Gentile Utente, ti informiamo che questo sito fa uso di cookie propri e di altri siti al fine di rendere i propri servizi il più possibile efficienti e semplici da utilizzare.
Se vuoi saperne di più o esprimere le tue preferenze sull'uso dei singoli cookie, clicca qui
Se accedi ad un qualunque elemento sottostante questo banner, acconsenti all'uso dei cookie.
Changes - il magazine del Gruppo Unipol > Environment > Negoziato sul clima: ripartire dallo stallo di Madrid

 Negoziato sul clima: ripartire dallo stallo di Madrid

Environment

 La COP25 non ha portato le risposte attese. L’architettura dell’Accordo di Parigi tiene ma serve un passo in più verso la decarbonizzazione nel 2020. Il ruolo dell’Italia.

​La COP25 è stata un moderato fallimento. Si preserva l'architettura dell'Accordo di Parigi e si registra la volontà delle parti di aumentare l'ambizione per il 2020, quando i 196 stati dovranno portare al negoziato ONU i nuovi piani nazionali di decarbonizzazione. Tuttavia, nonostante 60 ore addizionali di negoziati si è fallito ad approvare l'elemento centrale e più concreto del negoziato, la finanza climatica. Si tratta del cosiddetto Articolo 6, l'ultimo mancante nell'Accordo di Parigi. Avrebbe permesso di scambiare quote emissioni, comprandole da progetti di mitigazione in altre parti del mondo e vederle contabilizzate a suo nome. La Presidenza cilena, guidata da Carolina Schmidt, ha fallito anche nel trovare il compromesso su i meccanismi di trasparenza sul conteggio delle emissioni, rimandate al negoziato tecnico di Bonn di giugno, risorse economiche per l'adattamento e il Loss&Damage (l'assicurazione per i paesi più vulnerabili), e un framework temporale comune per paesi sviluppati e in via di sviluppo per l'aggiornamento degli NDC, i piani nazionali di riduzione delle emissioni. Rimangono nel testo i meccanismi di adattamento e la base del Loss&Damage, e l'approvazione del Gender Action Plan, per sostenere il ruolo delle donne nel processo internazionale di decarbonizzazione.

«Oggi, come paesi, siamo rimasti in debito con il pianeta», ha ammesso quasi in lacrime la presidente Carolina Schmidt, nello sterile linguaggio onusiano. «Gli accordi raggiunti dalle parti non sono sufficienti per affrontare la crisi dei cambiamenti climatici con urgenza». Si riparte con il summit intermedio di giugno a Bonn e con la preCOP di Milano a ottobre. «Ci sarà tanto lavoro da fare nel 2020 per Italia e UK,» ha commentato Laurence Tubiana, Ceo della European Climate Foundation e architetta dell'Accordo di Parigi. «L'Italia ha davanti a sè una grande responsabilità, deve superare eventuali pregiudiziali di alcuni Paesi che possono bloccare il percorso. L'ambizione è arrivare ad un accordo», spiega all'autore il ministro dell'ambiente Sergio Costa. «E per questo chiederò al governo, al ministro degli Esteri e al presidente del Consiglio uno sforzo più rigoroso nelle negoziazioni».

Gli ostacoli da superare

Gli ostacoli più grandi sono stati sul timeframe condiviso per le emissioni ma soprattutto sulla finanza climatica, elemento ostico date le grandi implicazioni economiche e finanziarie. Ci si è fermati subito sul punto 2, dove si disciplina la cooperazione bilaterale attraverso "internationally traded mitigation outcomes" (i cosiddetti ITMO), che potrebbero includere riduzioni delle emissioni misurate in tonnellate di CO2 o chilowattora di elettricità rinnovabile realizzate tramite un meccanismo di scambio. Alcuni paesi, come il Brasile, hanno spinto per un sistema poco trasparente che potrebbe avere problemi di double accounting, dove le riduzioni vengono conteggiate sia per il paese finanziatore che per il beneficiario. Al punto 4 dell'art. 6 invece si è lavorato per creare un nuovo mercato internazionale del carbonio, basato sullo scambio dei tagli alle emissioni, creato dal settore pubblico o privato in qualsiasi parte del mondo. Difficile trovare la quadra giusta sulla trasparenza di questo meccanismo. Poi per entrambi i punti 2 e 4, e anche 8, è emersa la questione dei diritti umani. Con i Clean Development Mechanism presenti nell'Protocollo di Kyoto infatti si verificarono numerosi abusi, come ad esempio con la costruzione di dighe che hanno costretto al trasferimento forzato non compensato migliaia di persone. Ma numerosi stati si sono opposti a questa richiesta. Infine l'ultimo nodo gordiano è stato il tema del carry over, ovvero l'uso dei crediti di carbonio generati con il Protocollo di Kyoto, da impiegare nel nuovo regime post-2020 che avrebbe dovuto istituire l'art.6. Australia e stati BASIC hanno puntato i piedi, contribuendo ad un empasse sostanziale. Troppi elementi controversi, quindi tutto rimandato al SBSTA, il gruppo tecnico della COP che si riunisce a fine primavera nella sede UNFCCC.

Come si può sbloccare l'empasse

Il processo dunque si fa di nuovo geopolitico. Innanzitutto l'Europa deve subito avviare il processo di revisione degli attuali impegni di riduzione al 2030, cercando un accordo non oltre il Consiglio Europeo di giugno 2020. l'Italia, se non vuole rischiare una figura peggiore del Cile alla COP26, dovrà avere leadership sia in Europa che nel mondo, cercando di preparare il lavoro anche attraverso la diplomazia della Farnesina, specie in quegli stati dove ha buoni accordi bilaterali, come Cina, India e Giappone, in comune accordo con gli altri paesi europei. Gli sherpa Europei dovranno così arrivare al Vertice di alto livello Ue-Cina, in programma il prossimo settembre a Lipsia con una proposta congiunta per un accordo ambizioso in vista della COP26 di Glasgow. Sarà qua l'ultimo passo, insieme alla sconfitta di Trump, vera spina nel fianco con la sua folle decisione di uscire dall'Accordo di Parigi per ritrovare l'equilibrio multilaterale, reso complesso dall'onda sovranista climanegazionista. Nel caso vincesse un democratico alle elezioni presidenziali del 3 Novembre, gli Usa formalmente potrebbero cambiare rotta entro il giorno successivo, data in cui diventa effettivo l'abbandono americano dall'Accordo. Troppo a ridosso del negoziato COP26 a Glasgow che aprirà i battenti il 9 Novembre 2020. Non ci sarà il tempo per essere sicuri di avere consenso tra Usa (con un nuovo presidente o con il vecchio), i paesi BASIC, Cina su tutti, e l'Europa che deve mettere tutto il suo capitale politico di potenza mondiale per tenere in piedi l'Accordo. Se a COP25 era importante prendere decisioni collettive, alla prossima COP ogni stato dovrà mostrare autonomamente l'ambizione di agire a favore di una decarbonizzazione. L'Italia deve dare per una volta un esempio mondiale.

Foto: UNclimatechange


 

 

Possiamo salvare il mondo prima di cena?<img alt="" src="/environment/PublishingImages/davos%20clima%202020.jpg" style="BORDER:0px solid;" />http://changes.unipol.it/environment/Pagine/davos-2020-clima.aspxPossiamo salvare il mondo prima di cena?Mentre a Davos la finanza mondiale muove grandi passi e capitali per salvare il Pianeta, al duello tra Donald Trump e Greta Thunberg preferiamo la lettura di Jonathan Safran Foer.GP0|#07df2ac6-ed69-4d0a-8ab3-d6b05407c88e;L0|#007df2ac6-ed69-4d0a-8ab3-d6b05407c88e|Environment;GTSet|#e62eaae4-ff72-4b5a-a2d7-8fca6c2e6a45Grammenos Mastrojeni2020-01-21T23:00:00Zhttp://changes.unipol.it
Clima: è l’ora della finanza d'emergenza <img alt="" src="/environment/PublishingImages/green%20deal%20finanza.jpg" style="BORDER:0px solid;" />http://changes.unipol.it/environment/Pagine/green-deal-finanza.aspxClima: è l’ora della finanza d'emergenza Il Piano di azione sulla finanza sostenibile della Commissione Ue comincia a dare i suoi frutti. Ma è ancora insufficiente e servono azioni concrete per aiutare il Pianeta.GP0|#07df2ac6-ed69-4d0a-8ab3-d6b05407c88e;L0|#007df2ac6-ed69-4d0a-8ab3-d6b05407c88e|Environment;GTSet|#e62eaae4-ff72-4b5a-a2d7-8fca6c2e6a45Andrea Di Turi2020-01-14T23:00:00Zhttp://changes.unipol.it
Clima 2020: le sfide da vincere <img alt="" src="/environment/PublishingImages/clima%202020.jpg" style="BORDER:0px solid;" />http://changes.unipol.it/environment/Pagine/clima-2020.aspxClima 2020: le sfide da vincere Mettersi in gioco in prima persona è il primo grande proposito di cambiamento per un nuovo anno cruciale per il Pianeta che chiede a tutti noi un aiuto.GP0|#07df2ac6-ed69-4d0a-8ab3-d6b05407c88e;L0|#007df2ac6-ed69-4d0a-8ab3-d6b05407c88e|Environment;GTSet|#e62eaae4-ff72-4b5a-a2d7-8fca6c2e6a45Grammenos Mastrojeni2019-12-29T23:00:00Zhttp://changes.unipol.it
Occupazione circolare<img alt="" src="/environment/PublishingImages/occupazione%20circolare.jpg" style="BORDER:0px solid;" />http://changes.unipol.it/environment/Pagine/occupazione-circolare.aspxOccupazione circolareIl mondo industriale ma anche il settore pubblico e quello dei servizi sta adoperandosi per una transizione a un modello circolare di economia, basato su riuso e riciclo, massimizzazione del valore d’uso ed estensione del tempo vita dei prodotti.GP0|#07df2ac6-ed69-4d0a-8ab3-d6b05407c88e;L0|#007df2ac6-ed69-4d0a-8ab3-d6b05407c88e|Environment;GTSet|#e62eaae4-ff72-4b5a-a2d7-8fca6c2e6a45Emanuele Bompan2019-12-10T23:00:00Zhttp://changes.unipol.it
Ocean Cleanup: una macchina non basta<img alt="" src="/environment/PublishingImages/oceani%20grammenos.jpg" style="BORDER:0px solid;" />http://changes.unipol.it/environment/Pagine/pulizia-oceani.aspxOcean Cleanup: una macchina non bastaLa fiducia nella tecnologia per pulire i mari è fondata, ma diventa pericolosa se induce l’idea che il nostro modo di vivere possa continuare inalterato. Ecco perché.GP0|#07df2ac6-ed69-4d0a-8ab3-d6b05407c88e;L0|#007df2ac6-ed69-4d0a-8ab3-d6b05407c88e|Environment;GTSet|#e62eaae4-ff72-4b5a-a2d7-8fca6c2e6a45Grammenos Mastrojeni2019-11-11T23:00:00Zhttp://changes.unipol.it

 

 

L’impresa del futuro è sociale<img alt="" src="/environment/PublishingImages/bilancio%20sostenibile.jpg" style="BORDER:0px solid;" />http://changes.unipol.it/environment/Pagine/bilancio-integrato-e-sostenibile-.aspxL’impresa del futuro è socialeIl nuovo approccio alla rendicontazione aziendale dimostra il legame tra strategia, performance finanziarie e il contesto sociale, ambientale ed economico. Il reporting integrato può aiutare gli operatori economici a prendere decisioni più sostenibili.GP0|#07df2ac6-ed69-4d0a-8ab3-d6b05407c88e;L0|#007df2ac6-ed69-4d0a-8ab3-d6b05407c88e|Environment;GTSet|#e62eaae4-ff72-4b5a-a2d7-8fca6c2e6a45Luca Testoni2017-03-08T23:00:00Zhttp://changes.unipol.it
Imprese e buon governo<img alt="" src="/environment/PublishingImages/bilancio%20governance.jpg" style="BORDER:0px solid;" />http://changes.unipol.it/environment/Pagine/bilancio-integrato-governance.aspxImprese e buon governoI risultati dell’Integrated Governance Index (Igi) che misura il posizionamento delle aziende in relazione alla sostenibilità. La corsa di Unipol.GP0|#07df2ac6-ed69-4d0a-8ab3-d6b05407c88e;L0|#007df2ac6-ed69-4d0a-8ab3-d6b05407c88e|Environment;GTSet|#e62eaae4-ff72-4b5a-a2d7-8fca6c2e6a45Luca Testoni2017-06-20T22:00:00Zhttp://changes.unipol.it
Bilancio integrato: quando i conti generano valore<img alt="" src="/environment/PublishingImages/bilancio%20integrato.jpg" style="BORDER:0px solid;" />http://changes.unipol.it/environment/Pagine/Bilancio-integrato-quando-i-conti-generano-valore.aspxBilancio integrato: quando i conti generano valoreIl tema dell’integrazione della sostenibilità condizionerà il business delle aziende nei prossimi 3 anni. E la questione reputazionale diventa elemento core per l’impresa.GP0|#07df2ac6-ed69-4d0a-8ab3-d6b05407c88e;L0|#007df2ac6-ed69-4d0a-8ab3-d6b05407c88e|Environment;GTSet|#e62eaae4-ff72-4b5a-a2d7-8fca6c2e6a45Luca Testoni2017-04-25T22:00:00Zhttp://changes.unipol.it

SEGUI GRUPPO UNIPOL
TAG CLOUD