Gentile Utente, ti informiamo che questo sito fa uso di cookie propri e di altri siti al fine di rendere i propri servizi il più possibile efficienti e semplici da utilizzare.
Se vuoi saperne di più o esprimere le tue preferenze sull'uso dei singoli cookie, clicca qui
Se accedi ad un qualunque elemento sottostante questo banner, acconsenti all'uso dei cookie.
Changes - il magazine del Gruppo Unipol > Il clima cambia il business

Il clima cambia il business

Environment

Siamo nell’era dell’Antropocene e le aziende che lo sanno e reagiscono preparano un mondo nuovo, con i loro colori.

​Il clima e l'ambiente sono ancora due elementi che si trovano sullo sfondo dell'economia o stanno venendo in primo piano? Fino ad oggi le imprese erano abituate a considerarli come un fattore geografico e statico. Ma da più di mezzo secolo sono diventati due fattori dinamici. Dall'economia ricevono stimoli che provengono dalla produzione, dalla distribuzione, dal consumo e dallo scarto; e restituiscono all'economia "reazioni" in forme infinite e indirette; non fanno più solo parte del paesaggio, ma hanno cominciato a dipingere l'economia con i loro colori. Ma quali?

Il primo è la crescente scarsità di risorse, materie prime o energia, che ha un impatto diretto sui prezzi dei prodotti e le strategie delle imprese. Cosa farebbe la Coca Cola se ci fosse sempre meno acqua in circolazione, oppure IKEA con sempre meno alberi? Si dirà che è sempre accaduto, e l'economia è abituata a gestire la scarsità. Ma oggi la corsa a trovare risorse, materiali, energie è sempre più affannosa, costosa e difficile da sostenere nel lungo periodo. Infatti tutelare l'impresa e il sistema economico da una scarsità non occasionale è una fonte di stress notevole, anche finanziario. Lo stesso stress generato dal rischio climatico. Un ennesimo elemento uscito dal contesto di sfondo e diventato pressante, e non più raro.

L'ANTROPOCENE FUORI DAL CANCELLO

Le imprese sono quindi sottoposte a vulnerabilità nuove e continue, che provengono da un contesto altrettanto nuovo. Come l'uomo, anch'esse sono nell'epoca dell'Olocene, che si trova nel periodo denominato Quaternario, che a sua volta è nell'era Cenozoica; questo anche se il Nobel Paul Crutzen (suo lo studio del 1995 sulla riduzione dello strato di ozono nella stratosfera) ha sostenuto che siamo nell'Antropocene, un "momento" della terra in cui il genere umano ha un'influenza decisiva sull'ecologia globale.

Un periodo in cui, dal secolo scorso – come scritto in La grande accelerazione, una storia ambientale dell'Antropocene dopo il 1945 – l'impatto umano sul pianeta ha avuto un aumento della velocità a causa dell'incremento della popolazione, dell'impennata dell'utilizzo di energie fossili e del consumo di risorse. Come possono le imprese adattarsi a cambiamenti così grandi e veloci? Il primo passo arriva dalla comprensione che si tratti di fenomeni costanti. È utile uscire dallo stato di urgenza da cigno nero, prima ancora di avere la conoscenza tecnica e scientifica di ciò che l'ambiente e il clima causano all'impresa, e prima degli investimenti indispensabili a cambiare o adattare il proprio modello produttivo, distributivo, di consumo e di scarto.
Uscire dall'imprevisto significa concepire ambiente e clima non solo quando c'è da pagare la tassa dei rifiuti, ma sapere che li troviamo ogni giorno fuori dal cancello, sul tetto, nei cavi elettrici, nelle condutture dell'acqua che utilizziamo, nelle fondamenta della nostra fabbrica.

PREVENIRE E ADATTARSI

Prima di investire per cambiare modello di business, bisogna quindi valutare il rapporto della propria impresa con l'esterno, e tutelarsi da nuove debolezze. Oltre ai rischi commerciali, di mercato, dell'innovazione del prodotto di qualche concorrente, dei cambi delle valute, o di qualche cliente che non paga, siamo vulnerabili anche per cause non umane. E trovare dei metodi per adattarsi è un percorso con mille ostacoli.

Il primo è l'incertezza dell'investimento. Infatti, nonostante i numeri dimostrino un aumento progressivo del numero di imprese e addetti nella green economy, non sempre investire per ridurre l'impatto sull'ambiente rende più competitivi (in termini di risparmi sui costi, o di incremento di ricavi e utili): secondo il 9° Rapporto GreenItaly solo il 30% delle imprese che ha investito in green economy ne ha tratto dei benefici.

Il secondo è il tempo, perché i miglioramenti non sono immediati. E il terzo è la solitudine, perché i nuovi percorsi presi dalle imprese sono spesso privi di accompagnatori affidabili, che vanno comunque cercati. Sull'ambiente e l'inquinamento (vd. la sospensione del Presidente francese Macron della carbon tax per sedare la protesta dei gilet gialli, o l'alleanza fossile dei paesi che si sono opposti alla riduzione dell'utilizzo di idrocarburi) gli Stati, le imprese e la società si trovano spesso in conflitto. Proteggere l'ambiente ferma la crescita di alcuni e spesso impoverisce e colpisce chi è più povero; infatti le economie emergenti si chiedono perché mettersi subito in regola, se quelle avanzate hanno potuto inquinare indisturbate in duecento anni di industrializzazione.

Il paesaggio è questo, ma vediamo grandi imprese che non stampano il catalogo e riducono il consumo di carta, come IKEA, o altre più piccole che reagiscono intelligentemente a un'alluvione con una campagna social, come il pastificio Rummo. Sono piccoli segnali che devono convincere le imprese a guardare l'ambiente con occhi nuovi, e considerarlo un elemento per cui è meglio prevenire i danni oggi che contenerli quando è costosissimo.

 

 

L'alba della «B Economy»<img alt="" src="/PublishingImages/b%20economy.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/b-economyL'alba della «B Economy»Cresce il movimento delle aziende che sono valutate perché hanno un impatto positivo non solo economico, ma anche ambientale e sociale. Cambia il Dna delle imprese.Andrea-Di-Turi2020-11-22T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it
L’agricoltura del futuro è resiliente<img alt="" src="/PublishingImages/life%20ada.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/progetto-life-adaL’agricoltura del futuro è resilienteIl cambiamento climatico è una delle principali variabili di rischio per gli imprenditori agricoli. Ecco come il progetto Life ADA, lanciato da UnipolSai e dai suoi partner, può proteggere e salvaguardare un settore vitale per tutti.Pierluigi-Stefanini2020-11-15T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Agricoltura 4.0: una App per aratro <img alt="" src="/PublishingImages/agritech.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/agritechAgricoltura 4.0: una App per aratro Le tecnologie di ultima generazione sono alleati importanti per le aziende agricole e sono uno strumento sostenibile. Al via un progetto innovativo del Gruppo Unipol.Roberto-Valguarnera2020-11-10T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Natura è cultura<img alt="" src="/PublishingImages/natura%20cultura.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/natura-culturaNatura è culturaL’impatto umano, per la sua forza trasformativa nei confronti del pianeta, ha raggiunto il livello di scala di un evento geologico. Libri e film riflettono sul tema.Roberta-Lazzarini2020-11-03T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Mega Regioni: le nuove mappe del Covid<img alt="" src="/PublishingImages/mega%20regioni%20covid.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/mega-regioni-covidMega Regioni: le nuove mappe del CovidI motori delle economie globali non saranno gli Stati e neppure le grandi megalopoli, ma la combinazione di multiple metro aree, che amalgamano interconnessioni fisiche, produzioni e grandi mercati di consumo.Antonio-Belloni2020-10-28T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it

 

 

Dateci ascolto, velocità e risposte concrete<img alt="" src="/PublishingImages/consumo%20tribale.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/consumo-tribaleDateci ascolto, velocità e risposte concreteDalle scelte di gruppo del consumo tribale agli acquisti online, il consumo mantiene le sue caratteristiche: compriamo per non sentirci soli. La pandemia ha esaltato la nostra propensione ai link sociali e i grandi marchi saranno sempre più rilevanti.Bernard-Cova2020-11-18T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Onlife: il consumatore è ibrido <img alt="" src="/PublishingImages/consumatore-ibrido.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/consumatore-ibridoOnlife: il consumatore è ibrido Siamo nell’era del post digitale e abbiamo capito che nel customer journey non c’è soluzione di continuità tra reale e virtuale. L’accesso ai servizi deve essere «anytime, anyway, anywhere». Luciano-Floridi2020-11-09T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Welfare Italia: tre proposte per crescere<img alt="" src="/PublishingImages/welfare-italia-azioni-concrete.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/welfare-italia-tre-proposteWelfare Italia: tre proposte per crescereLe linee d’azione su sanità, politiche sociali e previdenza nello scenario post Covid delineate del Rapporto del Think Tank “Welfare, Italia” del Gruppo Unipol in collaborazione con The European House-Ambrosetti.Redazione-Changes2020-11-17T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it

SEGUI GRUPPO UNIPOL
TAG CLOUD