Gentile Utente, ti informiamo che questo sito fa uso di cookie propri e di altri siti al fine di rendere i propri servizi il più possibile efficienti e semplici da utilizzare.
Se vuoi saperne di più o esprimere le tue preferenze sull'uso dei singoli cookie, clicca qui
Se accedi ad un qualunque elemento sottostante questo banner, acconsenti all'uso dei cookie.
Changes - il magazine del Gruppo Unipol > Il clima è delle nuove generazioni

Il clima è delle nuove generazioni

Environment

Peoples Climate Vote, il più grande sondaggio mai condotto riguardo l’opinione pubblica e il cambiamento climatico evidenzia come Millennials e Gen Z siano i più sensibili alla crisi climatica.

​​Le generazioni più giovani sono anche le più sensibili al tema del cambiamento climatico. Magari perché saranno quelle più colpite dalle sue conseguenze? O forse perché sono cresciute in un ambiente caratterizzato da alluvioni, incendi e disastri naturali sempre più ricorrenti? Questa tesi è stata dimostrata dall’ultimo – nonché il più grande – studio condotto sul cambiamento climatico e presentato dal programma delle Nazioni Unite per lo Sviluppo (UNEP) in collaborazione con l’Università di Oxford

Per arrivare ad avere dei risultati che potessero essere rappresentativi della popolazione mondiale, sono stati incluse alcune domande circa l’argomento dentro 17 delle più grandi piattaforme di gioco scaricabili su cellulare. Questi sondaggi, tradotti in più di 15 lingue, hanno visto la partecipazione di 1.220.000 persone, di cui mezzo milione tra i 14 e i 18 anni. L’analisi ha condotto a risultati sorprendenti, individuando la generazione millennial (1981-1996) e la generazione Z (1997-2010) come le più sensibili e interessate al tema della crisi climatica. In generale i dati raccolti sono stati molto positivi, poiché il 64% delle persone intervistate ha riconosciuto che il cambiamento climatico sia un’emergenza e il 59% ha affermato che i governi mondiali dovrebbero fare urgentemente tutto il necessario per fare fronte alla situazione. Ciò mostra come si stia raggiungendo un livello di sensibilità che interessa trasversalmente più fasce della popolazione, con particolare riferimento al fatto che le generazioni più giovani siano anche quelle più informate sull’argomento e disposte a fare di tutto per apportare un cambiamento sistemico che abbia un impatto nella lotta ai cambiamenti climatici.

Alle persone intervistate è stato chiesto se supportassero alcune delle diciotto politiche climatiche chiave proposte e categorizzate in sei ambiti: economia, energia, trasporto, alimentazione e agricoltura, natura e tutela della popolazione. I risultati hanno mostrato che le politiche maggiormente sostenute sono state la conservazione di foreste e terreni (54% delle preferenze), l’implementazione di energie rinnovabili (53%) e a seguire l’adozione di tecniche agricole sostenibili (52%) e il maggiore investimento nel mercato economico e del lavoro sostenibile (50%).

Dunque, se consideriamo il campione intervistato come effettivamente rappresentativo della popolazione mondiale, sorge in noi la speranza che la futura classe politica e dirigente sia quella che riuscirà a trovare un equilibrio fra benessere economico e implementazione delle politiche di mitigazione e adattamento. Tuttavia, questa visione fiduciosa del futuro viene smorzata dalla comprensione del futuro stesso. Mi spiego meglio: il futuro di domani non è il futuro che sarà nelle mani delle generazioni che nel sondaggio si sono dimostrate più attive e reattive all’emergenza climatica. Lo sarà forse tra 10 anni, ma nel frattempo le scelte politiche e amministrative ricadranno su una certa categoria che porta avanti le stesse istanze da ormai lungo tempo; istanze che nella maggior parte dei casi sono incentrate principalmente sul benessere economico nel breve termine, e a volte a beneficio solo di un ristretto gruppo di persone. Non entro nel merito delle varie politiche implementate ad esempio dagli anni ’90 ad oggi, ma nessuna di esse ha apportato un cambiamento radicale al sistema per far fronte ai cambiamenti climatici – che, vorrei ricordare, avvengono da sempre ma che hanno subito un’accelerazione dall’età industriale.

Se quindi è molto difficile che i giovani abbiano la possibilità di entrare in politica “da domani” e cambiare lo status quo in​ favore di una particolare sensibilità al tema della crisi climatica, è anche vero che non tutto è perduto. Il sondaggio dell’UNEP Peoples’ Climate Vote, ha infatti indicato che il 66% delle persone intervistate tra i 36 e 59 anni riconosce la situazione di emergenza: non cadiamo dunque nell’errore di non dare fiducia a un’intera fascia di popolazione poiché non ha agito laddove avrebbe potuto. Vi sono infatti alcuni individui ad essa appartenenti che possono portare avanti le rivendicazioni dei movimenti ambientalisti: la questione climatica non è una lotta elitaria né settoriale. In un mondo costantemente interconnesso contrastare la crisi climatica influisce sulla vita di ognuno di noi, e per farlo è necessario agire insieme su tutti i livelli possibili. 

 

 

Clima: il bollitore Mediterraneo<img alt="" src="/PublishingImages/bollitore%20mediterraneo.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/bollitore-mediterraneoClima: il bollitore MediterraneoNel nostro mare la temperatura media rispetto all’era pre industriale è aumentata di 1,5 gradi e il riscaldamento procede del 20% più rapidamente rispetto alla media globale. Con quali conseguenze?Grammenos-Mastrojeni2021-04-06T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Il futuro è di idrogeno<img alt="" src="/PublishingImages/futuro%20a%20idrogeno.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/futuro-a-idrogenoIl futuro è di idrogenoL’economista Rifkin lo dipinse come la soluzione a tutti i problemi energetici del mondo. Quasi venti anni dopo sta accadendo. Ecco perché.Elena-Comelli2021-03-24T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it
In corsa verso COP26<img alt="" src="/PublishingImages/COP26.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/cop26In corsa verso COP26Cancellata nel 2020 a causa della pandemia Covid-19, la COP26 tornerà dopo un'assenza di due anni (la COP25 si tenne nel dicembre 2019 a Madrid) dall'1 al 12 novembre 2021 a Glasgow. Con un'unica parola d'ordine: il fallimento non è un'opzione.Andrea-Di-Turi2021-03-16T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Clima: se anche Davos diventa catastrofista<img alt="" src="/PublishingImages/ENVIRONMENT%20davos%20cambia.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/davos-climaClima: se anche Davos diventa catastrofistaIl Forum dove convergono e si rappresentano in pubblico i maggiori interessi economici e finanziari del mondo non disdegna il termine “cataclisma”. La scienza è stata finalmente capita?Grammenos-Mastrojeni2021-02-21T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Sage fa scuola ai big del mondo <img alt="" src="/PublishingImages/economia-circolare.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/sage-zero-spazzaturaSage fa scuola ai big del mondo All’Università di Berkeley, Sage Lenier, insegna come ridurre a zero la spazzatura. E dalle aule è arrivata al World Economic Forum per spiegarlo a tutti.Elisa-Venco2021-02-16T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it

 

 

Il virus nemico del sonno <img alt="" src="/PublishingImages/covid%20sonno.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/covid-sonnoIl virus nemico del sonno Il diffondersi della pandemia ha modificato le abitudini notturne delle persone e ha cambiato il tempo e la qualità del dormire. Le ricadute sulla salute.Roberta-Lazzarini2021-01-26T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it
La perseveranza del purpose<img alt="" src="/PublishingImages/purpose.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/purposeLa perseveranza del purposeInvestimenti sui dipendenti, valore per i consumatori, gestione etica delle relazioni con i fornitori e sostegno alle comunità locali dove si opera. Ma niente serve senza una narrazione efficace.Giampaolo-Colletti2021-03-28T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
A Pasqua si viaggia in digitale <img alt="" src="/PublishingImages/turismo%20virtuale.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/turismo-digitaleA Pasqua si viaggia in digitale Il turismo resta virtuale e per ora si può partire quasi esclusivamente con la mente cliccando sul pc con una grande offerta di contenuti. E dai Big data l’industria pensa di ripartire, profilando i viaggiatori.Roberta-Lazzarini2021-03-30T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it

SEGUI GRUPPO UNIPOL
TAG CLOUD