Gentile Utente, ti informiamo che questo sito fa uso di cookie propri e di altri siti al fine di rendere i propri servizi il più possibile efficienti e semplici da utilizzare.
Se vuoi saperne di più o esprimere le tue preferenze sull'uso dei singoli cookie, clicca qui
Se accedi ad un qualunque elemento sottostante questo banner, acconsenti all'uso dei cookie.
Changes - il magazine del Gruppo Unipol > Avanti le donne, così l’Italia riparte

Avanti le donne, così l’Italia riparte

Society 3.0

Un Paese che non investe sulle donne non ha futuro. Lo ha scritto Bankitalia: più donne al lavoro, più PIL. Ce lo ricorda un capolavoro dell’arte etrusca, la coppia conservata al museo di villa Giulia a Roma.

​​​Procediamo passo dopo passo e cerchiamo, ordinando gli spunti e i fatti dell'oggi, di riflettere sui benefici attesi dalla rimozione – come dice l'articolo 3 della nostra Costituzione – degli ostacoli che ci separano dall'uguaglianza di genere nel mondo professionale.

Di cosa parliamo:

  • Prima le donne, la lezione degli etruschi a villa Giulia
  • Le proiezioni di Bankitalia: più donne al lavoro, più prodotto interno lordo
  • Italia maschilista, ma non mancano esempi positivi come la Sapienza e il settore privato
  • Rilancio dell'economia nazionale e la campagna europea “Half of it"
  • Oltre le apparenze, il testimone di Botticelli

Prima le donne, la lezione degli etruschi a villa Giulia
Partiamo dalla civiltà etrusca. A Roma, nella sala 12 del museo nazionale di villa Giulia, è conservato il ritratto in terracotta di una donna e di un uomo, realizzato a Cerveteri 2.500 anni fa: davanti a noi si materializza una scena di vita comune con una donna posta davanti a un uomo. Più dignità, appunto, e più opportunità date alla donna, cose inammissibili per i greci e i latini, eccezione fatta durante l'epoca imperiale. È la figura femminile – caratterizzata dal volto ovale con gli occhi allungati e da un sorriso contagioso – a calamitare, infatti, la nostra attenzione. Parliamo della donna etrusca, considerata così importante da trasmettere il proprio cognome ai figli.

Bankitalia: più donne al lavoro, più prodotto interno lordo
Spostiamoci ai nostri giorni, dominati dal desiderio di ripartire per lasciarci alle spalle la crisi economica e finanziaria innescata dalla pandemia. È Cristina Scocchia, ceo di Kiko a colloquio con il supplemento L'Economia del Corriere della Sera, a darci uno spunto di riflessione: il nostro Paese riprenderà a correre se il tasso di occupazione femminile crescerà. «Se lavora solo una donna su due, contro il 68% degli uomini, il rilancio non avverrà. Aumentare l'occupazione delle donne garantirebbe un aumento del Pil pari al 7%, un'occasione che non possiamo mancare», ha spiegato la manager.

Sono le stesse cifre ufficiali di Bankitalia, diffuse nel documento dal titolo “Le donne e l'economia italiana": la promozione dell'accesso femminile al mercato del lavoro permetterebbe all'Italia di incamminarsi verso l'obiettivo indicato dall'agenda di Lisbona (60%), facendo crescere “meccanicamente" il prodotto lordo nazionale. È la sintesi dell'approccio macroeconomico, al quale si accompagna quello microeconomico, incentrato sugli effetti positivi della presenza femminile sul lavoro nei riguardi dei risultati e della governance delle imprese e delle istituzioni.

Italia maschilista, ma non mancano esempi positivi 

Il dito dell'Italia, dunque, deve essere puntato sulla parità di genere che, secondo il Global Gender Gap Report 2020 formulato dal World Economic Forum, ci vede posizionati al 76esimo posto su 153 Paesi. Troppo poco, malgrado – è bene dirlo per onestà intellettuale – non manchino esempi virtuosi. Pensiamo, guardando alle recenti nomine nei posti di comando, alla Sapienza di Roma, dove per la prima volta una donna, Antonella Polimeni, è stata indicata alla guida: si tratta di una novità assoluta per l'ateneo fondato nel 1303, che può vantare tra i laureati i Nobel Guglielmo Marconi, Enrico Fermi, Giulio Natta, Carlo Rubbia e Franco Modigliani.

Oppure, spostandoci al settore privato, a Elena Goitini, prima donna a capo di un grande istituto bancario in Italia: sarà lei a governare la Bnl Gruppo Bnp Paribas. Come diffuso attraverso i mezzi di informazione, sarà la prossima assemblea degli azionisti di aprile a nominarla, promuovendola da responsabile della divisione private e wealth management a ceo. Soddisfatti i vertici aziendali a partire da Thierry Laborde, responsabile dei mercati interni: «Sono molto orgoglioso che la Bnl sarà guidata da una donna con ampia e consolidata esperienza nei mestieri della banca, maturata in contesti internazionali e in grandi gruppi», ha dichiarato, ripreso dai media. Oppure, volgendo lo sguardo a un passato non lontanissimo, a Fabiola Gianotti, scelta per dirigere nel 2016 il Cern di Ginevra, il centro europeo di ricerca nucleare.

Rilancio dell'economia e la campagna europea “Half of it"

Malgrado la disuguaglianza tra il numero di donne e uomini nel governo Draghi (8 su 23 ministri), il premier ha riflettuto pubblicamente sull'importanza della presenza femminile nel discorso al Senato, pronunciato in occasione del voto di fiducia: «La mobilitazione di tutte le energie per il rilancio Paese non può prescindere dal coinvolgimento delle donne – ha spiegato lo scorso 17 febbraio –. Una vera parità di genere non significa un farisaico rispetto di quote rosa richieste dalla legge: richiede che siano garantite parità di condizioni competitive tra generi».

Alle dichiarazioni del governo fa da contraltare la campagna europea “Half of it", nata alla fine del 2020 per stimolare la destinazione di almeno metà delle risorse del fondo per la ripresa dell'Unione a misure che includano le donne nella vita sociale ed economica. Una campagna, questa, sostenuta anche in Italia dal manifesto di “Donne per la Salvezza - Half of it" promosso, tra le tante professioniste, da Linda Laura Sabbadini, responsabile del dipartimento per le statistiche sociali dell'Istat e a capo del W20, il gruppo internazionale di lavoro sull'empowerment femminile che affianca il G20, in programma quest'anno in Italia alla fine di ottobre.

Oltre le apparenze, il testimone di Botticelli

È tempo, dunque, di rimboccarsi le maniche, superando gli stereotipi e andando al di là delle apparenze. Lo possiamo fare prendendo spunto, ancora una volta, dall'arte, questa volta rinascimentale: è Sandro Botticelli, nella celebre “Nascita di Venere", conservata alle Gallerie degli Uffici a Firenze, ad aver voluto non cancellare le imperfezioni della dea della bellezza, invitandoci a guardare oltre il suo aspetto fisico. Pensiamo, sempre a proposito della grande tela, ai capelli biondi con colore differente all'attaccatura oppure alle rughe dipinte sul collo. La bellezza è anzitutto interiore. Dentro ciascuna donna sono custodite doti professionali che il Paese, inteso come la somma delle istituzioni pubbliche e private, deve valorizzare per ripartire. Largo, dunque, alle donne con le loro hard skill e le soft skill. Per il bene dell'Italia​.

 

 

Lavoro: quanto conta il purpose personale<img alt="" src="/PublishingImages/purpose%20personale.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/purpose-personaleLavoro: quanto conta il purpose personaleCosa voglio fare davvero da grande? E soprattutto, chi voglio essere? Le domande da farsi per trovare il proprio scopo, esattamente come fa un’azienda.Giulio-Xhaet2021-07-25T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Il sacerdote dei numeri<img alt="" src="/PublishingImages/numeri%20non%20mentono.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/numeri-non-mentonoIl sacerdote dei numeriVaclav Smil è un cavallo di razza della saggistica internazionale e quando esce un suo libro è sempre un evento, al punto che Bill Gates lo ha inserito nel suo pantheon dei grandi intellettuali di riferimento. Ma che ha di speciale Smil?Luciano-Canova2021-07-18T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Il vero genio è tanto sudore e tanti errori<img alt="" src="/PublishingImages/idea.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/ideaIl vero genio è tanto sudore e tanti erroriA guardare la storia dell’imprenditoria non si hanno dubbi: è la “perspiration” o sudore a fare la differenza. Partiamo dall’esperienza di Thomas Edison per riflettere su come imparare dagli errori e su come adattarsi al cambiamento continuo. Filippo-Poletti2021-07-11T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
I nuovi confini del lavoro<img alt="" src="/PublishingImages/confini%20lavoro.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/confini-lavoroI nuovi confini del lavoroDallo smart working al near working, il lavoro di prossimità è una delle eredità della pandemia. L’obiettivo è continuare a fidelizzare la forza lavoro, soprattutto i giovani.Nadia-Anzani2021-06-27T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
La citta diventa uno spazio ibrido<img alt="" src="/PublishingImages/città%20ibride.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/città-ibrideLa citta diventa uno spazio ibridoLa formula giusta è un misto tra online e offline dove vita sociale e lavorativa procedono insieme. E tutto è a portata di passeggiata.Giampaolo-Colletti2021-06-20T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it

 

 

Il virus nemico del sonno <img alt="" src="/PublishingImages/covid%20sonno.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/covid-sonnoIl virus nemico del sonno Il diffondersi della pandemia ha modificato le abitudini notturne delle persone e ha cambiato il tempo e la qualità del dormire. Le ricadute sulla salute.Roberta-Lazzarini2021-01-26T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Come natura suona<img alt="" src="/PublishingImages/suoni%20natura.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/suoni-naturaCome natura suonaEstrarre vibrazioni dalla natura e dall'ambiente circostante grazie alla tecnologia. Il progetto di Max Casacci che ci porta ad ascoltare la Terra.Carlo-Bordone2021-07-13T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Privacy e big data: a che punto siamo<img alt="" src="/PublishingImages/big%20data%20privacy.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/dati-sensibili-privacyPrivacy e big data: a che punto siamoL'uso dell'intelligenza artificiale ha suscitato la preoccupazione di molti utenti riguardo all’utilizzo dei propri dati sensibili. Differential Privacy e Federated Learning sono la soluzione proposta a questo problema da aziende come Google ed Apple.Pier-Paolo-Ippolito2021-07-14T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it

SEGUI GRUPPO UNIPOL
TAG CLOUD