Gentile Utente, ti informiamo che questo sito fa uso di cookie propri e di altri siti al fine di rendere i propri servizi il più possibile efficienti e semplici da utilizzare.
Se vuoi saperne di più o esprimere le tue preferenze sull'uso dei singoli cookie, clicca qui
Se accedi ad un qualunque elemento sottostante questo banner, acconsenti all'uso dei cookie.
Changes - il magazine del Gruppo Unipol > Il mito delle macchine

Il mito delle macchine

Society 3.0

La filosofia dell’intelligenza artificiale - Dagli dèi ai robot, le radici dell’AI affonderebbero nell’antichità. Perché le civiltà antiche pensavano già all’automazione. Changes ne ha parlato con Adrienne Mayor.

Robot e intelligenza artificiale? Un film già visto, qualche millennio fa. Ma anche una sceneggiatura da rileggere, oggi, con le lenti della filosofia. Un'affascinante chiave di lettura si fa strada nell'esplorazione delle magnifiche sorti e progressive del progresso tecnologico. È la filosofia a consegnarcele, schiudendoci le porte dei miti dell'antichità. Dagli dèi ai robot, le radici dell'intelligenza artificiale affonderebbero nell'antichità. Del resto anche le civiltà antiche pensavano alla vita artificiale e all'impatto che avrebbe potuto avere sulla società, la riproduzione della socialità che contraddistingue la specie umana. È la tesi di Adrienne Mayor, docente di Storia e Filosofia della Scienza a Stanford, in libreria con Gods and Robots: Myths, Machines, and Ancient Dreams of Technology (Princeton University Press, Princeton, 2018, pp.304).

Mayor parte dalla storia dell'antichità e dalla mitologia, per arrivare alla robotica e all'intelligenza artificiale, oggi sulla bocca di tutti. Le radici del progresso tecnologico affondano nella classicità e si fanno risalire all'autore dell'Iliade e dell'Odissea. Già da Omero i greci immaginavano servitori robotici, statue animate e persino versioni antiche dell'intelligenza artificiale. "Nella leggenda indiana, invece, le preziose reliquie del Buddha venivano difese da guerrieri simil-robotici, riprodotti a partire da disegni greco-romani. Gli automi mitici appaiono nei miti su Medea e Prometeo, mentre molte di queste macchine sono descritte come realizzate con gli stessi materiali e metodi che gli artigiani in carne ed ossa usavano per erigere statue", scrive Adrienne Mayor.

Molto prima degli automi medievali e secoli prima che la tecnologia concepisse l'idea dello smartphone, la mitologia greca stava esplorando la creazione di vita artificiale, alle prese con dilemmi etici ancora irrisolti, in particolare sulle biotecnologie e la vita riprodotta artificialmente. "Del resto già gli antichi egizi crearono una statua femminile alta quasi 4 metri, in grado si sollevarsi e piegarsi per versare del latte, sostenuta da ingranaggi e pesi", nota la docente di Storia e Filosofia della Scienza a Stanford. Insomma gli antichi greci e romani, così come la mitologia indiana e quella cinese avevano già espresso in tempi non sospetti timori e speranze sull'automazione, ben prima che i chatbot conversassero con noi e gli algoritmi fossero celebrati in qualità di campioni di scacchi.

L'autrice sostiene inoltre che i miti furono influenzati dalle autentiche macchine animate inventate dagli ingegneri dell'antichità. Nel Terzo Millennio siamo tornati a parlare di Transumanesimo, la dottrina (laica) che - sull'onda del progresso tecnologico - punta a valicare i limiti della biologia, per consentirci di vivere per sempre. Ma le stesse civiltà antiche discutevano del desiderio - controverso - di trascendere la morte e ricreare una vita artificiale. Quelle stesse aspirazioni oggi ispirano i robot umanoidi e le interfacce grafiche degli algoritmi. Tuttavia le moderne entità algoritmiche presentano punti deboli, proprio come proponeva il mito di Talo.

Il primo robot a camminare sulla Terra? Un bronzo gigante, chiamato appunto Talo. Concepito non dal Massachusetts Institute of Technology di Boston, qualche settimana fa. Ma oltre 2500 anni fa da Efesto, dio del fuoco e dell'ingegneria nella mitologia greca. Concepito per Zeus, l'automa Talo fu incaricato di sorvegliare l'isola di Creta dai nemici. Il bronzo-robot presidiava il territorio, scagliando macigni contro gli oppositori del Re Minosse. Considerato invulnerabile e quindi invincibile, Talo aveva in realtà un punto debole: la caviglia e la vena che tratteneva il suo sangue. Arteria recisa da Peante, membro della spedizione degli Argonauti che invasero l'isola.

Annota Mayer: «Il mito di Talo dimostra come i greci usassero la sapienza biologica per integrare la mitologia e la robotica, riflettendo su un futuro in cui la tecnologia potesse produrre vita artificiale. Il punto debole anatomico di Talos è stato scelto per una ragione biologica. Ma non è difficile scorgere le analogie con la presunta invulnerabilità dei sistemi informatici moderni, imperfetti per definizione e afflitti da attacchi cibernetici e porte d'accesso che mettono in pericolo i dati personali di utenti in carne ed ossa». Un film che, a quanto pare, qualcuno aveva già visto e sceneggiato nell'antichità.

 

 

Nomadland e nomadi digitali: esistenze parallele<img alt="" src="/PublishingImages/nomadi%20digitali.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/nomadi-digitali-(2)Nomadland e nomadi digitali: esistenze paralleleLa tecnologia cambia il lavoro e l’atmosfera che passa dalla rassegnazione del film vincitore del premio Oscar all’innovazione precaria dei giovani pionieri delle nuove occupazioni.Elisa-Toma2021-06-15T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
La digital disruption non distrugge la strategia<img alt="" src="/PublishingImages/digital%20distruption.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/digital-disruptionLa digital disruption non distrugge la strategiaPerché oggi per essere competitivi occorre pensare in modo differente, essere anticonformisti e cavalcare la transizione digitale avendo una chiara visione del futuro.Filippo-Poletti2021-06-14T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Il tempo da perdere<img alt="" src="/PublishingImages/gestione%20tempo.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/gestione-tempoIl tempo da perdereL’esercizio più difficile cha abbiamo fatto nell’ultimo anno e mezzo è stato gestire le ore della giornata. Tra prove ed errori la scienza ci aiuta a cambiare prospettiva. Monica-Bormetti2021-06-13T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
C’è vita oltre il PIL?<img alt="" src="/PublishingImages/un%20altro%20pil.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/oltre-il-pilC’è vita oltre il PIL?Nato dopo la Grande Crisi del 1929, il Prodotto Interno Lordo è ancor’oggi l’indice-guida per capire lo stato economico delle Nazioni. Ecco perché nonostante i tanti tentativi di superarlo il PIL rimane ancora in auge.Luca-Politi2021-05-26T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Grammatica del nuovo mondo<img alt="" src="/PublishingImages/grammatica%20nuovo%20mondo.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/era-del-noiGrammatica del nuovo mondoBenvenuti nell’era del noi. Se c’è una parola che la pandemia ci ha fatto riscoprire è proprio questa. Ci ha fatto rileggere, cioè, la parola io all’incontrario con l’aggiunta della lettera “n”.Filippo-Poletti2021-05-18T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it

 

 

Il virus nemico del sonno <img alt="" src="/PublishingImages/covid%20sonno.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/covid-sonnoIl virus nemico del sonno Il diffondersi della pandemia ha modificato le abitudini notturne delle persone e ha cambiato il tempo e la qualità del dormire. Le ricadute sulla salute.Roberta-Lazzarini2021-01-26T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Economia circolare: dalla terra alla terra <img alt="" src="/PublishingImages/bioeconomia.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/economia-circolare-terraEconomia circolare: dalla terra alla terra Cinque storie italiane di bioeconomia che usano in maniera efficiente le risorse, riducono gli sprechi, tutelano la terra e la biodiversità. Letizia-Palmisano2021-06-08T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Condividere le emozioni fa bene al lavoro<img alt="" src="/PublishingImages/emozioni-lavoro.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/condividere-emozioniCondividere le emozioni fa bene al lavoroLa storia di Paolo Raineri che studiando i comportamenti degli elefanti marini ha fondato Yumi che dà un valore agli elementi intangibili.Antonio-Belloni2021-06-06T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it

SEGUI GRUPPO UNIPOL
TAG CLOUD