Gentile Utente, ti informiamo che questo sito fa uso di cookie propri e di altri siti al fine di rendere i propri servizi il più possibile efficienti e semplici da utilizzare.
Se vuoi saperne di più o esprimere le tue preferenze sull'uso dei singoli cookie, clicca qui
Se accedi ad un qualunque elemento sottostante questo banner, acconsenti all'uso dei cookie.
Changes - il magazine del Gruppo Unipol > I superbatteri nemici globali

I superbatteri nemici globali

Well Being

I microrganismi resistenti ai farmaci rischiano di fare oltre 10 milioni di vittime entro il 2050. Il punto di vista dell’esperto dell’Istituto superiore di sanità.

​L'emergenza sanitaria del futuro si chiama farmacoresistenza. Secondo un recente rapporto dell'Onu ogni anno muoiono nel mondo 700mila persone a causa di infezioni resistenti agli antibiotici. In pratica è come se una città italiana di medie dimensioni scomparisse del tutto. Un'emergenza che secondo gli esperti del Palazzo di Vetro potrebbe diventare drammatica e toccare nel 2050, in assenza di seri provvedimenti, la cifra monstre di 10 milioni di morti complessivi.

Il problema, scrive lo UN Ad hoc Interagency Coordinating Group on Antimicrobial Resistance (Iacg), riguarda diversi tipi di infezione. I microorganismi più "refrattari" all'azione dei farmaci utilizzati per combatterli sembrano essere quelli responsabili della tubercolosi. Stando ai numeri, infatti, proprio questi pretenderebbero un tributo di 230mila vite ma l'emergenza è legata anche alle infezioni del tratto respiratorio, sessuali e derivanti da pratiche mediche invasive.

La conferma arriva dal professore Giovanni Rezza, direttore del Mipi, il Dipartimento di malattie infettive, parassitarie e immunomediate dell'Istituto superiore di sanità: «L'allarme dell'Oms riguarda gli antimicrobici, gli antibiotici ma anche i chemioterapici che di solito si usano per combattere la tubercolosi, gli antivirali, come quelli utilizzati nelle terapie di contrasto all'Hiv e gli antimicotici. Per quanto riguarda l'Italia il problema è legato in particolare all'antibiotico-resistenza. Si pensi che un terzo di tutte le infezioni legate alla resistenza a questo tipo di farmaci dell'intero continente europeo si registra proprio nel nostro Paese».

A livello internazionale, il 63% delle infezioni da superbatteri risulta correlato all'assistenza sanitaria e sociosanitaria. In Italia, secondo l'Istituto superiore di sanità, su 9 milioni di ricoveri ogni anno si riscontrano da 450mila a 700mila casi di infezioni ospedaliere (5-8% del totale degenti). Sul banco degli imputati c'è in primo luogo il mancato rispetto dei protocolli medici e spesso delle più elementari norme igieniche come, paradossale ma vero, lavarsi accuratamente le mani.

«L'abuso di antibiotici - continua Rezza - è tipico anche degli allevamenti intensivi dove in questi ultimi anni si è registrata una crescente farmacoresistenza. Fino a questo momento non è possibile quantificare il legame con l'antibioticoresistenza umana ma è altrettanto difficile escludere qualsiasi influenza. I batteri, anche quelli resistenti, non sono confinati in un luogo e sono in grado di superare le barriere di specie. Per questo è fondamentale rispettare le prescrizioni mediche e usare gli antibiotici solo quando è necessario, sia quando si tratta di esseri umani sia quando parliamo di animali. Abbiamo bisogno di questi farmaci che sono fondamentali per la nostra salute e quindi è indispensabile fare in modo di preservarne l'efficacia. Intanto si stanno mettendo a punto dei vaccini contro i germi antibioticoresistenti per cercare di proteggere la popolazione ospedaliera ad alto rischio».

La resistenza ai farmaci, oltre a rappresentare un vero rischio per la nostra salute, presenta un costo elevatissimo anche dal punto di vista economico. L'Oms lo ha quantificato in qualcosa come 3,5 miliardi di dollari ogni anno. Sempre secondo le Nazioni Unite se non si metteranno in campo azioni coordinate a livello globale la farmacoresistenza potrebbe essere la causa principale di una crisi economica altrettanto grave di quella del 2008 e gettare nella povertà, entro il 2030, qualcosa come 24 milioni di persone nel mondo.

Un altro aspetto del problema riguarda l'approvvigionamento di risorse alimentare in un mondo sempre più popolato. La diffusione di microrganismi resistenti, infatti, potrebbe mettere a serio rischio i raccolti. «Le raccomandazioni del rapporto riconoscono che gli antimicrobici sono fondamentali per salvaguardare la produzione alimentare, la sicurezza e il commercio, così come la salute umana ed animale, e promuovono chiaramente un uso responsabile in tutti i settori», ha confermato José Graziano da Silva, direttore generale dell'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'Alimentazione e l'Agricoltura (FAO). «I paesi possono promuovere sistemi alimentari sostenibili e pratiche agricole che riducono il rischio di resistenza antimicrobica, lavorando insieme per promuovere valide alternative all'uso degli antimicrobici, come indicato nelle raccomandazioni del rapporto». La buona notizia è che la soluzione, sempre secondo il report del Palazzo di Vetro, è a basso costo. Se ogni persona nei paesi ad alto e medio reddito investisse 2 dollari all'anno nella lotta alla farmacoresistenza, si potrebbero trovare molto velocemente soluzioni efficaci.

Intanto l'Italia ha deciso di correre ai ripari con il progetto SPinNCAR (Supporto al Piano Nazionale di Contrasto Antibioticoresistenza) il Sistema operativo del Ssn per lo sviluppo degli obiettivi fissati dal Piano Nazionale di Contrasto dell'Antimicrobico-Resistenza (PNCAR). Il Sistema ha l'obiettivo di affrontare il nodo della farmacoresistenza, con particolare riferimento agli antibiotici, negli ambiti umano, animale e ambientale nell'ottica cosiddetta "One Health".  Il cuore dell'iniziativa è rappresentato dall'implementazione di una piattaforma informatica coordinata dall'Iss che consentirà di mettere a disposizione dell'intera comunità scientifica i risultati conseguiti nella lotta a questo fenomeno permettendo di monitorare e quindi di mettere in evidenza i punti di forza e di debolezza della strategia di contrasto.  

 

 

Nuove armi contro il Covid-19<img alt="" src="/PublishingImages/covid%20punto%20debole.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/covid-tallone-dachilleNuove armi contro il Covid-19Continua la lotta al coronavirus nei laboratori di tutto il mondo. In prima fila anche i ricercatori italiani le cui scoperte aprono scenari inediti nella lotta alla pandemia. Ecco gli studi condotti dal CNR/ISPRO e all’Università di Pavia.Roberto-Valguarnera2020-07-01T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Se la vita dopo il lockdown fa paura <img alt="" src="/PublishingImages/coronavirus%20sindromi%20lockdown.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/coronavirus-sindromi-lockdownSe la vita dopo il lockdown fa paura La riapertura della libera circolazione in Italia fa emergere insicurezze e criticità. La vita ricomincia ma restano le sindromi da virus. Ecco perché.Elisa-Venco2020-06-16T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Nuove geografie per il vino<img alt="" src="/PublishingImages/vino-clima-ambiente.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/nuove-geografie-per-il-vinoNuove geografie per il vinoL’aumento delle temperature medie potrebbe avere come conseguenza lo spostamento a Nord delle principali aree vitivinicole mondiali. Come cambia il mercato.Roberto-Valguarnera2020-04-26T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Vaccino o farmaco: un anno per battere Covid-19<img alt="" src="/PublishingImages/un%20anno%20per%20guarire.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/vaccino-o-farmaco-un-anno-per-battere-covid-19Vaccino o farmaco: un anno per battere Covid-19Nei laboratori di tutto il mondo gli scienziati sono alla ricerca della cura contro il coronavirus in una vera e propria gara a chi riuscirà a tagliare prima il traguardo.Roberto-Valguarnera2020-04-15T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
La sostenibilità invisibile del cibo<img alt="" src="/PublishingImages/food%20sostenibile.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/la-sostenibilità-invisibile-del-ciboLa sostenibilità invisibile del ciboL’Esposizione Universale del 2015 (Expo) ha puntato tutto sulla rivoluzione bio. Ma la foodeconomy sta davvero facendo quel grande balzo in avanti che è stato promesso? Antonio-Belloni2020-03-15T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it

 

 

Le relazioni al tempo del post Covid<img alt="" src="/PublishingImages/relazioni%20post%20covid.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/comportamenti-post-covidLe relazioni al tempo del post CovidSi ridefiniscono le dinamiche di lavoro e di vita quotidiana, ma mancano le istruzioni per l’uso. Le storie dopo il virus.Giampaolo-Colletti2020-06-28T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
La sostenibilità riparte dalle tasse<img alt="" src="/PublishingImages/fisco%20e%20sostenibilità.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/fisco-e-sostenibilitàLa sostenibilità riparte dalle tasseLa crisi da Coronavirus ha acceso i riflettori sulle imprese che non hanno un rapporto esemplare con il fisco. Ecco perché.Andrea-Di-Turi2020-06-23T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Il digitale fa ancora paura<img alt="" src="/PublishingImages/paure%20digitali.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/paure-digitaliIl digitale fa ancora pauraUn italiano su due crede che le informazioni memorizzate sui propri dispositivi digitali non siano al sicuro. I dati dell’Osservatorio Europeo sulla Sicurezza Demos&Pi-Fondazione Unipolis presentati a Data Vision & Data Value organizzato da Gruppo Unipol.Redazione-Changes2020-06-24T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it

SEGUI GRUPPO UNIPOL
TAG CLOUD