Gentile Utente, ti informiamo che questo sito fa uso di cookie propri e di altri siti al fine di rendere i propri servizi il più possibile efficienti e semplici da utilizzare.
Se vuoi saperne di più o esprimere le tue preferenze sull'uso dei singoli cookie, clicca qui
Se accedi ad un qualunque elemento sottostante questo banner, acconsenti all'uso dei cookie.
Changes - il magazine del Gruppo Unipol > Green generation: il clima è dei bambini

Green generation: il clima è dei bambini

Environment

Vittime dimenticate, protagonisti trascurati, i più piccoli sono il seme per costruire un futuro libero dall'energia da combustibili fossili, in favore di fonti rinnovabili, alla responsabilizzazione individuale verso un consumo sostenibile.

​​Sarà forse una freudiana rimozione che ci impedisce di affrontare una nostra atroce responsabilità e dire la verità a chi ha più diritto di saperla, la vittima designata? Fra tanto parlare di un pianeta "preso in prestito dalle future generazioni", chi ha il coraggio di dire ai nostri figli che lasciamo a loro una biosfera sull'orlo del collasso? Che la nostra inerzia e ingordigia forse li priverà finanche del cibo necessario per sopravvivere?

Non è solo una minaccia per il futuro. Si è parlato di clima ed energia, produzione, trasporto. Poi lo sguardo si è aperto e iniziamo ad affrontare aspetti più umani e fondamentali del riscaldamento globale: clima e migrazioni, terre, fame, salute, uguaglianza di genere. E' un grande progresso, ma di loro – delle vittime più inermi e insieme degli unici possibili protagonisti di una necessaria inversione di rotta – si parla ancora pochissimo.

Eppure, oltre mezzo miliardo di bambini vivono in aree colpite da continue inondazioni e quasi 160 milioni di bambini vivono in zone che soffrono di siccità elevata o estrema. La loro sopravvivenza e qualità di vita risentono pesantemente delle condizioni climatiche, che spesso li spingono a lavorare, per far fronte all'impoverimento della famiglia, e a migrare. Questo fenomeno attualmente costringe oltre 83 milioni di bambini in tutto il mondo a rischiare la propria incolumità fisica ogni giorno e li condanna a un futuro di povertà ed esclusione sociale. L'Organizzazione Mondiale della Sanità stima che il 26% dei 6,6 milioni di decessi annuali di bambini sotto i cinque anni siano collegati a condizioni e cause connesse all'ambiente. L'inquinamento e il degrado ambientale hanno gravi conseguenze sui bambini, non solo in termini di tassi di mortalità, ma anche per il loro futuro di persone.

Abbiamo circa un decennio per evitare che il cambiamento climatico assuma un andamento catastrofico: chi siede sui banchi di scuola oggi – se ha questa fortuna – non può fare molto per evitarlo e le responsabilità epocali che ne deriveranno gravano tutte sulle spalle degli adulti di oggi. Ma loro, i bambini, si sono messi in moto. E' successo negli Stati Uniti e di recente anche da noi, in Europa: 9 bambini e ragazzi tra i 5 e i 18 anni stanno citando gli Stati a Strasburgo, davanti alla Corte Europea dei Diritti dell'Uomo, perché un clima impazzito li priva di molti dei loro diritti fondamentali e minaccia le loro stesse vite. Pochi casi, ma segnalano l'ansia e il coraggio di prendere in mano il proprio futuro se noi falliremo. In questo dobbiamo aiutarli.

I bambini di oggi forse non faranno in tempo a guidare un'inversione di rotta; ma in qualunque scenario, dovranno viverla ed è necessario prepararli. E' il minimo che dobbiamo loro. Ma prepararli a cosa? A combattere per accaparrarsi risorse sempre più scarse? Ne faremmo i protagonisti della loro stessa e definitiva rovina. Il più temibile scenario socio-economico sul clima esaminato finora viene definito "business as usual": in pratica, ci sono molte probabilità di creare la catastrofe se noi umani continuiamo ad agire come sempre, "business as usual", come se il problema non esistesse. Ma il temuto "business as usual" diventa un'ipotesi idilliaca e del tutto ottimista se inseriamo nei modelli un'umanità in lotta: un nefasto ciclo cumulativo di condotte irresponsabili rischia di mettersi in moto nella sfera umana in parallelo al disastro crescente nella biosfera, con le due dinamiche distruttive che si alimentano a vicenda. Infatti, cambiamenti climatici severi porteranno a rapidi spostamenti delle risorse disponibili, comprese quelle più basilari come l'acqua, i terreni coltivabili e abitabili, il cibo.

Si apriranno allora delle competizioni e degli accaparramenti, delle sacche di instabilità e povertà violenta, ondate migratorie di portata inedita. In queste condizioni, l'unica risposta umana possibile per contenere il
riscaldamento – ovvero quella multinazionale, cooperativa, e concertata – diverrebbe sempre più difficile da attuare. Uno scenario in cui il conflitto imperversa sullo sfondo di un clima impazzito, in cui l'umanità si bombarda invece di impegnarsi unita per ridurre le emissioni, in cui mors tua diventa vita mea, non ha ancora una quantificazione in gradi centigradi, ma non è quello che vogliamo lasciare ai nostri figli.

Insegniamo invece ai nostri figli la verità più profonda che ci consegna Madre Terra: tutti assieme, se costruiamo la giustizia, possiamo cambiare rotta. Il pianeta può dare abbondanza anche ai temuti 9 miliardi di abitanti, se solo questa è accessibile a tutti. Insegniamo a coltivare gli orti, a camminare in montagna; mostriamo compassione per ogni essere vivente. Soprattutto, spieghiamo che la natura non è un limite alla ricchezza ma che invece è incompatibile con la ricchezza ingiusta. Forse è necessario lo spettro di un pianeta che collasso per costringerci a insegnare ai bambini ciò che avremmo dovuto insegnare da sempre.​

 

 

Il business del climate litigation<img alt="" src="/PublishingImages/climate%20litigation.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/climate-litigationIl business del climate litigationC’è una crescita esponenziale nel mondo per le cause e i contenziosi giuridici provocati dalla crisi climatica. Sul banco degli imputati anche gli Stati. Difendere il Pianeta diventa un affare legale.Andrea-Di-Turi2020-07-29T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
La decrescita felice è un’illusione<img alt="" src="/PublishingImages/coronavirus%20decrescita%20felice.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/covid-decrescita-feliceLa decrescita felice è un’illusioneNell’economia post virus tutta da costruire abbiamo l’occasione di dare vita a un ciclo costruttivo e risuonante fra benessere umano e del pianeta.Grammenos-Mastrojeni2020-07-22T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Ripartire da aree verdi e paesaggio <img alt="" src="/PublishingImages/tutela%20paesaggio.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/tutela-paesaggioRipartire da aree verdi e paesaggio Ogni abitante italiano ha in “carico” oltre 380 m2 di superfici occupate da cemento, asfalto o altri materiali artificiali, un valore che cresce di quasi 2 m2 ogni anno. La pandemia ha esasperato le criticità.Roberta-Lazzarini2020-07-15T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Una finanza più «biodiversa» al servizio del pianeta<img alt="" src="/PublishingImages/finanza%20biodiversa.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/finanza-biodiversaUna finanza più «biodiversa» al servizio del pianetaCosa si sta facendo per liberare e investire risorse nel contrasto alla perdita della variabilità degli organismi viventi. Un tema non solo ambientale ma sociale, economico, finanziario.Andrea-Di-Turi2020-07-08T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Climate change: quali strade dopo il Covid-19<img alt="" src="/PublishingImages/climate%20change%20gruppo%20unipol.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/bilancio-integrato-unipol-climate-changeClimate change: quali strade dopo il Covid-19Cresce l’impegno del Gruppo Unipol per ridurre le emissioni di CO2 e preservare la biodiversità del Pianeta. I risultati nel bilancio integrato e consolidato 2019. Redazione-Changes2020-07-06T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it

 

 

Quanti pensieri nella testa del digital consumer<img alt="" src="/PublishingImages/digital%20consumer%20covid.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/digital-consumer-covidQuanti pensieri nella testa del digital consumerLa tecnologia digitale agisce sempre di più sul nostro modo di pensare e di acquistare. Un fenomeno amplificato dall’epidemia di Coronavirus.Vittorio-Verdone2020-09-09T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Vita e lavoro racchiusi in uno schermo <img alt="" src="/PublishingImages/videocentrismo.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/videocentrismoVita e lavoro racchiusi in uno schermo In questo 2020 così surreale l’esperienza videocentrica ha subito un’accelerazione senza precedenti. E il video è diventato un riflesso su cui incentrare la nostra vita quotidiana e il lavoro a distanza.Giampaolo-Colletti2020-09-08T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Il DNA è già un business<img alt="" src="/PublishingImages/business%20dna.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/business-dnaIl DNA è già un businessUn’analisi del MIT stima che entro il 2021 saranno oltre 100 milioni le persone censite attraverso i geni. Così la scienza aiuta il marketing sulla strada di consumi personalizzati e nuove esperienze di acquisto.Elisa-Venco2020-09-06T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it

SEGUI GRUPPO UNIPOL
TAG CLOUD