Gentile Utente, ti informiamo che questo sito fa uso di cookie propri e di altri siti al fine di rendere i propri servizi il più possibile efficienti e semplici da utilizzare.
Se vuoi saperne di più o esprimere le tue preferenze sull'uso dei singoli cookie, clicca qui
Se accedi ad un qualunque elemento sottostante questo banner, acconsenti all'uso dei cookie.
Changes - il magazine del Gruppo Unipol > Se il design diventa umanitario

Se il design diventa umanitario

Environment

La storia di Cédric Fettouche, designer e fondatore della Ong Humanitarian designers, che vuole costruire un ponte fra i due settori anche attraverso un corso di studi ad hoc.

«Il mio ultimo progetto a Lesbo, con Oxfam e ICRC (il comitato internazionale della Croce Rossa), è stato quello di realizzare una mappa del campo di accoglienza per migranti di Moria che mostrasse ai residenti i servizi offerti dalla struttura. Per una Ong il metodo tradizionale è un approccio top-down, senza integrare i fruitori finali del progetto nel suo processo di realizzazione. Ma credo che questo modo di fare sia sbagliato». Cédric Fettouche è un giovane designer strategico francese, fondatore della Ong Humanitarian designers, che si propone di creare un ponte fra la sua professione e le Ong. L'organizzazione è nata a gennaio 2021 e vi hanno aderito, tramite la sua piattaforma online, già circa 120 designer fra studenti e professionisti. L'idea prende corpo proprio grazie ai tre anni di esperienza sul campo di Fettouche. Nel settembre scorso la Ong ha partecipato alla France Design Week con un'installazione e un ciclo di conferenze che inizia dalla domanda “come può il design supportare il settore umanitario?" per sviluppare un dibattito con le persone direttamente interessate, ma anche con scuole di design, professionisti, ong, istituzioni. Nel mentre, Humanitarian designers ha messo a punto un training online gratuito di 5 giorni per chi vuole avvicinarsi a un'esperienza di volontariato in una Ong e si propone come tramite per internship, progetti di tesi (in passato c'è stata una collaborazione con Design Makes Sense, che ne ha pubblicate alcune), e per spiegare quali sono le carriere e i posti di lavoro disponibili nel settore.

«Quando mi è stato dato l'incarico di realizzare la mappa, la prima cosa che ho fatto è stata concordare con Oxfam l'avvio di workshop con i rappresentanti di ogni comunità ospite del campo. Mi sono reso velocemente conto che nessuno di loro avrebbe capito una mappa con una visualizzazione stilizzata come quella delle metropolitane, perché quell'approccio e quella rappresentazione della topografia senza riferimenti geografici e distanze è prettamente occidentale. Ecco il ruolo di un designer all'interno di una Ngo: una figura di collegamento che aiuta a co-crea le soluzioni insieme ai destinatari effettivi dei progetti. La mappa per il campo di Moria è stata frutto di una discussione e di incontri collettivi, e il risultato è stato comprensibile a tutti e condiviso da tutti», continua Fettouche. Il più grande cambiamento che Humanitarian Designers vuole portare è l'approccio “bottom-up", collaborativo e co-creativo.

​Nella sua esperienza con le Ong – da Oxfam a Sea-Eye – Fettouche dice di aver incontrato solo tre designer in tre anni fra le migliaia di volontari provenienti da facoltà come architettura, giornalismo, studi internazionali. «Eppure a scuola ci insegnano che il nostro è un lavoro empatico, che mette al centro l'essere umano». Idealmente, il collegamento con una Ong dovrebbe nascere spontaneo, come è successo nel campo dell'architettura, che oggi propone corsi universitari e master specializzati in Emergency Architecture. Ecco perché è importante partire dall'istruzione: «Ci piacerebbe collaborare con scuole di design e Ong per dar vita a un percorso di studi di design umanitario che aiuti a stimolare sinergie e spinte verso questo settore. Da un lato, facendo capire qual è il valore aggiunto di integrare nei propri team un designer per rispondere a sfide sociali e ambientali in continuo divenire; dall'altro, formando figure professionali già pronte. Al momento non c'è nessuna scuola di design che promuove o semplicemente presenta ai suoi studenti questo settore perché non ci sono collegamenti».

​Quando chiedo a Fettouche quanto siano consapevoli le Ong della necessità di integrare nei loro team una figura di questo tipo mi risponde citando lo schema della Design ladder, sviluppata dal Danish Design Center. Si compone di quattro gradini: il primo è il non design: il design è trascurabile o assente nello sviluppo di un prodotto o un servizio. Il secondo è il design come decorazione, usato quindi superficialmente, come abbellimento estetico. Il terzo è design come processo, ovvero integrato nelle fasi iniziali dello sviluppo. L'ultimo è design come strategia, che apre a una collaborazione fra tutte le parti in causa, influenza la visione aziendale e i suoi obiettivi di sviluppo. Le Ong si collocano ancora fra i primi gradini, anche se Fettouche nota una differenza fra le associazioni di cultura anglosassone o scandinava, per propria tradizione più aperte a implementare il design nei propri processi decisionali e creativi.

Nei prossimi mesi Fettouche sarà impegnato in un tirocinio alla Commissione Europea e si unirà al team del Nuovo Bauhaus europeo, un'iniziativa creativa e interdisciplinare che, attraverso workshop con cittadini e istituzioni, progetta futuri modi di vivere incrociando arte, cultura, inclusione sociale, scienza e tecnologia. «Lavorare per la Commissione Europea per me vuol dire fare un passo di lato rispetto al mio percorso nel campo umanitario. Eppure, da designer, credo che sia necessario andare al di là del nostro piccolo circuito, uscire dalla bolla, collaborare e conoscere altri settori. Un designer diventa sempre migliore quando si immerge in un'altra realtà. È così che si trovano le soluzioni». 

 

 

Glasgow: un bilancio, anzi due<img alt="" src="/PublishingImages/bilancio%20cop26.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/cop-26-bilancioGlasgow: un bilancio, anzi dueLuci e ombre di quella che doveva essere la COP del millennio, decisiva per salvare il Pianeta. Forse era troppo presto per rivoltare il sistema ma si sono tre novità fondamentali.Grammenos-Mastrojeni2021-11-29T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it
L’ecologia si legge e si gioca<img alt="" src="/PublishingImages/giochi-green.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/giochi-green-sostenibiliL’ecologia si legge e si giocaLe scelte del singolo possono generare un effetto a catena per stimolare l’opinione pubblica e spingere il cambiamento. La rivoluzione green cominciar dai bambini con libri e giochi. Alexis-Paparo2021-11-09T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Riprendiamoci il futuro<img alt="" src="/PublishingImages/Cop26-genrazioneZ.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/cop26-cosa-vogliono-i-giovaniRiprendiamoci il futuroA Cop26 le nuove generazioni sono presenti per discutere su diversi tavoli. Ecco quali sono le questioni più importanti.Sofia-Pasotto2021-11-07T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Casa: la sostenibilità conviene<img alt="" src="/PublishingImages/casa-consumi.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/casa-consumiCasa: la sostenibilità convieneLe buone pratiche per ridurre i consumi del riscaldamento, tagliando le emissioni di Co2 e risparmiando in bolletta.Letizia-Palmisano2021-11-02T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Glasgow: fra la fine del mondo e la fine del mese<img alt="" src="/PublishingImages/cop26-sfide.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/cop-26-quali-sono-le-sfideGlasgow: fra la fine del mondo e la fine del meseCOP26 è un vertice critico per il futuro del clima: ce la faremo a tenere l’aumento medio di temperatura entro 1,5 gradi centigradi? Dipende tutto dagli NDC.Grammenos-Mastrojeni2021-10-31T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it

 

 

Il virus nemico del sonno <img alt="" src="/PublishingImages/covid%20sonno.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/covid-sonnoIl virus nemico del sonno Il diffondersi della pandemia ha modificato le abitudini notturne delle persone e ha cambiato il tempo e la qualità del dormire. Le ricadute sulla salute.Roberta-Lazzarini2021-01-26T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Se il design diventa umanitario<img alt="" src="/PublishingImages/design-umanitario.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/design-umanitarioSe il design diventa umanitarioLa storia di Cédric Fettouche, designer e fondatore della Ong Humanitarian designers, che vuole costruire un ponte fra i due settori anche attraverso un corso di studi ad hoc. Alexis-Paparo2021-11-24T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Largo ai Super User<img alt="" src="/PublishingImages/Super-User-consumi.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/super-user-consumiLargo ai Super UserChi sono, cosa fanno e perché possono essere così utili ai cambiamenti che le aziende stanno affrontando a patto di sapersi mettere in ascolto.Antonio-Belloni2021-11-17T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it

SEGUI GRUPPO UNIPOL
TAG CLOUD