Gentile Utente, ti informiamo che questo sito fa uso di cookie propri e di altri siti al fine di rendere i propri servizi il più possibile efficienti e semplici da utilizzare.
Se vuoi saperne di più o esprimere le tue preferenze sull'uso dei singoli cookie, clicca qui
Se accedi ad un qualunque elemento sottostante questo banner, acconsenti all'uso dei cookie.
Changes - il magazine del Gruppo Unipol > Grammatica del nuovo mondo

Grammatica del nuovo mondo

Society 3.0

Benvenuti nell’era del noi. Se c’è una parola che la pandemia ci ha fatto riscoprire è proprio questa. Ci ha fatto rileggere, cioè, la parola io all’incontrario con l’aggiunta della lettera “n”.

Ne parlano in tanti, da diversi punti di vista. Vale ad esempio in ambito sanitario, psichiatrico, nella letteratura così come nella religione. Cerchiamo, dunque, di mettere sotto la lente d'ingrandimento la grammatica del nuovo mondo, alla quale ho dedicato un libro prossimamente in uscita.​

Di cosa parliamo:

  • l'unità degli italiani nella prevenzione sanitaria
  • la lezione dello psichiatra Vittorino Andreoli
  • la visione dello scrittore e storico olandese Rutger Bregman
  • l'invito di Papa Francesco a pensare in prima persona plurale

 

L'unità degli italiani nella prevenzione sanitaria

​Nella parola lockdown è contenuta il pronome noi. Lo ricordiamo tutti: era il 10 marzo 2020 quando fu imposto a tutto il Paese l'isolamento: l'Italia diventò, infatti, «zona protetta», come disse l'allora primo ministro Giuseppe Conte, presentando il decreto legge #IoRestoaCasa. Dalle scuole chiuse il 5 marzo si passò al Paese tutto serrato, al confinamento della penisola. «State a casa», ammonì di notte a Milano il Pirellone, storica sede della Regione Lombardia, illuminato a giorno così da formare le 10 lettere di “S-t-a-t-e-a-c-a-s-a". L'Italia unita rispose all'appello, rispettando le misure di prevenzione e di protezione sanitaria. L'Italia, ancora una volta, dette prova di sapersi unire per un bene più grande, quello della tutela della salute.

La lezione dello psichiatra Vittorino Andreoli

Oltre alle nuove regole di prevenzione sanitaria, la pandemia ci ha fatto riscoprire la nostra fragilità. Ce lo ricorda lo psichiatra Vittorino Andreoli, autore del libro Fragilità uscito lo scorso novembre con il Corriere della Sera. «Siamo fragili – ha spiegato in un'intervista rilasciata a Paola Piacenza sul supplemento Io Donna del Corriere della Sera –, ma non c'è niente di male in questo: la fragilità fa parte dei limiti dell'umano». Il coronavirus ha ricordato a tutti, nessuno escluso, che nessuno è invincibile e invulnerabile: «La persona fragile ha bisogno dell'altro e deve capirlo, deve ammetterlo. Così capirà che l'amore è un contratto tra fragilità. Due fragilità insieme danno forza».​

La visione di Rutger Bregman

Anche il mondo dell'arte e della cultura ha riflettuto a lungo sul nuovo mondo del noi. Giorno dopo giorno, nel corso della pandemia, abbiamo reimparato a pensare in gruppo. Lo ha spiegato bene l'attrice Stefania Rocca, protagonista della serie televisiva di Amazon Prime Tutta colpa di Freud: «La bolla di sospensione in cui ci ha buttato la pandemia ha avuto un unico vantaggio per noi: renderci consapevoli, farci uscire dall'isolamento e spingerci a pensare in gruppo», ha spiegato sul supplemento Sette del Corriere della Sera, intervistata da Stefania Ulivi. Il riferimento è ai tanti lavoratori del mondo dello spettacolo, ma possiamo benissimo adattare queste parole alla vita di tutti.

Noi, appunto, anziché io: è quello che suggerisce lo scrittore Rutger Bregman, autore per Feltrinelli di Una nuova storia (non cinica) dell'umanità: «Non è vero che, sotto la superficie, l'umanità sia profondamente egoista – ha spiegato a Gabriele Romagnoli sul supplemento Robinson di Repubblica –. La pandemia non è stata che l'ennesima dimostrazione. All'inizio ci aspettavamo orde fameliche, assalti e saccheggi: c'è stata solo qualche razzia di carta igienica. La maggior parte delle persone si è comportata bene, ha cooperato».

L'invito del Papa a pensare in prima persona plurale

​Anche la religione cattolica ha riflettuto sul nuovo universo creato dal covid. Lo ha fatto Papa Francesco nel corso dell'intervista Il mondo che vorrei rilasciata al giornalista del Tg5 Fabio Marchese Ragona e andata in onda all'inizio del 2021. «In questo momento, un politico, anche un dirigente, un vescovo, un sacerdote, che non ha la capacità di dire “noi" non è all'altezza. Deve prevalere il “noi", il bene comune di tutti. L'unità è superiore al conflitto», ha detto Jorge Mario Bergoglio. Il passaggio dall'io al noi auspicato dalla Chiesa cattolica è stato rimarcato dal critico Aldo Grasso che, sul Corriere della Sera, ha richiamato la necessità di tornare nella lingua scritta a riscoprire la prima persona plurale, che «fa presumere che quanto affermat​o possa essere condiviso dalla comunità». È il mondo del noi, contrapposto a quello dell'egoismo e del narcisismo. È la grammatica del nuovo mondo.

 

 

Nomadland e nomadi digitali: esistenze parallele<img alt="" src="/PublishingImages/nomadi%20digitali.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/nomadi-digitali-(2)Nomadland e nomadi digitali: esistenze paralleleLa tecnologia cambia il lavoro e l’atmosfera che passa dalla rassegnazione del film vincitore del premio Oscar all’innovazione precaria dei giovani pionieri delle nuove occupazioni.Elisa-Toma2021-06-15T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
La digital disruption non distrugge la strategia<img alt="" src="/PublishingImages/digital%20distruption.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/digital-disruptionLa digital disruption non distrugge la strategiaPerché oggi per essere competitivi occorre pensare in modo differente, essere anticonformisti e cavalcare la transizione digitale avendo una chiara visione del futuro.Filippo-Poletti2021-06-14T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Il tempo da perdere<img alt="" src="/PublishingImages/gestione%20tempo.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/gestione-tempoIl tempo da perdereL’esercizio più difficile cha abbiamo fatto nell’ultimo anno e mezzo è stato gestire le ore della giornata. Tra prove ed errori la scienza ci aiuta a cambiare prospettiva. Monica-Bormetti2021-06-13T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
C’è vita oltre il PIL?<img alt="" src="/PublishingImages/un%20altro%20pil.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/oltre-il-pilC’è vita oltre il PIL?Nato dopo la Grande Crisi del 1929, il Prodotto Interno Lordo è ancor’oggi l’indice-guida per capire lo stato economico delle Nazioni. Ecco perché nonostante i tanti tentativi di superarlo il PIL rimane ancora in auge.Luca-Politi2021-05-26T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Il lusso è morto, viva il lusso<img alt="" src="/PublishingImages/lusso.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/lusso-pandemiaIl lusso è morto, viva il lussoLa pandemia ha eliminato le occasioni per esibire abiti, auto, vacanze da sogno. Ma il consumo esperienziale non è morto, diventerà tridimensionale.Claudio-Plazzotta2021-05-16T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it

 

 

Il virus nemico del sonno <img alt="" src="/PublishingImages/covid%20sonno.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/covid-sonnoIl virus nemico del sonno Il diffondersi della pandemia ha modificato le abitudini notturne delle persone e ha cambiato il tempo e la qualità del dormire. Le ricadute sulla salute.Roberta-Lazzarini2021-01-26T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Economia circolare: dalla terra alla terra <img alt="" src="/PublishingImages/bioeconomia.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/economia-circolare-terraEconomia circolare: dalla terra alla terra Cinque storie italiane di bioeconomia che usano in maniera efficiente le risorse, riducono gli sprechi, tutelano la terra e la biodiversità. Letizia-Palmisano2021-06-08T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Condividere le emozioni fa bene al lavoro<img alt="" src="/PublishingImages/emozioni-lavoro.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/condividere-emozioniCondividere le emozioni fa bene al lavoroLa storia di Paolo Raineri che studiando i comportamenti degli elefanti marini ha fondato Yumi che dà un valore agli elementi intangibili.Antonio-Belloni2021-06-06T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it

SEGUI GRUPPO UNIPOL
TAG CLOUD