, i grandi partiti, i giornali, tutti i grandi soggetti che cercano di fare affari, dialogare, ascoltare, rappresentare queste realtà, saranno costrette a studiarle di nuovo, entrarvi in contatto; per comprendere i loro nuovi interessi, gli spazi, le posizioni, i linguaggi e i loro tempi. Un percorso di ristrutturazione che è solo iniziato e non sappiamo dove porterà. Ma vale la pena attrezzarsi.


 

 

Professione futurista<img alt="" src="/PublishingImages/futurista.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/futuristaProfessione futuristaElaborare scenari attendibili, nell’era dei dati, resta cruciale per orientare le politiche aziendali. Changes ne ha parlato con Roberto Poli, titolare della prima Cattedra UNESCO sui “sistemi anticipanti”. Nicola-Di-Turi2020-07-05T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Lavoro: la rivoluzione degli orari<img alt="" src="/PublishingImages/lavoro%20smart%20orari%20covid.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/lavoro-covid-come-cambiaLavoro: la rivoluzione degli orariIl Covid19 sta accelerando una tendenza in atto: il tempo del lavoro sta perdendo i normali punti di riferimento. Antonio-Belloni2020-06-25T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Vince l’urbanesimo resiliente<img alt="" src="/PublishingImages/covid%20città%20resilienti.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/urbanesimo-resilienteVince l’urbanesimo resilienteCon la pandemia tutte le grandi aziende si sono accorte che l’home working funziona, ma questo non manda in crisi il modello delle metropoli e pone il tema di “alloggi sani”. Carlo-Ratti2020-06-21T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Sul lavoro non conta l'orario<img alt="" src="/PublishingImages/lavoro%20orario.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/lavoro-orario-covidSul lavoro non conta l'orarioLavorare meno, lavorare tutti è il nuovo mantra post Covid-19. Ma è la strada giusta? Changes ne ha parlato con Marco Magnani, docente di Monetary and Financial Economics per l’Università Luiss.Nicola-Di-Turi2020-06-03T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
I conflitti delle città post pandemia <img alt="" src="/PublishingImages/coronavirus-città-conflitti.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/coronavirus-conflitti-urbaniI conflitti delle città post pandemia Prima della Covid-19 lo sviluppo della città era a un bivio: essere il centro dello sviluppo armonico di un Paese o il motore che lo porta fuori giri. Come cambia ora questo incrocio di destini? Antonio-Belloni2020-05-20T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it

 

 

Le relazioni al tempo del post Covid<img alt="" src="/PublishingImages/relazioni%20post%20covid.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/comportamenti-post-covidLe relazioni al tempo del post CovidSi ridefiniscono le dinamiche di lavoro e di vita quotidiana, ma mancano le istruzioni per l’uso. Le storie dopo il virus.Giampaolo-Colletti2020-06-28T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
La sostenibilità riparte dalle tasse<img alt="" src="/PublishingImages/fisco%20e%20sostenibilità.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/fisco-e-sostenibilitàLa sostenibilità riparte dalle tasseLa crisi da Coronavirus ha acceso i riflettori sulle imprese che non hanno un rapporto esemplare con il fisco. Ecco perché.Andrea-Di-Turi2020-06-23T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Il digitale fa ancora paura<img alt="" src="/PublishingImages/paure%20digitali.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/paure-digitaliIl digitale fa ancora pauraUn italiano su due crede che le informazioni memorizzate sui propri dispositivi digitali non siano al sicuro. I dati dell’Osservatorio Europeo sulla Sicurezza Demos&Pi-Fondazione Unipolis presentati a Data Vision & Data Value organizzato da Gruppo Unipol.Redazione-Changes2020-06-24T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it

SEGUI GRUPPO UNIPOL
TAG CLOUD