Gentile Utente, ti informiamo che questo sito fa uso di cookie propri e di altri siti al fine di rendere i propri servizi il più possibile efficienti e semplici da utilizzare.
Se vuoi saperne di più o esprimere le tue preferenze sull'uso dei singoli cookie, clicca qui
Se accedi ad un qualunque elemento sottostante questo banner, acconsenti all'uso dei cookie.
Changes - il magazine del Gruppo Unipol > Il rischio dello Sri washing

Il rischio dello Sri washing

Environment

Mentre in Italia la finanza responsabile diventa (finalmente) l’argomento del giorno, comincia a profilarsi una sorta di seconda fase. Quella in cui ci si interroga sul reale livello di sostenibilità di una strategia o di un prodotto.

​Per il Socially responsible investment scatta l'esame "nel merito" di cosa sia davvero sostenibile o meno. E i risultati non sono sempre tranquillizzanti: si diffonde la sensazione che l'esuberanza dell'offerta Sri si leghi a una certa superficialità, se non, addirittura, all'opportunismo del cosiddetto greenwashing (ossia dipingere di "verde"  ciò che verde non è, al fine di goderne gli effetti di immagine). Un segnale forte delle tensioni esistenti è arrivato lo scorso ottobre, quando l'Unpri, l'organismo delle Nazioni Unite che raccoglie i firmatari dei principles for responsible investment, ha annunciato una stretta alle condizioni di accesso. Ebbene, dopo essere passata attraverso critiche pesanti nei precedenti due anni, al punto da essere costretta a una sorta di auto-valutazione della propria struttura e del proprio funzionamento, l'organizzazione ha deciso di stringere le maglie. La sua managing director Fiona Reynolds ha anticipato, parlando a un convegno a Parigi, che sono almeno 200 i firmatari (su 1.800) che non si meritano di esserlo. E che questi, nel giro di due anni, potrebbero perdere lo status di sottoscrittore, bandiera che oggi sventola, effettivamente, come greenwashing.

LA LENTE DEL FINANCIAL TIMES

Un messaggio è arrivato, nello stesso periodo, anche dal mondo del giornalismo. In questo caso, da Ignites Europe, un servizio informativo del Financial Times pensato per i professionisti, che  è andato a pescare un'analisi costruita da Castlefield, advisor finanziario etico britannico, il quale ha fatto le pulci a tre fondi di investimento responsabile di tre colossi della gestione internazionale. La critica ha riguardato alcuni titoli contenuti nei fondi e ritenuti, per una ragione o per l'altra, border line. Ma la cosa più significativa non è il merito delle accuse, bensì il fatto che l'articolo rappresenta una prova di come i media anglosassoni abbiano fatto un passo oltre l'etichetta, e abbiano iniziato a interrogarsi sui "contenuti" della finanza Sri. Si tratta di un passaggio che spalanca la strada al concetto di inchiesta giornalistica Sri. E apre frontiere di rischio fino a oggi rimaste sommesse.

SIAMO TUTTI SDGS

Del resto, è il mercato stesso a infondere timori in merito alla moltiplicazione delle "bandiere" sostenibili. Si pensi alla proliferazione, evidente nel corso del 2017, di budget e piani aziendali legati agli Sdgs, cioè ai sustainable development goals indicati dall'Onu a fine 2015. Sembra che questo acronimo sia diventato la formula magica per tutto e per tutti. Improvvisamente, nel giro di davvero pochi mesi, è come se fosse scattata la corsa a evidenziare ogni possibile connessione tra il proprio business e i famosissimi obiettivi. La domanda che rimbalza da manager a manager sembra essere: «Ce ne sarà pure uno, tra questi 17, che fa al caso nostro?». Evidentemente, sì. Tutti lo trovano. Ovvero: evidentemente, no. Non è possibile che tutti lo trovino veramente. Nel senso che appare improbabile che i business aziendali e finanziari siano stati ribilanciati in modo da servire il pianeta, in un lasso di tempo tanto breve. Appare più plausibile che le aziende abbiano semplicemente ri-misurato i risultati in una chiave differente.

E questa ri-misurazione rischia di fornire un escamotage su un piatto d'argento. Come dire: «Se misuro questo, e sono Sdgs compiant, allora sono a posto». A questo proposito, Wolfgang Pinner, responsabile Sri di Raiffeisen, al termine di un'ampia analisi condotta nel primo semestre 2017 presso le aziende partecipate, ha evidenziato che «si parla già di "Sdgs washing"». Ovvero, ha spiegato, «le imprese strombazzano ai quattro venti quello che piace loro degli Sdgs e della sostenibilità, ma in realtà non li prendono poi tanto sul serio»

Un messaggio simile è arrivato dall'edizione 2017 del Global Impact Investing Network (Giin), che delinea lo scenario generale degli investimenti a impatto. Il network ha disegnato un quadro positivo, di notevole crescita, ma caratterizzato anche da approcci molto diversi e da fenomeni che possono generare criticità.

In particolare, il Giin ha riportato la voce di alcuni soggetti che si chiedono quanto sia concreto il rischio di fenomeni di "impact-washing": «L'etichetta impact è usata perché va di moda», ha risposto al questionario del Giin il manager di un fondo. E una fondazione ha notato: «È difficile dire quanto nuovo sia il denaro. Sono soldi frutto di una nuova strategia di investimento, oppure sono investimenti fatti in precedenza e ora brandizzati come impact o sostenibili?».

Insomma, sembra avviarsi una fisiologica seconda fase di selezione tra l'essere Sri e l'avere l'etichetta Sri. Del resto, è stata proprio la grande complessità che si nasconde dietro il concetto di  "finanza responsabile" ad aver sinora lasciato ampio spazio di movimento a soggetti e prodotti quantomeno ibridi nella loro "eticità". Attenzione, non è sempre e/o necessariamente una questione di malafede. Ma di progressiva moltiplicazione di opzioni per chi vuole imboccare la strada dello Sri.

Il fatto, ora, che si stia alzando l'asticella del merito, rende necessario ragionare sulla prospettiva di un mercato che saprà valutare correttamente il "merito Sri". Da qui l'importanza di comprenderlo. Studiarlo. E metterlo in pratica senza curarsi delle mode passeggere.

 

 

Il business del climate litigation<img alt="" src="/PublishingImages/climate%20litigation.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/climate-litigationIl business del climate litigationC’è una crescita esponenziale nel mondo per le cause e i contenziosi giuridici provocati dalla crisi climatica. Sul banco degli imputati anche gli Stati. Difendere il Pianeta diventa un affare legale.Andrea-Di-Turi2020-07-29T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
La decrescita felice è un’illusione<img alt="" src="/PublishingImages/coronavirus%20decrescita%20felice.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/covid-decrescita-feliceLa decrescita felice è un’illusioneNell’economia post virus tutta da costruire abbiamo l’occasione di dare vita a un ciclo costruttivo e risuonante fra benessere umano e del pianeta.Grammenos-Mastrojeni2020-07-22T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Ripartire da aree verdi e paesaggio <img alt="" src="/PublishingImages/tutela%20paesaggio.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/tutela-paesaggioRipartire da aree verdi e paesaggio Ogni abitante italiano ha in “carico” oltre 380 m2 di superfici occupate da cemento, asfalto o altri materiali artificiali, un valore che cresce di quasi 2 m2 ogni anno. La pandemia ha esasperato le criticità.Roberta-Lazzarini2020-07-15T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Una finanza più «biodiversa» al servizio del pianeta<img alt="" src="/PublishingImages/finanza%20biodiversa.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/finanza-biodiversaUna finanza più «biodiversa» al servizio del pianetaCosa si sta facendo per liberare e investire risorse nel contrasto alla perdita della variabilità degli organismi viventi. Un tema non solo ambientale ma sociale, economico, finanziario.Andrea-Di-Turi2020-07-08T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
La sostenibilità riparte dalle tasse<img alt="" src="/PublishingImages/fisco%20e%20sostenibilità.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/fisco-e-sostenibilitàLa sostenibilità riparte dalle tasseLa crisi da Coronavirus ha acceso i riflettori sulle imprese che non hanno un rapporto esemplare con il fisco. Ecco perché.Andrea-Di-Turi2020-06-23T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it

 

 

Quanti pensieri nella testa del digital consumer<img alt="" src="/PublishingImages/digital%20consumer%20covid.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/digital-consumer-covidQuanti pensieri nella testa del digital consumerLa tecnologia digitale agisce sempre di più sul nostro modo di pensare e di acquistare. Un fenomeno amplificato dall’epidemia di Coronavirus.Vittorio-Verdone2020-09-09T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Vita e lavoro racchiusi in uno schermo <img alt="" src="/PublishingImages/videocentrismo.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/videocentrismoVita e lavoro racchiusi in uno schermo In questo 2020 così surreale l’esperienza videocentrica ha subito un’accelerazione senza precedenti. E il video è diventato un riflesso su cui incentrare la nostra vita quotidiana e il lavoro a distanza.Giampaolo-Colletti2020-09-08T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Il DNA è già un business<img alt="" src="/PublishingImages/business%20dna.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/business-dnaIl DNA è già un businessUn’analisi del MIT stima che entro il 2021 saranno oltre 100 milioni le persone censite attraverso i geni. Così la scienza aiuta il marketing sulla strada di consumi personalizzati e nuove esperienze di acquisto.Elisa-Venco2020-09-06T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it

SEGUI GRUPPO UNIPOL
TAG CLOUD