Gentile Utente, ti informiamo che questo sito fa uso di cookie propri e di altri siti al fine di rendere i propri servizi il più possibile efficienti e semplici da utilizzare.
Se vuoi saperne di più o esprimere le tue preferenze sull'uso dei singoli cookie, clicca qui
Se accedi ad un qualunque elemento sottostante questo banner, acconsenti all'uso dei cookie.
Changes - il magazine del Gruppo Unipol > Il tempo da perdere

Il tempo da perdere

Society 3.0

L’esercizio più difficile cha abbiamo fatto nell’ultimo anno e mezzo è stato gestire le ore della giornata. Tra prove ed errori la scienza ci aiuta a cambiare prospettiva.

​​Il tempo è una dimensione che spesso ci sfugge di mano, benché noi esseri umani cerchiamo di imbrigliarlo, misurarlo, prevederlo e ottimizzarlo. Il tempo è difficile da gestire. E se nell'ultimo anno sono proliferati articoli e pubblicazioni su come gestirlo al meglio con regoline magiche, tattiche vincenti e liste di cose da rispettare, molto spesso oggi ci troviamo ancora a fine giornata con una to do list che non è stata totalmente depennata e la sensazione che avremmo potuto e dovuto fare di più.

Dall'ottica lineare a quella circolare

Proviamo quindi ad affrontare il tema da un altro punto di vista. Adottiamo la prospettiva dello scienziato che nel suo laboratorio fa diverse prove per arrivare alla formula magica nella gestione delle proprie ore. Uso la metafora dello scienziato perché la trovo calzante per passare da una prospettiva di pianificazione e previsione ad una invece di sperimentazione e continuo adattamento. La pianificazione vede il tempo come una misura lineare, una retta su cui si inseriscono eventi, impegni e imprevisti. La sperimentazione vede il tempo come un ciclo attraverso il quale si fanno delle prove, si valuta, si aggiusta e poi si riparte.

La scienza questo fa: procede per prove ed errori, ipotesi da confermare e confutare. E in questo processo fatto di sperimentazione possiamo scoprire come funzioniamo e come trovare le nostre strategie, adatte per oggi e magari non per domani.

Check point giornalieri

La proposta che faccio qui è di istituire dei momenti di check nella giornata in cui farsi delle domande che aiutino a stare sempre di più nella modalità circolare dello scienziato e meno in quella lineare del pianificatore. Semplicemente perché abbiamo capito che pianificare non sempre funziona. Propongo tre momenti di check, adattabili alla propria routine giornaliera ovviamente.

Cosa chiedersi ad inizio giornata

Partire chiedendosi “Cosa mi può aiutare per iniziare la giornata con il livello di energia di cui ho bisogno oggi?". La risposta potrà cambiare a seconda di ciò che si deve fare nelle ore successive e dello stato attuale al risveglio. Il punto è settare la propria mente verso un atteggiamento efficace che aiuti a trovare la strategia migliore in quel momento per attivarsi e quindi trarre il meglio dal tempo che si ha di fronte a sé.​

Cosa chiedersi a metà giornata

Fare una pausa chiedendosi “Cosa ha funzionato e cosa non ha funzionato stamattina nella gestione del mio tempo?". La risposta è un'autoanalisi rispetto alle ore precedenti e al come si sono sfruttate. Osservarsi è il primo passo da fare per poter aggiustare il tiro verso la direzione desiderata. Ciò orienta la mente verso un aggiustamento per la seconda parte della giornata.

Cosa chiedersi a fine giornata

Concludere chiedendosi “Quali sono le attività che ho fatto oggi e le questioni che ho gestito?". La risposta orienta la propria mente all'evidenziare ciò che si è ottenuto nelle ore precedenti e questo​ provoca una sensazione di appagamento. Sentirsi soddisfatti e in controllo è fondamentale per aumentare il proprio livello di efficacia nella gestione del tempo. Al contrario chiudere la giornata pensando “Oggi ho perso un sacco di tempo" porta solo a frustrazione.

Infine, ricordiamoci di avere anche un pizzico di auto-compassione e di mettere da parte il giudizio verso noi stessi. Carlo Rovelli, fisico e autore di L'ordine del tempo scrive “Se non si perde tempo n​on si arriva da nessuna parte." ​

 

 

Lavoro: quanto conta il purpose personale<img alt="" src="/PublishingImages/purpose%20personale.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/purpose-personaleLavoro: quanto conta il purpose personaleCosa voglio fare davvero da grande? E soprattutto, chi voglio essere? Le domande da farsi per trovare il proprio scopo, esattamente come fa un’azienda.Giulio-Xhaet2021-07-25T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Il sacerdote dei numeri<img alt="" src="/PublishingImages/numeri%20non%20mentono.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/numeri-non-mentonoIl sacerdote dei numeriVaclav Smil è un cavallo di razza della saggistica internazionale e quando esce un suo libro è sempre un evento, al punto che Bill Gates lo ha inserito nel suo pantheon dei grandi intellettuali di riferimento. Ma che ha di speciale Smil?Luciano-Canova2021-07-18T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Il vero genio è tanto sudore e tanti errori<img alt="" src="/PublishingImages/idea.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/ideaIl vero genio è tanto sudore e tanti erroriA guardare la storia dell’imprenditoria non si hanno dubbi: è la “perspiration” o sudore a fare la differenza. Partiamo dall’esperienza di Thomas Edison per riflettere su come imparare dagli errori e su come adattarsi al cambiamento continuo. Filippo-Poletti2021-07-11T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
I nuovi confini del lavoro<img alt="" src="/PublishingImages/confini%20lavoro.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/confini-lavoroI nuovi confini del lavoroDallo smart working al near working, il lavoro di prossimità è una delle eredità della pandemia. L’obiettivo è continuare a fidelizzare la forza lavoro, soprattutto i giovani.Nadia-Anzani2021-06-27T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
La citta diventa uno spazio ibrido<img alt="" src="/PublishingImages/città%20ibride.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/città-ibrideLa citta diventa uno spazio ibridoLa formula giusta è un misto tra online e offline dove vita sociale e lavorativa procedono insieme. E tutto è a portata di passeggiata.Giampaolo-Colletti2021-06-20T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it

 

 

Il virus nemico del sonno <img alt="" src="/PublishingImages/covid%20sonno.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/covid-sonnoIl virus nemico del sonno Il diffondersi della pandemia ha modificato le abitudini notturne delle persone e ha cambiato il tempo e la qualità del dormire. Le ricadute sulla salute.Roberta-Lazzarini2021-01-26T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Come natura suona<img alt="" src="/PublishingImages/suoni%20natura.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/suoni-naturaCome natura suonaEstrarre vibrazioni dalla natura e dall'ambiente circostante grazie alla tecnologia. Il progetto di Max Casacci che ci porta ad ascoltare la Terra.Carlo-Bordone2021-07-13T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Sostenibilità alimentare: soluzione alla "trappola malthusiana"<img alt="" src="/PublishingImages/ublog%20cibo.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/ublog-ciboSostenibilità alimentare: soluzione alla "trappola malthusiana"Ho 20 anni, vivo in un mondo che considero evoluto, ma uno dei dati che mi sconvolge più spesso è che nel 2021 si possa ancora morire di fame o soffrirne seriamente.Redazione-UBlog2021-07-04T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it

SEGUI GRUPPO UNIPOL
TAG CLOUD